ILTABURNO

Vai ai contenuti

Menu principale:

Benevento: Lucravano su accoglienza micranti, 5 arresti. Anche funzionario pubblico e impiegato ministero Giustizia.
La Polizia di Stato di Benevento, dei Carabinieri del Nucleo investigativo di Benevento e del Nas di Salerno ha eseguito un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Benevento nei confronti di 5 persone tra cui un funzionario pubblico, un impiegato del Ministero della Giustizia e un appartenente alle forze dell'ordine, accusati di truffa ai danni dello Stato per il conseguimento di erogazioni pubbliche, frode in pubbliche forniture, corruzione e rivelazione di segreti d'ufficio.
   L'indagine, coordinata dalla Procura di Benevento, ha avuto origine da un esposto e ha fatto luce su una serie di gravi comportamenti illeciti riguardanti la gestione dei centri di accoglienza per migranti della Provincia di Benevento. Le investigazioni hanno permesso di ricostruire un sistema criminale che lucrava sulle assegnazioni pilotate dei migranti, sul sovraffollamento dei centri e sulla falsa attestazione di presenze degli ospiti, con la connivenza di alcuni pubblici dipendenti.
Benevnto 21 giugno 2018

Livia Savignano che si è laureata campione del mondo Wukf in Scozia
Il sindaco di Montesarchio Franco Damiano assieme all’amministrazione si complimenta con l’atleta karateka Livia Savignano che si è laureata campione del mondo Wukf in Scozia. Livia ha vinto due ori a Dundee, nella sua categoria individuale e in quella a squadre. E’ un grandissimo orgoglio per la nostra cittadina e naturalmente siamo fieri che Livia abbia portato il nome di Montesarchio sul gradino più alto del podio dei campionati mondiali di Karate. Auguri al papà e alla mamma e a Livia anche il nostro personale ringraziamento e i più sentiti complimenti per l’impresa portata a termine augurandole naturalmente il meglio per il prosieguo della sua brillante carriera.
Montesarchio 17 giugno 2018

BENEVENTO: CONTROLLI STRAORDINARI DEI CARABINIERI NELLA PROVINCIA. 7 PERSONE DENUNCIATE NELLA VALFORTORE, 2 PREGIUDICATI SEGNALATI PER IL FOGLIO DI VIA OBBLIGATORIO.
   I servizi di controllo del territorio, nell’ambito dell’operazione “Alto Impatto”, per contrastare l’illegalità diffusa, svolti in questo fine settimana dal personale del Comando Provinciale Carabinieri di Benevento, ha visto all’opera i reparti dipendenti. L’attività è finalizzata a dare maggiore sicurezza e fiducia nelle Istituzioni da parte dei cittadini della provincia. Tali controlli straordinari, svolti per massimizzare l’attività preventiva e, nel caso, repressiva, hanno interessato sia le vie cittadine che le aree rurali dei comuni della provincia ed hanno permesso di conseguire i seguenti risultati, in particolare, nella Valfortore i Carabinieri della Compagnia di San Bartolomeo in Galdo hanno denunciato in stato di liberta alla locale Procura della Repubblica:
due giovani di Circello F.M. di 24 anni e P.M. di 25anni  in quanto dagli accertamenti della Stazione di Colle Sannita sono ritenuti responsabili del danneggiamento in concorso di un’autovettura di un vicino;
  
Z.M. una donna di 73anni, e due uomini B.A. e B.C. rispettivamente di 50 e 48 anni, tutti di Circello, poiché ritenuti responsabili in concorso di false attestazioni all’Autorità, infatti, i tre denunciavano falsamente di essere i proprietari di un terreno che era stato oggetto di sottrazioni indebite di coltivazioni presenti negli stessi fondi;
B.G. un pregiudicato 44enne del napoletano, sorpreso nel centro di Colle Sannita, poichè era stato già in precedenza colpito da un Foglio di Via Obbligatorio dal Centro di Colle Sannita;
D.O.G. una donna 49enne di San Cipriano d’Aversa (CE) identificata dai Carabinieri della Stazione di Baselice, poiché responsabile di aver fatto stipulare un “fantomatico” contratto telefonico ad un’ignara donna di quel centro fortorino.
Inoltre i Carabinieri della Stazione di San Marco dei Cavoti hanno segnalato per il Foglio di Via Obbligatorio due pregiudicati napoletani trovati con fare sospetto a bordo di un’autovettura che non sapevano dare una plausibile giustificazione della loro presenza  
Benevento 17 giugno 2018
Sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente, emesso dal Tribunale di Benevento, per un valore di Euro 305.981,41
All'esito di attività di indagine coordinate dai magistrati della Procura della Repubblica di Benevento, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza stanno eseguendo un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente, emesso dal Tribunale di Benevento, per un valore di Euro 305.981,41 relativo a depositi bancari, titoli finanziari, beni mobili ed immobili nella disponibilità di una società a Responsabilità Limitata operante nel settore dell’edilizia avente sede nella provincia sannita, nonché nei confronti del legale rappresentante, nonché liquidatore della stessa. A seguito di verifica fiscale la Compagnia Guardia di Finanza di Benevento, avviata nell’anno 2017 , ha  denunziato per il reato di cui all’art. 5  del D. Lgs. 10 marzo 2000, n. 74 (omessa dichiarazione di ricavi), l’amministratore di una S.R.L. operante nel settore dell’edilizia, nonché liquidatore della stessa, originario di San Martino Sannita, piccolo comune ricadente nella provincia del capoluogo Sannita.
L’attività ispettiva condotta nei confronti della verificata, ha permesso di appurare che la stessa, nell’annualità d’imposta 2015, ha intrattenuto rapporti commerciali con svariati operatori economici, contabilizzando nelle scritture contabili obbligatorie acquisite nell’ambito delle attività ispettive e non dichiarando ai fini dell’imposizione fiscale,   operazioni attive scaturenti dall’attività esercitata, per un ammontare complessivo pari ad Euro 1.167.541,92, a cui corrisponde un’imposta dovuta pari a complessive Euro 305.981,41 con un conseguente e rilevante evasione di elementi attivi sottratti all’imposizione, in termini di imposte dirette ed I.V.A.. Nella fase preliminare di esecuzione del provvedimento di sequestro sono stati già individuati nella disponibilità del legale rappresentante, su azione dei militari della Compagnia di Benevento, numerose possidenze immobiliari e/o mobiliari registrate, autovetture e disponibilità finanziarie afferenti a conti correnti e rapporti finanziari. Sono altresì in corso di effettuazione, presso vari Istituti di Credito, sistematiche operazioni di ricerca finalizzate all’individuazione di disponibilità bancarie e/o finanziarie che saranno sottoposte a sequestro, sino alla concorrenza del tributo evaso. L’odierna attività testimonia ancora una volta la costante e continua attività di contrasto alla criminalità economico – finanziaria in materia di reati tributari ed ambientali espletata dalla Procura della Repubblica di Benevento, in sinergia con il Comando Provinciale della Guardia di Finanza.
Benevento 15 giugno 2018

Sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente euro 207.858
All'esito di attività di indagini coordinate dai magistrati della Procura della Repubblica di Benevento, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Benevento hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente, emesso dal GIP del Tribunale di Benevento, per un valore di euro 207.858,60, relativo a depositi bancari, beni mobili ed immobili nella disponibilità di una ditta individuale operante nel commercio al dettaglio di carburanti per autotrazione avente sede nella provincia sannita.
Al termine delle investigazioni, avviate a seguito di una pregressa attività di verifica fiscale conclusasi nel mese di aprile del 2018, della Guardia di Finanza, è stato denunziato  un soggetto di anni 59, originario di Solopaca, per il reato di cui all’art. 2 del D.L.gs 74/2000 (Dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti).
Il Nucleo di Polizia Economico- Finanziaria di Benevento ha, infatti, accertato che la ditta verificata aveva utilizzato fatture riconducibili ad operazioni “soggettivamente inesistenti” documentanti costi per un ammontare complessivo di euro 979.544,00 a cui  è corrisposta un’imposta sul valore aggiunto detratta per euro 207.858,60, che costituisce l’imposta evasa.
In sede di esecuzione del provvedimento di sequestro le Fiamme Gialle sannite hanno individuato, presso un Istituto di Credito, disponibilità bancarie riconducibili al titolare dell’impresa pari all’intero ammontare del tributo evaso.
Benevento, 14 giugno 2018
CEPPALONI: CARABINIERI DENUNCIANO DUE PERSONE PER REATI AMBIENTALI
Permane alta l’attenzione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Benevento nella pianificazione ed attuazione dei servizi finalizzati anche all’accertamento di violazioni connesse alla tutela dell’ambiente e della salute pubblica.
Nella giornata di ieri in Ceppaloni (BN) i Carabinieri della Compagnia CC di Montesarchio (BN), del locale Comando Stazione CC unitamente a personale del Nucleo Operativo Ecologico CC di Napoli hanno eseguito un controllo presso un complesso turistico. A seguito degli accertamenti venivano riscontrate irregolarità in ordine al Testo Unico Ambientale relativamente alla mancata osservazione del divieto di scarico di acque reflue industriali con conseguente deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Benevento del titolare dell’impresa. Di conseguenza veniva sottoposta a sequestro la vasca non a tenuta stagna di raccolta delle acque reflue scaricate dopo le operazioni di contro-lavaggio.
Ambito stesse verifiche veniva denunciato in stato di libertà l’amministratore unico di una società per aver gestito, in assenza di autorizzazione, nella fase di stoccaggio, rifiuti pericolosi e non prodotti da altra azienda e abbandonato in modo incontrollato i rifiuti della propria attività. Scattava pertanto il sequestro dell’area interessata dalla presenza dei rifiuti.
Montesarchio, 13 giugno 2018.
Cusano Mutri sequestro immobile
In  località “Fontana Stritto” di Cusano Mutri, nell’ambito di attività finalizzata al controllo del territorio in materia ambientale ed urbanistica, personale del dipendente Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare Forestale (NIPAAF) presso il Gruppo Carabinieri Forestale di Benevento, procedeva al sequestro di un immobile ubicato alla citata località e ricadente in zona ZPS. Tale immobile di proprietà comunale, risultava dato in gestione a tale O.F., titolare di specifica attivata commerciale. Il sequestro veniva operato in quanto il trasgressore, già destinatario in passato di una sentenza di abbattimento (tuttavia mai eseguita), aveva altresì realizzato una struttura in legno, pietra e lamiera avente una superficie di circa 130 mq.; il tutto in totale assenza dei titoli autorizzativi. In questi giorni continueranno i controlli in materia ambientale disposti dallo scrivente Gruppo Carabinieri Forestale.
Cusano Mutri 12 giugno 2018

«Sei di Montesarchio se...» hai la guida del tuo paese! 54 pagine interamente a colori in vendita nelle edicole di Montesarchio  
Il sito è aggiornato giornaliermente

Torna ai contenuti | Torna al menu