ILTABURNO

Vai ai contenuti

Menu principale:

LA COLATURA DI ALICI DI CETARA E' DOP
Colatura di Alici di Cetara, concluso l'iter: arriva la Dop
E’ fatta, Cetara può godersi la Colatura di Alici Dop. Il traguardo è praticamente raggiunto non essendo arrivati ostacoli europei dopo la fatidica data del 22 settembre 2020 entro la quale potevano esserci richiesta di approfondimento da parte di soggetti imprenditoriali europei, come previsto dal lungo percorso burocratico. “Una data storica, quella di oggi -spiega con entusiasmo la presidente dell’Associazione per la valorizzazione della Colatura di Alici di Cetara Lucia Di Mauro– finalmente la conclusione dell’iter che ci ha portato all’approvazione della nostra Dop. Ora è arrivato il momento di presentare al Mipaaf il piano di controllo. Ringrazio la Regione Campania e il Comune di Cetara per il prezioso sostegno e si può procedere verso la fase più interessante di tutte: quella della produzione. Nove mesi minimo di maturazione delle alici nei terzigni e botti di legno, che significa l’arrivo sugli scaffali della Colatura di Alici di Cetara Dop nel 2021″. Un progetto seguito con entusiasmo anche dall’amministrazione comunale: “Un plauso al grande lavoro dell’Associazione che è riuscita a centrare un obiettivo che valorizza l’antica tradizione della Colatura di Alici di Cetara. La Dop sicuramente porterà benefici anche ai nostri pescatori che da sempre offrono un prodotto di grande qualità alle aziende che poi si occupano di trasformarlo” commenta il sindaco di Cetara Roberto Della Monica. Un momento sognato tante volte da quanti hanno lavorato sodo per riuscire a raggiungere questo traguardo a cominciare dal professore Vincenzo Peretti: “Finalmente ci siamo. La realizzazione del piano di controllo di Agroqualità, ente di certificazione scelto dall’Associazione per la valorizzazione della Colatura di Alici di Cetara, è veramente l’ultimo passo prima dell’avvio alla produzione. La Campania sarà la prima Regione in Italia, a potersi fregiare di una Dop prodotto trasformato di mare. Presto le aziende interessate potranno quindi partire per realizzare le prime confezioni Dop della Colatura di Alici di Cetara, seguendo il rigoroso disciplinare di produzione”.
Importante contributo sarà dato ora dai pescatori salernitani, rappresentati nell’Associazione da due armatori Cetaresi: Pappalardo Salvatore e Federmar. Quattro le aziende produttrici che hanno aderito al progetto: Iasa, Delfino, Nettuno e Armatore. I ristoratori di Cetara invece sono: Al Convento, La Cianciola e San Pietro.
Cetara 21 ottobre 2020
INCONTRO SULL'ISTITUENDO PARCO NAZIONALE DEL MATESE
Stamani, presso la Sala Consiliare della Rocca dei Rettori, si è svolta, convocata dal Presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, una riunione di amministratori comunali sul tema della proposta tecnica di perimetrazione e zonizzazione dell’istituendo Parco Nazionale del Matese redatta dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA). Alla riunione erano stati invitati i Sindaci di Campolattaro, Casalduni, Cerreto Sannita, Circello, Cusano Mutri, Faicchio, Fragneto l’Abate, Fragneto Monforte, Guardia Sanframondi, Morcone, Pietraroja, Pontelandolfo, Santa Croce del Sannio, San Lupo, Sassinoro, San
Lorenzello, San Lorenzo Maggiore, San Salvatore Telesino, Reino che rientrano in tutto o in parte, rientrano nel novero del perimetro del Parco Nazionale del Matese così come formulata dall’Ispra. Con il Presidente Di Maria ha partecipato ai lavori il Dirigente Tecnico della Provincia Angelo Carmine Giordano. Come ha osservato preliminarmente il Presidente Di Maria, la riunione, che peraltro fa seguito ad altri incontri sullo stesso argomento svoltisi in altre sedi, perseguiva lo scopo di individuare una strategia  comune ed unitaria dei Comuni della provincia sannita, che, con quelli della confinante Regione Molise, danno un totale complessivo di oltre 60 Comuni costituenti il futuro Parco Nazionale del Matese. Il Presidente Di Maria ha evidenziato la necessità che venga attuata una
programmazione degli interventi e della gestione del territorio, individuata con un processo di condivisione con i Soggetti istituzionali locali, e che abbia i caratteri dell’univocità e della convergenza su  obiettivi strategici comuni. Il fine, a giudizio del Presidente Di Maria, finalizzata a fare del Sannio un attrattore di interessi
legittimi connessi e dipendenti dalla tutela dell’ambiente, del paesaggio, dei beni culturali nell’ottica dello sviluppo della “green economy”. Nel corso del dibattito in Sala Consiliare è emersa l’unanime volontà degli Amministratori comunali presenti ad avviare in tempi rapidi una verifica dei confini dell’istituendo Parco Nazionale del Matese individuati dall’ISPRA, in quanto sono stati evidenziate numerose presunte incongruenze nelle proposte di perimetrazione che ricomprende in tutto o in parte i Comuni invitati alla riunione. Alcune delle richieste formulate in un recente passato da alcuni dei Comuni sanniti, infatti, non sarebbero state tenute in considerazione dall’Ispra, sebbene le stesse siano state tempestivamente e formalmente comunicate. Un’altra criticità riguarda la questione delle norme di salvaguardia da applicare nell’ambito del perimetro individuato del Parco: tali norme non sarebbero state sufficientemente discusse ed analizzate con e popolazioni interessate. Altro problema sollevato nel corso del confronto è stato quello della cosiddetta “schizofrenia della pianificazioni” con troppi Soggetti che intervengono sulla stessa area spesso con strategie e visioni contraddittorie. E tutto questo lascerebbe spazio ad una vera e propria anarchia dell’uso del territorio. Il Sindaco di Morcone Ciarlo ha, in particolare, sottolineato come nell’Alto Tammaro si registri un vero e proprio assalto di progetti per la realizzazione di nuovi “parchi eolici” in barba a tutti gli sforzi tesi alla salvaguardia del paesaggio. Infine, è stato sottolineato come le norme di programmazione del Parco potrebbero entrare in conflitto con le attività produttive da tempo presenti sui territori stessi. Al termine del confronto, si è raggiunta tra i Sindaci e loro rappresentanti presenti all’incontro una intesa unanime che si focalizza sui seguenti punti. La Provincia ha ricevuto mandato di svolgere un ruolo di coordinamento e di sintesi delle istanze provenienti dai Comuni sanniti in merito alla perimetrazione dell’istituendo  Parco Nazionale del Matese. Pertanto, su proposta del Presidente Di Maria, è stato costituito un Tavolo tecnico di coordinamento, con la partecipazione della Società partecipata Sannio Europa e la consulenza del dott. Elio Mendillo, che dovrà predisporre una proposta unitaria da sottoporre all’Ispra. Nello stesso tempo al Presidente Di Maria è stato affidato il compito di svolgere immediatamente un’azione di natura politico-istituzionale nei confronti dei Soggetti sovraordinati, ovvero le Regioni Campania e Molise, per  individuare un percorso condiviso.
Benevento 21 ottobre 2020
Sequestro preventivo ad Apice azienda di inerti fluviali
Nella mattina odierna, a seguito di una mirata ed articolata attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento nel settore edilizio-urbanistico e degli illeciti ambientali, il personale del Gruppo Carabinieri Forestale NIPAAF di Benevento e quello della Capitaneria di Porto di Torre del Greco (NA), ha eseguito il sequestro preventivo di un opificio ubicato nel comune di Apice (BN), esercente la frantumazione e la lavorazione di inerti fluviali e di cava, nonché l’attività di recupero e trattamento di rifiuti speciali, perché operante in totale difformità da quanto consentito dalla normativa ambientale ed  edilizia-urbanistica del settore. La misura cautelare reale, disposta dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Benevento, è stata emessa nei confronti del Responsabile dell’Ufficio Tecnico Comunale, nonché nei confronti dell’Amministratore Unico e Procuratore Speciale della società, che gestisce l’opificio, perché indiziato della commissione di diversi gravi illeciti penali sia di natura delittuosa, quanto contravvenzionale, in concorso con altri indagati, alcuni dei quali aventi la qualifica di pubblico ufficiale, in particolare dei reati di abuso d’ufficio, di falsità ideologica, di realizzazione di opere edilizie in assenza di concessione, di illecita gestione di rifiuti di carattere pericoloso e di creazione di discarica non autorizzata di rifiuti. Tutte le criticità emerse a seguito dei sopralluoghi eseguiti durante la prima fase delle indagini, hanno trovato concreto riscontro nei successivi accertamenti tecnici eseguiti dal Consulente nominato dalla Procura, finalizzati alla verifica non solo delle regolarità amministrativa della gestione delle acque reflue dei piazzali della società, ma anche della compromissione dell’ambiente fluviale, sino alla verifica dell’esistenza dei titoli autorizzativi. Infatti le successive verifiche poste in essere hanno evidenziato un impianto industriale assolutamente fuori norma, tanto sotto il profilo edilizio ed urbanistico, quanto sotto il profilo autorizzativo ambientale; pertanto sussistendo il fondato  motivo  di  ritenere  che la permanenza  delle opere, già realizzate e  funzionanti, potesse  continuare ad alterare l'equilibrio del sistema territorio-ambiente e del sistema fluviale, aggravando o  comunque  protraendo  le  conseguenze  delle condotte delittuose ipotizzate, è stata disposta dal giudice la misura ablatoria del sequestro preventivo dell’intero opificio.
Benevento, 21 ottobre 2020


SULLA VIA APPIA nuove collaazioni per la promozione di turismo culturale tra Il Sannio e i Castelli Romani.
Kinetes Edizioni  e Il Profumo di Iside “EA eau de parfum - AROMATICAE FORMULAE  LA PELAGIA” ripercorrono la Via Appia: dal  Museo del Sannio  al Museo civico di Lanuvio e domenica 18 ottobre, presso il teatro Comunale dell'antica città dei Castelli  Romani, premiano i vincitori del premio letterario  PROFUMIDIPOESIA 2020-ANTICA PYRGOS“. La rassegna culturale  ideata da Dona Amati e Antonella Rizzo quest'anno porta il nome Antica Pyrgos, celebrando l'Isola di Cipro,          dove i ricercatori del CNR hanno scoperto  i resti di un impianto industriale di profumeria, costituito da un vasto edificio di almeno 4.000 metri quadri che risale all’inizio del II millennio a.C.
Le otto campagne di scavo – iniziate nel 1998 dalla Missione Archeologica Italiana del Consiglio Nazionale delle Ricerche – sono state dirette dalla ricercatrice Maria Rosaria Belgiorno che, inaspettatamente, in  occasione della premiazione dei vincitori, ha inviato  agli organizzatori, una testimonianza live sulla distillazione antica riprodotta  con le copie dei distillatori realizzate per il  parco di archeologia sperimentale di Cipro. Il  Perfumecypark  della Fondazione Lazzaro, che  da decenni collabora con il CNR, continua  la cooperazione scientifica con le
AROMATICAE FORMULAE LA PELAGIA , il brand creato da Petronilla Liucci.
KINETES associazione      (dal greco     Κινητηής, "che è in movimento", "che stimola", "che produce, promuove o esorta alla discussione") nasce nel febbraio 2012 a Benevento, per iniziativa di Rossella Del Prete, ricercatrice di Storia Economica presso l'Università degli Studi del Sannio, che ha sempre unito alla sua attività scientifica quella divulgativa e l'impegno civile nella difesa della cultura e dei beni storico-artistici.
Praticando quella che lei definisce una ricerca storica applicata, ha sempre sostenuto che sia impossibile promuovere e valorizzare ciò che non si conosce a fondo. La valorizzazione del patrimonio culturale a fini economici, come quelli del settore turistico, passa inevitabilmente (o almeno dovrebbe!) attraverso la   conoscenza          delle risorse materiali e immateriali presenti sul territorio.
La Storia, dunque, diventa          attività produttiva e  servizio pubblico, e va collocata al primo posto della filiera della cultura perché fornisce "strumenti di lavoro" e "materia prima" da trasformare, per esempio, in attività di promozione del territorio e in percorsi di turismo culturale.
EA eau de Parfum, il profumo di Iside, nasce a Benevento nel gennaio del 2019 per valorizzare la Collezione Egizia del Museo del Sannio  www.lapelagia.it
e  con l'evento“ Sulle Rotte dei Profumi Antichi”, "Museum Factory" presso l'info point ha dedicato ai visitatori un viaggio olfattivo da Cipro, attraverso gli olii pervenuti dal Perfumecypark, e  la narrazione della storia del design d'arte del Sannio, dal packaging  rievocativo della dea Iside Pelagia che diventa il logo delle "Aromaticae Formulae ".
L'evento, https://www.infosannionews.it/?p=164466, è stato patrocinato dalla Provincia di Benevento e dall'Università degli Studi del Sannio. Antonella Rizzo, entusiasta delle realtà beneventane, ha  così patrocinato alleanze, nuove collaborazioni  e tanta sinergia nell'arte e nella cultura. Kinetes e La Pelagia premiano  i vincitori offrendo in dono  sia l' esclusivo EA eau de parfum (con il testo scientifico in Ita Engl “A Iside Regina I culti egizi a Benevento di Giovanna Lombardi Valtrendeditore), sia l'accordo per la pubblicazione gratuita  delle loro opere grazie a  Kinetes Edizioni.
La Cerimonia, condotta da Antonella Rizzo,  si è svolta alternando la consegna dei premi  a narrazioni di vite vissute di  amici Poeti che  lasciano il loro retaggio ai posteri. La storia del  Tempio di Iside a Benevento, narrata dalla Liucci ha affascinato i presenti. E  il video della distillazione nell'Antica Pyrgos , i saluti dalla Fondazione Lazzaro e della prof Maria Rosaria Belgiorno, hanno lasciato entusiasti i presenti onorando in “Per Fumen”  Giunone Sospita, divinità  cara al culto degli  antichi Romani,venerata nel sito archeologico della città.
Grazie al Direttore  Luca Attenni  e all'assessore alla cultura Alessandro De Santis , di buon mattino, i  vincitori del  Premio Letterario Antica Pyrgos, hanno visitato il sito archeologico accompagnati dal personale culturale del Comune di Lanuvio che  ha ospitato  al teatro Comunale , (nel rispetto del  Decreto anticontagio COVID 19), insieme  ai vincitori delle varie categorie letterarie, solo la giuria. Il  sindaco di Lanuvio, il Direttore del Museo civico Luca  Attenni, hanno inviato il loro saluto.
“IL DADO è TRATTO”, il percorso d'arte  e cultura sulla via APPIA, è stato condiviso  dalla FIDAPA  sez. di Benevento. La Prof. Rossella del Prete, presidente Kinetes , ha  inviato i suoi saluti, informando che è già al lavoro sul nuovo progetto editoriale di Kinetes, in collaborazione con Antonella Rizzo e Nilla Liucci ”Navigium”, una  nuova collana di poesia e di racconti inediti, in onore della Via Appia che lega da secoli  due luoghi di eccezionale bellezza: i castelli Romani e il Sannio. Una  nuova “mappa ” prende vita  per rendere immortali,  gli antichi  borghi, le ville signorili, i castelli Medievali , i siti archeologici e  il patrimonio della città millenaria capitale della Longobardia Minor, Benevento, e Lanuvio ritracciano così nuovi sentieri  di  cultura e turismo sulla via Appia, protetti da Giunone Sospita e da Iside Pelagia.
Il 18 ottobre 2020 si è svolta la premiazione del Concorso letterario “Antica Pyrgos” presso il Teatro Comunale di Lanuvio. Un clima emozionante e denso di significati culturali quello del Premio che si ispira al profumo inteso come sfondo integratore di una sinergia tra sensi e arte, in particolare la poesia. All’evento, condotto da Antonella Rizzo, Presidente del Premio, era presente Antonio Veneziani, Presidente di Giuria; Nilla Liucci, partner del concorso e creatrice dell’essenza “EA” Aromaticae Formulae La Pelagia; i giurati Maria Borgese, Susanna Schimperna e Dino Ignani che, insieme a Francesca Benedetti, Claudio Giovanardi e Alda Teodorani, hanno giudicato le opere in concorso. Il Comune di Lanuvio era presente con l’assessore alla Cultura Alessandro De Santis, che ha fornito tutto il supporto possibile alla realizzazione del premio. La cerimonia è stata preceduta da una visita guidata da un gruppo di archeologi del Museo Civico Lanuvino diretto da Luca Attenni al Santuario di Giunone Sospita. Durante la premiazione è stata annunciata l’istituzione di una nuova sezione del premio dedicata ai giovani poeti e intitolata a Gabriele Galloni, il giovane poeta scomparso recentemente e vincitore della sezione libri editi. Un ricordo è andato anche a Giacomo Caruso come poeta simbolo delle vittime del Covid-19. Prestigiosissimi i patrocini del Premio: il Comune di Lanuvio, il Museo civico lanuvino, la Biblioteca Comunale di Lanuvio “F. Dionisi”, “Antiques” centro di archeologia sperimentale, Kinetès associazione spin off dell’Università del Sannio, FIDAPA sezione Benevento, le associazioni del territorio Crisalide-Donne per le donne e Ibdart-Art for Peace in the Mediterranean. Grazie a Kinetès, importantissima realtà culturale italiana diretta dalla Professoressa Rossella del Prete e spin off dell’Università del Sannio, i primi classificati delle sezioni Silloge inedita e Racconto breve riceveranno in premio la pubblicazione delle loro composizioni letterarie in una raffinata plaquette. Sono stati assegnati inoltre Premi speciali a personalità che si sono distinte nel campo della cultura consistenti in opere d’arte realizzate da artisti visivi internazionali: Serge Uberti, Pietro Contento, Ignazio Gori, Marco Fioramanti, Emanuela Del Vescovo, Francesco La penna, Agostino Raff, Massimo Boccardini, Simone Lucciola, Eugenia Serafini, Silvia Valeri. Un sentito ringraziamento va anche agli sponsor del premio Agri Val di Suso, Fioreria Flò, OroCapital e Tabaccheria Di Stefano e a Riccardo Pira per le riprese video.
Ecco l’elenco dei premiati:
SEZ. A POESIA EDITA 1° classificato Gabriele Galloni “L’estate del mondo” Marco Saya edizioni, 2° classificato Giulio Di Fonzo “Poesie 1992-2018” Edizioni Croce, 3° classificato Ida Di Ianni “Tutto splende da lontano” Volturnia edizioni.
PREMI SPECIALI DELLA GIURIA a: Roberto Malini – Steed Gamero “Selva di luce” Lavinia Dickinson edizioni - per la tematica delle pandemie nella storia Skylar “Chi l’ha detto che non sarai felice?” Lavinia Dickinson edizioni - per l’impegno culturale e la lotta alle discriminazioni di genere PREMIO SPECIALE “GIUNONE SOSPITA” Chiara Mutti “Archeologie del cielo” Terra d’ulivi edizioni - per il dialogo tra le Arti
MENZIONI D’ONORE a Giacomo Caruso “Trasluce” Progetto Cultura - come poeta simbolo delle vittime del Covid 19 Luigi Mattioli “Totum nasum” Aporema edizioni – per il viaggio lirico condotto dal senso olfattivo nella relazione tra profumo e Poesia
SEGNALAZIONI DI MERITO a Marilena Votta “Estate” Progetto Cultura Pietro Catalano “La geometria dei girasoli” Ist. Italiano Cultura Napoli, Franco Frainetti “Il cielo in bocca” Dialoghi edizioni.
SEZ. B SILLOGE INEDITA DI POESIA: 1° classificato Fosca Mariani Zini “Tristia. Stati di inusuale sconforto”, 2°classificato Mario Pizzolon “Universo coerente”, 3° classificato Carmelo Salvaggio “In cammino”. SEZ.C POESIA INEDITA: 1°classificato Fernando Della Posta “L’arancia sanguinella”, 2° classificato Eraldo Vergnani “La serenità del cielo”, 3°classificato Vittorio Di Ruocco “4 agosto”.
MENZIONI D’ONORE a Odeh Amarneh “Vita” per il miglior autore straniero.
SEGNALAZIONI DI MERITO aIgor Issorf “Il bluff della grande paura” Sabrina Vanini “Vecchio marinaio”
SEZ. D RACCONTO: 1°classificato Salvatore Di Gigli “Abbandono” 2° classificato Addolorata Esposito “Occhi di gatto” 3°Rodolfo Andrei “In volo tra le lucciole”
PREMIO SPECIALE “MARIANNA DIONIGI” Laura Daniele “La festa di maggio” - per la scrittura al femminile
SEZ. E MONOLOGO TEATRALE 1° classificato Achille Brugnini “Emma” 2° classificato Daniele Trovato “Malanni” 3° classificato Stefano Baldinu “Sandra” SEGNALAZIONI DI MERITO Anna Hurkmans “L’esecuzione” Marco Damiani “Lady Jane Grey” Salvatore Rosella “Teseo”.
SEZ. F FOTOGRAFIA: 1° classificato Fabrizio Tedeschi 2° classificato Francesca Manzini 3° classificato Grazia Posteraro La Giuria ha inoltre decretato
Benevento 20 ottobre 2020


locus iste LUOGHI E MEMORIA
Sabato 24 ottobre ore 10,00  L’Oasi naturalistica di Monte Nuovo Un vulcano sul Lago
Con l’Associazione culturale locus iste in visita ai Campi Flegrei, il super vulcano alle porte di Napoli. La passeggiata naturalistica, tra i colori dell’autunno e i risvolti storici, si effettuerà lungo le pendici dell’Oasi naturalistica di Monte Nuovo per rievocare l’ultima eruzione dei Campi Flegrei che lo generò, avvenuta nella settimana compresa tra il 29 settembre e il 6 ottobre del 1538, e che distrusse anche il vicino villaggio medievale di Tripergole, sito in un’area ricca di impianti termali di età romana. Insieme ricostruiremo i momenti di quella terribile eruzione, vista e descritta da cronisti dell’epoca. Cercheremo di capire cosa sia rimasto di quel villaggio e della sua memoria. Percorrendo i sentieri avventurosi della montagna, ascolteremo con la drammatizzazione, le parole di un vero testimone oculare dell’eruzione e rivivremo il drammatico momento di trasformazione del luogo.  Il cono del vulcano è ormai spento e ricolmo di alberi e le sue pendici rocciose regalano spettacolari panorami sul golfo di Pozzuoli tra Arco Felice e Lucrino. Verso est le pendici del Monte Nuovo si fermano sulle coste del Lago d’Averno, luogo mistico, porta degli Inferi. Ascolteremo le leggende che animano ancora la sua memoria, tra rovine archeologiche e cristiane, tralci di vite, e nuova fauna che popola le sue acque.
Appuntamento: all’ingresso dell’Oasi naturalistica di Monte Nuovo
Napoli 20  ottobre 2020

IL PROF. ELIO GALASSO NOMINATO "DIRETTORE EMERITO DEL MUSEO DEL SANNIO"
Lunedì 26 ottobre 2020, alle ore 10.30, presso la Sala Consiliare della Rocca dei Rettori, sede della Provincia di Benevento, il Presidente Antonio Di Maria consegnerà al prof. Elio Galasso il titolo di “Direttore Emerito del Museo del Sannio”, da lui stesso riconosciuto con un proprio atto deliberativo. Il prof. Galasso è stato per decenni protagonista delle attività culturali della Provincia di Benevento, legando in particolare il proprio nome e la propria opera al Museo del Sannio, Istituto culturale dell’Ente, di cui è stato Direttore tra il 1973 ed il 2004, dopo aver ricoperto la carica di Vicedirettore di ruolo dal 1960 al 1970 e di Direttore delegato dalla Soprintendenza Archeologica dal 1970 al 1973.
Laureato in Lettere classiche alla “Federico II” di Napoli, formato alla scuola di Raffaello Causa, Mario Napoli, Francesco Arnaldi ed Ernesto Pontieri, storico dell’arte, medievalista, museologo, ispettore onorario per i monumenti e le opere di archeologia e d’arte dello Stato, docente incaricato nella Scuola di Paleografia Latina dell’Archivio di Stato di Napoli, il prof. Galasso ha reso il Museo del Sannio uno dei primi centri di studi transdisciplinari d’Italia. Egli infatti ne ha programmato la ristrutturazione della sede monumentale, arricchendone le raccolte con decine di migliaia di opere e organizzandovi quattro Dipartimenti operativi: Archeologia, Medievalistica, Arte e Storia, affiancati da due Centri di Ricerca (Bibliografia e Immagine), una Biblioteca specializzata, un Laboratorio Fotografico e una Sezione Didattica. Inoltre, il prof. Galasso ha istituito la documentazione e la sezione didattica dell’Arco di Traiano nella chiesa altomedievale di Sant’Ilario a Port’Aurea aggregata per decisione del Consiglio Provinciale, su sua proposta e progetto scientifico, al Museo del Sannio, oggi ricompresa nella Rete Museale della Provincia di Benevento. Il prof. Galasso ha continuato a profondere energie psico-fisiche a favore del Museo del Sannio allorché nel 2008 è stato chiamato a svolgere il ruolo di coordinatore scientifico per il riallestimento della sezione longobarda e delle sale espositive,  finalizzato alla candidatura della chiesa di Santa Sofia e annesso museo alla Lista del Patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO, iscrizione avvenuta nel 2011.
Benevento 20 ottobre 2020.

TOCCO CAUDIO (BN): RISPETTO MISURE ANTICONTAGIO. CARABINIERI INTERVENGONO IN UNA FESTA DI OLTRE 50 PERSONE. SANZIONATI ORGANIZZATORE E TITOLARE DELLA SALA RICEVIMENTI.
I Carabinieri della Stazione di Cautano (BN), a seguito di una segnalazione di un cittadino giunta al 112, sono intervenuti presso un ristorante in contrada Serra di Tocco Caudio, dove era stata segnalata una festa per una prima comunione, a cui partecipavano alcune decine di persone. In effetti, all’arrivo della prima pattuglia dei Carabinieri della locale Stazione si è potuto constatare un fuggi fuggi generale di persone dalla sala di ricevimento, mentre con il supporto di altro personale della Stazione CC di Vitulano, i militari sono riusciti a contenere i circa 30 invitati rimasti alla riunione conviviale e, pertanto:
- al padre della bimba festeggiata, organizzatore dell’evento, è stato contestata l’infrazione amministrativa di aver organizzato una cena con la partecipazione di persone estranee al proprio nucleo familiare;
- mentre il titolare del ristorante è stato sanzionato per aver consentito lo svolgimento di tale festa,
in violazione dell’ordinanza regionale n.79 del Presidente della Regione Campania, del 15 ottobre 2020 per il contenimento del contagio dal COVID-19.  Al ristoratore è stata notificata, inoltre, l’ordinanza provvisoria di chiusura per 5 giorni
Cautano 19 ottobre 2020

SCUOLE CHIUSE IN CAMPANIA, I SINDACI: “PROVVEDIMENTO INSENSATO E CONTROPRODUCENTE”
L’ASMEL, Associazione che riunisce oltre 3.300 Comuni di tutta Italia, tra cui quasi tutti quelli campani, si schiera contro l’ordinanza del governatore De Luca che chiude le scuole primarie e secondarie fino al 30 ottobre. “Le scuole sono l’ultima istituzione a dover chiudere - spiega Francesco Pinto, segretario generale ASMEL - finanche in stato di guerra. La soluzione di De Luca va al di là di qualsiasi logica. I dati ufficiali indicano che le scuole sono il luogo più sicuro contro i contagi, al pari dei posti di lavoro, tutti molto attrezzati al riguardo. Al contrario, sono i mezzi pubblici dove la gente è letteralmente ammassata, la fonte di sicuro contagio. I titolari di bus privati, parcheggiati nelle autorimesse per assenza di clienti e turisti, sarebbero ben lieti di essere precettati, per potenziare il trasporto pubblico.”
ASMEL chiede che il Governo autorizzi i Comuni a intervenire con un provvedimento ad horas che indichi risorse e tariffe di rimborso.
“I Sindaci”, insiste Pinto, “come sempre, sapranno intervenire subito come in ogni occasione di emergenza”.
Napoli 15 ottobre 2020
BENEVENTO: CONTROLLI STRAORDINARI E PERQUISIZIONI DEI CARABINIERI IN TUTTA LA PROVINCIA.
QUASI 2KG E MEZZO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E 5 FUCILI CON RELATIVE MUNIZIONI SEQUESTRATI
1  PERSONA ARRESTATA;
6  PERSONE DENUNCIATE;
3  FOGLI DI VIA OBBLIGATORI
1 PERSONA SEGNALATA PER USO PERSONALE DI SOSTANZE STUPEFACENTI
    Nella prima mattinata di oggi, i Carabinieri del Comando Provinciale di Benevento  hanno dato vita ad una vasta operazione che ha coinvolto 120 militari, coadiuvati da unità specializzate, cinofili e squadre di intervento operativo provenienti da Napoli, L’azione dei militari dell’Arma è stata pianificata per un controllo a tappeto in particolare nelle zone a maggior impatto criminale, con l’obiettivo di intercettare armi, stupefacenti e refurtiva proveniente da furti perpetrati nelle settimane precedenti. I militari hanno operato in totale 30 perquisizioni domiciliari e numerose perquisizioni a persone e veicoli.
In particolare nell’ambito del capoluogo e del suo hinterland, i carabinieri della Compagnia di Benevento hanno focalizzato la loro attenzione soprattutto al rione libertà di questo capoluogo, dove:
  • hanno tratto in arresto un 57 ANNI di Benevento, con precedenti specifici, in quanto nel corso di perquisizione domiciliare sono stati Kg 1,685 di “hashish”, che venivano sottoposti a sequestro penale. L’arrestato, dopo le consuete formalità e su disposizione del Sostituto Procuratore di turno, è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari;
  • hanno segnalato alla locale Prefettura, per uso personale di stupefacenti, un 29enne, poiché trovato in possesso di alcuni grammi di “hashish”;
  • hanno sequestrato ulteriori 653 gr. della medesima sostanza stupefacente, che erano stati opportunamente celati nello scantinato  di uno stabile condominiale;
  • In Valle Caudina, i Carabinieri della Compagnia di Montesarchio, ad Arpaia, hanno rinvenuto in un’intercapedine condominiale una busta di cellophane contenente 31 cartucce, di cui 5 a palla singola e 3 a pallettoni, insieme a circa 7 grammi di marijuana.  
    Nella Valle Telesina, i reparti della Compagnia di Cerreto Sannita, a Faicchio, nell’abitazione di un pregiudicato 31enne, hanno rinvenuto, all’interno di un bagno, una piantina di marijuana di circa 20 cm, comprensiva di tutta l’attrezzatura per la coltivazione, compresa una lampada elettrica e, pertanto, il 31enne, è stato deferito in stato di libertà per detenzione di sostanze stupefacenti.
    Nell’area del Fortore, di competenza della Compagnia di San Bartolomeo in Galdo, i militari dell’Arma hanno deferito in stato di libertà:
    • una donna 65 enne coltivatrice diretta di Foiano Valfortore, poiché in un terreno di sua proprietà aveva realizzato un allaccio abusivo, privo di misuratore, alla conduttura idraulica principale.  
  • un 62 enne di Castelfranco in Miscano ed un 69enne di Castelpagano  per omessa custodia di armi perché custodivano impropriamente i propri fucili da caccia, armi sequestrate.
  • un 35 enne di Castelpagano per detenzione illegale di cartucce ,poiché nella perquisizione del suo garage sono state rinvenute e sequestrate alcune cartucce a pallettoni ed a palla singola;
  • un 50 enne di Cerignola per furto e ricettazione di attrezzi agricoli e materiale ferroso asportati da un fondo;
  • Nel corso dei servizi nella Valfortore sono stati segnalati anche 3 pregiudicati per il foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno per tre anni, due di Acerra (NA) ed uno di Cerignola (FG), che non davano una giustificazione plausibile della loro presenza in quei territori.
    Benevento 15 ottobre 2020

    FIRMATO IL CONTRATTO D'APPALTO PER IL NUOVO EDIFICIO AL "MARIO VETRONE"
    Firmato oggi, alla Rocca dei Rettori, il contratto d’appalto tra la Provincia e il “Consorzio Stabile Ganosis – società consortile a r.l.” con sede in San Leucio del Sannio (BN), vincitrice dell’appalto per i lavori di costruzione all’interno dell’area scolastica dell’esistente Istituto Agrario “Mario Vetrone” di Benevento di un nuovo edificio scolastico.
    Lo comunica il Presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, che ha sottolineato come tale contratto si inserisca nel contesto di un pacchetto di oltre una decina di imponenti lavori di edilizia scolastica che la sua Amministrazione intende avviare entro la fine dell’anno nel rispetto del cronoprogramma e delle scadenze stabilite.
    Il nuovo edificio insisterà nell’area di ctr. Piano Cappelle del capoluogo sannita, ove l’Istituto Agrario “Vetrone” ha la propria sede e che verrà dunque arricchita di un nuovo plesso.
    L’importo dell’opera, secondo i termini della gara d’appalto, è stato quantificato in € 3.519.030,91 e l’edificio dovrà essere consegnato in 432 giorni naturali consecutivi a decorrere dalla data del verbale di consegna dei lavori.
    “Stiamo affidando proprio in questi giorni” – ha commentato il Presidente Di Maria – “un nutrito pacchetto di lavori destinati ad incidere profondamente sul complesso del patrimonio edile della Scuola Secondaria Superiore, nonché ad immettere denaro fresco nel circuito economico provinciale. L’intervento presso l’Istituto Agrario, intitolato alla prestigiosa figura di Mario Vetrone, è per noi particolarmente significativo in quanto rilancia ruolo e funzione di una delle realtà più belle ed importanti della realtà sannita”.
    Benevento 15 ottobre 2020

    PRESENTAZIONE PROGETTO MESSA IN SICUREZZA FIUME CALORE IN LOC. PANTANO DI BENEVENTO
    A cinque anni dalla disastrosa alluvione dell’ottobre del 2015, il Presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, ha voluto ricordare con un gesto simbolico quegli eventi che colpirono, di fatto, tutto il territorio provinciale.
    Il Presidente Di Maria infatti ha disposto affinché fosse illustrato ai cittadini di una delle aree più martoriate, quella di località Pantano nel capoluogo sannita, il “Progetto per la realizzazione degli interventi per la messa in sicurezza e ripristino della sezione idraulica del fiume Calore nella confluenza con il fiume Sabato, in località Pantano”, inserito nel programma triennale delle Opere pubbliche, di recente approvato dal Consiglio Provinciale.
    La presentazione avverrà, domani 16 ottobre 2020, nella Sala Giunta della Rocca dei Rettori, alle 10.30, ove si riunirà il “Tavolo di confronto” con dirigenti e tecnici della Provincia. Il Presidente Di Maria ha voluto che all’incontro partecipi una delegazione del Comitato di quartiere Pantano, con la cui presidente, Rita Velardi e gli altri componenti, si è più volte incontrato nei mesi scorsi, per illustrare metodologie e procedure per la messa in sicurezza di quell’area fluviale e alluvionale che, da tempo, aspetta provvedimenti capaci di mettere fine a un gravoso stato di incertezza e insicurezza.
    Benevento, 15 ottobre 2020


    Cominciato il restauro delle tele di Donato Piperno al Museo del Sannio
    Si avvia il restauro per le opere del Piperno al Museo del Sannio. Sopralluogo, stamani, dei tecnici della Soprintendenza Archeologica di Caserta e Benevento, presso la Pinacoteca dell’Istituto culturale di piazza Giacomo Matteotti. Con loro, nella sala centrale del prestigioso polo della Rete Museale della Provincia di Benevento i rappresentanti della Ditta che dovrà procedere al restauro di quattro delle tele di Donato Piperno, pittore beneventano, attivo nella seconda metà del XVI secolo, vissuto a diretto contatto con l’arte di Raffaello, che seppe reinterpretare in maniera matura ed elegante.  Il maquillage riguarderà i dipinti raffiguranti “Sant'Orsola e le pie vergini”, la “Madonna col Bambino e Santi”, “San Mercurio che trafigge Giuliano l'Apostata” e la “Trinità con i santi Aniello e Onofrio”.  I lavori, che si annunciano particolarmente delicati e che dovranno essere portati a termine entro sette mesi, sono finanziati con il “Fondo edifici di culto” del Ministero dell’Interno, trattandosi di opere originariamente collocate nell’attigua chiesa di Santa Sofia.  Particolare soddisfazione per l’avvio del restauro è stata espressa da Antonio Di Maria, presidente della Provincia di Benevento che, per il tramite della partecipata Sannio Europa, gestisce l’intera rete museale del capoluogo. «È un ulteriore tassello – ha detto Di Maria - del processo di crescita e di consolidamento del nostro patrimonio artistico, che ci consentirà di migliorare e rendere attrattiva, la nostra offerta culturale che, a maggior ragione in questa fase, riteniamo strategica per il rilancio turistico ed economico del territorio sannita».
    Nelle foto: Nella Pinacoteca del Museo del Sannio si avvia il resauro
    Benevento 14 ottobre 2020
    DI MARIA: "PRIORITA' ALLE SCUOLE NEGLI ALLACCI DELLA BANDA ULTRALARGA A FIBRA OTTICA"
    Il Presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, ha chiesto sia data priorità alle Scuole di ogni ordine e grado nei lavori di allaccio della banda ultralarga in corso di realizzazione in questi mesi nei Comuni sanniti. In una lettera inviata alla Open Fibra, la Società Concessionaria individuata da Infratel Italia SpA per la posa della rete a fibra ottica in tutto il territorio nazionale ed anche nelle cosiddette “aree bianche”, deboli e marginali, talora prive persino della più obsoleta infrastrutturazione immateriale, Di Maria ha sollecitato la massima attenzione rispetto ad «un problema di pressante attualità legato, com’è, all’evolversi, purtroppo negativo, della pandemia da COVID-19», ovvero «la necessità di collegamenti informatici veloci» nelle aree che ne sono sprovviste. Tale necessità, ha scritto Di Maria a Gianfranco Guerrera, Regional Manager Sud Campania e Basilicata di Open Fibra, «si è ancora di più manifestata durante il periodo del “lockdown”, in concomitanza con l’attivazione da parte delle Scuole dei corsi di didattica a distanza». L’accesso alla didattica a distanza è tuttavia risultato talora difficoltoso in alcune realtà creando evidentemente una disparità di trattamento per gli studenti che è inaccettabile.
    Il Presidente della Provincia sannita si è richiamato ai «protocolli adottati a seguito delle Linee guida del MIUR i quali prevedono, tra l’altro, che, nel caso di quarantena, la Scuola inneschi le procedure previste per la didattica digitale integrata, intesa sia quale metodologia innovativa di insegnamento-apprendimento rivolta a tutti gli alunni, sia quale modalità didattica complementare capace, con l’ausilio di piattaforme digitali e delle nuove tecnologie, di integrare o, in condizioni di emergenza quale appunto la quarantena, di sostituire la tradizionale esperienza di scuola in presenza». Ebbene, dato per scontato che tutti ritengono strategico il ruolo e la funzione della Scuola nella società civile e segnatamente nei piccoli centri della dorsale appenninica, il Presidente Di Maria ha chiesto a Guerrera che «sia favorita, nei limiti del possibile, la predisposizione della rete a banda ultralarga prioritariamente nelle aree ove insistono gli edifici scolastici in modo da fornire un servizio efficiente in caso di ampia attivazione della didattica a distanza».
    Con l’occasione di questa sollecitazione, Di Maria ha anche chiesto un report sullo stato di attuazione degli interventi effettuati per il collegamento degli Istituti Scolastici di Secondo grado ubicati nel Comune capoluogo e negli altri comuni di questa Provincia di Benevento.
    Benevento 13 ottobre 2020

    Ora solare, quando spostare le lancette. Il cambio d'ora avverrà nella notte tra il 24 e il 25 ottobre
    Nella notte tra il 24 e 25 ottobre 2020 le lancette dell’orologio dovranno essere spostate indietro di un’ora, precisamente dalle ore 3:00 alle 2:00. Risultato? Potremo dormire un'ora in più, la mattina ci sarà più luce ma il pomeriggio farà buio prima.
    Ritorneremo a godere della luce del sole fino a sera quando ritornerà l’ora legale, che dovrebbe avvenire l’ultimo week end di marzo 2021, ma il condizionale è d'obbligo.
    Benevento 13 ottobre 2020.


    Domenica 18 ottobre ore 10:00
    Napoli Liberty “N’aria ‘e primmavera”
    Visita guidata alla mostra
    L’Associazione culturale locus iste propone una visita guidata che ha l’intento di raccontare il breve eppure profondo mutamento artistico e sociale che a fine ‘800 caratterizzò l’Europa e l’Italia. Con più di settanta opere, tra dipinti, sculture, gioielli e manifatture varie, la mostra in oggetto vuole mettere in luce il rapporto tra la città di Napoli e l’Art Nouveau nel periodo che va dal 1889 al 1915. Vedremo come la diffusione dello stile floreale abbia determinato un rinnovamento non soltanto nelle arti cosiddette maggiori come la pittura e la scultura, ma anche in quelle applicate con specifico riferimento a mobili, oggetti d’arredo, oreficeria, grafica, nell’urbanistica e nell’edilizia. Una vera ventata di giovinezza, proprio “n’ aria ‘e primmavera” come quella che soffia nei popolarissimi versi della lirica Marzo (1898) di Salvatore Di Giacomo.
    Appuntamento: esterno palazzo Zevallos Stigliano, via Toledo 185
    Su richiesta degli organizzatori, la visita guidata avrà una durata tassativa di 75 minuti e prevederà un numero ristrettissimo di partecipanti. La prenotazione è obbligatoria. Le disdette dovranno avvenire entro due giorni dall’evento per dare possibilità ad altri di partecipare.
    Prenotazioni: 3472374210  oppure  locusisteinfo@gmail.com
    Le informazioni complete di tutte le visite guidate sono sul sito
    www.locusisteblog.wordpress.com
    Napoli 12 ottobre 2020

    IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA SI COMPLIMENTA CON LA BENEVENTANA SARA PERRELLA CHE LAVORA PER IL WFP, PREMIO NOBEL PER LA PACE 2020
    Antonio Di Maria, Presidente della Provincia di Benevento, ha inviato un messaggio alla concittadina beneventana Sara Perrella, impegnata da anni a lavorare con il World Food Programme delle Nazioni Unite, per esprimere il più vivo compiacimento suo personale e dell’Ente Provincia per l’elevato contributo da lei recato all’Organizzazione cui è stato riconosciuto il Premio Nobel per la Pace 2020.
    Lo WFP, ha ricordato Di Maria, è una grande organizzazione umanitaria, impegnata a salvare vite nelle emergenze, promuovere il benessere e sostenere un futuro sostenibile per le popolazioni che si stanno riprendendo da conflitti, disastri e dall’impatto del cambiamento climatico.
    Il Nobel per la Pace 2020 è andato, dunque, a questa Agenzia dell’Onu per la risposta che ha voluto e saputo alle emergenze e crisi in tutto il mondo con tecnologie e assistenza digitale per le genti più duramente colpite dalle diseguaglianze economiche globali, dalla fame, dalla sete, dalle crisi geopolitiche.
    Come ha dichiarato l’Executive Director  di WFP, il prestigioso ed insigne riconoscimento del Nobel della Pace è andato «al lavoro dello staff del WFP che dedica ogni giorno della propria vita a portare cibo e assistenza a circa 100 milioni di donne, uomini e bambini che hanno fame nel mondo». Ebbene, in questo formidabile gruppo di lavoro, ha dichiarato Di Maria, tra le altre persone del beneventano, spicca la figura di Sara Perrella, «una concittadina impegnata nella risposta alle emergenze e crisi in tutto il mondo con tecnologie e assistenza digitale per le popolazioni colpite», in omaggio ai valori fondamentali di integrità, umanità e inclusione  che animano il WFP. «Sono davvero orgoglioso», ha commentato Di Maria, «di poter annoverare tra i miei concittadini una persona che professa quotidianamente così elevate qualità a difesa e tutela di chi è più debole e fragile nel mondo».
    Benevento, 12 ottobre 2020.



    BENEVENTO: I CARABINIERI ARRESTANO UN AUTOTRASPORTATORE  SU MANDATO DI ARRESTO EUROPEO.
     
          Nella tarda serata di ieri, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Benevento, in esecuzione di mandato di arresto europeo dell’Autorità Giudiziaria del Belgio, dopo averlo rintracciato, hanno tratto in arresto un autotrasportatore 49enne di San Nicola Manfredi, in quanto ritenuto responsabile del reato di associazione a delinquere finalizzata alla tratta di esseri umani aggravata. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato associato alla Casa Circondariale di Benevento a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
    Benevento 12 Ottobre 2020

    BENEVENTO: LITE TRA ALCUNI GIOVANI - 5 FERITI   CARABINIERI E POLIZIA DI STATO HANNO ARRESTATO PADRE E FIGLIO PER LESIONI AGGRAVATE E PORTO ABUSIVO DI ARMI.
    Questa notte, poco dopo l’una sono giunte numerose chiamate ai numeri di Pronto intervento 112 e 113 del Comando Provinciale Carabinieri e della Questura; i cittadini segnalavano a Piazza Risorgimento una violenta lite tra alcuni giovani; le richieste di aiuto erano ripetute e concitate  e indicavano anche la presenza di alcuni giovani feriti.  Sul posto sono giunti prontamente equipaggi della Polizia di Stato e dei Carabinieri; l’intervento congiunto delle forze di polizia cittadine è stato coordinato dalle rispettive centrali operative, la Polizia di Stato, in piazza Risorgimento ha subito individuato e bloccato un uomo, mentre brandiva una “Katana” all’indirizzo dei giovani presenti per strada. L’uomo alla vista degli agenti ha cercato di disfarsi dell’spada e di darsi alla fuga venendo subito bloccato ed identificato dagli agenti; è un sessantenne di Benevento, già noto per i suoi trascorsi penali. Rinvenuta e sequestrata anche la spada di marca giapponese, lunga 80 cm con lama affilata.  I carabinieri invece hanno dirottato il primo intervento presso l’istituto scolastico Mazzini, ove secondo le indicazioni dei cittadini era presente un altro uomo che aveva aggredito i presenti, i militari appena giunti hanno bloccato il fuggitivo che è stato identificato in un beneventano di circa 37 anni, figlio del sessantenne bloccato a Piazza Risorgimento.    Nel  corso della notte sono scattate le indagini, Polizia e Carabinieri hanno sentito molti testimoni oculari presenti per strada al momento dei fatti.  I feriti sono cinque, quattro vittime della violenza dei due uomini. Tutti sono stati soccorsi e trasportati presso i due ospedali di Benevento, mentre dai primi accertamenti effettuati, sentendo i ragazzi feriti, si è accertata la responsabilità di quanto accaduto del 60enne fermato il quale avrebbe provocato le lesioni con la suddetta arma e del figlio di anni 37 che nel colpire ripetutamente i passanti ha riportato a suo volta delle lesioni non gravi. Anche gli altri quattro feriti sono in buone condizioni, tre sono stati dimessi mentre uno è in osservazione all’Ospedale San Pio di questo capoluogo. Sulla scorta di quanto accertato, i due, padre e figlio, sono stati tratti in arresto con l’accusa di lesioni aggravate e porto abusivo di armi e oggetti atti ad offendere; su disposizione del Sostituto Procuratore di Turno presso la Procura della Repubblica di Benevento, d.ssa Capitanio, sono stati accompagnati presso la rispettive abitazione, in regime di detenzione domiciliare.  Sono in corso le indagini di Carabinieri e Polizia per ricostruire l’esatta dinamica dell’episodio, ma sembra verosimile che dapprima ci sia stata una lite tra i giovani e successivamente l’uomo 60 enne, padre di uno dei contendenti, sia intervenuto in aiuto del figlio.
    Notte di spavento per i beneventani  che si è risolta grazie alle tempestive segnalazioni dei cittadini ed alla sinergia tra le forze dell’ordine.
    Benevento 11 ottobre 2020
    Esecuzione ad un’ordinanza emessa dal locale Giudice per le Indagini Preliminari
    Nella mattinata del 10 ottobre 2020 personale della Stazione Carabinieri di Solopaca (BN) ha dato esecuzione ad un’ordinanza emessa dal locale Giudice per le Indagini Preliminari, su richiesta di questa Procura della Repubblica, che dispone la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di una donna 45enne di Frasso Telesino (BN).
    L’attività di indagine ha avuto inizio nel mese di marzo 2019 ed ha consentito di accertare che l’indagata aveva creato una vera e propria distribuzione mediante consegna “porta a porta” di stupefacenti di vario genere. Nell’ambito dello stesso contesto operativo venivano segnalati all’autorità amministrativa, per uso personale di droga, numerosi consumatori giovanissimi, tra cui molti studenti, della intera valle telesina. L’odierna attività testimonia ancora una volta la capillare attività che i militari dell’Arma della Compagnia di Cerreto Sannita quotidianamente dispiegano al fine di garantire sicurezza e rispetto della legalità.
    Benevento, 10 ottobre 2020
    PANNARANO (BN): CARABINIERI ARRESTANO PREGIUDICATO PER EVASIONE DAGLI ARRESTI DOMICILIARI, MINACCIA AGGRAVATA A P.U. E RESISTENZA A P.U..
    Nella tarda serata di ieri, in Pannarano (BN), militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia CC di Montesarchio (BN) e della Stazione CC di Montesarchio (BN), nel corso di servizio di controllo del territorio, a seguito di una richiesta pervenuta al numero di emergenza 112, sono intervenuti presso l’abitazione di un noto pregiudicato 27enne del posto che veniva trovato all’interno della sua abitazione nonostante fosse sottoposto agli arresti domiciliari presso una struttura di Castelvolturno (CE). Lo stesso, alla vista dei militari, sia armava di un coltello di grosse dimensioni e iniziava a minacciare gli operanti. Successivamente si puntava l’arma alla gola intimando ai militari di allontanarsi altrimenti si sarebbe ammazzato e, approfittando della situazione, riusciva a darsi alla fuga portando al seguito il coltello.
    L’attività di ricerca immediatamente disposta con l’ausilio di altri equipaggi, permetteva ai militari d’intercettare il fuggitivo che veniva bloccato e tratto in arresto per i reati di evasione, minaccia aggravata a P.U. e resistenza a P.U..
    L’arrestato, espletate le formalità di rito, veniva associato presso la Casa Circondariale di Benevento a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
    Montesarchio (BN), 10 ottobre 2020

        
    Continuano i controlli dei Carabinieri Forestale nei settori di maggior interesse in relazione alla tutela del consumatore e della salute pubblica.
    I Carabinieri Forestale della stazione di Telese Terme (BN) in collaborazione con il personale della Capitaneria di Porto di Torre del Greco (NA), nella giornata del 09.10.2020 hanno sequestrato circa kg 30 di prodotti ittici ed elevato sanzione per euro 3000 riscontrando carenze in materia di tracciabilita’ degli alimenti. I Carabinieri Forestale ricoprono un ruolo centrale nella tracciatura degli alimenti in stretta correlazione con la tutela della salute.
    Benevento 10 ottobre 2020


    Torna ai contenuti | Torna al menu