ILTABURNO

Vai ai contenuti

Menu principale:

CERRETO SANNITA (BN): SI E’ INSEDIATO IL NUOVO COMANDANTE DELLA COMPAGNIA CARABINIERI
    Lunedì 9 settembre, con grande entusiasmo e sincera emozione, il capitano Francesco Altieri ha assunto il comando della Compagnia Carabinieri di Cerreto Sannita, proveniente dal Reparto Servizi e Magistratura di Napoli. Campano di nascita, figlio d’Arma, il capitano Altieri è stato, altresì, alla guida di comandi territoriali direttamente impegnati nella lotta e contrasto alla criminalità organizzata. Da subito al lavoro, si è immerso nel tessuto sociale, incontrando già parte delle Autorità della Valle Telesina. “Manterremo alta l’attenzione, fa sapere l’ufficiale, in modo da fornire risposte concrete all’esigenze dei cittadini, incentrata soprattutto alla polizia di prossimità”, volta alla prevenzione dei reati predatori ed alla salvaguardia delle fasce più deboli. Un particolare ringraziamento va al mio
Benevento, sabato 14 settembre 2019

COMPAGNIA DI MONTESARCHIO - CARABINIERI ESEGUONO MIRATI SERVIZI DI CONTROLLO DEL TERRITORIO: N. 3 DEN. S.L.; N. 3 SEGN. STUPEF.; N. 3 F.V.O..
Vasta e diversificata l’operazione di perlustrazione e controllo del territorio condotta nella serata di ieri dai Carabinieri della Compagnia di Montesarchio (BN), su disposizione del Comando Provinciale di Benevento, finalizzata principalmente al contrasto dei reati di tipo predatorio ed al controllo della circolazione stradale.
Il servizio, svolto per massimizzare l’attività preventiva e, se del caso, repressiva, ha interessato tanto le vie cittadine quanto le aree rurali delle varie contrade disseminate ambito comuni di competenza.
Tale attività che ha visto l’impiego di n. 7 equipaggi automontati composti da n. 14 militari dipendenti dalla Compagnia ha consentito di controllare in totale 57 persone di interesse operativo e 36 veicoli, effettuare 5 perquisizioni, elevare 8 contravvenzioni al Codice della Strada, ritirare 02 patenti di guida e sottoporre a sequestro 02 veicoli, contribuendo così ad innalzare il senso di sicurezza e fiducia nelle Istituzioni da parte della cittadinanza.
Inoltre:
in Airola (BN), militari dell’Aliquota Radiomobile deferivano in stato di libertà un soggetto 50enne della provincia di Caserta, censurato, per furto in quanto, a seguito di perquisizione personale, veniva trovato in possesso di un carica-batteria asportato poco prima all’interno di un esercizio commerciale di Airola (BN), poi restituito al legittimo proprietario;
in Sant’Agata de’ Goti (BN), militari dell’Aliquota Radiomobile deferivano in stato di libertà un 27enne della provincia di Benevento per guida in stato di ebbrezza alcolica poiché, a seguito di sinistro stradale, si accertava che lo stesso era alla guida con tasso alcolemico superiore al limite consentito;
in Sant’Agata de’ Goti (BN), militari del locale Comando Stazione CC deferivano in stato di libertà un pensionato del luogo in quanto a seguito di accertamenti si appurava che lo stesso aveva omesso di presentare la denuncia, a seguito di cambio residenza, di detenzione di armi legalmente detenute e che aveva portato, senza licenza, fuori dall’abitazione le armi e il relativo munizionamento. A carico dello stesso scattava anche il deferimento per omessa custodia di armi, che successivamente venivano sottoposte a sequestro.
Nel contesto del medesimo servizio:
in Paolisi (BN) militari dell’Aliquota Radiomobile segnalavano all’Ufficio Territoriale del Governo in qualità di assuntore di sostanza stupefacenti un 27enne trovato in possesso di n. 2 dosi di sostanza stupefacente del tipo eroina. La sostanza stupefacente  veniva sottoposta a sequestro amministrativo;
in Sant’Agata de’ Goti (BN) militari dell’Aliquota Radiomobile segnalavano all’Ufficio Territoriale del Governo in qualità di assuntore di sostanza stupefacenti un 20enne trovato in possesso di n. 3 dosi di sostanza stupefacente del tipo cocaina. La sostanza stupefacente  veniva sottoposta a sequestro amministrativo;
in Airola (BN), militari del locale Comando Stazione CC segnalavano all’Ufficio Territoriale del Governo in qualità di assuntore di sostanza stupefacenti un 19enne trovato in possesso di gr. 2 di sostanza stupefacente del tipo marijuana. La sostanza stupefacente  veniva sottoposta a sequestro amministrativo;
in Airola (BN) militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia CC, su segnalazione di cittadini, intercettavano un soggetto che si aggirava a piedi, con fare sospetto, nei pressi di esercizi commerciali del centro cittadino. L’uomo, identificato in un 50enne della provincia di Caserta con a carico svariati precedenti penali per reati contro il patrimonio, non riusciva a giustificare la sua presenza in zona e pertanto veniva allontanato con proposta per l’emissione di foglio di via obbligatorio;
in Paolisi (BN) militari del Comando Stazione CC di Arpaia (BN), su segnalazione di cittadini, intercettavano due persone che si aggirava a bordo di autovettura, con fare sospetto, nel centro cittadino. I due, identificati in un 32enne e un 27enne, entrambi della provincia di Cosenza e con a carico svariati precedenti penali, non riuscivano a giustificare la loro presenza in zona e pertanto venivano allontanati con proposta per l’emissione di foglio di via obbligatorio.
Montesarchio (BN), lì 14 settembre 2019.
BENEVENTO: CONTRASTO ALLA DROGA ARRESTATO PUSHER 25ENNE
I CARABINIERI HANNO TROVATO PIU’ DI 100 GRAMMI DI COCAINA E 20 MILA EURO IN CONTANTI.
A seguito del decesso avvenuto, verosimilmente per assunzione di droga,  la sera del 26 Agosto 2019, a San Martino Sannita, i militari della Stazione di San Giorgio  hanno iniziato una serie di accertamenti finalizzati a risalire a colui che aveva venduto lo stupefacente al 48enne deceduto.
Gli accertamenti, consistiti in investigazioni tradizionali di osservazione e pedinamento, di serrata attività informativa, conducevano i Carabinieri di San Giorgio del Sannio ad un giovane beneventano noto nel locale ambiente droga perché molto molto attivo e conosciuto tra gli spacciatori.
Iniziavano mirati servizi di osservazione che confermavano il dinamismo del giovane e ieri pomeriggio i militari di San Giorgio del Sannio, a seguito di un articolato servizio di osservazione, notavano che P.D. 25enne di Benevento,  nell’uscire di casa, faceva strani movimenti nei pressi del muro perimetrale adiacente al giardino della propria abitazione; il giovane si allontanava poi a bordo della sua autovettura per rientrare dopo breve tempo.
Dopo aver osservato compiutamente i movimenti dell’uomo i militarti, scattava il blitz dei Carabinieri che sequestravano:  
100 grammi di cocaina, suddivisa in undici involucri dal peso di circa nove grammi cadauno rinvenuti nel muro di contenimento del giardino;
6 grammi di cocaina in un unico involucro rinvenuto nel vano scala del palazzo;
Un grammo di cocaina ed un bilancino di precisione funzionante  occultano nel divano all’interno dell’abitazione;
quantitativo di polvere bianca tipo  “mannite” utilizzata per il confezionamento delle singole dosi, rinvenuta nell’abitazione unitamente a vari ritagli di cellophane trasparente;
somma in contante pari ad euro 19.980 sequestrata perche’ ritenuta provento di spaccio.
Il dott. Toscano, sostituto Procuratore della Repubblica di Benevento, che ha coordinato le indagini, disponeva che l’uomo nella tarda serata venisse arrestato perché ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e trasferito presso la locale casa circondariale.
Benevento 13 settembre 2019

PAUPISI (BN): CONTRASTO AI FURTI: CARABINIERI BLOCCANO QUATTRO PREGIUDICATI BARESI – DENUNCIATI E ALLONTANATI CON FOGLIO DI VIA OBBLIGATORIO.
I Carabinieri della Compagnia di Montesarchio (BN), costantemente impegnati in quella capillare attività di controllo del territorio tesa a garantire sicurezza e rispetto della legalità, hanno posto grande attenzione alla problematica, intensificando i controlli e garantendo la massima presenza di uomini nel territorio di competenza, soprattutto durante le ore serali e notturne ed in quelle aree particolarmente colpite dal fenomeno, sia per prevenire i reati predatori che per intervenire con tempestività ed efficacia quando necessario.
Nella decorsa notte, a seguito di una telefonata da parte di un cittadino, che segnalava due autovetture sospette che si aggiravano nei pressi di abitazioni isolate situate nel territorio del comune di Paupisi (BN), i militari della locale Stazione CC e dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia CC di Montesarchio (BN), nell’ambito del dispositivo di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e/o repressione dei reati contro il patrimonio, intercettavano le due autovetture che si aggiravano nella zona segnalata.
Dopo breve inseguimento i veicoli venivano bloccati e si procedeva quindi all’identificazione dei quattro occupanti, tutti provenienti da Bari e provincia.
I soggetti, rispettivamente di anni 58, 51, 49 e 44, tutti con a carico svariati precedenti penali per reati contro il patrimonio, venivano condotti in caserma per i rituali accertamenti. All’esito delle perquisizioni personali e veicolare venivano rinvenuti numerosi arnesi atti allo scasso su entrambe le autovetture.
Ne conseguiva il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Benevento a carico di tutti gli occupanti e il sequestro di quanto rinvenuto. Inoltre, atteso che non riuscivano a giustificare la loro presenza in zona, i quattro venivano allontanati con proposta per l’emissione di foglio di via obbligatorio.
Montesarchio (BN), lì 13 settembre 2019.

Nuovo comandante Provinciale dei Carabinieri a Benevento  - Ten. Col. Germano Passafiume                                                     
Nato a Roma il 17 novembre del 1971, è sposato con la signora Alessandra, Vice Questore della Polizia di Stato, e ha due figli di 15 e 18 anni.
Arruolatosi nel 1992, ha frequentato il corso per Allievi Carabinieri Ausiliari presso la Scuola Allievi Carabinieri di Chieti.
Dopo aver completato il servizio di leva nell’Arma, dal 1993 al 1998, ha frequentato dapprima l’Accademia Militare di Modena e successivamente la Scuola Ufficiali di Roma fino, ed è stato promosso Tenente, laureandosi in “Giurisprudenza” presso l’Università “La Sapienza” di Roma.
Dopo 3 anni quale istruttore presso  la Scuola Allievi Carabinieri di Chieti, promosso al grado di Capitano, è stato destinato a Reggio Emilia ove ha retto il Comando della Compagnia capoluogo per i successivi 4 anni, laureandosi nel frattempo in “Scienze della Sicurezza Interna ed Esterna”, presso l’Università di “Tor Vergata”, a Roma.
Dal 2005 al 2008 ha comandato la Compagnia territoriale di Pomezia, nella periferia sud di Roma, e nel 2008, promosso al grado di Maggiore, è stato destinato alla Sala Operativa del Comando Generale dell’Arma fino al 2010, quando grazie ad un ottimo livello di conoscenza della lingua francese acquisito durante l’infanzia, ha assunto l’incarico di Ufficiale di Collegamento dell’Arma presso la Direzione Generale della Gendarmeria Nazionale francese, a Parigi, mandato che ha mantenuto fino al 2014. Durante la sua permanenza nel Paese d’oltralpe, ha indossato il grado di Tenente Colonnello.
Rientrato in Italia dopo i 4 anni all’estero, è stato destinato all’Ufficio Cooperazione Internazionale, e si è occupato prevalentemente di cooperazione bilaterale e accordi internazionali.
Dal 9 settembre 2019, è il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Benevento.
Benevento 11 sembre 2019


CAUTANO (BN): TENTATA TRUFFA: I CARABINIERI DENUNCIANO PREGIUDICATO NAPOLETANO E SEQUESTRANO 11MILA EURO.
Nel tardo pomeriggio di ieri 10 settembre 2019, a conclusione di un’intensa attività investigativa posta in essere dai militari dipendenti dalla Compagnia Carabinieri di Montesarchio (BN) ed in particolare da personale della Stazione CC di Cautano (BN), è stato deferito in stato di libertà un pregiudicato 44enne della provincia di Napoli poiché ritenuto responsabile di tentata truffa.
Nel dettaglio, a seguito di una segnalazione pervenuta alla Centrale Operativa da parte di una persona anziana che aveva intuito di essere vittima di un tentativo di truffa da parte di ignoto interlocutore che aveva chiamato per consegnare un pacco a nome del nipote per il corrispettivo di euro 8mila, immediatamente veniva messo in atto dispositivo teso al rintraccio del soggetto. Poco dopo veniva intercettata autovettura con all’interno il 44enne e a seguito di perquisizione veicolare si rinveniva la somma in contanti di euro 11.200,00 nonché un pacco contenente un telefono fisso di marca straniera. Il denaro veniva sottoposto a sequestro quale probabile provento di truffe perpetrate in precedenza mentre il telefono fisso chiuso in uno scatolo veniva sottoposto a sequestro in quanto solitamente utilizzato nel modus operandi per truffare vittime in cambio di denaro.
Sono in corso ulteriori indagini al fine di verificare la presenza di complici e per individuare la provenienza della somma di denaro rinvenuta.
A carico del denunciato veniva altresì inoltrata proposto per l’emissione di foglio di via obbligatorio.  
Montesarchio (BN), 11 settembre 2019.

Lutto nel mondo della fotografia. È morto Robert Frank, uno dei più importanti fotografi del Novecento
Aveva 94 anni ed era famoso soprattutto per il reportage "The Americans", che cambiò la storia della fotografia
E' morto a Inverness, in Canada, il fotografo Robert Frank: aveva 94 anni ed era considerato uno dei più grandi fotografi del Novecento. La notizia è stata data oggi dal New York Times e confermata dalla galleria Pace-MacGill Gallery di Manhattan, New York, che lo rappresentava. Frank era noto soprattutto per The Americans, un libro che raccoglieva le foto scattate da Frank viaggiando in 48 stati americani a metà degli anni Cinquanta, con uno stile nuovo che cambiò il modo di vedere i reportage. Robert Frank era nato a Zurigo, in Svizzera, nel 1924. Era figlio di due ebrei, sua madre era svizzera e suo padre tedesco, e di buona famiglia. Iniziò a occuparsi di fotografia da giovane, collaborando con diversi fotografi svizzeri, ma a 23 anni si trasferì negli Stati Uniti, lamentandosi dell’ambiente chiuso e poco stimolante della Svizzera di quegli anni.
Negli Stati Uniti, a New York, cominciò a collaborare come fotografo per diverse riviste, facendosi conoscere ed entrando in contatto con i giri di artisti e intellettuali newyorkesi. A metà degli anni Cinquanta ottenne un finanziamento da parte della Fondazione Guggenheim per viaggiare e fotografare gli Stati Uniti. Partì con una Ford Business Coupe, due macchine fotografiche e centinaia di rullini in bianco e nero; dopo aver percorso migliaia di chilometri in tutti gli Stati Uniti, raccolse 83 delle quasi 30.000 foto che aveva scattato per The Americans. Il libro fu pubblicato prima in Francia, nel 1958, con il titolo Les Americains e con saggi ad accompagnare le foto di Frank. Solo l’anno successivo il libro fu pubblicato negli Stati Uniti, nella famosa edizione con prefazione di Jack Kerouac (che due anni prima aveva pubblicato On The Road. Frank venne una volta definito dal New York Times Magazine “il più influente fotografo in vita” ed è largamente considerato uno dei più importanti fotografi del Novecento. The Americans, però, non fu subito apprezzato e ricevette inizialmente anche dure critiche, per lo stile e per il contenuto delle foto. Frank aveva fotografato scene di vita di ogni tipo, spesso in contraddizione con l’idea positiva che gli Stati Uniti volevano dare di loro stessi in quegli anni; e lo aveva fatto con uno stile a volte sporco, scattando fotografie a colpo d’occhio, a volte senza nemmeno scendere dall’auto, se stava viaggiando. Per queste stesse ragioni, The Americans diventò poi uno dei libri più apprezzati e celebrati della storia della fotografia e del fotogiornalismo, rendendo Robert Frank uno dei più importanti e influenti fotografi della sua generazione.
N.Y 10 settembre 2019


Il 9 settembre 1501 un giovane #Michelangelo Buonarroti accolse la sfida lanciata dai consoli dell'Arte della Lana e dagli Operai del #Duomo di #Firenze e iniziò a lavorare un blocco marmoreo di enormi dimensioni da cui, tre anni più tardi, sarebbe nato il #David, ideale perfetto di bellezza maschile nell'arte. Il risultato fu un vero e proprio capolavoro che, parafrasando il #Vasari, tolse "il grido a tutte le statue moderne et antiche, o greche o latine che elle si fossero"
Firenze 9 settembre 2019

MORCONE. NUOVO EPISODIO DI AGGRESSIONE NEI CONFRONTI DELLA EX COMPAGNA. ARRESTATO NUOVAMENTE DAI CARABINIERI
A Morcone, la notte scorsa i Carabinieri della locale Stazione hanno tratto in arresto M. M. un impiegato 41 enne del luogo ritenuto responsabile del reato di stalking. La donna vittima dell’uomo grazie anche a qualche conoscente è riuscita a evitare il tentativo di aggressione in una piazza di quel centro ed ha segnalato l’episodio agli stessi carabinieri che hanno individuato e fermato il 41enne in una piazza di quel centro. Al termine delle consuete formalità l’uomo, dichiarato in arresto per il reato di atti persecutori su disposizione del Sostituto Procuratore di turno, è stato trasferito presso la sua abitazione in regime di detenzione domiciliare. A tal proposito va ricordato che lo stesso 41enne, per fatti analoghi nei confronti della donna, con il quale aveva una precedente relazione, era stato tratto in arresto il 3 settembre scorso ed era stato poi scarcerato qualche giorno dopo.
Morcone 8 settembre 2019

Dimora inquieta
La Cappella Sansevero e il Cristo Velato
Sabato 14 settembre ore 18:30
Con l’Associazione culturale locus iste in visita alla Cappella Sansevero, illustre mausoleo funerario dedicato all’omonimo nobile casato. Tempio dell’arte tardo barocca, la cappella frutto della genialità di Raimondo di Sangro, VII principe di Sansevero, fu scrigno di segreti percorsi iniziatici, sperimentali e sentimentali, e gelosa custode dello straordinario Cristo Velato.
Uomo di genio, saggio e misterioso, esperto nelle lettere, e nelle arti militari e alchemiche, del principe di Sansevero Raimondo di Sangro, scrissero che “non era un accademico, ma un’Accademia intera”. Fu apprezzato da più grandi uomini politici dell'Europa del Settecento, e tra i suoi estimatori vi furono  sovrani come Luigi XV di Francia e Federico II di Prussia. Scoprite con noi la storia di quest’uomo sapiente e di questo magnifico luogo.  
Appuntamento: Piazza San Domenico Maggiore, nei pressi della Pizzeria Petrucci
Vesuvio quotidiano_ Vesuvio universale
Museo Nazionale della Certosa di San Martino
Visita guidata alla mostra
Giovedì 19 settembre ore 10:00
L’Associazione culturale locus iste in occasione della festa del nostro santo patrono propone una visita guidata alla mostra in oggetto, allestita a ridosso del belvedere della Certosa con la sua vista mozzafiato sulla città tutta, composta da più di 100 capolavori dal Cinquecento ad oggi, in un dialogo continuo dell’arte con se stessa, con le sue età e le sue sfide. Protagonista assoluto sarà l’elemento naturale simbolo della nostra storia e del nostro territorio, il Vesuvio. Il vulcano dalla potenza devastatrice ma al tempo stesso rigeneratrice attraverso le cui visioni ed interpretazioni artistiche cercheremo di comprendere  la città e i suoi abitanti, le loro incombenti paure, la loro sconfinata fiducia nell’intercessione dei santi. Nella notte tra il 15 e il 16 dicembre del 1631 la mansueta Montagna si trasforma in un demone distruttore. Cronista d’eccezione, il pittore Domenico Gargiulo, noto come Micco Spadaro, registra l’intervento prodigioso di San Gennaro che, assieme agli altri compatroni, è chiamato a raccolta a capitanare le file di un esercito invisibile composto di supereroi e supereroine.
Luogo di appuntamento:  Piazzale San Martino, per la ricorrenza di San Gennaro l’ingresso al Museo sarà gratuito.


Torna ai contenuti | Torna al menu