Nuovo Progetto 1

Title
Vai ai contenuti
Maltempo: in arrivo temporali e venti forti al Sud
Un’area di bassa pressione in formazione sul Mar Tirreno tenderà a raggiungere, nella giornata di venerdì 19 aprile, i settori ionici determinando una fase di maltempo sulle nostre regioni meridionali. Associato a questo passaggio perturb to ci sarà un’intensificazione della ventilazione di maestrale su Sicilia e Calabria.
Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it). l’avviso prevede dalle prime ore di domani, venerdì 19 aprile, precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, specialmente sui settori settentrionali. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. Dal primo mattino, inoltre, si prevedono venti nord-occidentali, da forti a burrasca, con locali raffiche fino a burrasca forte, su Sicilia e Calabria e mareggiate lungo le coste esposte. Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per la giornata di domani, venerdì 19 aprile, allerta gialla per rischio temporali e idrogeologico in Molise, Basilicata, Puglia, Campania, Calabria e settori della Sicilia. Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.
Roma, 18 aprile 2024
LA GARANTE DEI DETENUTI DELLA PROVINCIA DI BENEVENTO PARTECIPA ALLA MANIFESTAZIONE NAZIONALE SUI DIRITTI DEI DETENUTI
Si è svolta in Piazza Risorgimento l’annunciata manifestazione di Patrizia Sannino, Garante delle persone private della libertà personale per la Provincia di Benevento, in contemporanea a quelle promosse in altre 86 piazze italiane dalla Conferenza nazionale dei Garanti territoriali delle persone private della libertà personale, sul tema: “Sui suicidi in carcere servono interventi urgenti” La Garante Sannino, che era attorniata dai Rappresentanti dell'Associazione Rete sociale, della Camera penale di Benevento, dei Giuristi democratici - sezione territoriale di Benevento, dell'Associazione sbarre di zucchero, dell'Associazione Gramigna, ha dapprima letto un documento della Conferenza nazionale. Ricordato che nei giorni scorsi il Presidente della repubblica Sergio Mattarella aveva sollecitato misure atte a bloccare lo stillicidio dei suicidi tra le mura carcerarie, la Conferenza dei Garanti ha rivolto un appello a tutte le Istituzioni volto ad «analizzare e decifrare il drammatico fenomeno del sovraffollamento carcerario», ritenuta la causa scatenante del fenomeno dei gesti autolesionistici. La Conferenza dei Garanti, nel ribadire, ancora una volta, forza l’impellente necessità di interventi urgenti, ha ricordato che «la maggioranza dei detenuti vive, per oltre 20 ore al giorno, in celle sovraffollate, dalle quali esce solo nelle cd. “ore d’aria”. Questo rappresenta, senza dubbio, una patente violazione dei principi e delle garanzie riconosciute dalla nostra Carta costituzionale e dall’Ordinamento penitenziario in carcere».
La Conferenza dei Garanti ha quindi richiesto ai Parlamentari e al Ministro di Giustizia di adottare «norme specifiche ed urgenti», tra le quali le «misure alternative alla detenzione rendendo efficiente ed efficace la Giurisdizione di Sorveglianza, anche destinando maggiori risorse. In effetti, sono diverse migliaia i detenuti con una condanna definitiva inferiore o pari a tre anni di reclusione». Citando un documento del 1949 firmato da Piero Calamandrei, la Conferenza dei Garanti ha quindi chiesto agli eletti nei Consigli regionali, comunali e provinciali di visitare le carceri, perché - “bisogna vederle, bisogna esserci stati, per rendersene conto”». La Garante Sannino ha quindi letto un Promemoria redatto da Samuele Ciambriello, Garante per la Regione Campania dei diritti dei detenuti. Il documento Ciambriello, con il titolo: “Eventi critici nell’anno 2023 degli Istituti penitenziari campani”, elenca i seguenti dati:
•                     5 SUICIDI: 3 nella provincia di Caserta e 2 nella provincia di Napoli;
•                     32 DECESSI DI MORTE NATURALE: 2 nella provincia di Avellino, 2 nella provincia di Caserta, 1 nella provincia di Benevento, 1 nella provincia di Salerno e 26 nella provincia di Napoli;
•                     156 TENTATIVI DI SUICIDIO: 27 nella provincia di Avellino, 27 nella provincia di Caserta, 19 nella provincia di Benevento, 32 nella provincia di Salerno e 51 nella provincia di Napoli;
•                     1.330 ATTI DI AUTOLESIONISMO: 134 nella provincia di Avellino, 283 nella provincia di Caserta, 68 nella provincia di Benevento, 218 nella provincia di Salerno e 597 nella provincia di Napoli;
•                     938 SCIOPERI DELLA FAME E/O SETE: 185 nella provincia di Avellino, 267 nella provincia di Caserta, 72 nella provincia di Benevento, 78 nella provincia di Salerno e 336 nella provincia di Napoli;
  Quindi la Garante Sannino ha letto i nomi dei detenuti che si sono suicidati nelle Carceri italiane nel 2024, quelli morti per altre cause, ed infine i nomi degli Agenti della Polizia Penitenziaria che si sono tolti la vita. 2024, quelli morti per altre cause, ed infine i nomi degli Agenti della Polizia Penitenziaria che si sono tolti la vita.
Benevento 18 aprile 2024

Arrestato sindaco di Avellino Gianluca Festa
I carabinieri hanno arrestato il sindaco dimissionario di Avellino. Gianluca Festa, ex Pd in carica con il sostegno delle liste civiche, è ora ai domiciliari. Insieme a lui sono stati arrestati e sottoposti ai domiciliari anche Fabio Guerriero, titolare di uno studio di architettura e la dirigente comunale Filomena Smiraglia. Le accuse formulate dalla Procura per i nomi emersi, tra cui anche la vicesindaca Laura Nargi, sono di associazione a delinquere finalizzata a reati contro la pubblica amministrazione, corruzione, falso, depistaggio, rivelazione di segreti, peculato e induzione indebita a dare e promettere utilità. Arrestato sindaco di Avellino Gianluca Festa Gli altri nomi di Avellino ai domiciliari Arrestato sindaco di Avellino Gianluca Festa Il 26 marzo Gianluca Festa si era dimesso come sindaco di Avellino per le “voci”, a suo dire, che appesantivano l’aria. Le indagini erano già in corso e i giornali locali avevano iniziato a parlarne. Poi la notizia: arresti domiciliari, predisposti dalla Procura, per diversi capi d’accusa. Il sindaco dimissionario, ex Pd (partito attaccato da Michele Santoro per il ritardo nella raccolta firme a Roma) in seguito sostenuto da liste civiche, si vede contestato i reati di associazione a delinquere finalizzata a contro reati contro la pubblica amministrazione e una serie di altri reati gravi quali corruzione, falso, depistaggio, rivelazione di segreti, peculato e induzione indebita a dare e promettere utilità. Gli altri nomi di Avellino ai domiciliari Nei guai non è finito solo l’ex sindaco di Avellino (anche vicino Catania il sindaco è stato arrestato per legami con la mafia), ma anche un gruppo di persone che ruotavano intorno a lui. Tra i nomi emersi nelle indagini e finiti agli arresti domiciliari, si trovano anche Fabio Guerriero, titolare di uno studio di architettura e fratello del consigliere comunale Diego Guerriero, la dirigente comunale Filomena Smiraglia e la vicesindaca Laura Nargi, sottoposta a perquisizioni. Controlli anche in diverse società. Nel corso dei primi accertamenti sono stati ritrovati documenti che accertano legami tra alcune realtà ed eventi. Un esempio è quello relativo all’affidamento della promozione di un evento a una radio, passato con una delibera esecutiva senza che questa fosse resa pubblica nell’albo (mancano 170 delibere secondo il consigliere comunale Michele Gubitosa del M5s).
Avellino 18 aprile 2024
Benevento arresto per spaccio di droga
Nella mattinata odierna, all’esito di intensa ed articolata attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Benevento, militari della Compagnia Carabinieri di Benevento hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un 33enne del capoluogo per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo crack e cocaina. L’ attività d’indagine trae origine da un controllo eseguito da personale del Nucleo Operativo e Radiomobile su un veicolo a bordo del quale viaggiava una coppia che era stata notata, poco prima, uscire dall’abitazione dell’odierno destinatario della misura. La successiva perquisizione veicolare e personale consentiva di rinvenire una dose di hashish. Le ulteriori attività investigative, coordinate dalla Procura, consistite in attività tecniche, installazione di videocamera posta nelle vicinanze dell’abitazione del 33enne, escussione di persone informate dei fatti, perquisizioni e sequestri, consentivano di individuare una quotidiana, anche notturna, frenetica ed intensa attività di spaccio posta in essere dalla persona che, nonostante risultasse, all’inizio dell’indagine, sottoposto alla misura degli arresti domiciliari ( misura emessa da altra autorità giudiziaria nell’ambito di altro procedimento per altri fatti reato, poi attenuata dal Tribunale del riesame in obbligo di dimora e di firma) continuava nella redditizia attività delittuosa. L’indagato operava quasi esclusivamente in orario notturno mediante il lancio dello stupefacente dalla finestra della propria abitazione e, in alcuni casi, ricevendo con analoghe modalità il denaro da parte dei numerosi clienti. Sulla scorta degli elementi raccolti il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Benevento, condividendo la richiesta della Procura, ritenendo la sussistenza dei gravi indizi di colpevolezza, emetteva il provvedimento della custodia cautelare in carcere nei confronti dell’uomo anche per la sussistenza delle esigenze cautelari attesa la circostanza che i delitti in contestazione risultano commessi nonostante la misura cautelare, seppur non custodiale, in atto per altro procedimento per fatti della stessa specie di quelli per cui si procede e la esistenza a carico dell’indagato di altri procedimenti sempre per fatti analoghi. Nel corso della esecuzione in seguito a perquisizione veniva sequestrata cocaina per gr. 0,30. Il provvedimento oggi eseguito -avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione- è stato disposto in fase di indagini preliminari e il destinatario dello stesso è persona sottoposta alle indagini e quindi presunta innocente fino a sentenza definitiva.
Benevento, 18 aprile 2024
Caravaggio ha frequentato Sovana e il suo territorio? Nuove ipotesi da un Incontro di Studi a Pitigliano
Una felice intuizione di don Marco Monari ha dato vita ad un’importante ricerca di Cecilia Luschi e Beatrice Stefanini sulla tela “Il Sacrificio di Isacco”, conservata agli Uffizi di Firenze, nella quale il paesaggio raffigurato da Caravaggio pare somigliare alla visione della Cattedrale di Sovana, che si può osservare dal sito archeologico della Tomba Ildebranda, ubicato dalla parte opposta L’importante Incontro di studi, che si è tenuto a Pitigliano nei giorni 9-11 novembre 2023 su iniziativa della Diocesi di Pitigliano-Sovana-Orbetello, ha trovato il suo sbocco nella corposa pubblicazione (quasi 450 pagine) del volume dal titolo “Polifonia di storie. Persone, istituzioni e paesaggi dell’antica Diocesi di Sovana al tempo di Michelangelo Merisi da Caravaggio”, edito dalla Diocesi stessa a cura del vescovo mons. Giovanni Roncari. L’incontro di studi è avvenuto nell’ambito del Quinto Convegno “Le Porte del Mediterraneo”, che ha segnato un momento di forte dialogo culturale e religioso tra esponenti delle tre religioni abramitiche: cristiani, ebrei, musulmani, i quali si sono ritrovati a pregare insieme sia in chiesa che nella sinagoga di Pitigliano… Il volume “Polifonia di storie” Dopo la pubblicazione nel 2019 del volume “I volti di Niccolò III Orsini”, che ha contribuito a qualificare Pitigliano come piccola “capitale del Rinascimento”, è seguita l’edizione del recentissimo volume “Polifonia di storie”, che prende l’avvio dal ben noto “foglietto” trovato qualche decennio fa nell’Archivio parrocchiale di Porto Ercole, il quale riconduce la morte del Caravaggio al 18 luglio 1609 (in realtà 1610) e su cui si è aperto un ampio dibattito relativo alla sua autenticità… Il volume presenta una serie di studi, che ruotano intorno al Caravaggio e all’antico territorio diocesano di Sovana – appunto una “polifonia di storie” – dall’introduzione generale relativa al ruolo del Mediterraneo tra ‘500 e ‘600 all’evoluzione di Porto Ercole nei secolo XIV-XVII, dai Cavalieri di Malta nella Diocesi a nuovi documenti dell’Archivio Diocesano atti ad illuminare il contesto del “foglietto” suddetto, al rilievo sui graffiti di una battaglia navale, posti presso la porta del centro storico di Porto Ercole, ed infine alla presentazione di nuove suggestive interpretazioni su un’opera del Merisi e sulle ricostruzioni della morte del pittore con documenti inediti. Un’incredibile somiglianza D’altra parte, il territorio della Diocesi di Sovana si incrocia con le vicende di Caravaggio. “Infatti alcuni sostengono che il ‘dipintore’ sia morto a Porto Ercole proprio all’interno della nostra Diocesi e ne avrebbe frequentato i territori. La vicenda che si è intessuta quindi passa da Sovana, si incrocia con la storia ‘mito’ della morte di Caravaggio e con quella di un quadro da lui dipinto il Sacrificio di Isacco”. Una felice intuizione di don Marco Monari ha dato vita ad un’importante ricerca di Cecilia Luschi e Beatrice Stefanini sulla tela “Il Sacrificio di Isacco”, conservata agli Uffizi di Firenze, in cui Caravaggio ha dipinto, a destra in alto, uno sfondo paesaggistico rappresentante una chiesa con campanile, un edificio sul fondo valle presso un fiume, un altro edificio a metà costa in mezzo al bosco. Tale paesaggio   in particolare la chiesa hanno richiamato in mente a don Marco la notevole somiglianza con la visione della Cattedrale di Sovana…
Sovana 18 aprile 2024
Arresto per un uomo per atti persecutori pluriaggravati e lesioni personali
A seguito di una mirata attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento, nella giornata odierna, personale della Stazione Carabinieri di Benevento, ha dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura della custodia cautelare in carcere, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Benevento, su richiesta della Procura della Repubblica di Benevento, nei confronti di un giovane uomo, gravemente indiziato dei delitti di atti persecutori pluriaggravati e lesioni personali pluriaggravate ai danni della fidanzata. Le indagini venivano avviate in seguito alla istanza di ammonimento questorile avanzata, in data 21.3.2024, dalla donna, persona offesa, da cui emergevano le gravi condotte moleste e minatorie cui l’uomo la sottoponeva da agosto 2023. La persona offesa non intendeva sporgere querela ma gli atti persecutori risultavano procedibili di ufficio per connessione con le lesioni aggravate dall’uso dell’arma impropria. La donna narrava numerosi episodi nei quali l’uomo, animato da morbosa gelosia, la aggrediva verbalmente nonché fisicamente, anche in luoghi pubblici ed alla presenza di altre persone. In particolare descriveva le gravissime minacce di morte subite e l’episodio nel quale l’uomo la colpiva al ginocchio con una mazza di ferro cagionandole lesioni. Le sue dichiarazioni venivano corroborate da foto nonché da numerosi files audio acquisiti dalla stessa e trascritti dalla polizia giudiziaria procedente, testimonianti le gravissime e crescenti minacce poste in essere dall’indagato ai suoi danni con particolare riferimento al fatto che una eventuale denuncia sarebbe stata solo la scintilla per compiere gesti ancor più violenti non avendo a quel punto nulla da perdere. Allo stesso modo la madre, la sorella, il fratello e la cugina confermavano di aver assistito a diversi episodi di aggressioni verbali e fisiche nonché di minacce e di aver ricevuto in tal senso anche confidenze da parte della persona offesa profondamente spaventata dall’escalation di condotte violente e minatorie dell’uomo. Sulla base di tali elementi si è ritenuta raggiunta la gravità indiziaria a carico dell’indagato che insieme alle esigenze cautelari hanno legittimato l’adozione della grave misura cautelare adottata. Il provvedimento oggi eseguito è una misura cautelare disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione e i destinatari della stessa sono persone sottoposte alle indagini e quindi presunte innocenti fino a sentenza definitiva.
Benevento, 17 aprile 2024olizia di Stato.
Le scosse, avvenute a raffica tra le 9:40 e le 10:10, hanno avuto epicentro nella zona dei Campi Flegrei
La scossa avvenuta più precisamente tra la Solfatara e l’Accademia Aeronautica di Pozzuoli. La prima e più forte scossa, di magnitudo 3.7, ha avuto una profondità di 2.5 chilometri, mentre le successive, di magnitudo 3.1 e 2.8, si sono verificate a una profondità leggermente maggiore (rispettivamente 2.8 e 2.4 chilometri). Si tratta comunque di scosse piuttosto superficiali.L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) ha subito attivato la sua sala operativa e ha inviato un team di esperti nella zona per monitorare l’attività sismica. Gli scienziati rassicurano che si tratta di un fenomeno di bradisismo tipico dei Campi Flegrei, caratterizzato da periodi di attività sismica più intensa seguiti da fasi di quiete.Tuttavia, invitano la popolazione a prestare attenzione a eventuali  scosse di assestamento e a seguire le indicazioni delle autorità. Stamattina, la nota del sindaco di Pozzuoli tende a rassicurare la popolazione:
Napoli 17 aprile 2024
I CARABINIERI AMPLIANO I CONTROLLI NELLA VALLE TELESINA.
Nella giornata di ieri, i Carabinieri della Compagnia di Cerreto Sannita hanno effettuato un capillare controllo del territorio in tutti i ventuno Comuni di competenza, alcuni dei quali a ridosso delle Province di Caserta e Campobasso, con lo scopo di prevenire principalmente i furti presso gli esercizi commerciali ed in abitazione nonché gli incidenti stradali, impiegando 21 pattuglie che hanno identificato complessivamente 173 soggetti, tra i quali alcuni già noti alle Forze dell’Ordine e controllato 133 veicoli. I militari, oltre a pattugliare le aree più isolate e vulnerabili ai furti, hanno eseguito anche svariate perquisizioni personali e veicolari alla ricerca di strumenti di effrazione, armi e sostanze stupefacenti, lungo le arterie principali che attraversano il territorio. Sono stati sanzionati quattro conducenti trovati alla guida dei propri veicoli già sottoposti a fermo fiscale ed altri quattro per la mancanza di copertura assicurativa, con contestuale sequestro dei mezzi. Altri sono stati sanzionati per la patente di guida scaduta di validità, mancato uso delle cinture di sicurezza ed uso del telefono cellulare alla guida, causa principale degli incidenti stradali per distrazione, per un ammontare complessivo di circa € 13.500. In Amorosi, un motociclista della provincia di Caserta è stato trovato in possesso di alcune dosi di hashish e pertanto segnalato alla competente autorità per uso personale di sostanze stupefacenti. Continua incessante l’attività preventiva e di controllo del territorio, ma gli stessi militari ricordano ai cittadini che è gradita e necessaria la loro collaborazione nel segnalare al “112” persone e veicoli sospetti.
Cerreto Sannita 17 aprile 2024
100 anni di Archivio Luce. Un secolo di storia, memoria e cultura italiana
Lo storico archivio italiano compie cento anni e si prepara a festeggiare con più di un’iniziativa. Dal podcast “Luce e Controluce” con la voce di Andrea Zalone, ad una mostra-evento firmata da Quayola Fondato nel  1924 , sin dalla sua nascita l’ Istituto Luce – da cui sarebbe derivata l’immensa eredità dell’Archivio Luce – ha documentato i cambiamenti che hanno segnato il nostro Paese e l’Europa. Con più di  77.000 filmati e oltre 5 milioni di fotografie dagli inizi del Novecento ad oggi, l’Archivio Luceoffre tuttora documenti unici sul Ventenni, sul Dopoguerra e sul Boom economico italiano. E il 2024 si attesta come un anno centrale per l’ Archivio Luce  che festeggia un compleanno molto importante, quello dei  100 anni , e si prepara a celebrarlo con un calendario fitto di iniziative ed eventi. “ L’Archivio Luce è la biografia visiva del nostro Paese, uno strumento unico per tutti quelli che desiderano comprendere il passato per orientarsi nel presente”,  spiega  Chiara Sbarigia , Presidente di Cinecittà con delega all’Archivio Luce. “Con le celebrazioni per il suo centenario vogliamo contribuire alla diffusione dei suoi straordinari filmati e fotografie, sottolineando la sua vitalità come centro propulsore, anche oggi, di arte e cultura I cento anni di Archivio Luce raccontati tra podcast e film  La prima iniziativa di questo centenario riguarda la pubblicazione del podcast Luce e Controluce, prodotto da Chora Media (e online a partire dal 16 aprile), con la voce narrante di Andrea Zalone, che si immerge nell’Archivio per raccontare una storia personale e collettiva a metà strada tra il romanzo distopico e il pamphlet storico.  In una festa così grande non può mancare il cinema, infatti i registi  Michela Andreozzi, Massimiliano Bruno, Claudia Gerini, Edoardo Leo, Francesca Mazzoleni, Susanna Nicchiarelli, Rocco Papaleo e Sydney Sibilia  sono stati invitati a realizzare un film collettivo a episodi, intitolato  Cento anni di Luce,  contraddistinto da alcuni topos della commedia all’italiana, quali: truffe, superstizioni, amori, tradimenti, italiani in villeggiatura. Inoltre, torneranno nelle sale cinematografiche italiane  15 film  che hanno segnato la storia del cinema nel corso di una programmazione di 30 settimane dedicata ai titoli della tradizione Luce e al suo percorso distributivo.
Roma 17 aprile 2024
”.
Elezione dei membri del Parlamento europeo 8 e 9 giugno 2024
Elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti alItalia di sabato 8 e domenica 9 giugno 2024. Provvedimenti in materia di comunicazione politica della Commissione parlamentare per l'indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi e dell'Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni.Per opportuna notizia, si informa che nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 87 del 13 aprile è stato pubblicato il provvedimento in data 9 aprile 2024 della Commissione parlamentare per l'indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi, recante disposizioni in materia di comunicazione politica, messaggi autogestiti e informazione della società concessionaria del servizio pubblico radiofonico, televisivo e multimediale in relazione alla campagna per l'elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia, indetta per i,giorni di sabato 8 e domenica 9 giugno 2024. Si informa altresì che sul sito web dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni è stata pubblicata la delibera n. 90/24/CONS con la quale la stessa Autorità ha dettato disposizioni di attuazione della disciplina in materia di comunicazione politica e di parità di accesso ai mezzi di informazione relative alla campagna per la medesima elezione.
Benevento, 16 aprile 2024
Forum Gal 2024: è già un successo
L’appuntamento annuale degli 200 Gruppi di Azione Locali quest’anno si svolgerà a Giffoni Valle Piana dal 16 al 19 ottobre Entra nel vivo la organizzazione del Forum dei GAL italiani, appuntamento annuale degli oltre 200 Gruppi di Azione Locali italiani operanti nelle aree rurali. Numeri da record per l’edizione Forum Leader 2024 che è curata negli aspetti organizzativi e nel coordinamento nazionale del Comitato di Pilotaggio, dal GAL Colline Salernitane con il suo Direttore Eligio Troisi. Alla chiusura della prima fase organizzativa, candidatura dei Laboratori (focus group) e costituzione dei partenariati, sono già ben 108 i GAL italiani che vi hanno aderito, un risultato in termini di partecipazione e di vivacità mai raggiunto nelle precedenti quattro edizioni.La quinta edizione, che si svolgerà a Giffoni Valle Piana ad ottobre prossimo dal 16 al 19, poggia sulle attività dei laboratori, che lavoreranno in questi mesi e che costituiscono i fulcri di discussione incentrati sui temi cruciali per il futuro delle aree rurali e montane: le opportunità offerte dall'intelligenza artificiale, le sfide dello sviluppo locale, le strategie di integrazione territoriale, l'empowerment giovanile, la pedagogia dell'affetto come azione territoriale e l'innovazione nell'abitare. Tra i significativi risultati già raggiunti spiccano le collaborazioni Istituzionali ed operative, oltre alla Rete Rurale Nazionale del CREA MASAF, con il Giffoni Film Festival e Giffoni Innovation Hub, con l’Università Federico II, Dipartimento di Agraria di Portici, Università degli Studi di Salerno, Dipartimento di Ingegneria Laboratorio di tecnica e pianificazione urbanistica territoriale ed ambientale, Università di Palermo, ed in fase di perfezionamento Università di Benevento ed Università Aldo Moro di Bari, nonché l’ Istituto Nazionale di Urbanistica, il Tavolo Nazionale dei Contratti di Fiume e l’Osservatorio Appennino Meridionale, altrettanto significativi gli accordi di collaborazione in definizione con Regione Campania Assessorato all’Agricoltura, Unione Nazionale delle Camere di Commercio e Banca Campania Centro. "Sono molto riconoscente al Comitato di Pilotaggio Nazionale che, all’unanimità, nell’ assemblea del 26 novembre 2023 svoltasi a Venezia ritenne di affidarmi la responsabilità organizzativa della V edizione, a testimonianza della reputazione e considerazione che il GAL Colline Salernitane ha saputo conquistarsi in questi anni di impegno sullo scenario nazionale, sottolinea Eligio Troisi, che aggiunge: “Ragionevolmente, con i primi significativi risultati, si può ritenere ben riposta la fiducia accordata ed onorato, sin qui, il mandato acquisito, il numero dei GAL che già al momento hanno aderito e la articolata partecipazione del mondo Accademico, confermano che stiamo costruendo un evento memorabile. Il Territorio dei Picentini, la Regione Campania, ed i GAL campani, sapranno, sicuramente, cogliere questa grande opportunità e concorrere alla organizzazione dell’evento, anche a testimonianza degli importati sforzi posti in essere in questi anni dall’Assessorato, a favore dello sviluppo locale e dei territori rurali”.
Giffoni Valle Piane 16 aprile 2024
SEMINARI DELLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI SUL PNRR
Proseguono i Seminari formativi della Provincia di Benevento in materia di gestione del PNRR e PNC. Giovedì 18 aprile 2024, alle ore 15.30, presso la Sala Consiliare della Rocca dei Rettori, è in programma l’evento dal titolo “La Cassa Depositi e Prestiti incontra i Comuni”.  Si tratta di un ulteriore tassello di formazione e a supporto degli Enti Territoriali impegnati sul programma straordinario europeo di ripresa  dell’economia dopo la pandemia. Lo comunica il Presidente della Provincia Nino Lombardi che ringrazia per la collaborazione la Cassa DD PP, Società controllata dal Ministero dell'Economia e delle Finanze che si occupa della crescita del Paese e della gestione del risparmio. Nella Sala Consiliare della Provincia saranno presenti i Sindaci e gli amministratori locali, i Segretari Generali. I responsabili degli Uffici Finanziari e Tecnici, i Revisori delle amministrazioni locali, ovvero tutti i Soggetti che sono al lavoro quotidianamente per l’attuazione delle misure straordinarie di ripresa economica e resilienza volute dall’Unione Europea e dal Governo nazionale. Tra gli argomenti che, con la Cassa DD PP, saranno trattati ed illustrati ai partecipanti al Seminario sono inseriti: il Prestito Investimenti PNRR-PNC, rivolto agli Enti locali e agli Enti Pubblici non Territoriali beneficiari del PNRR o PNC, che potrà anticipare parte dei contributi assegnati; e il Prestito Green a tasso agevolato destinato ad investimenti “green. I lavori del Seminario con la Cassa Depositi e Prestiti sarà moderato dall'Avv. Nicola Boccalone, Dirigente del Settore Amministrativo-Finanziario della Provincia di Benevento,
Questo il Programma:
15.30: Saluti e introduzione ai lavori:
ü  Nino Lombardi, Presidente Provincia di Benevento
ü  Carmine Agostinelli, Sindaco di San Bartolomeo in Galdo e Consigliere Provinciale con deleghe al Bilancio
15.50: Prestito Green e Fondo Rotativo Progettualità
Giuseppe Chirico, Relazioni Business PA Sud Italia ed Enti Monitorati, CDP
16,15: Prestito Investimenti PNRR-PNC
Salvatore Russo, Relazioni Business PA Sud Italia ed Enti Monitorati. CDP
16.35: L'esperienza di finanziamento del Comune di Baselice
ü Michele Ferro, Responsabile del Settore Economico Finanziario del Comune di Baselice
Benevento 16 aprile 2024
SEMINARI FORMATIVI DELLA PROVINCIA DI BENEVENTO SUL PNRR
«I Seminari formativi sul Pnrr costituiscono uno strumento per meglio comunicare con gli Amministratori e i tecnici dei Comuni impegnati sul programma straordinario europeo ed, in definitiva, rafforzano il dialogo  con il territorio stesso, con l’obiettivo di coordinare le iniziative degli enti locali ai fini dello sviluppo del territorio». Lo ha dichiarato il Presidente della Provincia di Benevento Nino Lombardi aprendo, presso l’Auditorium “Gianni Vergineo” del Museo del Sannio la sessione del Seminario sul tema: “Il Ciclo di Bilancio nella Giurisprudenza e nella Direzione per Obiettivi. Principi ed Esemplificazioni. I Nuovi Paradigmi del Pnrr e del Pnc, promosso d’intesa e la collaborazione dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e dell’Ordine degli Avvocati del Sannio. Il Seminario, con la partecipazione di numerosi rappresentanti degli Enti territoriali ed economici non solo del Sannio, ma anche da fuori Regione, si è avvalso delle competenze scientifiche del prof. Francesco Delfino, Esperto di finanza pubblica presso il Ministero dell'Economia e delle Finanze e l'Osservatorio sulla finanza e contabilità degli enti locali del Ministero dell'Interno. L’avv. Nicola Boccalone, Dirigente del Settore Amministrativo e Finanziario della Provincia di Benevento, che ha moderato i lavori, ha introdotto la discussione affermando che la presenza del prof. Delfino consente di valutare, nel contesto di una riflessione generale sulla contabilità pubblica, il portato delle riforme in atto, anche per quanto riguarda le stesse Province. «Rilevo, ha proseguito Boccalone, come il Seminario sul PNRR sia occasione di incontro e di confronto tra quanti operano sul tema del PNRR e sulle sue difficoltà interpretative di ordine contabile ed amministrative. La Pubblica  Amministrazione è sempre in affanno, anche perché in questi anni si  registra una grave carenza di personale: dunque si può cogliere l’occasione di questo Seminario per favorire una circuitazione positiva di esperienze che non può che fare bene al sistema nel suo complesso». Dopo i saluti istituzionali resi dell’avv. Nazzareno Lanni, in rappresentanza del Presidente dell’Ordine degli Avvocati Stefania Pavone, e del dott. Fabrizio Russo, Presidente dell’Ordine dei Commercialisti, è intervenuto il Presidente Lombardi, sottolineando come il Sannio stia rispondendo, nel complesso e nonostante le difficoltà, alla sfida del PNRR, come è stato registrato da fonti autorevoli ad esempio sul tema dell’occupazione e del lavoro in particolare per quanto riguarda quella femminile. «Naturalmente, ha proseguito Lombardi, il PNRR costituisce per gli Amministratori ed in particolare per i funzionari una sfida rilevante ed assai impegnativa che deve essere affrontata con professionalità e rigore a ragione degli adempimenti da onorare in tempi certi e definiti». Infine Lombardi ha ricordato come la sua Amministrazione stia cogliendo gli  obiettivi iscritti nella programmazione ad esempio con l’avvio di tutti gli interventi in materia di edilizia scolastica ai fini della sua radicale ristrutturazione rinnovamento, nonché, per quanto concerne l’infrastrutturazione viaria con l’avvio della spesa di 100 milioni di Euro per le strade nelle Valli Isclero, Vitulanese e Fortore». E’ quindi intervenuto l’on. Clemente Mastella, Sindaco di Benevento, che, nel portare il saluto dell’Amministrazione Comunale, ha ricordato come il PNRR richieda tempi certi nella realizzazione delle opere e nella loro rendicontazione agli Organismi europei. Il Sindaco ha dichiarato che il PNRR non è da considerarsi come un semplice «lenimento delle ferite causate dalla pandemia», perché esso anzi è «occasione per dimostrare che si è in grado di spendere le risorse finanziarie straordinarie concesse dall’Europa». Le Autorità di Bruxelles, ha spiegato Mastella, non saranno indulgenti nei confronti dell’Italia in caso di inadempienze o ritardi nei lavori e nelle attività amministrative di monitoraggio degli interventi finanziati. Il Sindaco ha invocato da parte delle strutture tecniche ed amministrative dei Comuni il massimo dell’impegno per onorare gli impegni assunti e per giungere all’appuntamento del 2026, alla conclusione del processo del PNRR con le carte in regola. Sono quindi cominciate le Relazioni del prof. Delfino, il quale ha sottolineato come la giornata di studi intenda analizzare la situazione della contabilità pubblica con una riflessione focalizzata proprio sulla Provincia di Benevento, ma anche al territorio sannita. I Comuni, ha osservato il relatore, giustamente vedono nella stessa Provincia un ente di riferimento per la loro azione amministrativa. «Il PNRR è l’argomento principale di discussione negli ultimi anni della vita politica ed ancora di più lo sarà nel prossimo futuro allorché dovranno essere concretizzati gli obiettivi previsti. Anche in tale contesto la contabilità pubblica ha un ruolo fondamentale perché occorre monitorare e rendicontare i flussi finanziari complessivi. Ragioniamo dunque di  etica della politica e della contabilità pubblica: bisogna riflettere anche sul tema delle riforme della Pubblica Amministrazione ed in particolare sulla Dirigenza pubblica investendo sul capitale umano». Il prof. Delfino, riconoscendo che i modelli organizzativi interni degli Enti locali territoriali siano da rivedere in modo coraggioso e netto, ha quindi svolto le proprie considerazioni, anche con accenti e con rilievi critici, circa i temi della rendicontazione delle spese, del pagamento dei crediti e degli equilibri di Bilancio.
Benevento 15 aprile 2024
L’ORDINE DI AVELLINO CONFERISCE LA MEDAGLIA D’ORO AL PRESIDENTE ANTONIO DE VIZIA PER I 50 ANNI DALLA LAUREA IN MEDICINA
Festeggiamenti in casa del Gruppo De Vizia Sanità. L’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Avellino, a opera del direttivo del Consiglio, ha conferito la medaglia d’oro al dottor Antonio De Vizia per il cinquantennio di Laurea in Medicina conseguita presso l’Università di Napoli Federico II, il 29 gennaio 1974. Felicitazioni dalla moglie, la dottoressa Daniela Cappuccio, dalle figlie, Roberta, Marcella e Federica, dai dipendenti della Casa di Cura Gepos di Telese, del Centro polidiagnostico GammacordSanniotac e del Centro di Radioterapia Amacenter di Benevento. Commovente la cerimonia presso l’Ordine irpino, dove sono stati ripercorsi i successi professionali dei 18 medici premiati. Accanto al dottore De Vizia, luminari in ogni campo della Medicina. Il presidente dell’ordine, il dottor Francesco Sellitto, prima di procedere alle premiazioni ha affrontato il tema della sanità pubblica quale diritto fondamentale. Nello specifico ha esortato tutta la comunità medica a resistere ai venti di privatizzazione rinvenendo invece tra i punti di una lotta comune la carenza di personale, in particolare per le zone rurali; i tempi eccessivi di attesa; lo scarso sviluppo di una medicina preventiva e la necessità, che pare ora accettata, di un concorso unico regionale senza possibilità di migrazione immediata. E’ toccato al segretario dell’Ordine, il dottor Rizziero Ronconi, ripercorrere le tappe della carriera del dottore De Vizia.  Il presidente del Gruppo, si è ricordato, dopo la laurea in Medicina e Chirurgia,
brillantemente conseguita presso l’Università Federico II di Napoli nell’anno 1973/1974, ha conseguito tre specializzazioni in pochi anni: in “Igiene con
orientamento direzione sanitaria”, successivamente in “Malattie dell’apparato respiratorio – Medicina Interna”, infine in Malattie Infettive. Presso l’Università Cattolica Policlinico Gemelli in collaborazione con Luiss Management University si è perfezionato in “Organizzazione e gestione delle aziende sanitarie”, ha pubblicato su riviste in discipline scientifiche e di gestione sanitaria.  Dottore con 4 specializzazioni, ha cominciato la sua carriera come assistente medico
all’Ospedale Cotugno di Napoli. Nel novembre 1979 fu assunto come aiuto medico del primario Alfonso Ammendola presso l’ospedale di Sant’Angelo dei Lombardi in provincia di Avellino. Il dottor Antonio De Vizia, alle 19.34 del 23 novembre del 1980 era in servizio al nosocomio. Fu uno dei pochi medici a salvarsi, nella devastazione del terremoto che causò la morte di 90 persone tra personale sanitario e degenti, nonostante si trovasse proprio al lato Ovest, rispetto alla torre centrale, del presidio ospedaliero. Si rese protagonista di immediati soccorsi. Un suo collega, il dottor Antonio Lucido così ha ricordato la sua figura in quei giorni: “Ho di Antonio, in quei momenti, un ricordo nitido. Lui, giovane trentenne, magro e pallido, col suo camice tinto di sangue. Lo vedo correre, curando e prestando soccorso, ininterrottamente, per 4 giorni consecutivi”. Il dottore De Vizia assunse la carica di primario dell’Ospedale di Bisaccia, divenendo un protagonista benevolo della risposta sanitaria ai bisogni della popolazione in un territorio impervio e abbandonato. Sempre di lui, il dottore Lucido ha detto: “Se i miei colleghi erano capaci di farsi la guerra con lettere di servizio e prese di posizione, lui ha sempre avuto il carisma di saper cavare l’accordo tra le parti.”. Per anni docente della Scuola infermieristica ha sempre rifiutato gli emolumenti devolvendoli alla gestione della scuola stessa. Nel frattempo, la sua ascesa come imprenditore, il suo primo laboratorio di analisi a Benevento, il Gammacord, il successivo centro polidiagnostico Sanniotac, la vicepresidenza nel CdA della Casa di Cura “Villa Maria” di Mirabella Eclano, la presidenza del CdA della Casa di Cura Gepos di Telese Terme. Oggi il Gruppo De Vizia Sanità, con il suo polo sanitario, conta circa 200 operatori, insieme a più di 50 collaborazioni professionali esterne, garantendo un elevato livello occupazionale in una delle aree più depresse del Mezzogiorno. Il gruppo Sanitario, inoltre, è impegnato da più di 10 anni, nell’offerta di giornate di prevenzione gratuita dalle malattie oncologiche. Ogni anno per due giorni consecutivi il dottor Antonio De Vizia apre le sue strutture in maniera totalmente gratuita a 300 donne per garantire loro l’esecuzione di test ecografici, mammografici, di consulti chirurgici, per la prevenzione dalle malattie della mammella.  Da 5 anni, è fautore della Telesia Pink Race, la passeggiata rosa dove donne provenienti da tutta la Campania, e non solo, si riuniscono in un cammino collettivo,simbolico, di prevenzione e cura. Nel 2021, ha creato il primo Centro di Radioterapia privato convenzionato, l’Amacenter, a Benevento, permettendo un rilevante arresto della migrazione sanitaria nel campo. Lunghi applausi in sala per tutti i medici premiati, baluardi di salute collettiva e civiltà.
Telese Terme 15 aprile 2024
«I Seminari formativi sul Pnrr costituiscono uno strumento per meglio comunicare con gli Amministratori e i tecnici dei Comuni impegnati sul programma straordinario europeo ed, in definitiva, rafforzano il dialogo con il territorio stesso, con l’obiettivo di coordinare le iniziative degli enti locali ai fini dello sviluppo del territorio». Lo ha dichiarato il Presidente della Provincia di Benevento Nino Lombardi aprendo, presso l’Auditorium “Gianni Vergineo” del Museo del Sannio la sessione del Seminario sul tema: “Il Ciclo di Bilancio nella Giurisprudenza e nella Direzione per Obiettivi. Principi ed Esemplificazioni. I Nuovi Paradigmi del Pnrr e del Pnc, promosso d’intesa e la collaborazione dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e dell’Ordine degli Avvocati del Sannio. Il Seminario, con la partecipazione di numerosi rappresentanti degli Enti territoriali ed economici non solo del Sannio, ma anche da fuori Regione, si è avvalso delle competenze scientifiche del prof. Francesco Delfino, Esperto di finanza pubblica presso il Ministero dell'Economia e delle Finanze e l'Osservatorio sulla finanza e contabilità degli enti locali del Ministero dell'Interno. L’avv. Nicola Boccalone, Dirigente del Settore Amministrativo e Finanziario della Provincia di Benevento, che ha moderato i lavori, ha introdotto la discussione affermando che la presenza del prof. Delfino consente di valutare, nel contesto di una riflessione generale sulla contabilità pubblica, il portato delle riforme in atto, anche per quanto riguarda le stesse Province. «Rilevo, ha proseguito Boccalone, come il Seminario sul PNRR sia occasione di incontro e di confronto tra quanti operano sul tema del PNRR e sulle sue difficoltà interpretative di ordine contabile ed amministrative. La Pubblica Amministrazione è sempre in affanno, anche perché in questi anni si registra una grave carenza di personale: dunque si può cogliere l’occasione di questo Seminario per favorire una circuitazione positiva di esperienze che non può che fare bene al sistema nel suo complesso». Dopo i saluti istituzionali resi dell’avv. Nazzareno Lanni, in rappresentanza del Presidente dell’Ordine degli Avvocati Stefania Pavone, e del dott. Fabrizio Russo, Presidente dell’Ordine dei Commercialisti, è intervenuto il Presidente Lombardi, sottolineando come il Sannio stia rispondendo, nel complesso e nonostante le difficoltà, alla sfida del PNRR, come è stato registrato da fonti autorevoli ad esempio sul tema dell’occupazione e del lavoro in particolare per quanto riguarda quella femminile. «Naturalmente, ha proseguito Lombardi, il PNRR costituisce per gli Amministratori ed in particolare per i funzionari una sfida rilevante ed assai impegnativa che deve essere affrontata con professionalità e rigore a ragione degli adempimenti da onorare in tempi certi e definiti». Infine Lombardi ha ricordato come la sua Amministrazione stia cogliendo gli obiettivi iscritti nella programmazione ad esempio con l’avvio di tutti gli interventi in materia di edilizia scolastica ai fini della sua radicale ristrutturazione rinnovamento, nonché, per quanto concerne l’infrastrutturazione viaria con l’avvio della spesa di 100 milioni di Euro per le strade nelle Valli Isclero, Vitulanese e Fortore». E’ quindi intervenuto l’on. Clemente Mastella, Sindaco di Benevento, che, nel portare il saluto dell’Amministrazione Comunale, ha ricordato come il PNRR richieda tempi certi nella realizzazione delle opere e nella loro rendicontazione agli Organismi europei. Il Sindaco ha dichiarato che il PNRR non è da considerarsi come un semplice «lenimento delle ferite causate dalla pandemia», perché esso anzi è «occasione per dimostrare che si è in grado di spendere le risorse finanziarie straordinarie concesse dall’Europa». Le Autorità di Bruxelles, ha spiegato Mastella, non saranno indulgenti nei confronti dell’Italia in caso di inadempienze o ritardi nei lavori e nelle attività amministrative di monitoraggio degli interventi finanziati. Il Sindaco ha invocato da parte delle strutture tecniche ed amministrative dei Comuni il massimo dell’impegno per onorare gli impegni assunti e per giungere all’appuntamento del 2026, alla conclusione del processo del PNRR con le carte in regola. Sono quindi cominciate le Relazioni del prof. Delfino, il quale ha sottolineato come la giornata di studi intenda analizzare la situazione della contabilità pubblica con una riflessione focalizzata proprio sulla Provincia di Benevento, ma anche al territorio sannita. I Comuni, ha osservato il relatore, giustamente vedono nella stessa Provincia un ente di riferimento per la loro azione amministrativa. «Il PNRR è l’argomento principale di discussione negli ultimi anni della vita politica ed ancora di più lo sarà nel prossimo futuro allorché dovranno essere concretizzati gli obiettivi previsti. Anche in tale contesto la contabilità pubblica ha un ruolo fondamentale perché occorre monitorare e rendicontare i flussi finanziari complessivi. Ragioniamo dunque di etica della politica e della contabilità pubblica: bisogna riflettere anche sul tema delle riforme della Pubblica Amministrazione ed in particolare sulla Dirigenza pubblica investendo sul capitale umano». Il prof. Delfino, riconoscendo che i modelli organizzativi interni degli Enti locali territoriali siano da rivedere in modo coraggioso e netto, ha quindi svolto le proprie considerazioni, anche con accenti e con rilievi critici, circa i temi della rendicontazione delle spese, del pagamento dei crediti e degli equilibri di Bilancio.
LA REGIONE CAMPANIA A VINITALY 2024, ECCO LA CARICA DELLE 180 CANTINE: CONVEGNI, MASTERCLASS E DEGUSTAZIONI. E IL 15 APRILE SI PREMIANO
Dal 14 al 17 aprile la fiera dedicata al comparto vitivinicolo più importante d’Italia e d’Europa. Sinergia degli assessorati all’Agricoltura e alle Attività produttive con le quattro Camere di Commercio e i 7 Consorzi di produttori. Agli appuntamenti del ricchissimo programma wine experts di rilievo internazionale. In programma importante momento dedicato agli 800 anni dell’Università partenopea “Federico II” Oltre 180 aziende vitivinicole presenti nel Padiglione Campania, uno spazio espositivo di circa 5800 metri quadrati, la collaborazione tra gli Assessorati regionali all’Agricoltura e alle Attività Produttive con le quattro Camere di Commercio campane e i 7 Consorzi di produttori, un programma ricchissimo di masterclass, degustazioni, focus ed approfondimenti con la partecipazione di autorevolissime espressioni del mondo accademico e della stampa specializzata nazionale e internazionale: sono questi gli assi nella manica della partecipazione della Regione Campania alla 56esima edizione di Vinitaly, la più importante fiera italiana ed europea dedicata alla vitivinicoltura che si terrà a Verona dal 14 al 17 aprile prossimi Una vetrina prestigiosissima che vedrà le cantine campane disposte su singoli corridoi in base ai territori di produzione: Irpinia, Sannio, Salerno, Caserta e Napoli. "Terra di vino, storia e passione" è il claim del padiglione allestito con grafiche ispirate ai colori e alle scene degli affreschi pompeiani, che raccontano il millenario legame della regione con il vino. “La nostra partecipazione al Vinitaly 2024 – ha dichiarato l’assessore all’Agricoltura Nicola Caputo – è incentrata sull’identità del brand “Campania”, ormai sempre più riconosciuto in Italia e all’estero, secondo la vincente strategia indicata dal presidente Vincenzo De Luca. L’enologia campana è un settore in costante crescita con oltre quattrocento aziende attive sul nostro territorio, che oggi dialogano tra loro e con le istituzioni anche attraverso nuovi strumenti, come la Cabina di Regia Vitivinicola che abbiamo istituito due anni fa proprio allo scopo di rafforzare la dimensione cooperativa del comparto, in direzione di una maggiore unitarietà nelle azioni di crescita e di marketing”. “Con questa edizione del Vinitaly, per la prima volta dopo oltre dieci anni – ha dichiarato l’assessore alle Attività Produttive Antonio Marchiello – la Regione Campania si è posta alla guida, in piena sintonia e con il supporto del sistema camerale, della selezione delle aziende campane garantendo un nuovo approccio unitario, non solo nella gestione degli spazi espositivi ma anche nella organizzazione delle azioni di comunicazione, consentendo di amplificare l’impatto e assicurare una presenza efficace in fiera. Ciò testimonia l'impegno della Regione Campania nel sostenere attivamente lo sviluppo e la competitività del comparto enologico, in armonia con le altre istituzioni territoriali. Continueremo a lavorare con determinazione per consolidare e ampliare queste iniziative, al fine di promuovere ulteriormente l'eccellenza dei vini made in Campania”. Anche quest’anno saranno protagonisti i Consorzi di Tutela dei Vini campani con uno spazio a loro dedicato nell’area centrale, la “Piazza Campania”, agorà che ospiterà i convegni e le masterclass in programma con la partecipazione di wine experts internazionali. Al suo interno sarà allestita anche l’Enoteca Regionale organizzata con le proposte dei 7 Consorzi di Tutela Vini (Vitica, Irpinia, Sannio, Vita Salernum Vites, Vesuvio, Campi Flegrei e Ischia, Penisola Sorrentina) che offriranno in degustazione al pubblico, con il supporto dei sommelier specializzati dell'AIS Campani
Napoli 13 aprile 2024
“Il Berretto a Sonagli” di Pirandello: sold aut a Battipaglia!
Grande successo per lo spettacolo “Il Berretto a Sonagli” di Luigi Pirandello, in programma domenica 14 aprile 2024 alle ore 20 presso il Cinema Teatro Bertoni di Battipaglia. I biglietti per la rappresentazione sono già esauriti! La compagnia Samarcanda Teatro, organizzatrice della rassegna "Battipaglia in Palcoscenico – Tutti a Teatro", ha registrato un vero e proprio boom di vendite per la seconda tappa del cartellone, che si era aperto il 7 aprile con la replica della commedia di Eduardo De Filippo "Sogno di una notte di mezza… sbornia". Il grande successo di pubblico per “Il Berretto a Sonagli” conferma l'interesse e l'apprezzamento per il teatro di qualità a Battipaglia. La compagnia Samarcanda Teatro, presieduta da Francesco D’Andrea, sta valutando l'ipotesi di organizzare una replica dell'opera di Luigi Pirandello per accontentare il numeroso pubblico che non ha fatto in tempo ad acquistare il biglietto. “Il Berretto a Sonagli” è una commedia in due atti che affronta temi come la maschera sociale, l'ipocrisia e la follia. La regia di Enzo Fauci - che interpreta anche il ruolo del protagonista, Ciampa - offre una chiave di lettura moderna e originale del testo pirandelliano, con un cast che darà vita a una rappresentazione intensa e coinvolgente composto da Giusy Murrone (Beatrice
Fiorica), Donato Ciociola (Federico), Nino Chillemi (Commissario Spanò), Rita D'Anna (Assunta), Marianna Pesce (Nannina) e Stefania Melella (la Saracena). Assistente di scena, Filomena Voto; Grafica e Foto, Emanuele Laurino.
Battipaglia 13 aprile 2024
Elezioni 2024: è in vigore la Par Condicio
Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto del Presidente della Repubblica per la convocazione dei comizi elettorali per l'elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia (GU Serie Generale n.85 del 11-04-2024) sono entrate in vigore le regole della Par Condicio, in vista delle elezioni del prossimo giugno.
Ricordiamo che l'applicazione della Par condicio è regolata dalla legge n.28 del 2000 e successive delibere.
Il provvedimento riguarda tutte le tipologie di media e gli Uffici stampa delle Pubblica Amministrazione.
“A far data dalla convocazione dei comizi elettorali e fino alla chiusura delle operazioni di voto è fatto divieto a tutte le amministrazioni pubbliche di svolgere attività di comunicazione ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale e indispensabili per l’efficace assolvimento delle proprie funzioni”. (Art 9 legge 28/2000).
12 aprile 2024
Procura della Repubblica Benevento 5° incontro formativo - Violenza di genere
Nel pomeriggio di lunedì 15 aprile, ore 15-18, presso l’ Auditorium dell’Università Giustino Fortunato di  Benevento, si terrà il quinto incontro formativo del “Corso di Alta formazione sulla violenza domestica, di genere e contro le vittime vulnerabili” promosso dalla Procura della Repubblica di Benevento e dagli enti del “Tavolo interistituzionale per la tutela delle vittime vulnerabili e di violenza di genere” in collaborazione con il progetto "Luana. Prevenzione della violenza e Empowerment", coordinato dalla Coop EVA. L’incontro formativo verterà sugli aspetti legislativi in ambito civile, gli strumenti a disposizione, procedimenti e riforme; la donna come protagonista del suo percorso legale civile e le strategie per accompagnarla, processo civile, vittimizzazione secondaria e legge Cartabia, le novità più significative. Le tematiche affrontate nel corso dell’evento si incentreranno, prevalentemente, sulle tecniche civilistiche di prevenzione e contrasto alla violenza di genere contro le donne. All’interno di questa cornice si affronteranno le questioni relative alla relazione professionale tra avvocato e donna che subisce violenza domestica e l’accompagnamento della stessa nei procedimenti civili e minorili, aspetti di attenzione e strumenti di sostegno. Ci si soffermerà sulla vittimizzazione secondaria nell’ambito dei processi civili con allegazione di violenza e si analizzeranno la relazione della commissione di inchiesta sul femminicidio, le proposte di legge con cenni alla cd. sindrome di alienazione parentale. Sarà ricostruito anche il ruolo del pubblico ministero nei procedimenti civili in caso di allegazioni di violenza di genere nonché a tutela dei minorenni e la partecipazione del PM al procedimento civile prima e dopo la riforma Cartabia. Irelatori si interrogheranno su quali siano gli strumenti processuali e ordinamentali nei conflitti endofamiliari afferenti i casi di violenza di genere, sul nuovo tribunale della famiglia, l’accompagnamento della persona offesa, il sostegno dei servizi sociali in favore delle vittime e dei minori e i profili di attenzione agli uomini maltrattanti. L’incontro verrà introdotto e coordina to dall’avv. Ilaria Iammarino, Cpo Ordine avvocati di Benevento, le relazioni saranno tenute dal dottor Ennio Ricci, presidente prima sez. Trib. di Benevento; avv. Giovanna Megna, Ordine degli Avvocati di Benevento; prof.ssa Silvia De Marco, ricercatrice Unifortunato; dott.ssa Stefania Bianco, Sostituto Procuratore della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Benevento, Assistente sociale Marcella Mongillo, Ambito B01 Comune di Benevento. Saranno proiettati video e utilizzati materiali multimediali a supporto degli interventi. La metodologia formativa adottata prevede momenti di confronto in plenaria e di laboratori con il coinvolgimento diretto delle/dei partecipanti. Sono in corso di svolgimento, infine, i previsti Laboratori con gli istituti scolatici partner (Liceo Statale G. Guacci di Benevento, ITI Lucarelli di Benevento, Liceo Classico De La Salle di Benevento,  Istituto di istruzione superiore "Fragola" Faicchio-Castelvenere, IIS Alfonso Maria de Liguori di Sant'Agata dei Goti, IIS Medi-Livatino di San Bartolomeo in Galdo e San Marco dei Cavoti) con la realizzazione anche di un Questionario sulla violenza di genere e domestica che in questi giorni viene compilato dagli studenti. I risultati saranno pubblicati e saranno oggetto di una riflessione pubblica con docenti, studenti ed esperti che si terrà in un istituto scolastico beneventano nel prossimo mese di maggio.
Benevento 12 aprile 2024
Oobbligo di dimora nel comune di residenza per tre giovani ventenni
Nella mattinata odierna, all’esito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Benevento, personale dell’Arma dei Carabinieri della Compagnia di Cerreto Sannita e della Stazione di Telese Terme, ha dato esecuzione ad un’ordinanza, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Benevento, su richiesta della Procura della Repubblica, che disponeva la misura cautelare personale dell’obbligo di dimora nel comune di residenza con prescrizione di non allontanarsi dalle proprie abitazioni dalle ore 20,00 alle ore 7,00, nei confronti di tre giovani ventenni, tutti residente nella valle telesina, poiché ritenuti gravemente indiziati, in concorso tra loro, del reato di rapina commesso a Telese Terme il 6 febbraio 2024 in danno di una donna sessantaquattrenne commerciante del luogo. In quella data alla donna era stata sottratta con violenza la propria borsa e la stessa, nell’opporre resistenza, cadeva rovinosamente a terra. Per le lesioni riportate, veniva soccorsa e trasportata in Ospedale ed in seguito sottoposta ad intervento chirurgico. Le immediate indagini hanno consentito di identificare i tre giovani oggi raggiunti dal provvedimento e di recuperare la refurtiva consistente in monili in oro custoditi nella borsa sottratta unitamente a diversi documenti. Molteplici sono stati gli elementi acquisiti, anche attraverso l’esame di immagini di videosorveglianza, nel corso delle successive indagini, tanto da raggiungere un quadro gravemente indiziario grave a carico dei tre giovani. Il provvedimento oggi eseguito è una misura cautelare disposta in sede di indagini preliminari avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione, ed i destinatari della stessa sono persone sottoposte alle indagini e quindi presunte innocenti fino a sentenza definitiva.
Benevento, 12 aprile 2024
Pompei, emerge un salone decorato con soggetti dalla Guerra di Troia
Pompei nuove scoperte. Elena, Cassandra, Paride : sono i grandi eroi dell’epopea iliadica i soggetti degli affreschi di un imponente salone da banchetto emerso dagli ultimi scavi a Pompei . L’elegante sala, dipinta di nero e decorata con soggetti mitologici ispirati alla guerra di Troia, è solo l’ultimo degli ambienti che sta venendo alla luce durante le attività di scavo nell’insula 10 della Regio IX di Pompei, finalmente visibile in tutta la sua gloria. Tema dominante delle decorazioni – che fungevano da intrattenimento per gli ospiti e i commensali, fornendo spunti di conversazione e riflessione – è l’ eroismo , ma ancora di più la crudeltà del destino e il tentativo umano di opporvisi . Esempio ne è, oltre alla presenza dei due giovani il cui amore scatenò (o meno) la guerra, l’accostamento della veggente Cassandra ad Apollo, che con una maledizione impedì che la donna venisse mai creduta e, inavvertitamente, contribuì alla rovina di Troia.Elena, Cassandra, Paride : sono i grandi eroi dell’epopea iliadica i soggetti degli affreschi di un imponente salone da banchetto emerso dagli ultimi scavi a  Pompei . L’elegante sala, dipinta di nero e decorata con soggetti mitologici ispirati alla guerra di Troia, è solo l’ultimo degli ambienti che sta venendo alla luce durante le attività di scavo nell’insula 10 della Regio IX di Pompei, finalmente visibile in tutta la sua gloria. Tema dominante delle decorazioni – che fungevano da intrattenimento per gli ospiti e i commensali, fornendo spunti di conversazione e riflessione – è l’ eroismo , ma ancora di più la crudeltà del destino e il tentativo umano di opporvisi . Esempio ne è, oltre alla presenza dei due giovani il cui amore scatenò (o meno) la guerra, l’accostamento della veggente Cassandra ad Apollo, che con una maledizione impedì che la donna venisse mai creduta e, inavvertitamente, contribuì alla rovina di Troia. I nuovi scavi nella Regio IX di Pompei Incassa così un altro altro successo Pompei, che negli ultimi tempi sta dando molte soddisfazioni anche e proprio per l’attività di scavo nella Regio IX , quella della famosa “pizza affrescata” e recentemente aperta al pubblico. “Lo scavo nella Regio IX, progettato nell’ambito del Grande Progetto Pompei e portato avanti sotto la direzione Zuchtriegel, è la dimostrazione di quanto uno scavo ben fatto nella città vesuviana possa continuare ad accrescere la conoscenza di uno dei luoghi più importanti che ci sia pervenuto dall’antichità“, ha sottolineato il direttore generale musei, Massimo Osanna. “Nuove ed inedite pitture, nuovi dati sull’enorme cantiere che era Pompei al momento dell’eruzione, nuove scoperte sull’economia e sulle forme di produzione. Una messe straordinaria di dati che sta cambiando l’immagine codificata finora della città antica”. Un altro, prezioso tassello va quindi ad aggiungersi al sito pompeiano, che come presto ricordato dal ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano beneficerà di un nuovo finanziamento.
Pompei 12 aprile 2024
Misura cautelare interdittiva della sospensione dall’esercizio di ogni ufficio e servizio pubblico
A seguito di una mirata attività d’indagine coordinata dalla Procura della  Repubblica di Benevento, nella giornata odierna, personale della Sezione di P.g. Aliquota P.G. di questa Procura, ha dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare interdittiva della sospensione dall’esercizio di ogni ufficio e servizio pubblico afferente al rapporto di lavoro con qualsivoglia istituto scolastico ed in particolare quello di assistente tecnico di laboratorio presso qualsivoglia istituto scolastico, per la durata di mesi dodici, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Benevento, su richiesta della Procura della Repubblica di Benevento, nei confronti di un uomo, gravemente indiziato del delitto di violenza sessuale pluriaggravata ai danni di una studentessa minorenne frequentante un istituto scolastico della Provincia di Benevento. Le indagini venivano avviate in seguito alla segnalazione della dirigente scolastica notiziata da due docenti della scuola delle condotte poste in essere dal tecnico di laboratorio ai danni della minore durante l’orario scolastico. La studentessa, persona offesa, sentita, confermava quanto già raccontato ai docenti ricostruendo i toccamenti subiti nel gennaio 2024 da parte del tecnico di laboratorio durante un esperimento di chimica. Le dichiarazioni della stessa venivano confermate da un teste oculare compagno di classe della minore nonché dalla madre che riceveva le confidenze della ragazza avvertendo un docente. Ed ancora venivano riscontrate dalle dichiarazioni dei due docenti che avevano ricevuto le confidenze della minore e da quanto riferito da alcuni amici della p.o. con cui la stessa si era confidata. L’indagato interrogato, come previsto, dal GIP negava gli addebiti e riferiva che i toccamenti, ove mai avvenuti, sarebbero stati di certo involontari. Il GIP, ritenendo quanto riferito incompatibile con le risultanze investigative acquisite, adottava la misura cautelare interdittiva assumendo la ricorrenza dei gravi indizi per il reato di violenza sessuale e le esigenze cautelari. Il provvedimento oggi eseguito è una misura cautelare disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione e i destinatari della stessa sono persone sottoposte alle indagini e quindi presunte  innocenti fino a sentenza definitiva.
Benevento, 11 aprile 2024
SEMINARIO FORMATIVO SUL PNRR AL MUSEO DEL SANNIO DI BENEVENTO
La Provincia di Benevento promuove Seminari di studi ed approfondimenti riservati agli Amministratori e ai funzionari degli Enti pubblici chiamati a gestire le misure straordinarie di sostegno all’economia decretate dall’Unione Europea con il Programma Next Generation, su pianificazione del Governo nazionale, che vanno sotto il nome di Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e Piano nazionale per gli investimenti complementari (PNC). Lo comunica il Presidente della Provincia Nino Lombardi, che ha precisato come il primo di questi appuntamenti resta fissato il prossimo 15 aprile 2024 presso l’Auditorium “Gianni Vergineo” del Museo del Sannio con inizio alle ore 8.30. Il Seminario discuterà sul tema: “Il Ciclo di Bilancio nella Giurisprudenza e nella Direzione per Obiettivi. Principi ed Esemplificazioni. I Nuovi Paradigmi del Pnrr e del Pnc” e si realizzerà con la collaborazione dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e dell’Ordine degli Avvocati. Le Relazioni ai partecipanti saranno svolte dal prof. Francesco Delfino, Esperto di finanza pubblica presso la Commissione ARCONET (Ministero dell'Economia e delle Finanze) e presso l'Osservatorio sulla finanza e contabilità degli enti locali - Ministero dell'Interno. Com’è noto, per l’attuazione delle misure del PNRR e PNC è necessario seguire procedure ed adempimenti codificati ed in tempi altrettanto rigidamente definiti. Tutto questo presuppone una formazione e ed una qualificazione professionale degli Amministratori e dei Funzionari degli Enti locali territoriali, mentre, a ragione della ben nota carenza di personale, molti Comuni, specialmente i più piccoli, non sono in grado di gestire processi tanto complessi, dovendo peraltro misurarsi con le tante incombenze del quotidiano. Alla luce di tanto, il Presidente Lombardi, coordinandosi con i Dirigenti degli Uffici dell’Ente, ed in particolare con l’Ufficio di gestione del PNRR appositamente costituito per la Provincia nei mesi scorsi, ha inteso promuovere uno specifico programma di supporto agli Enti locali. Come è previsto dalla legge n. 56 del 2014, infatti la Provincia ha tra le sue funzioni quella di assicurare ai Comuni adeguati livelli di informazione e formazione sulle norme, le procedure e gli adempimenti connessi alla realizzazione in concreto dei programmi di investimento sul territorio. Le attività Seminariali sul PNRR e PNC delineate dalla Provincia, oltre a strumenti di informazione e formazione agli stessi Enti locali, costituiscono l’ambiente ideale per la nascita di una rete di rapporti istituzionali tra Provincia e Comuni al fine di meglio servire le collettività amministrate in queste materie. Del resto, ha osservato il Presidente Lombardi, già è attivo da qualche mese una forma stretta di cooperazione tra l’Ufficio del PNRR della Provincia e alcune Amministrazioni Comunali sannite per istruire, affrontare e realizzare le procedure gestionali dei programmi di Next Generation, sostenendo il lavoro dei funzionari che si trovano a dover affrontare adempimenti tanti impegnativi. La prima Sessione dei Seminari, che si svolgerà appunto al Museo del Sannio, sarà moderata dall’avv. Nicola Boccalone, Dirigente del Settore Amministrativo e Finanziario della Provincia di Benevento. Questo il Programma del 15 aprile 2024 con inizio alle 8.30: Saluti istituzionali del Dott. Nino Lombardi, Presidente della Provincia di Benevento; -On. Clemente Mastella, Sindaco del Comune di Benevento; -Avv. Stefania Pavone, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Benevento; -Dott. Fabrizio Russo, Presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Benevento. Le Relazioni di approfondimento del prof. Delfino saranno suddivise in 3 parti e cioè: -“Il processo di approvazione del bilancio di previsione, il bilancio tecnico; il ciclo tecnico e il ciclo finanziario degli investimenti; il Fondo Pluriennale Vincolato”; -“Focus sul PNRR e PNC: analisi del D.L. 19/2024 "Ulteriori disposizioni urgenti per l'attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR)"; -“Contabilità finanziaria e contabilità “accrual”; Umanizzazione della contabilità pubblica; il valore pubblico e il PIAO; Project management”. La partecipazione all’evento seminariale , che è accreditato, è gratuita. Sono già pervenute da parte dei Comuni almeno 30 adesioni, anche da fuori Regione Campania, ma sono comunque aperte le iscrizioni. Per maggiori informazioni ed iscrizioni  è possibile contattare il Settore Amministrativo Finanziario della Provincia di Benevento ai seguenti recapiti: -tel.: 335 132 9270 - 340 863 1310 – 3667064743,
Firmato protocollo tra il Procuratore Policastro e la Guardia di Finanza per il ontrasto all’evasione fiscale
In data odierna, il Procuratore della Repubblica di Benevento - dr. Aldo Policastro, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza di Avellino - Colonnello Salvatore Minale e il Direttore Provinciale dell'Agenzia delle Entrate di Avellino – dott.ssa Roberta Cerino, hanno siglato un protocollo di intesa per rafforzare, nei Comuni irpini che rientrano nella competenza territoriale della Procura sannita, il coordinamento strutturale tra le parti, le quali, nel rispetto dell’indipendenza e della diversità del regime probatorio e delle finalità del procedimento penale e di accertamento tributario, perseguiranno un miglioramento dell’efficacia complessiva, nonché della tempestività, dell’azione di contrasto all’evasione fiscale penal-tributaria in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto. L'accordo si pone, quindi, quale principale obiettivo, quello di potenziare l'attività di contrasto all’evasione fiscale e ai reati tributari previsti dal D.lgs. n. 74/2000, con particolare riguardo ai fatti di maggiore pericolosità e di allarme sociale, come le frodi transnazionali, l'emissione e l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, la creazione di schermi societari al solo scopo di inquinare i mercati e il conseguente riciclaggio dei proventi illeciti, nella consapevolezza che l’efficacia di tale azione dipende dalla continuità e tempestività delle comunicazioni che intercorrono fra gli organi istituzionali a tal fine preposti. Infatti, sovente, le frodi fiscali, l'utilizzo di fatture false e di contabilità opache o artefatte sono reati spia di disegni criminali di più vasta portata, che permettono anche a pericolose e organizzate consorterie criminali di infiltrarsi nel tessuto economico e imprenditoriale, creando risorse finanziarie occulte e nascondendosi dietro “prestanome”. Le Parti del protocollo si sono impegnate ad implementare, semplificare e accelerare i flussi di comunicazione reciproci, sfruttando l'innovazione tecnologica dello strumento telematico. Ciò al fine di consentire all’Autorità Giudiziaria inquirente di assumere celermente la direzione delle indagini, assicurando nel contempo un coordinamento costante ed efficace tra gli sviluppi amministrativi e penali L'accordo disciplina una serie di adempimenti procedurali tesi a garantire, in tempi rapidi, la tassazione dei proventi illeciti derivanti da qualsivoglia attività criminale e l'indeducibilità fiscale dei cosiddetti "costi da reato", al fine di recuperare ulteriori risorse al gettito fiscale da destinare alla collettività. Inoltre, il protocollo prevede momenti di specifico confronto operativo tra le due "anime" dell'Amministrazione finanziaria, con il coordinamento della Procura, nei casi in cui emergano fattispecie di particolare pericolosità criminale, per il contrasto delle quali è fondamentale l'attivazione tempestiva dei poteri e delle tecniche investigative propri della polizia giudiziaria. Infine, è stato puntualmente definito il percorso operativo per gli accertamenti economico - patrimoniali volti a risalire alle modalità di reimpiego delle risorse finanziarie illecitamente accumulate grazie all'evasione fiscale, nonché a individuare i beni nella disponibilità, anche di fatto, degli evasori, al fine di procedere al loro rapido sequestro e, quindi, alla loro confisca definitiva.  In particolare, per consentire alla Procura di valutare immediatamente l'entità e l'estensione temporale della condotta di evasione e consentire la formulazione, ricorrendone i presupposti, di un'unica richiesta di sequestro preventivo, l'Agenzia delle Entrate, nelle ipotesi di reato di cui ai citati articoli 10-bis e 10- ter del D.Lgs. n. 74/2000, curerà l'invio di un'unica denuncia, riguardante anche gli anni successivi a quelli oggetto di liquidazione centralizzata verificando la presenza di eventuali discordanze tra gli importi dovuti indicati nella dichiarazione presentata e quelli versati risultanti al sistema informativo dell'Anagrafe Tributaria. Il protocollo oggi formalizzato rappresenta, dunque, un passo importante per l’azione di contrasto all’evasione fiscale e ai reati tributari previsti dal d.lgs. n. 74/2000 e all’illecito arricchimento di quegli
operatori economici, che, violando le regole, inquinano i mercati a danno dell’economia sana del Paese.
Benevento, 11 aprile 2024
TRAGIEDIA DI SUVIANA: I SINDACATI CGIL E UIL CONSEGNANO ALPRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI BENEVENTO UN DOCUMENTO
I Segretari provinciali della Cgil e della Uil, unitamente ad una delegazione di lavoratori che avevano preso parte ad un presidio di protesta in piazza Castello a seguito della tragedia di Suviana, hanno consegnato al Presidente della Provincia di Benevento Nino Lombardi un documento con il quale richiedono misure adeguate per la sicurezza sui luoghi di lavoro, per una giusta riforma fiscale e per un nuovo modello sociale e di fare impresa. Il Presidente Lombardi, presente in via telematica all’incontro svoltosi presso la Sala Consiliare della Rocca dei Rettori, ha espresso il cordoglio per i Caduti sul lavoro ed ha dichiarato la piena solidarietà sua personale e della Provincia per le ragioni della lotta illustrate dai Sindacati Cgil e Uil. Lombardi ha quindi condiviso la richiesta dei Sindacati affinché siano messe in campo controlli, misure, professionalità, competenze a tutti i livelli per garantire la sicurezza sui luoghi di lavoro anche al fine di assicurare la dignità stessa del lavoratore e delle lavoratrici.
Benevento 11 aprile 2024

CONTROLLO CANTIERI EDILI IN VAL FORTORE. UNA DENUNCIA DEI CARABINIERI.
Nel corso di controlli effettuati nella Val Fortore, finalizzati a verificare il rispetto delle norme a tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, i carabinieri della stazione di Montefalcone di Val Fortore e del nucleo ispettorato del lavoro di Benevento hanno denunciato in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria un imprenditore edile. I militari hanno fatto accesso ad un cantiere allestito per la ristrutturazione di uno stabile rilevando che l’imprenditore aveva consentito l’utilizzo di un generatore di corrente elettrica con dispositivo salvavita non funzionante e che non aveva predisposto servizi igienici nel cantiere; violazioni per le quali sono previste ammende per oltre novemila euro. L’attività del cantiere è stata sospesa fino al ripristino delle condizioni di sicurezza ed è stata elevata la relativa sanzione amministrativa di tremila euro a carico dell’imprenditore, che è persona sottoposta alle indagini e – pertanto – presunto innocente fino a sentenza definitiva. Alla quotidiana azione di controllo del territorio svolta dai carabinieri del comando provinciale di Benevento si associa costantemente e sinergicamente l’attività dei reparti specialistici dell’Arma. Di fondamentale importanza è il contributo fornito dal nucleo carabinieri ispettorato del lavoro di Benevento anche nel settore edile allo scopo di garantire la sicurezza sui luoghi di lavoro e la salute dei lavoratori.
Val Fortore 11 aprile 2024

monitoraggio di Arpac delle acque di balneazione in Campania,
Riparte lunedì 15 aprile il monitoraggio di Arpac delle acque di balneazione in Campania, che proseguirà fino alla fine di settembre. Le acque balneabili rappresentano il  97% del totale della costa monitorata come per lo scorso anno ma, per la stagione balneare 2024, è significativo l’aumento delle acque ‘’eccellenti’’ che passano dall’88% della scorsa annualità al 90% in questa stagione. Le acque risultate di qualità sufficiente, buona, eccellente e quelle di nuova classificazione sono da considerarsi balneabili ad inizio stagione balneare ma suscettibili di divieto temporaneo in caso di non conformità registrate nell’ambito dei controlli stagionali. La balneazione è vietata nel 3% della costa monitorata, cioè quella classificata di qualità “scarsa”; questi tratti potrebbero però essere riaperti alla balneazione anche durante la stagione balneare a condizione che le autorità competenti mettano in atto e documentino alla Regione misure ed interventi di risanamento, confermati da esiti favorevoli delle analisi di laboratorio che in ogni caso Arpac continuerà ad assicurare durante la stagione. Le attività di monitoraggio si svolgono secondo quanto previsto dalla normativa di settore e dagli atti di programmazione della Regione Campania. Da ultimo la delibera di Giunta regionale n. 128 dello scorso 19 marzo ha definito per la stagione balneare 2024 l’elenco georeferenziato di tutte le aree destinate all’uso balneare e riporta per ciascun tratto di mare la specifica classe di qualità attribuita e l’identificazione dei punti dove verranno effettuati i prelievi stagionali a cura dei tecnici dei Dipartimenti provinciali costieri di Arpa Campania con l’ausilio della flotta di sua proprietà, gestita e coordinata dal responsabile della Uo Mare della Direzione Tecnica, dott. Giuseppe Onorati. Complessivamente sono 328 le acque di balneazione (41 in provincia di Caserta, 148 in provincia di Napoli e 139 in quella di Salerno) indagate nel rispetto del calendario regionale in punti prefissati della rete (n.328 punti ordinari) laddove si prevede il maggior afflusso di bagnanti e in aree a presumibile rischio di inquinamento (n.49 punti di prelievo straordinari) . In un anno, in media, vengono prelevati, su un totale di circa 480 chilometri di costa campana adibita alla balneazione, all’incirca 2500 campioni e effettuate oltre 5mila determinazioni analitiche per la ricerca degli indicatori di contaminazione fecale (Escherichia coli ed Enterococchi intestinali). I risultati analitici stagionali vengono pubblicati in tempo reale sui portali istituzionali di Arpa Campania e del Ministero della Salute, sull'app dell’Agenzia e, per i casi più salienti, sul profilo X agenziale. È insomma costante l'impegno dell'agenzia ambientale regionale per certificare la qualità del mare campano e l'eccellenza ambientale di tanti tratti di costa. Per approfondimenti si rimanda a un articolo dello scorso gennaio a cura degli esperti dell’Arpa Campania in cui si fa il punto sulla balneabilità delle acque costiere nella regione.
Napoli 11 aprile 2024
Sequestro presso una pescheria di prodotti ittici
Nell’ambito di controlli nel Settore Agroalimentare con particolare riguardo alla commercializzazione dei prodotti ittici, i militari del Nucleo Carabinieri Forestale di Telese Terme , congiuntamente al personale della Capitaneria di Porto di Torre del Greco (NA), nell’ultimo fine settimana hanno accertato, presso una pescheria della Valle Telesina, inadempienze relative all’assenza di documenti appropriati e mancata etichettatura validi ai fini della tracciabilità della predetta merce destinata alla vendita. Elevata sanzione amministrativa per un importo pari ad Euro 1.500,00 e sottoposti a sequestro amministrativo circa Kg. 90 di prodotti ittici. Il pesce, su richiesta del Nucleo operante, è stato analizzato da dipendenti del settore veterinario della ASL di Telese
Terme e giudicato idoneo al consumo umano, devoluto pertanto in beneficenza. Già programmati ulteriori servizi di monitoraggio e prevenzione in ambito Agroalimentare a tutela dei cittadini.
Benevento 10 aprile 2024
Benevento - Eccezionale Masterclass con il tenore Jonas Kaufmann e il baritono Ludovic Tézier
Evento d'eccezione al Conservatorio di Benevento: il tenore Jonas Kaufmann e il baritono Ludovic Tézier - tra le più grandi star mondiali della lirica - terranno una Masterclass a beneficio degli studenti del "Nicola Sala". Il prestigiosissimo appuntamento, in programma per il 12 aprile, è il risultato di un'azione strategica portata avanti continuativamente dal Conservatorio, mirata alla ricerca e alla didattica d'eccellenza. In questa visione strutturale si colloca il fruttuoso protocollo d'intesa in essere tra il "Nicola Sala" e il Teatro San Carlo. I celebri artisti hanno quindi accolto con entusiasmo l'invito del Direttore Giuseppe Ilario e della Presidente Caterina Meglio, rivolto loro nel corso di un incontro avuto a margine della prima di "Gioconda", in scena il 7 aprile al Teatro San Carlo. "Siamo onorati di ospitare Jonas Kaufmann e Ludovic Tézier al Conservatorio di Benevento." - ha commentato il Direttore Giuseppe Ilario, aggiungendo - "Questa Masterclass rappresenterá un'occasione eccezionale per i nostri studenti, che avranno la possibilità di vivere un'esperienza formativa intensa e pregnante, interfacciandosi con due dei più grandi artisti del panorama internazionale". Entusiasmo condiviso dalla Presidente Caterina Meglio, che ha aggiunto: "Si tratta di un evento di grandissimo prestigio, che ancora una volta conferma la qualità e l'innovatività della proposta portata avanti dal Conservatorio. Investiamo sistematicamente nella ricerca e nella didattica di altissimo livello, offrendo ai nostri studenti opportunità eccezionali, di cui siamo profondamente orgogliosi".
Benevento 10 aprile 2024

TERREMOTO: SCIAME IN AREA FLEGREA, SCOSSA MAGGIORE 3.7 Dalle verifiche non risultano segnalazioni di danni
TERREMOTO: SCIAME IN AREA FLEGREA, SCOSSA MAGGIORE 3.7 Dalle verifiche non risultano segnalazioni di danni
5 Aprile San Vincenzo auguri a chi festeggia il proprio onomastico
Torna ai contenuti