Nuovo Progetto 1

Title
Vai ai contenuti
VAL FORTORE. I CARABINIERI RITROVANO UN TRATTORE RUBATO OLTRE TRENT’ANNI FA E DENUNCIANO UN UOMO PER RICETTAZIONE.
I carabinieri della stazione di Castelfranco in Miscano, durante un controllo effettuato con i militari della stazione di Montefalcone di Val Fortore, del nucleo forestale di Castelfranco in Miscano e con personale del servizio veterinario delle ASL di Benevento e Napoli presso un’azienda agricola gestita da un uomo della Val Fortore, hanno rinvenuto, all’interno di un deposito, un trattore agricolo privo di targhe e documenti di circolazione, della cui provenienza l’uomo non ha saputo fornire plausibili giustificazioni. Dagli immediati accertamenti eseguiti sul telaio del mezzo agricolo è risultato che era stato rubato più di trent’anni fa in Sicilia. I carabinieri sono quindi riusciti a contattare il figlio del proprietario del trattore, ormai non più in vita, il quale, commosso, li ha ringraziati per aver ritrovato quel mezzo che rappresenta per lui un caro ricordo del padre. Al termine delle operazioni il trattore è stato sequestrato ed affidato in custodia ad un’idonea ditta e l’uomo che ne era in possesso – persona sottoposta alle indagini e, pertanto, presunta innocente fino a sentenza definitiva – è stato denunciato in stato di libertà all’autorità giudiziaria per il reato di ricettazione. Il controllo del territorio e delle attività produttive di ogni tipo viene effettuato dai carabinieri del comando provinciale di Benevento ponendo la massima attenzione su ogni aspetto ed in ogni settore, sempre in stretta sinergia con i reparti specializzati dell’Arma.
Val Fortore 02/03/2024
A Pompei progetti in corso e in partenza per oltre 100 milioni di euro: gli scavi più estesi
Quello presente è un “ momento cruciale ” per Pompei: ad annunciarlo è lo stesso direttore del Parco Archeologico,  Gabriel Zuchtriegel , che in occasione della conferenza stampa sui lavori di restauro e scavo alla casa di Leda – che hanno portato alla luce altri ambienti e due nuove domus – ha anticipato l’inizio di una nuova, grandiosa fase di lavori. A segnare il passo è un progetto di  rigenerazione “archeo-urbanistica” a cui dedicare tutte le energie del grande team di studiosi costantemente al lavoro sul sito. Pompei come città antica senza confini con il territorio Dopo gli anni della messa in sicurezza del sito di Pompei nell’ambito del Grande Progetto, siamo ora in una fase nella quale dobbiamo navigare verso nuovi orizzonti: abbiamo messo alla base del nostro lavoro in questo senso un approccio di urbanistica, applicata a una città archeologica“, ha precisato Zuchtriegel. Quella a cui allude il direttore è “una specie di rigenerazione archeo-urbanistica che allarga lo sguardo dagli aspetti prettamente archeologici e conservativi a una visione urbana e socio-culturale“. Che includono i servizi per il pubblico e per le funzioni tecniche e della sicurezza; i poli espositivi in corso di realizzazione a San Paolino e alla Palestra Grande; i nuovi depositi di Porta Nola, Stabia e Torre Annunziata; i trasporti con navetta tra i siti e l’accessibilità; la valorizzazione delle aree verdi e dell’agricoltura archeologica; la ristorazione e le aree e i laboratori per bambini con il Children Museum. Insomma, Pompei viene vista (e vissuta) come una città contemporanea. E così la vede Zuchtriegel, con un dettaglio non da poco che complica il lavoro, e lo rende una meravigliosa sfida: l’essere “una città rimasta pressoché immutata da 2000 anni” costituita da “ una cittadinanza mondiale di viaggiatori che vengono ogni giorno da tutti i continenti. Anzi, pensiamo alle due Pompei, quella antica e quella moderna, e anche a Scafati, Torre Annunziata, Boscoreale, Castellammare di Stabia, Terzigno, Lettere, Poggiomarino e a tutto il territorio, come un’unica realtà dal punto di vista archeologico e urbanistico. Come la città antica era parte di un paesaggio culturale, anche oggi non ci dovrebbero essere confini rigidi tra dentro e fuori  I progetti per Pompei in campo urbanistico e il cantiere più ambizioso mai fatto Il direttore ha anche aggiornato il pubblico sui progetti che sono rientrati e rientreranno in quest’ottica di rigenerazione urbanistica e archeologica del Parco, per cui vengono messi in campo oltre 100 milioni di euro (comprensivi anche dei 25 milioni ordinari per il triennio 2024-2026). Tra questi, la nuova Buffer Zone di Pompei, Ercolano e Oplonti approvata dall’Unesco nel 2023 che comprende 11 comuni (Portici, Ercolano, Torre del Greco, Torre Annunziata, Boscoreale, Boscotrecase, Terzigno, Trecase, Pompei, Scafati e Castellammare di Stabia) e l’introduzione, su proposta del Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano, del sito all’interno della legge di bilancio di quest’anno. Ora come ora il Parco ha all’attivo 28 cantieri di restauro, accessibilità e messa in sicurezza , con altri 11 in fase di avvio e altri ancora in progettazione. Di questi, ha aggiunto il direttore, nove sono attualmente gli scavi stratigrafici veri e propri – per lo più rivolti al miglioramento delle condizioni di conservazione e tutela del patrimonio già emerso – cosa che porta l’area complessiva di scavo a una superficie mai raggiunta dal tempo delle grandi campagne degli Anni Cinquanta: 9000 metri quadri complessivi . Forieri, per forza, di nuove scoperte nei prossimi mesi.
Pompei 02/03/2024
Il 19 marzo è il PINO DANIELE DAY!
Nel giorno del suo compleanno, del suo onomastico e della Festa del Papà, Warner Music Italy celebra l’indimenticabile PINO DANIELE con un evento a NAPOLI presso la sede del SUM – Stati Uniti Del Mondo (via Depretis, 130), edificio che dal 2016 ospita anche l’installazione museale permanente “Pino Daniele Alive”. L’evento dalle ore 16.45 vedrà Luca De Gennaro e Mixo, speaker di Radio Capital, in dialogo per ricordare Pino Daniele e la sua musica. Il talk sarà impreziosito dagli interventi di artisti, produttori ed ospiti che racconteranno ricordi personali e aneddoti legati all’indimenticabile artista partenopeo. Il Pino Daniele Day sarà un’occasione per scoprire come le nuove generazioni di artisti e produttori trovino ispirazione in Pino Daniele e come oggi vengano interpretati i suoi brani. Anche il pubblico presente in sala sarà invitato a condividere emozioni, ricordi e riflessioni. Ad intervallare il talk, ci saranno alcuni momenti live in versione unplugged realizzati da tre giovani cantautrici emergenti promosse dalla Fondazione Pino Daniele Ets e che hanno frequentato i corsi di alta formazione AFAM del Conservatorio “G. Verdi” di Milano: Alessandra Tumolillo (Napoli), Greta Bragoni (Domodossola, in provincia di Verbano-Cusio-Ossola) e Rosita Brucoli (Ruvo di Puglia, in provincia di Bari). Il talk, a cui seguirà un aperitivo presso il Bar del SUM – Stati Uniti Del Mondo, è a ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria al seguente link: www.fondazionepinodaniele.org/prenotazioni. Dalle ore 19.00 alle ore 21.00, previa prenotazione al seguente link www.fondazionepinodaniele.org/prenotazioni, sarà possibile visitare “Pino Daniele Alive”, l’installazione museale permanente situata al secondo piano del SUM – Stati Uniti Del Mondo, realizzata dalla Fondazione Pino Daniele Ets, ente non profit per le iniziative culturali e musicali in suo nome presieduta da Alessandro Daniele, e il Presidente della Fondazione Mediterraneo Michele Capasso, segretario del SUM – Stati Uniti Del Mondo. La prenotazione dà accesso al Bar, collocato al piano terra del SUM – Stati Uniti Del Mondo, per un welcome drink. Il Pino Daniele Day è un’iniziativa promossa e organizzata da Warner Music Italy.
Napoli 01/03/24
Il Direttivo dell’Unione delle Province della Campania, svoltosi stamani
Il Direttivo dell’Unione delle Province della Campania, svoltosi stamani presso la Provincia di Caserta, ha confermato nella carica di Vice
Presidente il Consigliere provinciale di Benevento Antonio Capuano. Nel corso del Direttivo, le Province campane hanno deciso di proporre la
candidatura per un Convegno di studi europeo che coinvolga tutti i Paesi dell’Unione circa la green economy, nonché un’iniziativa congiunta in onore  di Giovanni Palatucci, “Giusto fra le Nazioni”, il Vice Commissario di Polizia nativo di Montella (AV), Medaglia d’oro al merito civile, che,
mentre era in servizio a Fiume, salvò molti Ebrei dall’Olocausto, pagando con la sua stessa vita la sua decisione di non obbedire alle infami Leggi razziali del Regno d'Italia.
Napoli 01/03/24

BENEVENTO, CONTROLLI ANTIDROGA A SCUOLA, CARABINIERI E UNITÀ CINOFILE NELLE AULE DEL TERRITORIO.
In azione il personale Sezione Operativa della Compagnia Carabinieri di Benevento con l’ausilio di personale del Nucleo Cinofili Carabinieri di Sarno (SA) e del fiuto infallibile di “Axel”, pastore belga malinois, in servizio presso quel Reparto. Il controllo odierno s’incardina nell’attività preventiva, svolta quotidianamente dal Comando Provinciale Carabinieri di Benevento, contro lo spaccio di sostanze stupefacenti, capace di garantire al contempo sia lo svolgimento di tutte le attività sociali che la sicurezza dei nostri giovani studenti. L’attività di controllo avvenuta in collaborazione con il Dirigente scolastico di un Istituto Superiore del capoluogo, ha interessato gli spazi comuni della scuola e alcune classi. Il servizio ha consentito di segnalare alla locale Prefettura per uso personale di sostanze stupefacenti un minore trovato in possesso di uno spinello contenente hashish (sostanza sottoposta a sequestro). Destinata a continuare anche nei prossimi mesi di l'attività di prevenzione e di repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti negli ambienti giovanili e scolastici da parte dei Carabinieri di Benevento. I controlli di oggi vanno ad intrecciarsi perfettamente con i consueti incontri organizzati dall’Arma dei Carabinieri con i ragazzi nelle scuole di ogni ordine e grado sulla cultura della legalità.
Benevento, 01.03.2024
Arresto per tentata rapina aggravata, porto illegale di pistola, e ricettazione
A seguito di una mirata e articolata attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento, gli investigatori della Squadra Mobile della Questura di Benevento, nella giornata odierna, hanno dato esecuzione alla misura coercitiva della custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Benevento, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di un soggetto residente in provincia di Napoli, gravemente indiziato del delitto di tentata rapina aggravata, porto illegale di pistola, e ricettazione in concorso con un soggetto già tratto in arresto in flagranza di reato, un altro già arrestato a settembre 2023 ed un ultimo allo stato non identificato. In particolare, le indagini sono state avviate la sera del 12 novembre 2022, allorquando quattro persone travisate, una delle quali armata di pistola, a bordo di veicolo rubato, bloccavano l’autovettura del responsabile di un noto supermercato ubicato in questo capoluogo, tentando di sottrargli l’incasso. Uno dei quattro nel corso dell’episodio delittuoso estraeva una pistola dal giubbino colpendo più volte con la stessa il vetro laterale dell’autovettura della vittima, cercando nel contempo con violenza di aprire la portiera. Non riuscendo nell’intento, speronava, poi, l’autovettura condotta dal responsabile del supermercato, che, aiutato anche dalle sirene delle volanti, prontamente intervenute, riusciva a scappare sottraendosi alla furia dei rapinatori. Nella circostanza, un soggetto veniva tratto in arresto in flagranza di reato da un equipaggio della volante che in pochissimi minuti interveniva sul posto, mentre gli altri tre si davano alla fuga facendo perdere le proprie tracce. Le successive e meticolose indagini, supportate da attività tecniche, nonché dall’acquisizione di sommarie informazioni testimoniali, svolte dalla Squadra Mobile di Benevento in perfetta sinergia con la Procura, hanno consentito di identificare prima un secondo soggetto della provincia di Napoli arrestato a settembre 2023 e, con la misura oggi eseguita, un secondo soggetto sempre della provincia di Napoli a carico del quale risultava positivo an  he l’accertamento sul DNA coattivamente disposto e conseguentemente comparato con il DNA rinvenuto sul materiale sequestrato nel veicolo impiegato per la commissione dei citati reati. Lo stesso G.I.P., accogliendo la richiesta della Procura, ha ritenuto che, all’esito degli accertamenti disposti dal P.M e svolti dalla Squadra Mobile, deve ritenersi raggiunto un quadro indiziario assolutamente concludente e, in considerazione della personalità negativa, desunta dalle azioni delittuose poste in essere idonee a denotare una indole fortemente spregiudicata e trasgressiva, la misura cautelare della custodia in carcere fosse l’unica idonea ad impedire che l’indagato commettesse analoghi ed ulteriori reati contro il patrimonio mediante violenza. Il provvedimento oggi eseguito è una misura cautelare disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione e il destinatario della stessa è da ritenersi persona sottoposta alle indagini e quindi presunta innocente fino a sentenza definitiva.
Benevento, 1 marzo 2024
Intevento dei Carabinieri Forestale a Sassinoro
I Carabinieri del Nucleo Forestale di Pontelandolfo nei giorni scorsi hanno effettuato un’operazione legata al consolidamento della vigilanza ambientale che ha riguardato il monitoraggio del torrente Sassinora. I militari, durante l’ordinario servizio di sorveglianza, attratti da rumore di mezzi meccanici alla località “Pianelle” in Sassinoro, a seguito di appostamento nei pressi del torrente hanno notato un escavatore che messo all’interno del letto del fiume ne prelevava materiale e lo caricava su un camion. Gli inerti fluviali venivano poi portati dal camion presso un sito, da lì distante pochi metri, dove erano in corso lavori per la costruzione di tre capannoni per un allevamento avicolo. Dopo aver rilevato la presenza di un secondo camion pronto ad essere riempito, i militari intervenivano fermando i lavori di estrazione e chiedendo le relative autorizzazioni. Verificata la totale assenza di concessioni, sono stati sottoposti a sequestro gli automezzi impiegati (2 escavatori e 2 Camion) ed il terreno di circa 10.000 metri quadri dove era prevista la costruzione dei capannoni. Deferite all’Autorità Giudiziaria quattro persone implicate nelle operazioni di prelievo furtivo e ricettazione del materiale litoide (circa 580 m3  ) nonché il proprietario del terreno oggetto della costruzione dove lo stesso veniva utilizzato. Denunciati inoltre per il reato di distruzione, dispersione, deterioramento, deturpamento, imbrattamento ed uso illecito di beni culturali e paesaggistici. Il prelievo di inerti fluviali provoca un profondo cambiamento nell’assetto generale dell’ecosistema fluviale, particolarmente del comprensorio del Torrente Sassinora, corso d’acqua iscritto nell’elenco delle acque pubbliche ed impianti elettrici, le cui sponde e i territori ad esso attigue, “Alta valle del fiume Tammaro” sono, inoltre, di notevole interesse paesaggistico e quindi sottoposti a particolare misura a tutela previste dalla legge. Il provvedimento già eseguito è una misura precautelare disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione, e i destinatari della stessa sono persone sottoposte alle indagini e quindi presunte innocenti fino a sentenza definitiva.
Benevento 01/03/24
CARABINIERI: valorizzazione delle competenze, via al concorso per Ufficiali del Ruolo Tecnico
CONCORSO PER UFFICIALI DEL RUOLO TECNICO DELL’ARMA DEI CARABINIERI
Sono iniziate le procedure per la selezione e l’arruolamento di 17 Ufficiali del Ruolo Tecnico dell’Arma dei
Carabinieri, suddivisi in:
- 4 (quattro) posti per la specialità in medicina;
- 1 (uno) posto per la specialità veterinaria;
- 2 (due) posti per la specialità psicologia;
- 1 (uno) posto per la specialità investigazioni scientifiche - fisica;
- 3 (tre) posti per la specialità telematica;
- 2 (due) posti per la specialità genio;
- 1 (uno) posto per la specialità amministrazione e commissariato;
e 3 posti, riservati a Carabinieri già in servizio:
- 1 (uno) posto per la specialità investigazioni scientifiche - fisica;
- 1 (uno) posto per la specialità telematica;
- 1 (uno) posto per la specialità amministrazione e commissariato.
Gli aspiranti potranno presentare la domanda online attraverso il sito www.carabinieri.it nell’area concorsi, seguendo l’apposito iter. Decidere di arruolarsi nell’Arma e di indossare l’uniforme significa aderire ad un complesso di valori quali onore, lealtà e spirito di sacrificio, con la consapevolezza di entrare a far parte di una grande organizzazione fondata sulla tradizionale vicinanza al cittadino, a tutela della legalità ed in difesa dei più deboli. La particolarità del ruolo tecnico è quella di mettere a disposizione il proprio bagaglio di conoscenze e la propria professionalità al servizio dell’Istituzione. Al concorso possono partecipare, per una sola specialità, i cittadini italiani in possesso di laurea magistrale dell’indirizzo di interesse che, alla data di scadenza del termine di presentazione delle domande, non abbiano superato il 32° anno di età. I vincitori del concorso saranno nominati Tenenti in servizio permanente nel ruolo tecnico dell'Arma dei Carabinieri e frequenteranno un corso della durata di un anno presso la Scuola Ufficiali Carabinieri, incentrato principalmente sullo studio di materie tecnico-professionali.
La domanda di partecipazione dovrà essere inoltrata entro il 27 marzo 2024.
Benevento 29/02/24
Valle Caudina: intensificazione dei controlli del territorio da parte dei Carabinieri.
Dal 1° marzo prossimo il Comando Provinciale Carabinieri di Benevento avrà a disposizione un’aliquota di militari delle Squadre di Intervento Operativo del 10° Reggimento Carabinieri “Campania” di Napoli.
I rinforzi, disposti dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri su proposta del Comandante della Legione Carabinieri Campania, rimarranno nella provincia sannita per tutto il mese di marzo, per rafforzare i servizi di controllo del territorio già intensificati nelle ultime due settimane dal Comando Provinciale di Benevento con l’impiego di un Dispositivo Interno di Supporto nei territori dei comuni di Sant’Agata de’ Goti, Airola e Montesarchio.
Le Squadre di Intervento Operativo dell’Arma dei Carabinieri, meglio note con l’acronimo SIO, sono squadre costituite in alcuni Reggimenti mobili al fine di disporre di adeguati contingenti di rinforzo, per consentire ai Comandi territoriali dell’Arma di attuare servizi straordinari di controllo del territorio e risolvere criticità emergenti della situazione dell’ordine e della sicurezza pubblica in specifiche aree del Paese.
Le SIO saranno proiettate nella Valle Caudina, al fine di rafforzare i servizi di controllo del territorio svolti quotidianamente dalla Compagnia di Montesarchio e dalle Stazioni dipendenti, in un’ottica di prossimità ai cittadini.
Le pattuglie delle SIO affiancheranno quelle dei reparti territoriali nello svolgimento di mirati servizi di prevenzione e contrasto dei reati predatori, con particolare attenzione al fenomeno dei furti in abitazione che ha avuto una recrudescenza nelle ultime settimane soprattutto nei comuni di Sant’Agata de’ Goti, Airola e Montesarchio.  
Valle Caudina 29/02/24
...
CARAVAGGIO A NAPOLI. IN CITTÀ ARRIVANO LA “FLAGELLAZIONE” E “LA PRESA DI CRISTO”
CARAVAGGIO A NAPOLI. IN CITTÀ ARRIVANO LA “FLAGELLAZIONE” E “LA PRESA DI CRISTO”
Due mostre nel cuore della città celebrano il legame del pittore lombardo con il capoluogo campano, creando un itinerario ideale votato alla scoperta del Merisi accanto a “Le Sette opere di Misericordia” e al “Martirio di Sant’Orsola Caravaggio  (Milano, 1571 – Porto Ercole, 1610) a Napoli. In fuga dallo Stato Pontificio, dopo la condanna per l’omicidio di Ranuccio Tomassoni commesso a Roma, l’artista trovò rifugio nell’allora capitale del Regno borbonico alla fine del 1606. I mesi che seguirono furono densi di commissioni: al 1607 data la realizzazione della grande tela con  Le Sette opere di Misericordia , dipinta dal Merisi per la chiesa del Pio Monte della Misericordia, in copia di un lauto compenso (400 ducati), ampiamente ripagato dalla qualità della composizione e dell’approccio luministico, che tanto avrebbe influenzato l’affermarsi del naturalismo a Napoli nel XVII Secolo. Oggi l’opera si apprezza ancora presso la chiesa e la Quadreria del  Pio Monte della Misericordia , in via dei Tribunali. Ma non è l’unica traccia del legame di Caravaggio con il capoluogo campano, che conserva testimonianza anche del secondo passaggio dell’artista in città, tra il 1609 e il 1610 – poco prima di trovare la morte sulla costa laziale – di ritorno dal soggiorno a Malta e in Sicilia. Nel maggio del 1610, Caravaggio consegna la sua ultima opera, il  Martirio di Sant’Orsola , commissionato dal banchiere genovese Marcantonio Doria, terminato con grande premura proprio a Napoli, prima di lasciare la città alla volta di Porto Ercole: il dipinto, spedito a Genova, vi rimase fino al 1832, quando fu riportato a Napoli da Maria Doria Cattaneo. Nel 1973 è stato acquistato dalla Banca Commerciale Italiana (attuale Intesa Sanpaolo) e oggi si ammira alle  Gallerie d’Italia nell’ex Palazzo del Banco di Napoli, realizzato da Marcello Piacentini. Completa la triade dei capolavori di Caravaggio ospitati in città la  Flagellazione di Cristo (1607) dipinta in origine per la chiesa di  Sa  Domenico Maggiore , e dal 1972 nelle collezioni del  Museo di Capodimonte . Esposto a Parigi in occasione del gemellaggio tra Capodimonte e il Louvre – che ha prodotto la mostra  Napoli a Parigi: il Louvre invita il Museo di Capodimonte , dal 7 giugno 2023 all’8 gennaio 2024 – il dipinto è da poco rientrato in città, ed eccezionalmente, dal 28 febbraio fino al 31 maggio, sarà esposto al  Museo Diocesano di Donnaregina , prima di rientrare a Capodimonte. .
Napoli 29/02/24
VALLE TELESINA PRESIDIATA DAI CARABINIERI PER PREVENIRE I FURTI NELLE ABITAZIONI.
Nella giornata di ieri i Carabinieri della Compagnia di Cerreto Sannita hanno effettuato un servizio di controllo del territorio di competenza, allo scopo di prevenire i furti in abitazione e gli incidenti stradali, impiegando ben 23 pattuglie che hanno controllato complessivamente 162 veicoli e 197 soggetti, tra i quali alcuni già noti alle Forze dell’Ordine. I militari, oltre a pattugliare le aree più isolate e vulnerabili ai furti, hanno eseguito anche svariate perquisizioni personali e veicolari alla ricerca di arnesi da scasso utilizzati per aprire i serramenti, armi e sostanze stupefacenti. Nei Comuni di San Lorenzello e Solopaca sono stato sanzionati i conducenti dei propri veicoli già sottoposti a fermo fiscale, privi di revisione obbligatoria, sorpresi anche ad usare il proprio telefono cellulare durante la guida, mettendo così a repentaglio la propria e l’altrui incolumità in quanto tale comportamento è una delle principali cause di incidenti stradali gravi, con contestuale sottrazione di cinque punti dalla patente di guida. Nei Comuni di Cerreto Sannita, Frasso Telesino e Pontelandolfo due automobilisti sono stati sanzionati per aver condotto le rispettive autovetture prive di revisione obbligatoria e con la patente di guida scaduta. Ad Amorosi, Castelvenere e Faicchio sono stati sanzionati tre automobilisti intenti a condurre le proprie autovetture già sottoposte a fermo fiscale. Nei Comuni di Telese Terme, San Salvatore Telesino, Puglianello, Cusano Mutri, Melizzano, Morcone e Guardia Sanframondi, numerosi automobilisti sono stati sanzionati per aver omesso di effettuare la prevista revisione periodica ai loro veicoli e per altre violazioni. L’ammontare complessivo delle sanzioni elevate è di circa € 11.200. L’attività di prevenzione perseguita dai Carabinieri è costante, ma gli stessi militari ricordano che è fondamentale la collaborazione dei cittadini nel segnalare prontamente al “112” persone e veicoli sospetti in modo da orientare e rendere fruttuosa la loro azione.
Valle Telesina 28/02/24
Buon Compleanno al corpo dei Vigili del fuoco
85 anni    
Quando c'è da soccorrere, quando c'è da salvare vite, quando bisogna proteggere e avere cura della comunità… Ogni volta i Vigili del Fuoco sono la risposta efficace, generosa, tempestiva e professionale. Oggi, 85 anni fa, nasceva il Corpo Nazionale, riunendo i vari Corpi dei pompieri sul territorio. Auguri a tutti i Vigili del Fuoco!
Roma 27/02/24

Conservatorio di Benevento: lavoro degli studenti di Composizione Musicale Elettroacustica alla Stephen McLaughlan Gallery di Melbourne
Riconoscimento internazionale per il Conservatorio di Benevento: la classe di Composizione Musicale Elettroacustica del M° Giosué Grassia aderirà a una prestigiosa serie di appuntamenti di musica  elettronica, attualmente in corso presso la Stephen McLaughlan Gallery di Melbourne. L’ evento internazionale, intitolato "I am here", si distingue come un progetto innovativo di installazioni audio e visive, curato da Roger Alsop. Gli studenti del Conservatorio di Benevento - insieme a talentuosi artisti provenienti da Germania, Australia, Polonia, Ucraina, Bulgaria, Slovacchia e Stati Uniti - seppur a distanza avranno l'opportunità di condividere il proprio lavoro in un contesto stimolante e prestigioso. Il video del lavoro sarà proiettato a Melbourne domani - 28 febbraio. Soddisfazione da parte del Direttore del Conservatorio, Giuseppe Ilario: "La partecipazione dei nostri studenti a questo evento di rilevanza internazionale rappresenta per noi una conferma del nostro impegno nel promuovere l'eccellenza artistica e favorire lo scambio culturale. Siamo grati per la collaborazione con la Faculty of Fine Arts and Music dell'University of Melbourne, con cui abbiamo instaurato un rapporto di reciproco arricchimento nel corso degli anni. La nostra presenza alla Stephen McLaughlan Gallery di Melbourne è un segno tangibile del nostro impegno nel fornire agli studenti opportunità uniche di espressione artistica e di crescita professionale nel campo della musica elettroacustica." La Presidente, Caterina Meglio, aggiunge: "Questo evento segna un momento significativo per il nostro dipartimento di musica elettronica. Siamo orgogliosi di vedere i nostri studenti presentare le loro opere, dimostrando talento e dedizione alla loro arte.
Benevento 27/02/24
Aula Magna Liceo Statale Guacci di Benevento, primo “Corso di Alta formazione sulla violenza domestica, di genere e contro le vittime vulnerabili”
Nella mattinata di giovedì 29 febbraio, con orario 10-12, presso l’Aula magna del Liceo Statale G. Guacci di Benevento, si terrà il primo Laboratorio formativo con gli studenti delle classi terze e quarte, sul tema del contrasto alla violenza di genere e domestica, nell’ambito del “Corso di Alta formazione sulla violenza domestica, di genere e contro le vittime vulnerabili” promosso dalla Procura della Repubblica di Benevento e dagli enti del “Tavolo interistituzionale per la tutela delle vittime vulnerabili e di violenza di genere” in collaborazione con il progetto "Luana. Prevenzione della violenza e Empowerment", coordinato dalla Coop EVA. Tale incontro è il primo appuntamento dei previsti Laboratori con gli istituti scolatici partners che hanno visto l’adesione non solo del Liceo Statale G. Guacci di Benevento ma anche di ITI Lucarelli di Benevento, Liceo Classico De La Salle di Benevento,  Istituto di istruzione superiore "Fragola" Faicchio-Castelvenere, IIS Alfonso Maria de Liguori di Sant'Agata dei Goti, IIS Medi-Livatino di San Bartolomeo in Galdo e San Marco dei Cavoti, esso sarà replicato nei prossimi mesi presso gli altri Istituti partners dell’iniziativa. L’incontro formativo verterà sulla conoscenza e percezione del fenomeno della violenza di genere e domestica da parte dei giovani, sull’ incidenza di pregiudizi di genere e radicati stereotipi sui ruoli spettanti a uomini e donne, soprattutto nei rapporti con il loro coetanei e in ambito familiare, sui mezzi di contrasto giudiziari e gli strumenti a tutela della vittima. All’incontro, che sarà introdotto dalla relazione di uno studente del Liceo Guacci, parteciperanno il Procuratore della Repubblica di Benevento, dott. Aldo Policastro, la Dirigente scolastica del Liceo Statale Guacci dott.ssa Giustina Anna Gerarda Mazza, le relazioni saranno tenute dalla dottoressa Maria Colucci, Sostituto Procuratore della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Benevento, dalla Professoressa Vittoria Rumolo, docente presso il Liceo G. Guacci di Benevento e dalla Dottoressa Carmen Festa, psicologa, referente dello Spazio Ascolto e accoglienza vittime vulnerabili presso la Procura della Repubblica di Benevento, che coordinerà anche l’incontro. Anche le conclusioni saranno affidate ad uno dei giovani studenti. La metodologia formativa prevede momenti di confronto con il coinvolgimento diretto degli studenti e delle studentesse partecipanti, con interventi e letture di brani. Nel corso dell’incontro verrà anche proposta agli studenti di tutti gli istituti partecipanti ai laboratori la autonoma elaborazione di un questionario sul tema della violenza di genere con successiva somministrazione agli stessi studenti ed esame finale degli esiti con un incontro pubblico in cui illustrarne gli esiti. Saranno proiettati video e utilizzati materiali multimediali a supporto degli interventi.
Benevento, 27 febbraio 2024
NASCE IL FANTAGIRO D'ITALIA
Vivere l'amore infinito per il Giro d'Italia a 360 gradi, non solo seguendo le imprese dei corridori sulle strade della penisola ma anche soffermandosi sugli aspetti più divertenti, curiosi e scanzonati che caratterizzeranno le tre settimane della Corsa Rosa. Dalla prossima edizione del Giro d'Italia, che partirà da Venaria Reale il 4 maggio, tutto ciò sarà possibile grazie al FantaGiro d'Italia 2024, il fantasy game ufficiale del Giro d'Italia, ideato e prodotto in collaborazione fra RCS Sport e il Team del FantaSanremo. Dopo una serie di giochi legati al mondo della musica, il già citato FantaSanremo, il FantaEurovision e il TrisFactor, il team del FantaSanremo entra con grande entusiasmo nel mondo dello sport passando dall'ingresso principale. Il Giro d’Italia, infatti, giunto alla sua 107esima edizione, è un evento di assoluta caratura internazionale e una vetrina mediatica senza paragoni per raccontare un Paese attraverso le emozioni che solo il ciclismo è capace di regalare. L'idea di base del gioco prende ispirazione proprio dal fantasy game legato al Festival della Canzone Italiana che negli ultimi anni è diventato un vero e proprio fenomeno di costume arrivando nell'ultima edizione a coinvolgere oltre 2.8milioni di utenti. Seguendo la regola base “Un team, 8 corridori, un capitano”, i fantallenatori dovranno quindi realizzare una propria squadra scegliendo fra otto corridori che saranno al via del Giro d'Italia 2024 e nominare uno di loro come capitano, ruolo di grande importanza in quanto i punti che guadagnerà in base all'ordine di arrivo di ogni tappa verranno raddoppiati. Il tutto prestando attenzione a non superare la soglia dei 100 Wolfie (la mascotte del Giro d'Italia e” moneta” del FantaGiro d’Italia), il credito massimo messo a disposizione per acquistare i corridori e comporre il proprio team. A determinare le posizioni dei corridori nella graduatoria del FantaGiro d'Italia saranno da un lato le prestazioni sportive che otterranno (la classifica generale, quella di tappa, i piazzamenti nelle classifiche del Gran Premio della montagna, a punti e dei giovani, etc.), dall'altro i “bonus” e i “malus” presenti nel regolamento del gioco, tutti all'insegna della curiosità e del divertimento, che gli atleti collezioneranno nel corso delle tre settimane del Giro non solo durante le 21 tappe in programma ma anche nei momenti del podio firme o di quello delle premiazioni. Non mancheranno inoltre bonus giornalieri, legati alle specificità dei territori che, giorno dopo giorno, saranno toccati dalla Corsa Rosa. Il sito www.fantagiroditalia.it è disponibile online a partire da oggi insieme ai profili Facebook, X, Instagram, TikTok, Threads e al canale Telegram. Nei prossimi giorni, proprio sul sito e sugli account social, sarà consultabile il regolamento del Gioco seguito dalle fantaquotazioni dei corridori. Dal prossimo 4 aprile invece sarà possibile iscriversi al gioco, creare la propria squadra e partecipare alle leghe esistenti o crearne una nuova con amici, colleghi e familiari, condividendo così la passione per il ciclismo e non solo. Inoltre, all'apertura delle iscrizioni sarà possibile partecipare al concorso del FantaGiro d'Italia e avere la possibilità di vincere fantastici premi.
Milano, 27 febbraio 2024 -

SETTIMANA DI CONTROLLI DEI CARABINIERI NELLA VAL FORTORE. SANZIONI E SEQUESTRI AMMINISTRATIVI.
Nell’ultima settimana i carabinieri della compagnia di San Bartolomeo in Galdo hanno svolto specifici servizi di controllo e presidio del territorio neicomuni della Val Fortore particolarmente mirati alla prevenzione ed alla repressione dei reati predatori impiegando 60 pattuglie, identificando 252 persone e controllando 184 veicoli. Nel corso dei controlli stradali i militari del nucleo operativo e radiomobile e delle stazioni hanno elevato 12 sanzioni amministrative per infrazioni del codice della strada, per un importo totale di 3.821 euro, sottoponendo a sequestro amministrativo 3 veicoli che circolavano senza l’assicurazione rca obbligatoria, contestando violazioni per circolazione con veicoli privi della prevista revisione periodica, per circolazione senza avere al seguito le previste documentazioni, per sistemazione irregolare del carico su autocarri, per utilizzo di apparecchi telefonici durante la guida e decurtando 23 punti da patenti di guida. I carabinieri del comando provinciale di Benevento sono quotidianamente impegnati in tutta la provincia per prevenire i reati predatori e per garantire maggiore sicurezza agli utenti della strada.
San Bartolomeo in Galdo 26/02/24
FAICCHIO, FURTO SVENTATO DALL’INTERVENTO DEI PASSANTI. I CARABINIERI INDIVIDUANO GLI AUTORI GRAZIE ALLA VIDEOSORVEGLIANZA.
I Carabinieri della Stazione di San Salvatore Telesino, a seguito di accurate indagini, agevolate dalla presenza di un idoneo impianto di video sorveglianza, sono riusciti ad identificare e denunciare all’Autorità Giudiziaria due uomini della provincia di Caserta che, qualche giorno fa, con un furgone, avevano tentato di impossessarsi di alcune attrezzature agricole lasciate incustodite in un’azienda agricola di Faicchio. I malfattori sono stati costretti a desistere dal loro intento criminoso, dandosi alla fuga, grazie al provvidenziale intervento di alcuni passanti. Gli stessi probabilmente non si erano neanche accorti di essere stati ripresi dalle telecamere installate dal proprietario dell’azienda che, oltre ai loro volti, avevano inquadrato anche il veicolo da loro utilizzato. Le indagini immediatamente attivate dopo la presentazione della denuncia, svolte
attraverso più accertamenti incrociati, hanno consentito ai Carabinieri di identificare con certezza ed a deferire all’Autorità Giudiziaria i due autori che dovranno rispondere del tentato furto aggravato in concorso. In questo caso la lungimiranza del proprietario che ha installato l’impianto di video sorveglianza, unita alla fattiva collaborazione dei cittadini ed alla professionalità dei Carabinieri ha impedito la consumazione del furto ed ha assicurato alla giustizia gli autori. Le persone coinvolte sono da ritenersi sottoposte alle indagini e pertanto presunte innocenti fino a sentenza definitiva.
Faicchio 23/02/24
TORNATI NEL MUSEO EGIZIO DI BENEVENTO I REPERTI DEL TEMPIO ISIACO DOPO LA TRASFERTA ALLA DOMUS AUREA
Sono tornati presso la Sezione Egizia del Museo Arcos i reperti del Tempio di Iside di Benevento prestati al Parco Archeologico del Colosseo in Roma per la mostra “L’Amato di Iside. Nerone, laDomus Aurea e l’Egitto” nel periodo dal 22 giugno 2023 allo scorso mese di gennaio. Lo comunica il Presidente della Provincia di Benevento Nino Lombardi che , con il consenso del Ministero dei Beni Culturali, aveva autorizzata la trasferta dei reoperti. Con un trasporto speciale dalla Capitale, accolti dal Responsabile della Rete Museale della Provincia Alfonso Pacilio, sono giunti stamani in via Stefano Borgia: -Statua di Domiziano come faraone, di Diorite, fine del I sec.d.C.; -Iside Pelagia su nave, Età tardo ellenistica-I sec. a.C.; -Statua leone, fine II sec. d.C.-inizio III sec. d.C. Il Presidente Lombardi, nel ricordare il grande successo di pubblico che la mostra presso la Domus Aurea ha registrato, ha sottolineato come il prestito dei preziosi reperti del Tempio isiaco di Benevento si sia rivelato come una forte promozione per il patrimonio archeologico custodito dalla provincia di Benevento nel Museo del Sannio e nella Sezione Egizia. “L’importante consenso ottenuto a Roma – ha commentato Lombardi - ci conforta nel proseguire nel lavoro intrapreso con il Fondazione del Museo egizio di Torino ed il Comune di Benevento per la istituzione della Fondazione del Museo Egizio di Benevento”.
Benevento 23/02/24
FOCUS SULLA SITUAZIONE DELL'ORDINE E DELLA SICUREZZA PUBBLICA NELLA PROVINCIA
Presieduta dal Prefetto dr. Carlo Torlontano, si è svolta nella mattinata odierna una Riunione Tecnica di Coordinamento Interforze con la partecipazione del Questore dr. Giovanni Trabunella, del Comandante provinciale dell’Arma dei Carabinieri col. Enrico Calandro e del Comandante provinciale della Guardia di Finanza col. Eugenio Bua. Nel corso dell’incontro è stata svolta un’approfondita disamina dell’andamento dei reati predatori nel territorio provinciale e, in particolare, nei Comuni di Airola, Castelvenere e Montesarchio, con uno specifico focus sui recenti episodi di furti in abitazione, oggetto di attenzione da parte di vari organi di informazione. Sebbene dall’analisi dei dati statistici sulla delittuosità non siano emerse particolari criticità sotto il profilo della tenuta dell’ordine e della sicurezza pubblica, è stata comunque concordata la sensibilizzazione dei servizi di vigilanza e di controllo del territorio. Si è preso atto, nella circostanza, della smentita, da parte del Sindaco di Castelvenere, che ha fatto pervenire una nota ufficiale al Palazzo del Governo, circa la costituzione di ronde di giovani con compiti di perlustrazione nei luoghi e nelle aree più sensibili. Nell’assicurare che eventuali iniziative al riguardo verranno disciplinate, a cura della locale amministrazione, nell’ambito di uno specifico protocollo di intesa, da stipulare in Prefettura, che preveda l’istituzione di “controlli di vicinato” con compiti di mera osservazione e segnalazione agli organi di polizia di situazioni che potrebbero costituire fonte di pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica, il primo cittadino di Castelvenere ha inteso ringraziare le Forze dell’ordine per l’impegno profuso quotidianamente nell’attività di prevenzione e contrasto alle varie forme di criminalità.
Benevento, 23 febbraio 2024
Braccialetto per atti persecutori e rapina a danni della fidanzata
A seguito di una mirata attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento, nella giornata di ieri, personale della Stazione CC di Arienzo, ha dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare del divieto di avvicinamento alla persona offesa ed ai luoghi abitualmente frequentati dalla stessa come la casa di abitazione ed il luogo di lavoro, serbando da tali luoghi e dalla p.o. una distanza di almeno 500 metri con l’ulteriore prescrizione di non comunicare in alcun modo con la p.o., con divieto di dimora non avendo dato il conseno alle modalità di controllo di cui all’art. 275 bis c.p.p. (braccialetto elettronico), emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Benevento, su richiesta della Procura della Repubblica di Benevento, nei confronti di un giovane uomo, gravemente indiziato dei delitti di atti persecutori e rapina del cellulare ai danni della ex fidanzata. Le indagini venivano avviate in seguito alla querela sporta dalla persona offesa il 9 febbraio 2024 nella quale la ragazza rappresentava tutte le condotte reiterate moleste, minatorie e persecutorie dell’indagato consistite nel percuoterla in più occasioni con schiaffi, calci e tirate di capelli anche in locali pubblici ed in presenza di terze persone; nel controllarla morbosamente e nel minacciarla di percosse in più occasioni anche mediante messaggi whatsapp e social; nel non farla uscire liberamente con le amiche contattandola ripetutamente per controllarla e facendola sentire in colpa; nel presentarsi nei luoghi dalla stessa abitualmente frequentati, come il luogo di lavoro (dove si faceva trovare nel garage sotterraneo) o i locali dalla stessa frequentati così cagionandole un perdurante e grave stato di ansia e paura, nonché un fondato timore per la propria incolumità ed un mutamento delle sue abitudini di vita consistito nel limitare le uscite, nel guardarsi intorno mentre era in strada e nel parcheggiare l’auto nel parcheggio scoperto del posto di lavoro per evitare di trovarselo nel garage sotterraneo. Peraltro la p.o. rappresentava una aggressione particolarmente violenta risalente all’agosto 2022 quando la stessa veniva percossa per ore e rapinata del telefono con la finalità di controllare ancora morbosamente le chat e le foto della stessa per accertare dove la stessa fosse precedentemente andata e come si fosse vestita. Le dichiarazioni della persona offesa venivano riscontrare dai numerosi messaggi anche audio dalla stessa prodotti nonché dalle s.i.t. di amici e colleghi di lavoro che assistevano alle aggressioni, ricevevano confidenze e vedevano la p.o. con lividi e segni di percosse dalla stessa ricondotte proprio al prevenuto. Il provvedimento oggi eseguito è una misura cautelare disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione e i destinatari della stessa sono persone sottoposte alle indagini e quindi presunte innocenti fino a sentenza definitiva.
Benevento, 1 marzo 2024
“cava abusiva”. Prelievo di materiale litoide hanno portato i CArabinieri Forestale a sequestrare l'area
Il rafforzamento delle attività preventive mirate al controllo sull’uso del suolo, più precisamente di aree particolarmente sensibili ai fenomeni di dissesto idrogeologico, su tutto il territorio della provincia Sannita ha dato esito a due importanti interventi. Nello specifico nei giorni scorsi, per disposizione del Gruppo Carabinieri Forestale di Benevento, gli uomini del Nucleo CC Forestale di Pontelandolfo di concerto con personale del Genio Civile di Benevento, hanno effettuato un sopralluogo di verifica in un’area di circa 3000 metri quadri per la quale era stata fatta richiesta di autorizzazione alla costruzione di un capannone agricolo. Dal controllo è emersa la totale difformità dei lavori in essere rispetto all’autorizzazione in possesso ed anzi le attività rilevate di taglio e prelievo di materiale litoide hanno portato i militari ad evidenziare come la tipologia di lavori eseguiti fosse tipica del lavoro di estrazione del marmo e quindi si potesse configurare un’ipotesi di “cava abusiva”. Era infatti presente uno scavo profondo circa 5 metri dal quale erano stati estratti più o meno 10.000 metri cubi di materiale lapideo. È stata quindi posta sotto sequestro l’intera area, e deferiti all’Autorità Giudiziaria i tre proprietari del terreno oltre al titolare dell’impresa edile esecutrice dell’attività di cava. Sempre in provincia in proseguimento dei mirati e meticolosi controlli legati alla prevenzione e repressione di illeciti ambientali, i Carabinieri Forestale del nucleo di San Bartolomeo in Galdo, hanno potuto verificare l’improvvisa presenza di una strana sostanza di colore bianco sulle acque superficiali del Fiume Fortore, alla Contrada Capo Grande in Baselice. I militari notata la vicinanza alla sponda del fiume di una ditta di lavorazione di materiali inerti, hanno effettuato i relativi controlli. Evidente la presenza di uno scarico che, dalla ditta in oggetto, riversava le acque utilizzate per la lavorazione degli inerti in un rivolo naturale che si immette nel fiume Fortore. Constatato l’assenza di autorizzazione dello scarico lo stesso è stato sequestrato e deferito all’Autorità Giudiziaria l’amministratore unico dell’azienda per il reato di sversamento di acque reflue industriali non pericolose. Entrambi i sequestri sono stati convalidati dalla Procura della Repubblica di Benevento. I provvedimenti già eseguiti sono una misura cautelare disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione, e i destinatari della stessa sono persone sottoposte alle indagini e quindi presunte innocenti fino a sentenza definitiva.
Benevento 22/02/24
MONITORAGGIO DELL'UNISANNIO E DELLA SAMTE PER LA SICUREZZA SULLA DISCARICA DI SANT'ARCANGELO TRIMONTE
Una intesa per il monitoraggio dell'impianto di discarica in località Nocecchie, di San Arcangelo Trimonte è stata raggiunta tra la Samte srl, società in house providing della Provincia di Benevento, affidataria dei servizi di gestione dell'impiantistica ciclo rifiuti urbani, e l'Università del Sannio Dipartimento di ingegneria, diretto dal Prof. Ing. Nicola Fontana. Lo comunica il Presidente della Provincia Mino Lombardi che ha ricevuto stamani l’Amministratore Unico di Samte Domenico Mauro che gli ha illustrato i contenuti dell’intesa stipulata con l’Ateneo. La convenzione prevede lo svolgimento di attività specialistiche, da reiterare nel tempo, per il controllo periodico circa la tesatura dei tiranti strutturali in acciaio di ancoraggio della paratia, presenti a valle del II lotto dell'impianto di discarica di Sant’Arcangelo Trimonte. Il monitoraggio, sotto la responsabilità scientifica del Dipartimento, affidata al prof. Ing. Armando Lucio Simonelli, consentirà di constatare l'effettiva stabilità del versante in corrispondenza dell'impianto di discarica laddove è già stata completata la messa in sicurezza strutturale. Il Presidente Lombardi e l’Amministratore Mauro hanno quindi discusso su tutte le iniziative in corso e dell’impegno per la sicurezza strutturale del sito discarica .
Benevento 22/02/24
SOSPENSIONE CANTIERE DI EDILIZIA PUBBLICA IN SOLOPACA (BN) PER VIOLAZIONE NORME SULLA SICUREZZA DEI LUOGHI DI LAVORO
I Carabinieri della Stazione di Solopaca e del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Benevento, nel corso degli ordinari controlli finalizzati alla verifica del rispetto della normativa della sicurezza sui luoghi di lavoro nonché al contrasto del lavoro irregolare, nella giornata di ieri, hanno sanzionato un imprenditore edile del luogo per aver commesso diverse violazioni della normativa sulla sicurezza sul lavoro in occasione della realizzazione di un immobile ad uso pubblico. I militari al termine dell’ispezione hanno riscontrato diverse irregolarità, tra le quali: il rischio di caduta dall’alto dei lavoratori per mancata predisposizione di adeguate protezioni e per aver omesso le misure necessarie ad eliminare o ridurre i rischi elettrici. All’imprenditore sono state elevate sanzioni per complessivi euro diciottomila, con contestuale sospensione dell’attività. La sicurezza dei lavoratori e dei luoghi di lavoro, anche nel settore dell’edilizia pubblica e privata, continua ad essere una priorità nell’attività di vigilanza e controllo dei Carabinieri
Solopaca 22/02/24
FONDO VALLE VITULANESE: RAGGIUNTA L'INTESA TRA REGIONE CAMPANIA, PROVINCIA DI BENEVENTO E COMUNE DI VITULANO
E’ in via di superamento il contenzioso che oppone da tempo Provincia di Benevento e Comune di Vitulano circa il tracciato della costruenda
strada a scorrimento veloce Fondo  Valle Vitulanese. Lo comunica il Presidente della Provincia Nino Lombardi all’esito dei lavori del Tavolo del contenzioso di questo tronco stradale, che si è svolto presso la Regione Campania, sotto la presidenza del Consigliere regionale delegato alla mobilità Luca Cascone, cui hanno partecipato, oltre alla Provincia, il Comune di Vitulano, l’AcaMIR (Società per la mobilità della Regione), l’Impresa appaltatrice Consorzio Stabile Artemide.  La vertenza esaminata al Tavolo regionale in sostanza è nata a suo tempo  dai rilievi formulati dal Comune di Vitulano contro il tracciato originariamente perché questo non avrebbe salvaguardato un’area rurale  nella quale è impiantato il vitigno “Bue Apis”.  Per la strada denominata “SS.7 Appia 3º Lotto (ex 4º Lotto) e bretella  i collegamento alla SS.7 Appia - ° stralcio funzionale”, sono  mobilitate risorse finanziate per oltre 30 milioni di Euro, messi a disposizione con la Delibera del Cipe n. 54/2016, e si realizza d’intesa tra Provincia di Benevento e Regione Campania. Superato nei mesi scorsi anche un altro contenzioso circa i prezzi fissati per realizzare l’opera, il Tavolo presso la Regione, come auspicato dal Consigliere Cascone, aveva lo scopo di formalizzare, dopo i sopralluoghi effettuati nei mesi scorsi, una soluzione sostenibile capace di superare i rilievi del Comune di Vitulano. A tale proposito, il Dirigente del Settore Infrastrutture e Responsabile del Procedimento per la Provincia, lng. Angelo Carmine Giordano, ha illustrato l'esito dei sopralluoghi effettuati in presenza dei rappresentanti dell’Amministrazione Comunale di Vitulano e con l'Impresa appaltatrice e i suoi progettisti. Nel corso di tali sopralluoghi, alla luce delle conclusioni raggiunte in alcuni precedenti incontri presso la stessa AcaMIR, il Dirigente della Provincia ha sottoposto all’attenzione del Tavolo una planimetria dell'intervento a farsi che «riporta una puntuale e contenuta ottimizzazione planimetrica del tracciato, comunque ricompresa nel “corridoio” di ubicazione dell'asse viario in questione, per far si che non vengano a modificarsi le soluzioni progettuali sulle quali il competente Ministero per i Beni Culturali ed Ambiente ebbe ad esprimere il favorevole assenso. La predetta rettifica, introdotta a recepimento di specifica richiesta del Comune di Vitulano, resta sviluppata tra le prog. Km 1+750 e km 2+350 (…) e finalizza la  salvaguardia, nell'ambito dell'indicato contesto territoriale, del vitigno “Bue Apis” ivi rinveniente. Il medesimo Ing. Giordano garantisce che, per quanto riguarda i raccordi delle strade di servizio, in gergo “contro-strade”, previsti dal progetto approvato, questi saranno puntualmente attenzionati in fase progettuale esecutiva, ottimizzando, ove necessario, gli attuali asset della viabilità locale interferita». Il Sindaco di Vitulano, avv. Raffaele Scarinzi, che ha seguito in prima persona l’evolversi della vicenda progettuale, ha dichiarato a Verbale che «ritiene di aver raggiunto gli obiettivi principali che avevano portato al contenzioso e comunque quelli possibili allo stato delle cose              e si riserva di acquisire l'autorizzazione alla transazione da parte della Giunta comunale». L'Impresa aggiudicataria dei lavori, unitamente ai progettisti, hanno preso atto delle proposte illustrare dal Responsabile del procedimento ed hanno dichiarato di accettarle e «di recepirle all'interno del progetto esecutivo post-affidamento».  Anche l’ACaMIR, con i suoi quadri tecnici hanno preso atto «delle  migliorie derivanti dalla soluzione concordemente individuata da Comune  e Provincia e, per quanto di loro competenza, ne riconoscono la funzione definitivamente risolutiva del contenzioso in essere». Il Presidente della Provincia Lombardi, ha preso atto delle conclusioni  del Tavolo, ed ha dichiarato: «Sono lieto che sia stata individuata, nell’ambito della cooperazione tra Istituzione da me sempre perseguita, una soluzione tecnica e progettuale in grado di rendere il meno impattante possibile la realizzazione della nuova strada. La salvaguardia delle eccellenze locali è sempre stata di primario  interesse per la Provincia: e possiamo oggi dire che è possibile  finalmente dare il via libera il realizzazione ad una infrastruttura  destinata non solo a superare le condizioni di isolamento in cui versala  Valle Vitulanese, ma anche a creare quella sinergia con gli altri  comprensori territoriali del Sannio che, con tutta evidenza, saranno  decisivi per garantire nuove condizioni di sviluppo. Volentieri  ringrazio il Presidente Cascone per l’opera da lui portata avanti con  l’Acamir e altrettanto volentieri do atto all’Amministrazione Comunale  dello spirito costruttivo che l’ha animata nel corso di queste riunioni  del Tavolo tecnico a favore della collettività. Per quanto riguarda la Provincia viene confermato anche con questa vicenda della Fondo Valle  Vitulanese che questa Amministrazione lavora per realizzare opere e conseguire concreti risultati di sviluppo».
Benevento 21/02/27
CERRETO SANNITA, CONTROLLI DEI CARABINIERI IN VALLE TELESINA E DEL TAMMARO PER PREVENIRE I FURTI IN ABITAZIONE E GLI INCIDENTI STRADALI.
Nella giornata di ieri i Carabinieri della Compagnia di Cerreto Sannita hanno effettuato un servizio di controllo del territorio in tutti i 21 comuni di competenza, allo scopo di prevenire i furti in abitazione e gli incidenti stradali. Le 22 pattuglie impiegate hanno controllato complessivamente 170 soggetti, tra cui alcuni già noti alle Forze dell’Ordine e 130 veicoli, principalmente nelle zone periferiche più esposte alle azioni criminose. I militari hanno eseguito anche perquisizioni personali e veicolari alla ricerca di armi e di sostanze stupefacenti.   Nei Comuni di Telese Terme, Solopaca e Sassinoro sono stati sanzionati i conducenti di tre veicoli sottoposti a fermo fiscale; a Morcone un automobilista è stato sanzionato per guida pericolosa con contestuale ritiro della patente; nei Comuni di Telese Terme, Castelvenere, Amorosi, San Salvatore Telesino, Faicchio, Pontelandolfo, Frasso Telesino, Melizzano, Morcone, Cusano Mutri e Cerreto Sannita numerosi automobilisti sono stati sanzionati per aver omesso di effettuare la prevista revisione periodica ai loro veicoli e per guida senza patente; nel Comune di San Lorenzello un cittadino è stato sanzionato perché sorpreso alla guida mentre era intento ad usare il proprio telefono cellulare, che è una delle principali cause degli incidenti stradali per distrazione, con contestuale sottrazione di cinque punti sulla patente di guida. L’ammontare complessivo delle sanzioni elevate è di circa € 12.000. Nel Comune di Telese Terme inoltre sono stati fermati due giovani del luogo trovati in possesso di quindici grammi di sostanze stupefacenti di tipo marijuana per uso personale e pertanto segnalati alla competente Autorità Amministrativa.   E’ incessante l’azione di prevenzione dei Carabinieri in tutto il territorio, ma nel contempo si richiede anche la collaborazione di tutti i cittadini nel segnalare prontamente al “112” persone e veicoli sospetti.
Benevento,  21 febbraio 2024

CULTURA DELLA LEGALITÀ. I CARABINIERI OSPITI DEL LICEO SCIENTIFICO STATALE DI COLLE SANNITA.
I Carabinieri della Compagnia di San Bartolomeo in Galdo e della Stazione di Colle Sannita sono stati ospiti del Liceo Scientifico Statale "Don Peppino Diana" di Colle Sannita. Numerosi gli studenti e gli insegnanti che hanno accolto l’Arma locale nell’ambito degli incontri organizzati per promuovere la cultura della legalità, con i saluti del responsabile del plesso scolastico, prof. Luigi Mercurio, che ha anche rappresentato il dirigente scolastico, prof. Giovanni Marro. Il comandante della Compagnia, capitano Gaetano Ragano ed il comandante della Stazione, luogotenente Loreno Lonardi, hanno intrattenuto un partecipato e propositivo incontro-dibattito sui vari aspetti della legalità, del bullismo e del cyberbullismo. I giovani hanno seguito con molto interesse un video illustrativo delle molteplici attività svolte quotidianamente dai Carabinieri nei più disparati settori, sia in Italia che all’estero e non sono mancate tante curiosità, esternate in numerose domande. Gli studenti hanno mostrato forte interesse per le pagine ed i profili social dell’Arma e, prima di salutare gli ospiti in divisa con la reciproca promessa di un “a presto rivederci”, hanno visto da vicino e toccato con mano la gazzella dei Carabinieri in servizio di pronto intervento e simbolo di sicurezza per ogni cittadino, l’Alfa Romeo Giulia. Tutte le iniziative e le occasioni d’incontro con le scuole della provincia vengono colte dai Carabinieri del Comando Provinciale di Benevento per diffondere la cultura della legalità nelle nuove generazioni.
Colle Sannita 20/02/24
Torna ai contenuti