ILTABURNO

Vai ai contenuti

Menu principale:

San Gennaro 2020, programma della festa. Orari e dove vederla in tv
Il 19 settembre Napoli si ferma per le tradizionali celebrazioni del Santo Patrono della città: ecco il programma dell’evento e le dirette televisive per seguirlo da casa
Luminarie per le strade della città, usanze che hanno tradizioni antichissime, la messa nel Duomo di Napoli, il rito che si rinnova ogni anno con lo scioglimento del sangue del Santo nell’ampolla che lo conserva. Scopriamo quali sono gli eventi in programma nella giornata dedicata a San Gennaro e dove vederli in tv.
La cerimonia nel Duomo di Napoli
L’evento più importante che cattura ogni anno l’attenzione dei cittadini di Napoli e dei tanti partenopei che vivono in Italia e nel mondo è senza dubbio la cerimonia che si svolge il 19 settembre - giorno in cui si festeggia San Gennaro - nel Duomo di Napoli e termina con l’annuncio della liquefazione del sangue del Santo. Una tradizione antica che prevede l’estrazione di un’ampolla che contiene il sangue del Patrono della città da una nicchia della reale cappella del Tesoro di San Gennaro, nel Duomo di Napoli, e la successiva esibizione ai fedeli.
Anche per il 2020 sarà il cardinale Crescenzio Sepe a officiare la cerimonia e dare l’annuncio dell’avvenuto scioglimento ai fedeli. Le norme anti covid prevedono degli ingressi contingentati in chiesa (600 persone potranno assistere al miracolo, di cui 200 all’interno del Duomo, 300 sul Sagrato e 100 in Santa Restituta) e quindi sarà ancora più importante la diretta televisiva dell’evento, assicurata dalle emittenti canale 21 e TV 2000.
Gli altri eventi in città
Oltre alle luminarie, accese in via Duomo dallo scorso 11 settembre in onore di San Gennaro, ci sono altri eventi per celebrare la festa dedicata al Patrono di Napoli. Tra le più interessanti c’è il tradizionale Concerto del conservatorio cittadino che si svolge nella Cattedrale, previsto per il prossimo 23 settembre alle ore 20:00.
Domenica 27 settembre è prevista una staffetta tra le strade cittadine, con partenza dal sagrato del Duomo alle ore 9.
Nella giornata di sabato 19 settembre, infine, è previsto, presso la Casa del Mandolino Napoletano, un concerto di Canzoni Classiche Napoletane dalle origini fino alla metà del Novecento, intitolato San Gennà Pienzace Tu e dedicato alla musica partenopea.
Napoli 18 settembre 2020

I Carabinieri Forestali ha chiuso una paninoteca a Telese Terme
I Carabinieri della Stazione Forstale di Telese Terme operanti nell’ambito degli accertamenti relativi all’etichettatura ed alla tracciabilità degli alimenti, a seguito di mirati controlli per la tutela della salute pubblica, hanno psto sotto sequestro alimenti destinati al consumo umano per circa Kg 50, rinvenuti senza indicazioni di tracking presso una nota paninoteca in Telerse Terme. L’ispezione effettuata ha avuto come obiettivo anche la verifica dei requisiti igienico sanitari, basilari nel campo della somministrazione alimentare. L’intento dei Carabinieri Forestale ha determinato la sospensione e la chiusura immediata dell’attività in attesa di un adeguamento alle vigenti norme che regolano la materia.
Telese terme 18 settembre 2020

DUE UOMINI DENUNCIATI PER COLTIVAZIONE DI PIANTE DI MARIJUANA E DETENZIONE ILLEGALE DI SOSTANZA STUPEFACENTI.
I CARABINIERI DELLA COMPAGNIA DI CERRETO SANNITA NEL CORSO DI UN SERVIZIO DI CONTRASTO ALL’USO E ALLO SPACCIO DI SOSTANZE STUPEFACENTI HANNO DENUNCIATO DUE PERSONE PER COLTIVAZIONE E DETENZIONE ILLEGALE DI SOSTANZE STUPEFACENTI.
  • in San Lorenzello (BN) un 50enne del luogo, già noto alle forze dell’ordine, a seguito di perquisizione personale e domiciliare è stato trovato in possesso di quattro grandi vasi nei quali insisteva una coltivazione di 60 piante di cannabis indica, di varie altezze comprese tra i 10 e 50 cm, rinvenuti su un terrazzo dell’abitazione e vari prodotti e componenti per la produzione (innaffiatoio, termometro, fertilizzante ed altro), nonché  300 semi della stessa sostanza e gr. 3,5 di marijuana occultati nella camera da letto;
  • in Morcone (BN) un 55enne del luogo, già noto alle forze dell’ordine a seguito di perquisizione personale e domiciliare, è stato trovato in possesso di tre piante, invasate, di cannabis indica, di varie altezze comprese tra 1,20 e 1,50 metri, rinvenute nel giardino retrostante di pertinenza dell’abitazione e gr. 0,5 di eroina, nascosti nella camera da letto.
  • La droga, le piante e il materiale vario sono stati sottoposti a sequestro, mentre le due persone sono state denunciate in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Benevento per coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti.
    Benevento 18 settembre 2020

    CEPPALONI: CONTROLLI DEI CARABINIERI CHE HANNO DENUNCIATO DUE PREGIUDICATI NAPOLETANI SORPRESI DAI CARABINIERI CON JAMMER E ARNESI DA SCASSO. I DUE SONO STATI ANCHE SEGNALATI PER IL FOGLIO DI VIA OBBLIGATORIO
    Nel corso dei servizi di controllo del territorio dei carabinieri della Compagnia di Montesarchio, in territorio di Ceppaloni, l’altro pomeriggio, i militari della Stazione di quel centro hanno proceduto al controllo di due persone sospette che si aggiravano lungo la Strada Statale 7 Appia, nei pressi del deposito di tabacchi e prodotti del monopolio dello Stato. I carabinieri hanno identificato due pregiudicati partenopei per reati contro il patrimonio, un 56enne ed un 50 enne e, da un controllo più approfondito del veicolo su cui viaggiavano, hanno rinvenuto attrezzi atti allo scasso, chiavi alterate e, in particolare, un congegno disturbatore di frequenze onde radio c.d. “jammer” occultato dietro il filtro dell’aria posto nel vano portaoggetti dell’auto. Pertanto, i due sono stati denunciati in stato di libertà alla locale Procura della Repubblica per possesso ingiustificato di attrezzi atti allo scasso e chiavi alterate, contestualmente i due pregiudicati sono stati segnalati per l’applicazione della misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio con divieto di far ritorno nel comune di Ceppaloni, in quanto si aggiravano senza giustificato motivo nei pressi di quel magazzino di tabacchi dove, in passato, sono stati consumati alcuni furti.
    Benevento 218 settembre 2020

    IL PRESIDENTE DEL BENEVENTO CALCIO VIGORITO RICEVUTO DAL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI MARIA ALLA ROCCA DEI RETTORI
    Il Presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, ha ricevuto stamani alla Rocca dei Rettori il Presidente del Benevento Calcio Oreste Vigorito.
    All’incontro, svoltosi nella Sala del Presidente, erano presenti anche il Direttore Generale della Provincia Nicola Boccalone ed il Capo staff Renato Parente.
    Di Maria ha voluto innanzitutto, nell’imminenza dell’avvio del Campionato di Calcio di Serie A, complimentarsi personalmente con il Presidente Vigorito per il ritorno in Serie A della squadra beneventana e formulare gli auguri per questa nuova e prestigiosa sfida sportiva.  
    Nel corso del colloquio, poi, sono state affrontati numerosi argomenti attinenti la possibile ricaduta positiva sul territorio provinciale della militanza in Serie A del Benevento Calcio.
    Di Maria, infatti, ha rappresentato al Presidente Vigorito le proprie convinzioni circa il potenziale traino per la rinascita e lo sviluppo del territorio sannita costituito dal fatto stesso che il Benevento Calcio militi nel massimo Campionato.
    Su tali basi, a giudizio di Di Maria, sono auspicabili momenti di riflessione comune con il Presidente del Benevento Calcio ai fini di una collaborazione istituzionale che consenta di giungere ad un percorso comune capace di riscoprire, valorizzare ed esaltare le radici storiche, culturali, enogastronomiche, ovvero lo straordinario patrimonio che il Sannio tutto vanta.
    Il Presidente Vigorito, nel dichiarare di accogliere positivamente le sollecitazioni di Di Maria, si è detto pronto a concretizzare tali prospettive con interventi sinergici con la Provincia.
    Al termine dell’incontro, si è pertanto concordato che vi saranno ulteriori incontri volti a definire un’idea – progetto capace di fare sintesi sulle numerose opzioni individuate già nel corso della riunione odierna al fine di esaltare le specificità e le unicità del Sannio tutto.
    Benevento 17 settembre 2020
    BENEVENTO: PROMOSSI DUE UFFICIALI DEL COMANDO PROVINCIALE CARABINIERI DI BENEVENTO  
    Il Comandante Provinciale ha comunicato ufficialmente e consegnato simbolicamente i gradi ai Comandanti delle Compagnie di Benevento e Montesarchio.
    Da oggi il Comandante della Compagnia Carabinieri di Montesarchio, già Maggiore Leonardo MADARO, a tre anni esatti dal suo insediamento nel centro caudino indossa i gradi da Tenente Colonnello.
    Il comandante della Compagnia di Benevento, Capitano Vincenzo FALCE, giunto nel capoluogo nel settembre 2018, è stato promosso Maggiore.   
        Ai due Ufficiali Superiori, distintisi per qualità e professionalità, punti di riferimento per i reparti dipendenti, vanno le congratulazioni per la promozione raggiunta del Comandante Provinciale Col. Germano Passafiume, dei propri colleghi e di tutto il personale dell’Arma di Benevento.
    Benevento 16 settembre 2020

    "NEL SEGNO DI MANARA": MOSTRA ANTOLOGICA DI MILO MANARA ALLA ROCCA DEI RETTORI
    La Regione Campania presenta: “NEL SEGNO DI MANARA” presso la Rocca dei Rettori di Benevento dal 2 ottobre - 29 novembre 2020.
    Apre il 2 ottobre, alla Rocca dei Rettori di Benevento, la grande mostra antologica Nel Segno di Manara (2 ottobre - 29 novembre 2020), nell'ambito del programma "COMICON Extra", realizzato grazie al sostegno della Regione Campania. La mostra del Maestro Manara, in particolare, si svolge anche grazie al supporto della Provincia di Benevento e di Sannio Europa, Società partecipata.
    L'esposizione, che ha già riscosso grande successo con la tappa bolognese, è curata da COMICON e propone un percorso espositivo di circa 60/70 opere, suddiviso in sette sezioni, che abbraccia sia la produzione a fumetti di Manara che il suo lavoro come illustratore per la stampa, il cinema e la pubblicità. Una mostra che vuole celebrare gli oltre 50 anni di carriera del Maestro dell’Eros, grazie a un excursus che va dal suo ultimo fumetto Il Caravaggio ai ritratti di Brigitte Bardot, dalle illustrazioni dedicate a Mozart e allo Zodiaco fino alle tavole delle celebri opere a fumetti realizzate con Hugo Pratt. Un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati della Nona Arte e non solo.
    La mostra è accompagnata dal ricco catalogo Nel Segno di Manara, pubblicato da COMICON Edizioni, che ripercorre la lunga e fortunata carriera del Maestro di Luson attraverso otto sezioni che seguono idealmente la struttura della mostra espositiva. Oltre a un’esauriente bibliografia ragionata e a una preziosa cronologia delle numerose mostre dedicate a Manara in Italia e all’estero, il volume contiene le tavole di due storie inedite pubblicate in Francia e mai apparse prima in Italia.
    COMICON Extra, di cui Nel Segno di Manara a Benevento fa parte, è un progetto di promozione della cultura del fumetto su tutto il territorio campano. Tra le diverse attività online e dal vivo, offre un vasto programma di mostre, fra le quali: Nel segno di Manara a Benevento, Giuseppe Camuncoli, da Spider-Man a Star Wars ad Avellino, 5 è il numero perfetto a Caserta, Manga Made in Italy a Napoli. COMICON Extra è un’iniziativa ideata da COMICON e realizzata grazie al contributo della Regione Campania. La mostra Nel Segno di Manara è stata realizzata in collaborazione con la Provincia di Benevento e Sannio Europa. Per tutti i dettagli: www.comicon.it/extra2020
    Biglietti (nominativi): Intero: 5,00 € | Gratuito per under 18, over 65 e possessori di abbonamento COMICON 2020 | Gruppi (solo su prenotazione): 2 omaggi ogni 10 paganti. Acquisto online go2.it
    Orari: 10:00 - 19:00. Lunedì chiuso Informazioni: info@comicon.it
    Benevento 16 settembre 2020

    Via libera per una locazione onerosa di un immobile di proprietà del Comune di Telese Terme da destinare a sede aggiuntiva dell’Istituto di Istruzione Superiore “Telesi@” al fine di rispettare i Protocolli Covid-19.
    Il formale via libera, con un proprio atto di indirizzo, è stato dato dal Presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria.
    Di Maria ha fatto propria la proposta del Settore Tecnico in risposta ad una sollecitazione pervenuta dalla Dirigente scolastica del “Telesi@” finalizzata a consentire il regolare inizio dell’Anno scolastico 2020/2021 il prossimo 24 settembre.
    La necessità di acquisire in locazione spazi aggiuntivi è nata dalle disposizioni governative volte a garantire il distanziamento sociale anche nell’ambito delle attività didattiche.
    D’altra parte, secondo le disposizioni ministeriali, per far fronte alla pandemia Covid-19 ed in ottemperanza alle decisioni assunte dal Comitato Tecnico Scientifico, è stata svolta dalla Provincia di Benevento nei giorni scorsi, d’intesa con l’Ufficio Scolastico provinciale di piazza Gramazio, una ricognizione sul territorio per accertare le eventuali necessità di tutti gli Istituti della Secondaria Superiore sannita. E’ quindi emersa la richiesta dell’Istituto “Telesi@” di avere spazi aggiuntivi per poter svolgere a partire dal 24 settembre le attività didattiche in sicurezza. E, così, dopo una indagine di mercato la Provincia ha chiesto disponibilità dell’edificio di via Roma e relative pertinenze in Telese Terme, di proprietà della locale Amministrazione comunale, di recente ristrutturato e già sede dell’Istituto Scolastico “Palmieri”, per dare Aule aggiuntive a studenti e docenti del “Telesi@”: il Comune ha positivamente risposto e si è giunti così ad contratto quinquennale che verrà onorato con le risorse messe a disposizione dal Governo.
    Telese Terme 15 settembre 2020.

    CONVOCATO IL TAVOLO TECNICO OPERATORI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI
    Il Presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, ha convocato alla Rocca dei Rettori per le 11.30 di lunedì 28 settembre 2020 il Tavolo Tecnico che ha il compito di analizzare lo stato di fatto in materia di gestione del ciclo dei rifiuti al fine di elaborare un programma operativo.
    La nota è stata inviata al Sindaco di Benevento, Clemente Mastella, al Presidente dell’Ente Ambito Rifiuti, Pasquale Iacovella, al Presidente dell’Organo Liquidazione Samte, Carmine Agostinelli, all’Amm/ne Unico dell’Asia Benevento, Donato Madaro, e al Vice Presidente della Regione Campania, Fulvio Bonavitacola.
    La proposta di istituire il Tavolo Tecnico sui rifiuti, avanzata dallo stesso Presidente Di Maria nel corso di una riunione del Consiglio Provinciale del 9 luglio scorso, era stata   approvata all’unanimità dai Consiglieri Provinciale e, quindi, discussa in una riunione preliminare a Palazzo Mosti di Benevento lo scorso 9 settembre alla presenza del Sindaco, del Presidente dell’Ato, del Commissario Liquidatore Sante e dell’Amministratore dell’Asia.
    Nel corso di quest’ultimo incontro, in considerazione, come si legge nella nota di Di Maria, «della frammentarietà delle competenze e della mancanza di convergenza delle procedure relative alle iniziative sulla materia gestione del ciclo rifiuti», nonché alla luce delle numerose «iniziative private tese ad insediare sul territorio sannita impianti di capacità sproporzionata rispetto alle esigenze territoriali», su impulso dello stesso Sindaco ed in sintonia con il Presidente della Provincia, «fu riaffermata la volontà comune di elaborare un programma e un piano strategico provinciale di rifiuti condiviso e di avviare una interlocuzione costante con la Regione Campania e con il Ministero dell'Ambiente».
    Nel corso di quella stessa riunione a Palazzo Mosti i presenti concordarono di affidare alla Provincia di Benevento il coordinamento delle attività di un Tavolo tecnico-operativo per elaborare un programma gestionale in materia di rifiuti: da qui la nota di convocazione per il 28 settembre del Presidente Di Maria per la prima riunione del tavolo alla quale i Soggetti partecipanti dovranno indicare i referenti incaricati di portare a termine, per l’Ente di appartenenza, il lavoro.
    Benevento 15 settembre 2020

        
    Carabinieri Forestale di San Giorgio del Sannio hanno posto sotto sequestro penale d’iniziativa un manufatto in c.a.
    Nel pomeriggio odierno, in esito ad accertamenti svolti in seno ad una mirata campagna di controlli nel settore dei beni alimentari primari, che ha visto la collaborazione del Reparto Carabinieri Tutela Agroalimentare di Salerno, i militari della Stazione Carabinieri Forestale di San Giorgio del Sannio hanno posto sotto sequestro penale d’iniziativa un manufatto in c.a. adibito a deposito di reflui zootecnici (pollina), anch’essi sequestrati per un quantitativo stimato di circa 60 mc, a servizio di un allevamento avicolo ubicato nel territorio del Comune di Apice (BN). L’operazione si è resa necessaria in quanto le verifiche svolte consentivano di accertare gravi criticità in merito al destino dei reflui zootecnici prodotti in allevamento, stante l’assenza di qualsiasi documentazione di scorta che potesse attestare la regolare gestione della pollina sia come sottoprodotto da impiegare in agronomia (ammendante agricolo) sia come rifiuto da avviare a smaltimento, con ciò configurandosi una gestione illecita di rifiuti speciali. Vige infatti in Regione Campania, per i reflui zootecnici ed a precise condizioni che ne rendono possibile l’impiego come fertilizzanti, una specifica disciplina tecnica in deroga al regime dei rifiuti di cui alla parte IV del Testo Unico Ambientale, che però è tale solo se dette condizioni vengono rispettate in toto da una pluralità di soggetti coinvolti (produttore, trasportatore, destinatario…). Se ciò non avviene, entra in gioco il regime base dei rifiuti speciali, con le conseguenze penali a cui si espongono i trasgressori delle relative norme. Veniva dunque deferito in s.l. il gestore dell’allevamento per la violazione delle vigenti norme in materia ambientale (gestione illecita di rifiuti speciali).
    Benevento 15 settembre 2020


    140mila euro alla Provincia di Benevento per gli affittisupplementari per le Aule anti-Covid 19
     
    La Provincia di Benevento ha ottenuto dal Ministero dell’Istruzione fondi per 140mila Euro destinati a far fronte alle spese supplementari per l’affitto di nuovi locali per gli Istituti della Secondaria Superiore nel contesto delle specifiche tecniche previste dal Protocollo anti-Covid 19 (cioé il distanziamento sociale).  
     
    Lo comunica il Presidente Antonio Di Maria, che fa riferimento alle risorse messe a disposizione con il decreto legge n. 104 del 14 agosto scorso che ha di fatto stabilito la riduzione del numero di studenti per Classe e di conseguenza la necessità di mettere a disposizione Aule aggiuntive per docenti e studenti anche attraverso contratti di fitto aggiuntivi.
     
    La Provincia di Benevento, che aveva partecipato ad un Avviso pubblico in tal senso bandito il 7 settembre scorso dal Ministero, ha subito destinato la somma di denaro riconosciutale alle esigenze supplementari di dotazioni logistiche.
     
    I 140mila Euro giunti da Roma sono, al momento, sufficienti e commisurati alle richieste logistiche formulate dalla Provincia e recepite dal Ministero per quanto concerne la contingenza storica legata alla lotta al Covid 19; ma, così si osserva da parte degli Uffici Tecnici dell’Ente, occorrono ulteriori risorse finanziarie se la prospettiva resta quella del programma più ampio e complessivo di ristrutturazione della rete scolastica che l’Amministrazione attiva della Rocca dei Rettori sta portando avanti.
    Benevento 14 Settembre 2020


    locus iste LUOGHI E MEMORIA
    Domenica 20 settembre ore 10:15
    I segreti della Pietrasanta Nuove scoperte dai sotterranei di Napoli
    L’Associazione culturale locus iste propone un itinerario suggestivo e coinvolgente che partendo dagli ambienti della cripta si snoderà per un chilometro circa nella lunga cavità sotterranea della Basilica della Pietrasanta. Protetti da possenti pareti di tufo attraverseremo parte dell’acquedotto greco - romano dell’antica Neapolis, la Cisterna dei Pozzari, l’Archivio di Tufo, la Piscina del Principe e i luoghi in cui trovarono rifugio le centinaia di famiglie che sfuggivano ai bombardamenti della seconda guerra mondiale. La parola “lapis” significa pietra ed è nella pietra che è scritta la storia di Napoli. Largo della Pietrasanta è proprio l’emblema di questo sovrapporsi continuo di epoche: in soli pochi metri “le pietre” diventano testimonianze di questa secolare stratificazione. Dalla Chiesa seicentesca del Fanzago, alla Cappella rinascimentale del Pontano, al Campanile medievale realizzato con l’uso di materiali di spoglio provenienti dall’antico Tempio di Diana. Ammireremo i manufatti provenienti dai depositi del Museo Archeologico Nazionale di Napoli finalmente resi fruibili al pubblico, e ripercorreremo la storia dei miti, dei culti, delle manifestazioni del sacro e della religiosità antica.
    Appuntamento: Piazzetta della Pietrasanta
    Prenotazioni: 3472374210 oppure locusisteinfo@gmail.com
    Napoli 14 settembre 2020
    COVID-19, NUOVE MISURE DI SOSTEGNO DELLA REGIONE BONUS AGLI OPERATORI DEL TURISMO E DELLO SPETTACOLO
    Nell’ambito del Piano socio economico a sostegno delle attività che sono state colpite dalla crisi durante l’emergenza Covid, domani sarà  pubblicato domani sul BURC l’avviso pubblico per la concessione di un finanziamento a favore delle Micro, Piccole o Medie Imprese che svolgono attività di agenzie di viaggio, di tour operator e altri servizi di prenotazione e altre attività di assistenza turistica  non svolte dalle agenzie di viaggio.
    L’ammontare complessivo delle risorse destinate al finanziamento dell’Avviso è di 2 milioni di euro. Le domande di agevolazione e la relativa  documentazione devono essere presentate esclusivamente in modalità telematica tramite la piattaforma dell’Agenzia Regionale Campania Turismo, raggiungibile al link  https://gare.agenziacampaniaturismo.it a decorrere dalle ore 12 del giorno successivo alla pubblicazione dell’Avviso sul BURC.
    Sempre nell’ambito del Piano socio economico, la Regione ha deciso l’erogazione di un bonus di mille euro destinato ai lavoratori dello  spettacolo dal vivo e ai lavoratori del comparto audiovisivo. E’ stato approvato l’Avviso pubblico con le modalità di richiesta e di concessione del bonus con un finanziamento di 2,2 milioni di euro. La domanda per il bonus dovrà essere compilata on line,  accedendo, previa registrazione, al sito https://conlacultura.regione.campania.it e  inviata mediante procedura telematica.
    La registrazione sarà possibile dalle ore 10 del 25/09/2020.
    Napoli 14  settembre 2020

    Nazzareno Orlando presenta il romanzo “Meduse immortali
    Si apre il Meduse tour ! Mercoledì 9 settembre, alle 18:00 e alle 19:00, Nazzareno Orlando presenta il romanzo “Meduse immortali” (ed. Homo Scrivens) presso il caffè libreria Raffaello (Via Michele Kerbaker, 33 - Napoli).
    L’autore dialogherà con: Aldo Putignano (editore); Vanni Miele (compositore e autore del cd “MedusAE”); Enrico Moleti (artista e autore delle tavole interne all’opera); Milena Di Rubbo (poetessa e scrittrice).
    Prima e durante la presentazione saranno proiettate le clip: Ars in omnia saecula, tratto dal libro con la regia di Giuseppe Aquino; Tango B, trailer del cd.
    La presentazione si terrà nel pieno rispetto delle vigenti normative Anti-Covid e vedrà la partecipazione di un pubblico contingentato.
    A breve le prossime date ed i luoghi dei nuovi appuntamenti tra cui non potrà mancare Benevento.
    Il libro: Quattro amici decidono di uscire dalla pochezza della loro vita e darsi una missione ambiziosa, emozionante e controcorrente: diventare immortali!
    Per raggiungere l’obiettivo, basano tutte le loro scelte su un saggio scientifico di un ricercatore tedesco che ha condotto i suoi studi proprio in Italia, interessandosi a un animale: la Turritopsis nutricula. Secondo il biologo Christian Sommer, infatti, questo tipo di meduse è capace di autoriprodursi e, quindi, non muore mai.
    Ma se la morte travolge tutto e tutti, potranno i nostri protagonisti riuscire a sopravvivere? E se l’unica via da seguire fosse nell’Arte?
    Nazzareno Orlando vive a Benevento, dove è stato Assessore alla Cultura e Turismo. Giornalista e scrittore ha collaborato con il Ministero del Lavoro per importanti progetti nel settore della formazione e delle attività culturali .Con questa opera chiude la sua prima trilogia .
    Napoli 7 settembre 2020

    AVVISO “IO HO UN SOGNO”, AL VIA LA SECONDA EDIZIONE - VOUCHER FINO A 3000 EURO PER LA FORMAZIONE DELLE DONNE
    Si apre oggi la registrazione delle domande per la seconda edizione dell'avviso “Io ho un sogno”, destinato a tutte le donne della regione Campania dai 18 ai 50 anni per la partecipazione a corsi di formazione, master o corsi di specializzazione in Italia e in Europa con un contributo fino a 3000 euro.
    Si tratta della seconda edizione di una iniziativa che ha già permesso a più di 2500 donne della nostra regione di fruire di questa importante opportunità – ha dichiarato l'assessore alla Formazione e Pari opportunità - volta a valorizzare le competenze e le conoscenze delle donne e destinata quindi a facilitarne l'ingresso nel mondo del lavoro”.
    Particolare attenzione viene riservata alle discipline del cosiddetto ambito STEM (Scienze, Tecnologia, Ingegneria, Matematica) che offre importanti possibilità di inserimento lavorativo ma registra ancora una bassa partecipazione femminile.
    Questi voucher - conclude l'assessore - possono essere una concreta occasione per ottenere una qualificazione professionale per tante donne che, nella difficile conciliazione tra vita familiare e vita lavorativa, hanno spesso sacrificato il raggiungimento di obiettivi lavorativi o, per le donne che già studiano o lavorano, per approfondire e valorizzare il percorso formativo intrapreso”.
    Le domande possono essere inviate attraverso la registrazione sulla piattaforma al link https://bonusdonna.regione.campania.it/
    napoli 7 settembre 2020

    ITINERARIO UNESCO “CREATOR VESEVO”. 4 MILIONI PER NAPOLI, ERCOLANO, POMPEI E TORRE ANNUNZIATA
    Con un Protocollo d'intesa tra Regione Campania, Comune di Napoli e i Comuni di Ercolano, Pompei e Torre Annunziata nasce l'Itinerario Unesco “Creator Vesevo. In cammino tra le gemme Unesco da Napoli a Pompei” che si prefigge la valorizzazione culturale e turistica dei principali percorsi del centro storico UNESCO di Napoli e delle aree archeologiche di Ercolano, Pompei e Torre Annunziata.
    Il progetto è realizzato grazie ad uno stanziamento di 4 milioni di euro a valere su fondi POC da parte della Regione Campania, cui è affidato un ruolo di coordinamento delle attività dell'Itinerario, realizzate anche attraverso la società Scabec.
    Nello specifico il progetto è così articolato:
    Il Comune di Napoli è destinatario dell'importo complessivo di euro 3.350.000 per la realizzazione del progetto Creator Vesevo. In cammino tra le gemme Unesco da Napoli a Pompei, di cui euro 1.475.000 per le azioni di promozione, comunicazione e valorizzazione dei beni culturali relativi alla proposta progettuale complessiva e di euro 1.675.000 per gli interventi di restauro, conservazione, manutenzione straordinaria, istallazioni di dotazioni tecniche e acquisizioni di attrezzature/apparecchiature per la valorizzazione e fruizione dei beni immobili di valore storico-artistico e architettonico Castel Nuovo, San Domenico Maggiore, S.S. Annunziata, PAN e Museo di Totò.
    Il Comune di Ercolano, è destinatario dell’importo complessivo di euro 249.840 per la realizzazione del Progetto culturale con intervento di restauro e risanamento conservativo, istallazione di dotazioni tecniche ed acquisizione di attrezzature per la valorizzazione e la fruizione del Giardino storico della Villa Comunale sul Miglio d’oro con realizzazione del Belvedere su Villa dei Papiri.
    Il Comune di Pompei è destinatario dell'importo complessivo di euro 250.000 per la realizzazione di Interventi di riqualificazione di palazzo De Fusco e dei giardini delle antiche Terme pompeiane – Il recupero della memoria storica della città.
    Il Comune di Torre Annunziata è destinatario dell'importo complessivo di euro 150.000 per il progetto Torre Annunziata tra memoria ed identità.
    Napoli 4 agosto 2020
    locus iste LUOGHI E MEMORIA  
    Sabato 12 settembre ore 10:00
    Storie di donne e di figli d’ ‘a Madonna  
    La Real Casa della Santissima Annunziata
    Sorta nel XIV secolo con la funzione di sottrarre ad un destino infame creature rifiutate dalle proprie stesse madri, la Santa Casa dell’Annunziata rappresenta il luogo che meglio testimonia a Napoli il secolare dramma dell’infanzia abbandonata. Con l’Associazione culturale locus iste visiteremo proprio la camera interna dove tuttora è ancora visibile la Ruota degli esposti, un tamburo di legno di forma cilindrica in cui dall’esterno venivano introdotti e affidati alle cure delle balie e della Madonna dell’Annunziata tanti piccoli innocenti vittime della miseria, frutto di una colpa o di una violenza. Ricostruiremo cosa accadeva a quei bambini una volta entrati nella casa e ricorderemo la cerimonia del fazzoletto che vedeva protagoniste le esposte divenute adulte. Ammireremo la Basilica dell’Annunziata in cui architettura, scultura e pittura hanno saputo sapientemente fondersi grazie ad artisti come Luigi e Carlo Vanvitelli, Giuseppe Sanmartino, Belisario Corenzio, vedremo la spettacolare Sacrestia ed altri ambienti, rendendo omaggio alla Mamma Chiatta e alla Madonna Annunziata.

    Appuntamento: Piazza Calenda, di fronte al Teatro Trianon all’angolo con via Annunziata.
    Prenotazioni: 3472374210  oppure  locusisteinfo@gmail.com -
    Le informazioni complete di tutte le visite guidate sono sul sito
    www.locusisteblog.wordpress.com
    Napoli 7 settembre2020

    AVVICENDAMENTI AI VERTICI DEL COMANDO PROVINCIALE CARABINIERI
    Lunedi 7 settembre 2020 il Ten. Col. Giuseppe Izzo, comandante del Reparto Operativo di questo Comando Provinciale, dopo 6 anni, lascerà Benevento alla volta della Capitale, dove è stato destinato quale Capo Ufficio Logistico del Comando Unità Mobili e Speciali, in Via Tor Di Quinto.  All’ufficiale superiore, che precedentemente ha retto diversi comandi di carattere investigativo, va il ringraziamento del Comandante Provinciale Germano Passafiume per aver retto in maniera ottimale il suo incarico particolarmente operativo, dei suoi colleghi e un particolare saluto dal personale del Nucleo Investigativo e Nucleo Informativo che sono stati alle sue dirette dipendenze. Tutti i carabinieri del Comando Provinciale, che il Ten. Col. Izzo ha salutato personalmente, gli augurano un grande in bocca al lupo per il suo nuovo incarico. Il Reparto Operativo di Benevento sarà retto dall’attuale Comandante del Nucleo Investigativo, Ten. Col. Alfredo Zerella.
    Benevento 5 settembre 2020

    BENEVENTO: CONTROLLI DEI CARABINIERI DEL GRUPPO FORESTALE SULL’ABBANDONO INCONTROLLATO DEI RIFIUTI
    Nel corso dei servizi finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati in materia ambientale svolti dai Carabinieri del Gruppo Forestale di Benevento, nell’ambito di questa provincia:
    - a Melizzano, in località Santo Spirito, personale della Stazione CC Forestale di Telese Terme ha posto sotto sequestro un’area di circa 140 mq di materiale inerte, proveniente da scarti di demolizione per la realizzazione di un piazzale di grosse dimensioni. Sono in corso gli accertamenti per identificare le persone che a vario titolo sono ritenuti responsabili della violazione ambientale;
    - a San Leucio del Sannio, presso un’area in località San Marcello, i militari della Stazione CC Forestale di Montesarchio hanno riscontrato diversi cumuli di rifiuti abbandonati e, dopo gli opportuni accertamenti, hanno provveduto a denunciare alla locale Procura della Repubblica due persone di quel centro, rispettivamente il proprietario del terreno, ove sono stati abbandonati i rifiuti e il titolare dell’impresa edile responsabile dello spostamento degli scarti edilizi dai cantieri aperti nell’area di deposito che, pertanto è stata posta sotto sequestro giudiziario.  
    benevento 5 settembre 2020


    51 INTERVENTI PER L'ANTICENDIO BOSCHIVO DELLA PROVINCIA DI BENEVENTO
    Dal 9 luglio al 31 agosto le 4 Squadre con i 30 operatori dell’Antincendio Boschivo della Provincia di Benevento hanno effettuato nel territorio di competenza 51 interventi per arginare le fiamme sviluppatesi per 79 ettari di terreno.
    Sono questi i dati più significativi emersi da un Report sulle attività dell’AIB predisposto dal Dirigente del Settore Tecnico della Provincia Angelo Carmine Giordano che, al riguardo, ha sentito il Responsabile del Servizio Elisabetta Cuoco ed il Capo Operaio coordinatore delle Squadre operative Alessandro Rinaldi.
    L’AIB della Provincia, il cui Centro si trova in contrada Piano Cappelle del capoluogo, mobilitata ed indirizzata, a seconda delle segnalazioni di incendio, dal Centro Operativo Territoriale anche al di fuori dell’ambito di competenza territoriale dovendosi far fronte ad esigenze particolari, è intervenuta in numerose contrade ed aree rurali di 16 diversi Comuni.
    Gli interventi hanno, in particolare, riguardato i territori di: Benevento, Pontelandolfo, Ceppaloni, Sant’Angelo a Cupolo, Apollosa, Pannarano, San Leucio del Sannio, Ponte, Apice, Castelpoto, Guardia Sanframondi, Fragneto Monforte, Arpaise, San Salvatore Telesino, Moiano e Montesarchio (Tre Ponti di Tufara Valle).
    Il Comune più colpito dagli incendi boschi è stato quello di Benevento che, del resto, ha una vastissima vasta superficie territoriale (oltre 130 Km2): sono stati, nel periodo indicato, ben 21 gli interventi effettuati nella sola area del capoluogo, 6 a Ceppaloni, 4 Ponte, 3 in quello di Apice, 2 volte ad Arpaise e San Leucio del Sannio.
    Sono andati a fuoco, nell’ambito della rilevazione degli interventi effettuati dall’AIB della Provincia, oltre 23 ettari di bosco; 44,8 ettari di area incolta; 11 ettari di aree coltivate; e crica mezzo ettaro di un’area di rimboschimento (in loc. Ripa Bianca di Ceppaloni).
    Il Presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, nel prendere atto del Report dell’AIB, ha espresso il sentito e sincero ringraziamento agli operatori tutti dell’AIB per lo spirito di servizio e di abnegazione dimostrati in questa estate per tutelare la pubblica incolumità e per salvare il patrimonio boschivo dalle azioni scellerate dei piromani. Eguale  e convinto apprezzamento e gratitudine il Presidente Di Maria lo ha espresso nei riguardi dei Vigili del Fuoco, dei Carabinieri Forestali, degli Operatori dell’Antincendio della Regione Campania e delle Comunità Montane.
    “Quella degli incendi boschivi è una vera e propria piaga” – ha detto Di Maria, che ha aggiunto: “Fortunatamente, quest’anno, anche grazie all’azione di tutte le forze in campo, sono stati evitati guai seri alla popolazione civile, anche se le fiamme hanno talvolta lambito le zone abitate. Resta, però,in tutta la sua gravità un fenomeno di devastante portata per l’ambiente e per l’ecosistema. Gli incendi nei boschi, nella gran parte attribuibile a cause di natura dolosa e/o colposa, segnano peraltro in maniera negativa e a lungo termine la tenuta dei versanti che spesso franano a valle anche dopo mesi con conseguenti pesantissimi danni alle infrastrutture ed alle strutture e, purtroppo, anche alle persone”.
    Benevento 3 settembre 2020

    SOTTOPOSTI A SEQUESTRO UN FUCILE, MUNIZIONI ED UN CINGHIALE ABBATTUTO ILLEGALMENTE
    In data 02.09.2020, giorno di preapertura della caccia ad alcune specie, la Stazione Carabinieri Forestale di Benevento ha effettuato numerosi controlli venatori. Nel corso di tale attività, anche a seguito della segnalazione effettuata alla Centrale Operativa 112 di Benevento dalle guardie volontarie venatorie dell’Associazione Nazionale Libera Caccia, i militari della Stazione di Benevento sono intervenuti presso la località Pietratagliata del capoluogo sannita.  Qui, unitamente ai predetti volontari, i militari hanno avuto modo di acclarare la commissione del reato di esercizio di caccia al riguardo di fauna selvatica al di fuori dei periodi stabiliti dal calendario venatorio, nella fattispecie un cinghiale, ai sensi degli artt. 18 e 30 comma 1 legge 157/92. Il responsabile del reato, residente nell’hinterland napoletano, è stato deferito alla competente Autorità Giudiziaria in stato di libertà, mentre il fucile utilizzato, le numerose cartucce detenute e la carcassa dell’animale che era stata già eviscerata in loco al momento dell’abbattimento, sono stati sottoposti a sequestro penale probatorio. I militari, come di prassi, hanno successivamente coinvolto negli accertamenti i veterinari dell’ASL di Benevento, i quali hanno proceduto agli accertamenti di rito tesi alla verifica di eventuali patologie dell’animale. La carcassa del cinghiale, infine, è stata affidata ad una ditta autorizzata per il successivo smaltimento tramite distruzione. Le attività di contrasto alle pratiche venatorie illegali saranno oggetto di ulteriori servizi mirati da parte dei militari dei Carabinieri Forestale, sia in occasione delle imminenti ulteriori giornate di preapertura, sia durante il periodo di apertura della caccia.
    Benevento 3 settembre  2020
    Ricordo  Philippe Daverio
    Voglio ricordarlo così, sul suo calessino in giro per le stradine della Maremma col suo immancabile cappello e gli occhiali di sempre. Nel salotto un po' "british" all'interno del suo casale pieno di sapori e ricordi dove si parlava, alla sera, d'arte e non solo d'arte. O nella sua cucina, dove si respirava quell'aria a mezza strada fra la campagna e il mare e dove scelse di registrare le puntate della trasmissione televisiva Passepartout. Se n'è andata con mille progetti nella mente e mille cose ancora da fare. Ha portato con sé la sua generosità e la sua immensa disponibilità. Sempre al di sopra di tutto, mai un pensiero al di sotto, nella netta consapevolezza che la cultura ci salverà. Philippe, di sicuro, era salvo. Noi, non saprei. Credo non ci siamo meritati Philippe Daverio. Loriana Leonori
    nella foto Philippe a Porto Santo Stefano in una serata Rotary
    Roma 4 settembre 2020


    Acque di balneazione in Campania, poche criticità ad agosto
    Nell’ambito del monitoraggio delle acque di balneazione, l’Arpa Campania ha prelevato nel solo mese di agosto 390 campioni. Dall’inizio della campagna di monitoraggio 2020, posticipato quest’anno al 25 maggio causa emergenza epidemiologica, sono 1.538 i prelievi complessivamente eseguiti dall’Agenzia.
    Anche ad agosto, per la quasi totalità dei campionamenti eseguiti, gli esiti delle analisi microbiologiche sugli indicatori di contaminazione fecale (Escherichia coli ed Enterococchi intestinali) sono risultati entro i limiti di legge. Sforamenti dei limiti di legge sono stati registrati in tre aree, rispettivamente nell’ambito dei comuni di Battipaglia, Eboli e Minori (in provincia di Salerno), con conseguenti divieti di balneazione temporanei emanati dal sindaco, come prevede la normativa.
    A Battipaglia un dato sfavorevole è stato registrato ripetutamente nel tratto denominato “Spineta nuova” (prelievo routinario del 5 agosto e prelievi supplementari del 10 e del 24 agosto). Quest’area è dichiarata “di nuova classificazione” per la stagione balneare 2020, dopo che l’amministrazione comunale ne aveva comunicato il risanamento alla Regione Campania. Tuttavia, in considerazione anche dell’andamento negli anni precedenti, in cui quest’area è stata classificata più volte di qualità “scarsa”,  sono in corso, come di consueto in casi di questo genere, degli approfondimenti congiunti con il Comune per individuare le possibili cause che periodicamente ne determinano l’inquinamento.
    A Eboli i valori eccedenti il limite di legge hanno interessato l’acqua denominata “Campolongo Primo” (prelievo del 10 agosto), dichiarata “eccellente” all’ultima classificazione regionale. I valori sono poi tornati nella normalità con il prelievo del 18 agosto, per cui l’area è da considerare di nuovo balneabile.
    A Minori, nell’unica acqua di balneazione compresa nel comune, il dato sfavorevole registrato in esito al prelievo del 18 agosto con molta probabilità va addotto ancora al malfunzionamento dell’impianto di depurazione in località Grotta, malfunzionamento che ha già determinato un divieto di balneazione dall’inizio della stagione fino a luglio scorso. Con il prelievo del 24 agosto, i valori nel punto di rete sono rientrati nei limiti di legge.
    Tuttavia restano fuori limite i risultati dei prelievi effettuati a distanza crescente dal punto di rete per stimare il fenomeno inquinante. Per questi punti oggi (2 settembre) saranno ripetuti i campionamenti, contestualmente al prelievo di rete previsto dal calendario regionale.
    Gli altri sforamenti registrati ad agosto riguardano aree già interdette all’uso balneare perché di qualità scarsa (l’elenco delle acque classificate di qualità scarsa è allegato alla deliberazione di Giunta regionale della Campania n. 680 del 30.12.2019 pubblicata nel Burc n. 2 del 7 gennaio 2020).
    Un divieto di balneazione, non conseguente ai dati del monitoraggio Arpac, è ancora vigente dal mese di maggio nel comune di Monte di Procida (“Marina di Vita di Fumo”), a seguito di ordinanza del sindaco emanata per il malfunzionamento dell’impianto di depurazione in località Torrefumo.
    Oltre ai controlli routinari, nel mese di agosto sono stati effettuati campionamenti in emergenza su richiesta della Guardia Costiera oppure a seguito di avvistamenti, da parte dei tecnici Arpac, di anomalie nelle caratteristiche dell’acqua di mare, ad esempio per la presenza di schiuma o mucillagine. Questo tipo di prelievi hanno riguardato il comune di Camerota, la Costiera amalfitana (Amalfi, Conca dei marini, Vietri sul Mare), i comuni di Monte di Procida, Procida, Sorrento e Sant’Agnello e la località Baia Domizia in provincia di Caserta.  Per tutti questi prelievi i valori microbiologici riscontrati sono nella norma e, così come nei mesi precedenti, le anomalie osservate sono da ricollegare allo sviluppo microalgale favorito dalle elevate temperature del mare: le specie riscontrate non sono considerate tossiche per la salute umana.
    Napoli, 2 settembre 2020


    AIROLA: DONNA DENUNCIA DI ESSERE VITTIMA DEL REATO DI STALKING DA PARTE DEL SUO EX MARITO CHE E’ STATO RINTRACCIATO E ARRESTATO DAI CARABINIERI
    La notte scorsa, ad Airola, i Carabinieri della locale Stazione e quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Montesarchio hanno tratto in  arresto un 49enne del luogo, già noto ai militari dell’Arma, perché ritenuto responsabile dei reati di atti persecutori, danneggiamento e violazione di domicilio.
    Su segnalazione al numero di Pronto Intervento, i suddetti carabinieri sono intervenuti presso l’abitazione di una donna, 39enne dello stesso centro, che richiedeva l’intervento immediato per un’accesa, l’ennesima, discussione con il proprio ex marito.  La stessa, separata dal proprio ex marito, riferiva che l’uomo, presentatosi presso la sua abitazione, cercava di aggredirla, tale tentativo non è stato portato a termine grazie all’intervento dei due figli della coppia. Successivamente, lo stesso, desistendo dal suo intento, si allontanava danneggiando l’autovettura della donna, parcheggiata in strada. Appena però la donna era scesa per verificare i danni alla propria autovettura, l’uomo, che evidentemente aveva fatto intendere di essersi allontanato tentava anche di investirla con la propria utilitaria. I militari, giunti nel frattempo, constatavano quanto accaduto aiutavano la donna che, in forte stato di agitazione, ricorreva alle cure del servizio sanitario del 118. Nel contempo le pattuglie dell’Arma, raccolti gli elementi, riuscivano a rintracciare il 49enne, che si era dileguato. Pertanto, l’uomo è stato dichiarato in arresto per i reati anzidetti atteso anche che, nel tempo aveva reiterato i suoi comportamenti minacciosi ingenerando uno stato di prostrazione psicologica nella vittima.  Dopo le formalità di rito, il 49enne, su disposizione del Sostituto Procuratore di Turno è stato accompagnato presso la sua residenza in regime di detenzione domiciliare.    
    Airola 1 settembre 2020



    CONSEGNATI I LAVORI DI RIFACIMENTO DELLA STRADA PROVINCIALE 45
    Il Presidente della Provincia di Benevento Antonio Di Maria ha stamani simbolicamente consegnato ed aperto il cantiere per i lavori di riammagliamento, miglioramento, adeguamento, riqualificazione e messa in sicurezza della Strada Provinciale 45 – Statale 90 bis.
    La cerimonia è avvenuta in prossimità del lago di San Giorgio la Molara all'altezza del bivio della stessa strada 45 per Foiano Valfortore: la scelta non è stata casuale  in quanto ha voluto sottolineare che il cantiere che apre oggi verrà presto ampliato con un nuovo cantiere, quello per la costruzione del nuovo asse viario da Montefalcone a Foiano Valfortore, già finanziato con 37 milioni di Euro, e per il quale la Provincia ed i due Comuni più direttamente interessati sono fortemente impegnati.
    Erano presenti alla cerimonia, oltre a Di Maria, i sindaci di Montefalcone  e Presidente della Comunità Montana del Fortore Leonardo Sacchetti, il Sindaco di San Giorgio la Molara Nicola De Vizio, numerosi amministratori ed ex amministratori locali del comprensorio e, tra questi, i Consiglieri provinciali Giuseppe Ruggiero e Domenico Vessichelli. i sindaci di San Bartolomeo in Galdo, Paduli, Buonalbergo; i rappresentanti del “Comitato Viabilità negata di Montefalcone Valfortore e numerosi cittadini; il Dirigente del Settore Tecnico della Provincia Angelo Carmine Giordano e l’ingegnere responsabile del tronco Michelantonio Panarese, i tecnici e i rappresentanti della Ditta appaltatrice dei lavori.
    Negli indirizzi di saluto, il Sindaco di Montefalcone Valfortore Sacchetti ha sottolineato l’impegno della popolazione, delle Istituzioni e, naturalmente, della stessa Provincia con il Presidente Di Maria affinché finalmente i lavori potessero avviarsi. Sacchetti ha ricordato che rispetto al progetto originario sono state individuate ed apportate, grazie ad una interlocuzione istituzionale, alcune migliorie importanti sia sotto il profilo degli interventi che sulle tecniche degli interventi. Il Sindaco ha infine ricordato l’importanza che rivestirà per tutta la zona montana il nuovo collegamento con Foiano Valfortore.
    Il Sindaco di San Giorgio la Molara ha dal canto suo evidenziato la grave carenza di infrastrutture che il territorio fortorino lamenta e la persistente difficoltà che le Istituzioni incontrano nella manutenzione delle strade. Infine De Vizio ha evidenziato come la lotta del“Comitato Viabilità negata” abbia consentito di individuare ed aiutato le Istituzioni a porre in essere numerose iniziative di sviluppo infrastrutturale per tutto il comprensorio.
    Il Presidente Di Maria, prendendo la parola, ha dichiarato che il programma dei lavori per la Strada provinciale n. 45 è stato oggetto di particolare attenzione da parte della provincia che ha voluto anche procedere ad una revisione delle scelte originarie al fine di migliorare la qualità degli interventi a farsi. Di Maria, che ha riconosciuto la grave difficoltà in cui versa il Fortore sul fronte delle infrastrutture materiali ed immateriali, ha voluto ricordare le proteste legittime delle Istituzioni, dei Cittadini, del “Comitato Viabilità negata” e dello stesso Vescovo di Ariano Irpino il lavoro istituzionale che la sua Amministrazione sta ponendo in essere per aprire ulteriori cantieri di lavoro nel comprensorio ed in tutto il Sannio. “Siamo più volte stati ricevuti nelle sedi ministeriali romane - ha detto - al fine di avviare il programma costruttivo della nuova arteria Foiano Valfortore – Montefalcone Valfortore che, finalmente, ha assunto un profilo di concretezza amministrativa e tecnica tanto è vero che abbiamo proprio in questi giorni definito una Convenzione d’intesa con i Comuni interessati per procedere all’avvio dei lavori che contiamo di poter vedere tra un anno solare. Questa esperienza, in particolare, ci insegna ancora una volta che è necessario fare squadra, Istituzioni e cittadini, al di là dei ruoli e delle scelte politiche di ciascuno, per realizzare conquiste per la collettività amministrata. Solo facendo squadra si ottengono risultati. Ma dobbiamo avere le idee ben chiare su cosa intendiamo per sviluppo del territorio e su quali siano le opzioni strategiche per la crescita socio-economica. Io intendo lavorare con tutti per cogliere questo quadro d’assieme”.
    Proseguendo nel suo intervento, Di Maria ha ricordato che il Bilancio di previsione per il 2020 della Provincia di Benevento prevede importanti novità proprio sotto il profilo delle infrastrutture e che, alla luce di tanto, egli chiede che il giudizio sull’operato della sua Amministrazione venga formulato alla fine del percorso amministrativo ed alla luce dei risultati concreti ottenuti”. A tale proposito Di Maria ha quindi ringraziato la struttura tecnica ed amministrativa della Provincia per l’apporto dato all’azione amministrativa. Infine, Di Maria, rivolgendosi direttamente ai responsabili presenti della Ditta appaltatrice dell’intervento sulla strada, ha auspicato che il loro lavoro sia rispettoso del crono programma definitivo in progetto.
    E’ quindi seguita la benedizione da parte parroco di Montefalcone, don Annibale Di Stasio, del cantiere e degli operai impegnati.
    La strada provinciale n. 45, nel comprensorio ad est del capoluogo sannita, riveste una importanza particolare nell’ambito della rete viaria provinciale: infatti, collega il comune di Montefalcone di Val Fortore con la Strada Statale 90 Bis, unico accesso per raggiungere Benevento, nonché con i comuni di Foiano di Val Fortore, San Giorgio la Molara e Molinara.
    Dal centro di Montefalcone di Val Fortore, la provinciale n. 45 si diparte dal bivio di Castelfranco in Miscano, ad una quota di circa 840 metri sul livello del mare e prosegue verso ovest in direzione del capoluogo, percorrendo l’Appennino ad una quota massima di circa 950 metri sul livello del mare, per poi proseguire fino alla Statale alla quota di circa 500 metri sul livello del mare per uno sviluppo lineare complessivo di 18,7 chilometri.
    Ad unica carreggiata con due corsie, una per ogni senso di marcia, sviluppa una larghezza di 7,20 metri, ad eccezione del tratto interno al paese, dove si rileva una larghezza di 8, 5 metri ed in alcune curve dove la stessa si allarga per circa 3,5 metri. La strada presenta dissesti ed ammaloramenti diffusi su tutta la lunghezza. In particolare, tutto il conglomerato bituminoso che compone la sovrastruttura stradale evidenzia segni di invecchiamento, lesioni, crepe anche grandi, tali da rendere impossibili interventi di ripristino. Oltre a questo diffuso degrado, sono stati rilevati dissesti ancora più gravi: profondi avvallamenti ed. in alcuni casi, veri e propri tagli verticali della sede stradale, con conseguente pericolo per la circolazione dei veicoli. Inoltre, una cattiva regimazione delle acque meteoriche, sia di quelle che dilavano direttamente la carreggiata, che di quelle che confluiscono sulla stessa dai terreni sovrapposti, ha prodotto, in alcuni punti, la profonda erosione ed il conseguente smottamento della scarpata, facendo persino mancare l’appoggio al tratto interessato di guardrail. Le cunette, zanelle, muretti di contenimento in c.a., presentano segni di ammaloramento diffuso, armature scoperte ed ossidate, nonché di profonda erosione. I movimenti superficiali del terreno, in alcuni punti, hanno interessato le scarpate laterali, causato smottamenti, scalzamento al piede di opere d’arte, e di conseguenza, profondi avvallamenti sulla sede stradale. I tombini hanno bisogno di essere puliti, visto che generalmente si presentano intasati di materiale depositatosi sia nei pozzetti di monte sia nella stessa tubazione di scarico. Tuttavia per alcuni di essi è necessario procedere alla loro ricostruzione visto che si rilevano gravi dissesti.
    A ragione di tanto, la popolazione di Montefalcone Valfortore e lo stesso Comune hanno più volte manifestato anche nella stessa Città di Benevento, sede della Provincia, per richiedere interventi adeguati alla straordinaria gravità dei problemi che quotidianamente centinaia a e centinaia di utenti sono costretti ad affrontare. La Provincia, però, anche a ragione dei brutali tagli di spesa che hanno investito questi Enti in conseguenza della legge n. 56 del 2014 e delle leggi Finanziarie dello stesso anno e di quelle successive che hanno sottratto agli investimenti sul territorio sannita non meno di 50 milioni di Euro, era nell'impossibilità di intervenire per soddisfare le legittime e sacrosante istanze dei cittadini. Fortunatamente, grazie ad una interlocuzione istituzionale con la Regione Campania è stato possibile accedere alle risorse straordinarie rese disponibili dal Piano Operativo Infrastrutturale FSC 2014/2020 approvato dal CIPE con Delibera n. 54 del 01/12/2016, per la Messa in sicurezza del patrimonio infrastrutturale esistente delle reti stradali provinciali e comunali e dunque è stato redatto ed approvato un progetto per un valore di 6.270.000 di Euro.
    I lavori consegnati oggi dalla provincia alla Ditta vincitrice dell'appalto riguarderanno : per sviluppo longitudinale, riguarda l’intera strada; ed interventi locali di risagomatura della sovrastruttura stradale, ripristino e rinforzo delle scarpate dissestate dei rilevati mediante la posa di gabbionate e, nei casi più gravi, nella realizzazione di paratie in cemento armato nonché nel rifacimento dei tombini danneggiati.
    Il responsabile Unico del procedimento è l’Arch. Angelo De Blasio, il progettista è l’ing. Michelantonio Panarese; la Ditta vincitrice d’appalto è: l’Associazione temporanea di Imprese Ital Bilding srl (capogruppo), C.M.M. Costruzioni Generali srl (mandante); la Direzione dei lavori è dell’Ing. Antonello Scocca della Società General Engineering srl; il Coordinatore della Sicurezza è il geom. Antonio Michele; il Collaudatore amministrativo l’arch. Giancarlo Marcarelli.
    Benevento 31 Agosto 2020
    IL LAGO MIGNATTA DI SAN GIORGIO LA MOLARA: UNA GRANDE RISORSA NATURALE
    Il Presidente della Provincia di  Benevento, Antonio Di Maria, ha visitato stamani l’area del Lago Mignatta di San  Giorgio la Molara, una preziosa risorsa naturale ed un vero valore aggiunto del  territorio del Fortore e del Sannio tutto, situato a circa 850 metri sul livello  del mare, servito dalla Strada provinciale 45 – Statale 90  bis.
    Ad accompagnare il Presidente, è stato  il Sindaco di San Giorgio la Molara, Nicola Di Vizio, e numerosi amministratori  locali e cittadini.
    Il Sindaco ha voluto sottolineare a Di  Maria l’importanza, dal punto di vista naturalistico e paesaggistico, del lago  Mignata ed ha affermato: “Siamo davvero lieti che la Provincia abbia dato inizio  ai lavori per il rifacimento della Strada provinciale 45 a servizio dei  cittadini, delle Imprese locali, dell’agricoltura e della zootecnia, e, quindi,  anche del turismo. Molti appassionati, infatti, di pesca o anche soltanto chi  vuole godere di questo bellissimo angolo di Fortore, hanno da sempre questa meta  tra le proprie priorità. E posso sottolineare che in questa fase post-lockdown  si sono visti visto molti più turisti che in passato soffermarsi proprio sul  nostro lago. Puntiamo dunque ad attrarne sempre di più anche migliorando  considerevolmente i servizi a disposizione dei cittadini: tra breve, infatti,  installeremo una struttura per portare energia elettrica lungo le sponde del  Mignatta che potrà essere sempre di più fruito e goduto da chi ama la  natura”.
    Benevento 31 agosto 2020

    Torna ai contenuti | Torna al menu