ILTABURNO

Vai ai contenuti

Menu principale:

Per gli addetti stampa, invia i tuoi comunicati stampa a enzorussofoto@gmail.com. Le notizie saranno pubblicate su ILTABURNO.IT.
Il 18 maggio 1953 Jackie Cochran abbatte il muro del suono
Quella di Jackie Cochran è una di quelle biografie che ci fanno dire come nella vita veramente tutto è possibile. A 10 anni lascia il lavoro da operaia in un cotonificio; la ritroviamo poi in un salone di bellezza e c’è anche una parentesi breve come infermiera. Ma questo è solo l’inizio. Impara a volare e, nel 1935, fonda la “Jacqueline Cochran Cosmetics” che ha sedi a Chicago, Los Angeles e New York, dove fa concorrenza a Helena Rubenstein. La “Wings of Beauty” fa la spola da un angolo all’altro degli Stati Uniti distribuendo prodotti omaggio e creando un business capillare. Forse sognava di rifare anche il trucco al pianeta Venere? Quasi. Nel ’42 è l’addestratrice di donne pilota: i colleghi dell’esercito erano impegnati in guerra, quindi tutti dovevano tenersi pronti. Grazie a lei, 1.074 aviatrici in quegli anni volarono per oltre 60 milioni di miglia. Ah si, il 18 maggio 1953 è anche la prima donna ad abbattere il muro del suono, entrando nel “Guinness World Record”. Stavamo quasi per dimenticarlo: sarà per questo che il jet che le abbiamo dedicato avanza verso di noi con aria minacciosa… ma ci teniamo a dirgli che siamo decisamente della sua stessa “squadra”.
Onomastico
San Felice da Cantalice
Incendio dei parchimetri, avvenuto in Benevento arrestati tre giovani Beneventani
Nella mattinata odierna, all’esito di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Benevento, unitamente ai militari della Sezione di P.G. della locale Procura, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Benevento, nei confronti di tre giovani beneventani rispettivamente di 22, 27 e 29 anni per il reato di estorsione in concorso ai danni della Trotta Bus Services spa, affidataria del servizio pubblico di gestione di parcheggi a pagamento in varie aree del centro cittadino, nonché gestore del servizio di mobilità urbana. Le attività d’indagine sono state avviate nel mese di novembre 2019 a seguito dell’incendio di tre minibus parcheggiati all’interno del deposito della Trotta Bus e del successivo incendio di due parchimetri in data 1 dicembre 2019 a Piazza Cardinal Pacca di Benevento, gestiti dalla citata società. In particolare, nel corso della complessa attività investigativa -svolta attraverso il controllo del territorio, attività di osservazione diretta ed attività tecniche-, i militari hanno raccolti gravi indizi di colpevolezza a carico degli indagati in ordine al delitto contestato. È emerso, infatti, dalle indagini che il 29enne, gestore di fatto di una cooperativa beneventana affidataria di parcheggi cittadini, nei mesi di maggio e settembre 2019 minacciava un dipendente della società Trotta per la gestione dei parcheggi di maggior introito della città; in seguito, nel mese di dicembre 2019, attuando la condotta minacciata, il 29enne commissionava ai due coindagati (uno dei quali lavorava stabilmente alle dipendenze del 29enne) l’incendio dei due parcometri di Piazza Cardinal Pacca. Tale azione delittuosa costringeva la ditta “Trotta Bus Services SpA” ad accettare un parcheggio abusivamente gestito dal 29enne e non autorizzato, adiacente a quello gestito dalla citata impresa presso lo Stadio “Ciro Vigorito” di Benevento in base a determina dirigenziale del Comune, e con tale condotta i predetti si procuravano un ingiusto profitto -  consistito nei proventi dell’attività di parcheggio abusivo - con pari danno per la Trotta Bus Service Spa. L’effettiva efficacia intimidatoria delle condotte poste in essere dagli indagati è dimostrata dal fatto che lo scopo perseguito dal 29enne è stato pienamente realizzato, in quanto lo stesso, grazie alle minacce e alle successive condotte incendiarie poste in essere dai coindagati, è riuscito ad imporre alla Trotta Bus la propria attività di parcheggio abusivo nella medesima area ove insisteva il parcheggio gestito dalla società Trotta.
Benevento, 18 maggio 2021           


La Procura di Benevento, ha adottare la misura cautelare nei confronti
Presidente pro tempore della Comunita montana Ufita
In data odierna, a seguito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Benevento,  i Carabinieri della Compagnia CC di Ariano Irpino- NOR (AV) hanno dato esecuzione ad un’ordinanza, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Benevento, applicativa della misura interdittiva della sospensione, per anni 1, dall’esercizio del pubblico ufficio di presidente della Comunità Montana Ufita nei confronti dell’attuale Presidente pro tempore dell’ente suddetto, raggiunto da gravi indizi di colpevolezza in ordine al reato di peculato.
Le indagini, coordinate dalla Procura e svolte dai CC della Compagnia di Ariano Irpino-NOR, iniziate a seguito di servizi OCP e di accertamenti di P.G., e poi proseguite anche con attività di intercettazione telefonica e ambientale-veicolare, nonché con ulteriori servizi di OCP e acquisizioni documentali, hanno consentito di acquisire gravi indizi in ordine all’ utilizzo da parte dell’indagato in maniera reiterata e costante, per fini diversi da quelli istituzionali, dell’autovettura di proprietà dell’ente pubblico di cui disponeva in ragione del suo ufficio: le contestazioni provvisorie riguardano un periodo di tempo che va da dicembre 2019 a gennaio del 2021, ma in particolare dal settembre 2020 al gennaio del 2021 sono emersi oltre 70 episodi di utilizzo dell’autovettura istituzionale per scopi familiari e di svago (tra cui pranzi e cene in zone limitrofe e fuori dalla Provincia di Avellino, partecipazione ad un matrimonio fuori Regione), alcuni dei quali commessi consentendo l’utilizzo dell’autovettura anche a terze persone.  
Inoltre, per avere conferma delle ipotesi già evincibili dalle attività tecniche, veniva acquisita presso la Comunità Montana Ufita documentazione in ordine all’utilizzo del mezzo in questione, ed in particolare -tra le altre cose- i fogli di marcia che avrebbero dovuto fornire giustificazione degli spostamenti e dei km percorsi: le indicazioni dei fogli di marcia venivano comparate quindi con le risultanze delle attività di intercettazione, ed emergeva la difformità di tutti i dati riportati sui predetti moduli manoscritti rispetto alle evidenze del GPS montato sull’autovettura monitorata.
Il GIP, nell’accogliere la misura cautelare, condivideva l’impostazione giuridica prospettata dalla Procura, secondo cui le condotte dell’indagato configuravano un peculato ordinario e non un peculato d’uso, così qualificando l’utilizzo -per oltre un anno e con frequenza quasi quotidiana, per i più disparati scopi personali, del tutto estranei a ragioni istituzionali- di un’automobile di servizio appartenente all’amministrazione, tale da cagionare una totale distrazione del veicolo dalle finalità pubbliche cui lo stesso era preposto.
Dopo la richiesta di misura, in vista dell’interrogatorio di rito, l’indagato rassegnava le proprie dimissioni irrevocabili dall’ufficio ricoperto, delegando altresì altro consigliere in rappresentanza del Comune ove ricopre la carica di Sindaco.
Tuttavia, a fronte delle dimissioni, il GIP, su richiesta della Procura della Repubblica di Benevento,  ha ritenuto di dover comunque adottare la misura cautelare, stante la lettera dell’art. 22 c.4 dello Statuto dell’ente, ai sensi del quale le dimissioni del Presidente diventano efficaci dalla data di avvenuta sostituzione dello stesso da parte del Consiglio Generale, e in virtù dell’ultimo comma della medesima disposizione, secondo cui -in caso di dimissioni- “il Presidente, limitatamente alla rappresentanza legale e agli atti di ordinaria amministrazione, rimane in carica fino alla nuova di nuovi organi”, con ciò ritenendo ancora sussistente l’esigenza cautelare del pericolo di reiterazione.
Benevento, 17 maggio 2021


NOTTE MOVIMENTATA PRESSO UN BAR DI AIROLA INTERVENGONO  I CARABINIERI. UN AVVENTORE DELLA PROVINCIA DI AVELLINO SI AVVENTA CONTRO DI LORO. ARRESTATO.
Nella tarda serata di ieri, ad Airola, i carabinieri della Stazione CC di Sant’Agata de’ Goti sono intervenuti presso un bar in via Roma, poiché era stato segnalato un assembramento di persone, che non rispettavano le misure sul distanziamento sociale e non indossavano i dispositivi di protezione individuale. Una volta giunti sul posto, un avventore, 29enne originario di Cervinara (AV), all’invito dei militari di pattuglia a indossare la mascherina, in evidente stato di agitazione, inveiva contro minacciandoli e avventandosi contro. Nel frattempo, sopraggiungeva altro militare che, libero dal servizio, stava transitando con la sua autovettura e, notando il parapiglia, si era fermato a dare una mano ai suoi colleghi per tentare di bloccare la persona esagitata. Nella colluttazione scaturita, uno dei carabinieri ha riportato lesioni alla spalla ed escoriazioni in altre parti del corpo, e soccorso e visitato presso l’Ospedale Fatebenefratelli i medici gli hanno diagnosticato una prognosi di 10 gg. Una volta bloccato, l’uomo è stato perquisito dai militari che gli hanno rinvenuto addosso anche un coltello, poi sequestrato. Pertanto, il 29enne, dopo gli opportuni accertamenti e le consuete formalità è stato dichiarato in arresto perché ritenuto responsabile dei reati di resistenza a Pubblico Ufficiale, lesioni personali, danneggiamento e porto abusivo di armi, per i quali il Sostituto Procuratore di turno della Procura della Repubblica di Benevento ha disposto l’arresto in regime di detenzione domiciliare, a disposizione della stessa Autorità Giudiziaria, in attesa della celebrazione del rito direttissimo previsto per lunedi p.v..
Airola 16 maggio 2021

ARPAIA (BN): ATTI PERSECUTORI E VIOLAZIONE DELLA MISURA DEL DIVIETO DI AVVICINAMENTO AI LUOGHI FREQUENTATI DALLA PERSONA OFFESA: CARABINIERI ARRESTANO UN 38ENNE.
Nella serata di ieri, militari della Compagnia Carabinieri di Montesarchio (BN) ed in particolare gli uomini della Stazione CC di Arpaia (BN) hanno tratto in arresto un 38enne, censurato, della provincia di Caserta, poiché ritenuto responsabile dei reati di atti persecutori e violazione della misura del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa cui era sottoposto. Nel dettaglio, a seguito di un richiesta giunta alla Centrale Operativa del Comando Compagnia CC di Montesarchio (BN), nella quale si richiedeva intervento per  un’aggressione subita da una donna in Arpaia (BN), sul posto veniva inviato immediatamente equipaggio del locale Comando Stazione CC, in servizio perlustrativo per il controllo del territorio.  Appena giunti i militari verificavano che, nei pressi di un esercizio pubblico, situato sulla SS 7 Appia,  il 38enne stava aggredendo sia verbalmente che fisicamente la ex moglie e una persona con cui intrattiene una relazione sentimentale e solo l’immediato intervento dei militari operanti impediva ulteriori più gravi conseguenze. Nella circostanza si accertava che 38enne, aveva inoltre violato la misura del divieto di avvicinamento nei luoghi frequentati dalla persona offesa, cui era stato sottoposto a seguito di precedente arresto, operato nel mese di aprile 2021 nella provincia di Caserta per i medesimi reati commessi nei confronti della ex moglie. Pertanto, visti gli elementi raccolti a carico del 38enne, lo stesso veniva dichiarato in stato di arresto e su disposizione dell’Autorità Giudiziaria veniva ristretto in regime di arresti domiciliari presso la propria abitazione ubicata in provincia di Caserta.
Montesarchio (BN), 15 maggio 2021.


BENEVENTO: I CARABINIERI CHIUDONO IL CERCHIO SULL’EFFERATA RAPINA AVVENUTA LA SERA DEL 7 APRILE 2021 IN DANNO DUE CITTADINE CINESI DEL CENTRO STORICO.
Ricorderanno tutti che la città rimase scossa dalle modalità di aggressione alle due giovane donne, furono entrambe accoltellate, da dietro, alle spalle e gli aggressori le lasciarono morenti a terra.  Era la sera del 7 Aprile, il fatto di sangue avvenne alle 22:30 circa, nel centro storico, con precisione in via San Antonio Abbate. Le due donne furono soccorse ed immediatamente trasportate all’ospedale civile San Pio, una delle due apparve particolarmente grave infatti nella notte fu operata al polmone e per alcune ore si temette il peggio in quanto era in condizioni disperate. Oggi entrambe le cittadine cinesi stanno bene. I Carabinieri iniziarono subito una complessa attività d’indagine; la zona non è dotata di impianto di videosorveglianza, non c’erano testimoni oculari e le due donne erano scarsamente collaborative per difficoltà oggettive; una era in Italia da pochissimi  giorni. Le serrate indagini condotte dai militari dell’Arma consentivano, a distanza di pochi giorni e nonostante le oggettive difficoltà,  di tratte in arresto uno dei due responsabili del vile delitto. Ieri la chiusura del caso…… è stato tratto in arresto anche il secondo responsabile  della tentata rapina degenerata nel sangue, si tratta di un minore anche lui del Sannio. Oggi pomeriggio, su disposizione del Tribunale per i minorenni di Napoli anche il minore è stato raggiunto da mandato di arresto. Dopo le formalità di rito i Carabinieri della Compagnia di Benevento che hanno condotto le indagini lo hanno tradotto in una struttura protetta ove il ragazzo rimarrà a disposizione dell’A.G.
Benevento 15 maggio 2021

PROCIDA CAPITALE DELLA CULTURA 2022, ACCORDO TRA REGIONE E COMUNE INSEDIATA LA CABINA DI REGIA
E’ stato sottoscritto un Accordo di collaborazione tra la Regione e il Comune di Procida per la realizzazione del programma di “Procida Capitale italiana della Cultura 2022”.  L'Accordo prevede, tra l'altro, l'istituzione di una cabina di regia per coordinare, realizzare e monitorare gli interventi. La Cabina, insediatasi oggi a Palazzo Santa Lucia, è presieduta dal presidente Vincenzo De Luca e così composta: per la Regione, l’assessore al Turismo Felice Casucci, il direttore generale alle Politiche culturali e Turismo Rosanna Romano, la già vicepresidente della Scabec Teresa Armato; per il Comune di Procida, il sindaco Dino Ambrosino, il direttore del progetto Agostino Riitano, la storica Raffaella Salvemini. Nell'ottica di una ampia collaborazione istituzionale, la Regione si impegna a svolgere un ruolo di raccordo tra gli enti coinvolti e nello specifico a mettere in campo: azioni di comunicazione per la promozione degli eventi e il rilancio delle isole, dell'area flegrea e delle zone costiere; azioni di accompagnamento anche mediante il finanziamento di eventi culturali e azioni di digitalizzazione per la fruizione del programma. La Regione si impegna, inoltre, a promuovere interventi a sostegno dell'industria turistica, del comparto produttivo e commerciale; a coinvolgere il mondo dell'associazionismo e degli istituti scolastici regionali; a potenziare la mobilità e i servizi sanitari delle isole in previsione dell'aumento dei flussi turistici, ai fini della sicurezza della salute delle persone. Il comune di Procida, soggetto attuatore di tutti gli interventi, si impegna, dal suo canto, ad attuare le strategie così come previste dal dossier di candidatura “La cultura non isola” - valutato dal Ministero della Cultura e approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 29 gennaio - e a concordare con la Regione le modalità di realizzazione degli interventi previsti. “La collaborazione, siglata con questo accordo, è presupposto indispensabile per la riuscita di un progetto straordinario, di valorizzazione e rilancio di Procida e della Campania tutta, in cui Regione e Comune hanno fortemente creduto” ha dichiarato il presidente Vincenzo De Luca. “Siamo grati alla Regione Campania per il suo fondamentale sostegno, orgogliosi di rappresentare – nell’anno da Capitale italiana della Cultura - l’intero territorio regionale, con la sua bellezza, le sue tradizioni e il suo appeal internazionale. – ha sottolineato il sindaco di Procida, Dino Ambrosino - Sin dalla prima fase di progettazione, il nostro programma ha avuto l’ambizione di coinvolgere i Campi Flegrei, l’isola d’Ischia e il golfo di Napoli, certi che oggi più che mai la sinergia sia il reale valore aggiunto per far ripartire il turismo e promuovere percorsi virtuosi di innovazione sociale, a partire dalla nostra piccola isola”. Il vasto programma di “Procida Capitale italiana della Cultura 2022” verrà presentato nei prossimi mesi tenendo conto anche degli sviluppi della pandemia, in base ai quali sarà possibile definire ulteriormente le modalità di svolgimento degli eventi.
Procida 14 maggio 2021
CERRETO SANNITA. CONTROLLI STRAORDINARI ALLA CIRCOLAZIONE STRADALE IN VALLE TELESINA. ESEGUITI SEQUESTRI AMMINISTRATIVI, SANZIONI E DECURTAZIONI DI PUNTI DALLA PATENTE.
Nella giornata di ieri i Carabinieri della Compagnia di Cerreto Sannita, su disposizione del Comando Provinciale di Benevento, hanno effettuato un articolato servizio di controllo straordinario del territorio, con l’impiego di numerose pattuglie, teso prevalentemente al controllo della circolazione stradale sulle principali arterie di comunicazione SS 372 Telesina e SS 265/Variante Fondo Valle Isclero, tra le province di Benevento e Caserta, al fine di prevenire i sinistri stradali.
Sono stati controllati 98 soggetti e 70 autoveicoli. Sono state elevate complessivamente 14 contestazioni al CDS, tra cui:
- nr. 1  per sorpasso su striscia continua, con sanzione amministrativa di euro 42 e decurtazione di 2 punti dalla patente;
- nr. 1 per mancata revisione periodica, con sanzione amministrativa di euro 173,00;
- nr. 3 per mancanza di copertura assicurativa, con conseguente sequestro amministrativo del veicolo, decurtazione di 5 punti dalla patente e sanzione amministrativa di euro 866 cadauno;
- nr. 4 per mancato uso delle cinture di sicurezza, con decurtazione di 5 punti dalla patente e sanzione  amministrativa di euro 83,00 ciascuno;
- nr. 5  per mancanza dei documenti di guida e/o circolazione, con la sanzione di euro 42,00.
I controlli continueranno costantemente al fine di prevenire i sinistri stradali lungo le principali arterie di comunicazione.
 CERRETO SANNITA 13 maggio 2021

MONTEFALCONE DI VAL FORTORE. DENUNCIATE DAI CARABINIERI QUATTRO PERSONE PER LESIONI PERSONALI, MINACCIA AGGRAVATA, PERCOSSE E VIOLAZIONE DI DOMICILIO.
I Carabinieri della Stazione di Montefalcone di Val Fortore, coordinati dalla Compagnia di San Bartolomeo in Galdo, hanno denunciato in stato di libertà quattro persone del posto per lesioni personali, minaccia aggravata, percosse e violazione di domicilio.
Le tempestive indagini, scaturite dalla richiesta di intervento di un 55enne del posto, hanno consentito di appurare che i quattro aggressori, fratello, cognata e nipoti del malcapitato, erano entrati in un terreno adiacente all’abitazione del richiedente scavalcandone il recinto, dove poi lo avevano percosso e minacciato gravemente a causa di vecchi dissidi familiari.
Al fine di evitare ulteriori conseguenze, i militari hanno proceduto al ritiro cautelare di tre fucili da caccia regolarmente detenuti da uno degli aggressori.
MONTEFALCONE DI VAL FORTORE 13 maggio 2021

BENEVENTO: TENTATO OMICIDIO DI UN 33ENNE.
I CARABINIERI IDENTIFICANO GLI AUTORI, UN’UOMO DI 31 ANNI E  UNA DONNA DI 23 ANNI ED ESEGUONO IL DECRETO DI FERMO DEL P.M.
Le pressanti indagini i Carabinieri  del Nucleo Operativo della Compagnia di Benevento e quelli del Nucleo Investigativo, coordinate dalla locale Procura della Repubblica, avviate a seguito dell’episodio del ferimento di un beneventano 33 enne, mediante un colpo di fucile, avvenuto nella tarda serata di ieri nei pressi di un esercizio pubblico in via M. D’Azeglio, al rione Libertà, di questo capoluogo, hanno permesso  l’identificazione dei due autori, i quali, datisi subito alla fuga, sono stati attivamente ricercati dalle pattuglie dell’Arma, durante tutta la notte fino a questo pomeriggio, quando i due ricercati si sono presentati spontaneamente presso questi uffici. Ai due entrambi di Benevento, un uomo di 31anni  ed una donna 23enne, pertanto, è stato notificato il decreto di fermo del P.M. perché ritenuti responsabili di tentato omicidio in concorso e detenzione e porto illegale di fucile. Ieri sera, verso le ore 22,00, infatti, l’uomo ferito, attinto alla gamba destra da un colpo di fucile esploso dal feritore, è stato ricoverato in prognosi riservata presso l’ospedale San Pio di Benevento, dove è stato sottoposto ad intervento chirurgico. Dagli elementi raccolti, comprese anche alcune immagini estrapolate dagli impianti di video sorveglianza e dalle testimonianze raccolte, i militari sono riusciti a identificare le due persone e, subito dopo, si sono messi alla continua ricerca dei due. L’episodio, avvenuto sotto gli occhi di diversi testimoni, dovrebbe inquadrarsi in fatti di natura passionale. I due responsabili, legati da vincoli di parentela, pertanto, dopo il provvedimento di notifica del decreto di fermo emesso dal Sostituto Procuratore di turno, sono stati tradotti presso la locale Casa Circondariale di Benevento a disposizione della citata Autorità Giudiziaria. Sono in corso ulteriori indagini per determinare l’esatta dinamica dei fatti e l’acquisizione di ulteriori prove a loro carico.
Bernevento 11 maggio 2021.

Sopralluogo del Presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, sui circa 50 chilometri di strade provinciali sannite che saranno percorse il prossimo 15 maggio dalla Carovana rosa per la tappa Foggia - Guardia Sanframondi, 8a della 104a edizione del Giro d’Italia.
Accompagnato dai tecnici della Provincia, Salvatore Minicozzi e Mario Caracciolo, il Presidente Di Maria si è fermato dapprima a Guardia Sanframondi, dove, accompagnato dal Sindaco Raffaele Di Lonardo, ha visionato in particolare l’area dell’arrivo oltre che tutti i tronchi stradali di accesso al centro cittadino; poi, attraversando i territori di Castelvenere, Telese Terme, Cerreto Sannita, Cusano Mutri e Pietraroja, Di Maria è risalito fino al Confine provinciale di Bocca della Selva, località dalla quale i “girini” entreranno nel Sanni. Per tutti questi tronchi stradali, su richiesta del Presidente della Provincia e degli stessi Sindaci, che si erano riuniti nei giorni scorsi nella Sala Consiliare della Rocca dei Rettori, il Settore Tecnico, diretto dall’ing. Angelo Carmine Giordano, ha predisposto i progetti d’intervento per la loro messa in sicurezza e consentire dunque il regolare svolgimento della manifestazione sportiva: risagomatura ed asfaltatura, rifacimento della segnaletica orizzontale e verticale, apposizione delle barriere sul ciglio strada nei punti mancanti, ed altro ancora. Il Settore ha quindi provveduto all’affidamento dei lavori ad alcune Ditte specializzate, che hanno subito cominciato i lavori riuscendone a completare l’80% nei giorni scorsi, mentre altri interventi sono tuttora in corso e comunque saranno ultimati ovviamente in tempo utile per consentire il passaggio della Carovana. Il costo complessivo di tutti questi lavori, posti interamente a carico del Bilancio della Provincia, è stato pari a circa 450mila Euro.
Per visionare quanto è stato fatto e quanto resta ancora da fare il Presidente ha dunque voluto il sopralluogo odierno: al termine del quale, il Presidente ha espresso la propria soddisfazione ed il proprio apprezzamento per quanto ha visionato. Ecco quanto, alla fine del sopralluogo, Di Maria ha dichiarato: «E’ stato ottimo il lavoro che, in pochissimo tempo, il Settore Tecnico della Provincia ha realizzato su tutti i chilometri del tracciato della corsa in rosa. La Provincia, in tutte le sue articolazioni tecniche ed amministrative, ha posto in essere un grande impegno per rispondere adeguatamente ad una sfida che ci era stata lanciata con davvero pochissimo preavviso. D’altra parte, il tracciato scelto nel Sannio dagli Organizzatori è sicuramente assai impegnativo sia dal punto di vista tecnico che agonistico e, dunque, era necessario che la Provincia esercitasse tutto intero il suo senso di responsabilità per garantire agli appassionati della bicicletta di godere di una grande giornata di sport. Del resto, come Ente rappresentativo degli interessi legittimi del Sannio, non potevamo rinunciare a questa grandissima opportunità offerta dal Giro d’Italia per dare una immagine bella e coinvolgente di un territorio che offre tante di quelle eccellenze e bellezze naturalistiche, paesaggistiche, termali, paleontologiche, archeologiche, architettoniche, enogastronomiche che costituirebbe una fatica immane elencarle tutte».
Benevento 11 maggio 2021

CINEMA CAMPANIA 5 MILIONI DI EURO PER IL PIANO OPERATIVO 2021
È stato pubblicato ieri sul Burc il Piano operativo annuale di promozione dell’attività cinematografica e audiovisiva per l’anno 2021 che ha una dotazione finanziaria di 5 milioni di euro, ed è articolato, come negli anni precedenti, in tre sezioni principali: opere audiovisive con un budget di 2 milioni e 250 mila euro; promozione della cultura cinematografica e audiovisiva, con 1 milione e 250 mila euro; sostegno all’esercizio, con 1 milione di euro. La data di scadenza per la presentazione delle domande è fissata in 45 giorni dalla pubblicazione sul Burc. Anche quest’anno, come nel 2020, il Piano Cinema intende dare risposte concrete per sostenere il comparto regionale dell’audiovisivo nel superamento della crisi che, a causa della pandemia, ha investito il tessuto delle piccole imprese di produzione campane, le attività di promozione costrette a riorganizzarsi radicalmente per le misure di contenimento del contagio e le attività delle sale cinematografiche costrette a un lungo periodo di chiusura nonché a una faticosa riapertura che è tuttora priva di certezze di continuità.  Gli uffici della Direzione generale Cultura hanno lavorato per anticipare la pubblicazione del bando entro la primavera (per il recente passato le risorse arrivavano in agosto) grazie al lavoro svolto congiuntamente con la Film Commission Regione Campania, cui è stata affidata l'esecuzione dell'avviso pubblico. Da quest’anno le domande possono essere presentate esclusivamente sulla nuova piattaforma digitale Piano Cinema Campania disponibile sul sito http://www.pianocinemacampania.it. La Campania è la prima regione del Centro-Sud Italia a dotarsi di un’applicazione web interattiva dedicata alla concessione di contributi per il settore audiovisivo. La piattaforma consentirà di gestire in maniera efficiente le informazioni e la documentazione da presentare, indirizzando i soggetti proponenti in tutte le fasi di compilazione e caricamento di documentazione per una corretta presentazione delle domande. La piattaforma è stata sviluppata dalla Film Commission Regione Campania in collaborazione con gli uffici regionali, e realizzata da PA Advice, società campana leader nella progettazione di soluzioni informatiche e digitalizzazione dei processi per la pubblica amministrazione in Italia. Analizzando il riparto delle risorse, è stata confermata una dotazione finanziaria di 800 mila euro per lo sviluppo di opere audiovisive, la più alta fra i fondi regionali italiani, riservata alle società con sede in Campania, per consentire alle produzioni campane di investire nella cura della qualità dei progetti e renderli più competitivi sui mercati nazionali e internazionali, ma anche di dare respiro alla creatività e incentivare l’attenzione delle produzioni verso i giovani talenti. Confermata anche la dotazione di 1,2 milioni di euro per la produzione di opere audiovisive e di 250.000 euro per la distribuzione e auto-distribuzione di opere prodotte e realizzate in Campania. Per le attività di promozione oltre alla dotazione finanziaria di  1 milione e 50 mila euro destinata a festival, rassegne e premi, è stato confermato l’investimento di 200 mila euro per i progetti di alfabetizzazione al linguaggio audiovisivo da realizzarsi in partenariato con le scuole di ogni ordine e grado, gli atenei e altri enti pubblici e privati attivi in questo campo. Per incentivare le sale cinematografiche alla riapertura è stata infine confermata la dotazione di 1 milione di euro con il meccanismo automatico di assegnazione dei contributi, e un incremento degli importi che premierà prioritariamente le sale da 1 a 7 schermi.
Napoli 11 MAGGIO 2021
BENEVENTO: CONTROLLI STRAORDINARI DEI CARABINIERI ANTICOVID
Vasta e diversificata l’operazione di perlustrazione e controllo del territorio condotta nelle serate di venerdì, sabato e domenica dai Carabinieri del Comando Provinciale Carabinieri, finalizzata principalmente al controllo della circolazione stradale e alle verifiche del rispetto della normativa anti-covid. Tale attività ha consentito di controllare in totale 336 persone e 164 veicoli In particolare:
- nella Valle Caudina i militari della Compagnia di Montesarchio (BN) con il supporto dei militari della C.I.O. del 10° Reggimento Campania, ha interessato i comuni di Montesarchio, Airola e Sant’Agata dè Goti con il controllo di numerosi esercizi pubblici interessati alla cd. “movida” al fine di verificare principalmente il rispetto degli orari di chiusura, il corretto utilizzo dei dispositivi sanitari e ad evitare assembramenti nei pressi di 28 esercizi pubblici controllati: sono state elevate n. 4 contravvenzioni al Codice della Strada, n. 3 sanzioni per il mancato uso della mascherina e n. 3 chiusure di esercizi pubblici per gg. 5;
  • in Valle telesina, territorio di competenza della Compagnia di Cerreto Sannita, a Telese Terme 4 giovani, avventori di un noto bar molto frequentato durante la movida, sono stati sanzionati per inosservanza del divieto di consumazione di cibi o bevande sul posto o nelle immediate adiacenze delle attività di servizio di ristorazione (bar) dopo le ore 18:00;
Ad Amorosi :
  • un giovane del luogo, a bordo del proprio motociclo, è stato sanzionato per mancanza di copertura assicurativa, con contestuale sequestro amministrativo della moto e decurtazione di 5 punti dalla patente;
  • un altro utente, a bordo della propria autovettura è stato sanzionato per uso del telefono cellulare durante la guida, con contestuale decurtazione di 5 punti dalla patente;
    • mentre nella Valfortore, i Carabinieri della Compagnia di San Bartolomeo in Galdo hanno elevato sanzioni amministrative nei confronti di due giovani pugliesi trovati senza giustificato fuori dalla “zona arancione”.
    Benevento 10 maggio 2021
    AIROLA (BN) – MINORE FERITO DA COLTELLO ALL’ADDOME. I CARABINIERI DENUNCIANO IN STATO DI LIBERTA’ UN 19ENNE DI CERVINARA (AV).
    Nella tarda serata di ieri, in Airola (BN), militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia CC di Montesarchio (BN) unitamente a personale della Stazione CC di Airola (BN), a conclusione di attività investigativa, hanno deferito in stato di libertà un 19enne di Cervinara (AV) resosi responsabile di lesioni personali e porto abusivo di arma da taglio. L’intervento scaturiva a seguito di segnalazione da parte dell’operatore del 118 che comunicava alla Centrale Operativa della Compagnia CC di Montesarchio (BN) di aver avuto una richiesta di soccorso in Airola (BN) per un ragazzo vittima di accoltellamento. Immediatamente si portavano sul posto gli equipaggi  impegnati nel centro caudino e, dopo essere giunti nella centralissima via Roma, riscostruivano l’intera vicenda e risalivano subito all’identità dell’autore del delitto, accertando nel contempo che il gesto era scaturito da futili motivi. Il minorenne veniva trasportato a mezzo autombulanza del 118 presso l’ospedale Fatebenefratelli di Benevento, dove veniva medicato a seguito di ferita da taglio nel fianco sinistro e dopo le cure dei sanitari e veniva dimesso con gg. 7 (sette) s.c. di prognosi. Gli operanti iniziavano le ricerche dell’autore del reato, identificato in un 19enne di Cervinara (AV) che terminavano allorquando lo stesso si presentava spontaneamente presso il Comando Compagnia CC di Montesarchio (BN) accompagnato dal proprio legale di fiducia. A carico del giovane, alla luce degli elementi raccolti, scattava la denuncia in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria. Il coltello utilizzato non veniva rinvenuto.   
    Montesarchio (BN), 8 maggio 2021.

    Sarà inaugurato mercoledì alle 9,30 presso la palestra dell'Istituto Ilaria Alpi di Via Vitulanese, l'hub vaccinale di Montesarchio. Un hub d'eccellenza, che servirà tutta la Valle Caudina, con 10 postazioni per inoculare i vaccini, personale medico e infermieristico dell'Asl a gestire l'utenza con la collaborazione della Protezione Civile locale e di altre associazioni del territorio. La struttura sarà inaugurata , dal Direttore Generale Asl, Gennaro Volpe e dal sindaco di Montesarchio Franco Damiano e saranno presenti le autorità civili e militari del Sannio e della Valle Caudina. «Un hub all'avanguardia – spiega il sindaco di Montesarchio Franco Damiano – che punta a servire tutta la Valle Caudina per una campagna vaccinale veloce e che ci auguriamo possa essere un baluardo nella lotta al covid che ci consentirà di vivere il futuro con maggiore tranquillità  Con questa struttura vogliamo migliorare il lavoro già eccellente fatto dall'Asl di Montesarchio sul fronte vaccinale, con numeri notevoli già raggiunti. Voglio innanzitutto ringraziare la direzione Asl, il distretto di Montesarchio per l'organizzazione eccellente, la Protezione Civile che ci è sempre vicina, i medici, gli infermieri e i volontari per il preziosissimo contributo e tutte le associazioni del territorio che hanno collaborato e collaboreranno»
    montesarchio 8 maggio 2021


    SS 7 APPIA – SERVIZIO DI CONTROLLO ALLA CIRCOLAZIONE STRADALE: RITIRATE N. 5 PATENTI E N. 1 VEICOLO SOTTOPOSTO A SEQUESTRO.
    Vasta e diversificata l’operazione di perlustrazione condotta nella giornata di ieri pomeriggio dai Carabinieri della Compagnia di Montesarchio (BN), su disposizione del Comando Provinciale di Benevento, finalizzata principalmente al controllo del rispetto delle norme in materia di circolazione stradale.
    Tale attività, svolta sulla SS7 Appia, che ha visto l’impiego di numerosi uomini e mezzi del dipendente Nucleo Operativo e Radiomobile, ha portato al controllo di 86 persone e 51 veicoli.
    Sono state elevate complessivamente n. 8 contravvenzioni al Codice della Strada per l’importo complessivo di € 1.785,00.
    Nel dettaglio:
    • n. 5 contravvenzioni per sorpasso su striscia continua in prossimità di una curva con sanzione accessorie del ritiro della patente di guida;
  • n. 1 contravvenzione per  velocità non commisurata;
  • n. 1 contravvenzione per aver oltrepassato le strisce longitudinali continue;
  • n. 1 contravvenzione per mancanza della copertura assicurativa con sequestro del veicolo.
  •  
    I servizi di controllo alla circolazione stradale proseguiranno nei prossimi giorni e interesseranno anche le altre arterie stradali ambito giurisdizione di competenza.
    Montesarchio (BN), lì 06 maggio 2021.


    Claire Fontaine | Pasquarosa | Marinella Senatore   8 maggio – 27 giugno 2021
    Sabato 8 maggio, dalle ore 10.00 alle 17.00, sarà aperta al pubblico al Museo Diego Aragona Pignatelli Cortes di Napoli la mostra che riunisce per la prima volta due presenze del panorama creativo contemporaneo, Claire Fontaine (collettivo artistico fondato nel 2004) e Marinella Senatore (Cava de’ Tirreni [Sa], 1977), assieme ad un’artista del Novecento, Pasquarosa (Anticoli Corrado [Rm], 1896 – Camaiore [Lu], 1973). Curata da Pier Paolo Pancotto, la mostra prende forma grazie alla collaborazione tra la Direzione Regionale Musei Campania, la Collezione Agovino Napoli e la Fondazione Nicola Del Roscio | La Fondazione, Roma.  L’esposizione, che presenta 34 opere dei tre artisti arricchite da documenti, si sviluppa nelle sale espositive e nelle sale storiche del primo piano del Museo Pignatelli. Pone in dialogo tre interpreti differenti per storia, generazione e cultura, associati da una comune sensibilità verso i temi della libertà individuale, in particolare quella femminile. Orientamento esplicitato da ciascuna di esse con modalità proprie legate, naturalmente, alla specifica esperienza personale e professionale, ma in grado di presentare inattesi, a volte sorprendenti, punti di convergenza. Infatti, se Claire Fontaine e Marinella Senatore riflettono su tematiche universali come la politica, la religione, la violenza, le differenze di genere, il ruolo della donna nel contesto sociale, attraverso un variegato insieme di modalità espressive - scultura, disegno, foto, scrittura, installazioni, video, performance - anche “Il fenomeno Pasquarosa”, così come Cipriano Efisio Oppo definì la pittrice nel 1918, si confronta con le medesime tematiche. Con la differenza che, rispetto alle prime, più che attraverso l’esercizio della propria professione, Pasquarosa lo ha fatto, consapevolmente o inconsapevolmente, soprattutto per mezzo della propria esistenza. Vale a dire affrontando in prima persona una serie di circostanze ambientali e sociali inconsuete per la sua epoca, tali da renderla un’ideale pioniera di quei movimenti di rivendicazione dei diritti economici, civili e politici delle donne che spesso sono oggetto dell’esercizio creativo di Claire Fontaine e Marinella Senatore. L’esposizione si delinea, pertanto, come una sorta di colloquio virtuale su temi condivisi - per quanto analizzati da differenti punti di vista - tra Claire Fontaine, Pasquarosa e Marinella Senatore che si concretizza sotto forma di un’unica, grande installazione volta a sottolineare il carattere dialettico e sperimentale del progetto. La mostra sarà corredata da un catalogo con testi critici e documentazione fotografica dei lavori esposti, edito da Di Virgilio Editore. Si ringraziano gli artisti e tutti coloro i quali, con il loro contributo, hanno reso possibile la realizzazione di questo progetto.
    Napoli 6 maggio 2021

    CENTRALE DI MONITORAGGIO AMBIENTALE AD ALTA TECNOLOGIA
    PRESSO LA REGGIA DI CARDITELLO
    Dichiarazione del Vice Presidente, Assessore all’Ambiente, Fulvio Bonavitacola

    "Nella seduta del 4 maggio 2021 la Giunta Regionale ha approvato la costituzione di un importante organismo per il monitoraggio ambientale a livello regionale . Si tratta  di una Centrale Operativa che sarà allestita presso la Reggia di Carditello , sede prestigiosa, ubicata in un territorio sensibile della provincia di Caserta, messa a disposizione dalla Fondazione Carditello.

    La centrale avrà il compito di coordinare e integrare le azioni dei differenti soggetti regionali operanti in materia di monitoraggio e controllo del territorio e dell’ambiente. La Centrale gestirà una piattaforma digitale cui confluiranno tutti i dati raccolti dai singoli organismi (Arpac, Istituto Zooprofilattico, Sma Campania, Dipartimenti Asl, Università) che, per la prima volta , utilizzeranno un linguaggio comune .
    Il progetto, elaborato dall’Unità di coordinamento ambientale istituita in fase post lockdown dal Presidente De Luca,  prevede un finanziamento di 7 milioni di euro , destinati alle diverse azioni previste a supporto della Centrale:
    1. sistema informativo ambientale;
    2. Potenziamento rilevazioni aeree mediante droni e utilizzo d’immagini satellitari;
    3. Impianti di rilevazione polveri sottili in aree critiche;
    4. Apparecchiature di campionamento ed analisi corpi idrici e contaminanti del suolo.
    Il monitoraggio dinamico sulle diverse matrici ambientali rappresenterà un’avanzata e aggiornata base di supporto per le strategie regionali d’intervento sul territorio, perseguendo un ordine di priorità fondato su dati scientifici e oggettivi nell’approccio al delicato tema del rapporto fra inquinamento e salute".
    Campagna di controlli per la prevenzione degli incendi boschivi: Carabinieri Forestali sequestrano 87 kg di asparago selvatico
    Circa 400 controlli, ben 87 kg di asparagi sequestrati e 42 sanzioni elevate per circa 16.000 euro: questi sono i numeri della campagna di controlli in corso da parte dei Carabinieri della Tutela Forestale nella regione Campania. I controlli riguardano, in particolare, l'osservanza del divieto di raccolta dell'asparago sulle aree boscate e pascolive percorse dal fuoco lo scorso anno, introdotto dal regolamento regionale di tutela del patrimonio forestale n.3 del 2017 e diretto a scoraggiare la pratica dell'abbruciamento dei soprassuoli forestali per favorire la crescita dei germogli. I controlli hanno considerato anche la tutela del consumatore mediante la contestazione di casi di commercializzazione degli asparagi in assenza di tracciabilità. L'Asparago selvatico (Asparagus acutifolius) è una pianta cespugliosa perenne, caratteristica della macchia mediterranea, molto ricercata sapore amarognolo del germoglio primaverile (Turione) e i suoi valori nutrizionali. La campagna di controlli si inquadra nella più vasta azione di prevenzione degli incendi boschivi in corso mediante il controllo di tutte le attività vietate nelle aree forestali incendiate come la caccia, il pascolo e le trasformazioni del bosco in altra coltura. Si ricorda che nelle aree protette la raccolta dei prodotti secondari del bosco è disciplinata da divieti e regolamenti specifici e che la disciplina generale, dettata dalla legge regionale 40 del 1994, prevede un quantitativo massimo di 1 kg a persona a giorno.
    Napoli, 5 maggio 2020


    Si terrà domani 5 maggio, presso il centro Polifunzionale di Aggregazione giovanile di Montesarchio, dalle 16 e 30 alle 18 e 30, l'Open day del progetto “TED - Territorio Educativo”, finanziato dall'impresa sociale “Con i Bambini”, attuato dalla cooperativa “Era” e promosso dal comune di Montesarchio.
    «Sarà possibile – spiega l'assessore ai Servizi Sociali, Antonio De Mizio – prendere informazioni, ovviamente in tutta sicurezza e con ingressi contingentati in base alla vigente normativa anticovid – sulle attività del centro che partiranno a brevissimo. E' innegabile la soddisfazione per vedere la struttura attiva: portare laboratori, percorsi professionali, attività didattiche è il modo migliore per rendere il quartiere vivo, attivo, grazie a iniziative di alto profilo. Un obiettivo raggiunto, una promessa mantenuta». A partire dal 17 maggio prenderanno avvio i laboratori gratuiti di web radio, social mapping, web design e animazione artistico sportiva, oltre all'attivazione degli sportelli di orientamento scolastico e professionale. Nel merito l'assessore alla Cultura, Morena Cecere dichiara: «Il centro Polifunzionale sarà un valore aggiunto alla variegata offerta di servizi a disposizione della comunità. Attraverso i laboratori e le iniziative culturali, renderemo il centro polifunzionale il cuore pulsante delle relazioni sociali, sopratutto tra le giovani generazioni, certi che diventerà catalizzatore delle migliori energie, di idee e di vitalità e che sarà   punto di riferimento per il territorio in materia di aggregazione, socializzazione e formazione giovanile».
    Montesarchio 4 maggio 2021

    BENEVENTO: NUOVO COMANDANTE DEL REPARTO OPERATIVO AL COMANDO PROVINCIALE CARABINIERI DI BENEVENTO
    PROMOSSI ANCHE DUE UFFICIALI DEL COMANDO PROVINCIALE CARABINIERI DI BENEVENTO
    Il Tenente Colonnello Carmine Apicella, 56enne,  si è insediato a Benevento in qualità di Comandante del Reparto Operativo, già retto in sede vacante dal Ten. Col. Alfredo Zerella, proviene dal Provinciale di Salerno, ove ha svolto l’incarico di comandante del Nucleo Informativo. Arruolato a Roma nel 1984, ha frequentato la Scuola Ufficiali nel 1998 ed ha prestato servizio in Emilia Romagna, Toscana, Campania e Veneto, ricoprendo incarichi territoriali di Stato Maggiore e presso Reparti Speciali, impegnati alla lotta della criminalità organizzata ed al contrasto del traffico di droga.
       Nel 2010, ha partecipato alla missione NATO KFOR “Joint Enterprise” per il mantenimento della pace in Kosovo. Nel 2017 ha coadiuvato la Commissione straordinaria del Ministero dell’Interno nominata per l’amministrazione del comune di Scafati (SA), sciolto per infiltrazioni mafiose.
       Al Tenente Colonnello Carmine Apicella, il saluto di benvenuto del Comandante Provinciale, Col. Germano Passafiume  e di tutto il personale del Comando Provinciale, in particolare, quello alle sue dirette dipendenze, del Nucleo Investigativo e del Nucleo Informativo.
    Sempre oggi, il Comandante Provinciale ha comunicato e consegnato simbolicamente i gradi agli ufficiali neo promossi al grado superiore: al Cap. Marino Di Cicco, Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di questo capoluogo e al Ten. Giuseppe Friscuolo, comandante della Sezione Operativa in seno al citato N.O.R. di Benevento.  
    Benevento 4 maggio 2021


     DATI SUI VACCINATI, DICHIARAZONE DEL PRESIDENTE DE LUCA
    "Abbiamo chiesto al Commissariato e al Ministero della Salute di correggere la comunicazione relativa alla vaccinazione degli ultra ottantenni. Oggi vengono proposte cifre totalmente fuorvianti. Va chiarito che l'adesione alle vaccinazioni è assolutamente volontaria. Pertanto l'informazione corretta relativa alla percentuale degli ultra 80enni, ultra 70enni e ultra 60enni vaccinati, non può che essere quella relativa a chi ha accettato di fare la vaccinazione, non alla percentuale Istat di popolazione. L'unica vaccinazione obbligatoria è quella degli operatori sanitari, per i quali siamo oltre il 99%. Per quanto riguarda la Campania, la prima dose è stata somministrata al 100% degli aderenti in piattaforma, come da bollettino quotidiano della Regione, che invitiamo a seguire come riferimento. Ci auguriamo che a brevissimo sia il Commissariato che il Ministero vogliano correggere l'informazione sui vaccinati".
    Napoli 4 maggio 2021

    Continua con importanti risultati il contrasto all’abbandono di rifiuti che la Stazione Carabinieri Forestale di San Giorgio del Sannio (BN) ha intrapreso giá da tempo, ponendolo tra gli obiettivi prioritari della propria mission istituzionale sul territorio. In ognuno dei sette comuni di competenza, infatti, il problema dello smaltimento illecito di rifiuti (spesso anche pericolosi) mediante condotte antigiuridiche come l’abbandono sul suolo o in acque superficiali e, nei casi peggiori, mediante combustione, rappresenta un’emergenza che non si puó ignorare, data la frequenza con la quale i Carabinieri Forestali segnalano alle Autoritá competenti questi illeciti, talvolta sulla base di segnalazioni degli stessi cittadini, d’altro canto a seguito di attività d’iniziativa, come quella che si è conclusa con successo nella mattina del 27 aprile scorso, allorquando, dopo un’attenta attività d’indagine, i militari forestali del Reparto sangiorgese hanno inflitto l’ultima stoccata a chi agisce senza scrupolo alcuno e in totale spregio del diritto dei cittadini di vivere in un territorio pulito e decoroso. Era lo scorso 14 aprile quando una pattuglia del suddetto Reparto, nel transitare lungo una strada pubblica secondaria del territorio di San Nicola Manfredi, alla loc. Maccafave, rinveniva con suo stesso sconcerto la presenza di ben oltre 50 grossi sacchi neri in plastica, molti dei quali aperti e con il relativo contenuto sparso nelle vicinanze, a diretto contatto col suolo, abbandonati a ridosso della scarpata di una strada pubblica poco trafficata. Prontamente i militari si attivavano per reperire nell’immediatezza elementi utili all’individuazione dei soggetti responsabili e, con estrema meticolosità e cautela, procedevano alla paziente apertura dei sacchi, notando innanzitutto che il relativo contenuto fosse in gran parte ascrivibile alla categoria dei rifiuti speciali provenienti da attività di demolizione, prevalentemente pannelli dismessi di cartongesso. Non passava tuttavia inosservato un particolare che ha condizionato positivamente l’esito delle indagini: all’interno dei sacchi ispezionati, separati tra loro, venivano rinvenuti spezzoni di cartongesso sui quali erano stampate delle lettere. Una volta recuperato il maggior numero di spezzoni con questa caratteristica, cominciava da parte dei militari una meticolosa opera di assemblaggio a terra degli stessi, alla stregua di un vero e proprio puzzle, col risultato finale della ricostruzione completa di una scritta affiancata da un logo. Ci è voluto poco a individuare, tramite una veloce ricerca in internet, l’associazione beneventana che recava la denominazione e il logo ricostruiti, elementi importanti che venivano immediatamente rappresentati alla Procura di Benevento contestualmente al deposito del sequestro preventivo dei rifiuti, custoditi all’interno dell’isola ecologica comunale. Delegati dall’Autoritá Giudiziaria a procedere con le indagini del caso i militari forestali di San Giorgio del Sannio, a seguito dell’escussione a sommarie informazioni di persone informate e soprattutto dell’ispezione di alcuni locali commerciali nei pressi di Via Torre della Catena in Benevento, nei quali al momento erano in corso lavori di ristrutturazione, rinvenivano elementi tali da poter addivenire all’individuazione del soggetto responsabile, un imprenditore di San Nicola Manfredi (BN) che, approfittando della discrezione offerta da una strada secondaria del suo stesso territorio, aveva preferito abbandonare i rifiuti derivanti dalla dismissione dei vecchi divisori in cartongesso dei locali ispezionati, piuttosto che conferirli a una ditta autorizzata al relativo smaltimento. Condotte sempre piú frequenti, queste, che si aggiungono ad altre recenti operazioni dei Forestali sangiorgesi: deferimento dei due soci di un’azienda di Calvi (BN) per lo stoccaggio abusivo di oltre 80 mc di rifiuti speciali, alcuni dei quali contenenti amianto; denuncia di un imprenditore per sversamento illecito di inchiostri e vernici nelle condotte idriche di un capannone industriale a San Martino Sannita (BN); denuncia di un operaio dipendente di una ditta sangiorgese per smaltimento illecito di rifiuti speciali mediante incenerimento a terra. Tutte attivitá concluse col deferimento in s.l. di soggetti noti che, sempre piú spesso, risultano appartenere alla categoria dei titolari di imprese, circostanza che comporta l’automatico viraggio della sanzione prevista per la condotta di abbandono di rifiuti dall’ambito amministrativo a quello penale, ben piú afflittivo e certamente non privo di conseguenze per gli imprenditori in caso di condanna. Infatti, oltre alle sanzioni penali, i responsabili sono tenuti a procedere a proprie spese al ripristino dello stato dei luoghi non solo con il regolare avvio a smaltimento/recupero dei rifiuti illecitamente gestiti, ma spesso con la bonifica dell’area interessata dallo sversamento. Il contrasto al degrado in cui versano i nostri territori, in seno al quale si stanno rivelando utilissimi gli spunti forniti anche dalle apparecchiature di videosorveglianza in dotazione ai Reparti, continua senza sosta e con grande impegno da parte dei militari forestali, spesso con incoraggianti risultati, ma non puó prescindere da una presa di coscienza collettiva che interessi trasversalmente tutte le categorie di cittadini, di qualsiasi etá, affinché questi gesti diventino sempre meno frequenti e ci restituiscano un territorio sano, permettendo alla collettivitá di fruire dei molteplici benefici che gli ambienti naturali offrono a chi sa preservarli.



    MONTESARCHIO (BN): TENTA DI ESTORCERE DENARO AI GENITORI MINACCIANDOLI E PICCHIANDOLI: ARRESTATO 35ENNE DAI CARABINIERI.
    Nella tarda serata di ieri, militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Montesarchio (BN) hanno tratto in arresto un 35enne, celibe, disoccupato di Montesarchio (BN), gravato da precedenti di polizia, resosi responsabile del reato di tentata estorsione.
    L’attività scaturiva da una richiesta pervenuta alla Centrale Operativa da parte di una donna, la quale richiedeva l’intervento dei militari in quanto asseriva che lei e il marito erano stati minacciati e picchiati dal figlio. Giunti sul posto gli operanti accertavano che, poco prima, i genitori erano stati raggiunti dal figlio il quale aveva avanzato l'ennesima richiesta di denaro minacciandoli di morte nel caso avesse ottenuto risposta negativa. Al diniego dei predetti lo stesso andava in escandescenza e iniziava a minacciarli per poi sferrare una testata al padre e spintonare la madre facendola rovinare a terra. Quest’ultima riusciva a chiamare i soccorsi e l’arrivo immediato di equipaggio dell’Arma consentiva di sorprendere e bloccare il giovane prima che accadesse il peggio. Si accertava altresì che le minacce e le violenze andavano avanti già da tempo, ma le richieste si facevano sempre più frequenti ed insistenti.
    Entrambi i genitori venivano prima medicati sul posto da personale del 118 e successivamente visitati dai sanitari presso l'ospedale San Pio di Benevento dove riportavano rispettivamente giorni 6 (sei) e 5 (cinque) s.c. di prognosi.
    Visti gli elementi raccolti il 35enne veniva dichiarato in stato di arresto e, dopo le formalità di rito, tradotto presso la casa circondariale di Benevento, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
    Montesarchio (BN), 03 maggio 2021.

    VAL FORTORE. CONTROLLI DEI CARABINIERI SULLA CIRCOLAZIONE STRADALE.
    Nel week-end del 1° Maggio i Carabinieri della Compagnia di San Bartolomeo in Galdo hanno dispiegato un ampio dispositivo di controllo della circolazione stradale nel territorio della Val Fortore, controllando 103 veicoli e 118 persone. Sono state elevate 8 contravvenzioni al Codice della Strada per complessivi 2.484 euro. In particolare, 4 patenti di guida ritirate sulla SS 212 “Fortorina” nel territorio di San Marco dei Cavoti per sorpasso su striscia continua in prossimità di una curva; 2 autovetture sequestrate con ritiro dei documenti di circolazione in quanto sprovviste di copertura assicurativa e 2 conducenti sanzionati poiché sprovvisti dei documenti di circolazione.
    Nel corso dei controlli, a Ginestra degli Schiavoni veniva sanzionato amministrativamente per 533,33 euro un uomo della provincia di Avellino per violazione delle norme anti-covid, sorpreso a circolare dopo le ore 22.00.
    Benevento 3 maggio 2021


    TELESE TERME (BN): ESEGUITA ORDINANZA DI CUSTODIA CAUTELARE IN REGIME DI DETENZIONE DOMICILIARE NEI CONFRONTI DI UNA CITTADINA  54ENNE PER SFRUTTAMENTO DELLA PROSTITUZIONE.    
    Nella serata di ieri 29 aprile 2021 i Carabinieri della Stazione di Telese Terme (BN) hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in regime di detenzione domiciliare, emessa dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Avellino – Ufficio Esecuzioni Penali, a carico di una cittadina 54 enne di Telese Terme, originaria della Cina, per fatti risalenti all’anno 2009, commessi in provincia di Avellino, quando la stessa si era resa responsabile del reato di esercizio di una casa di  prostituzione.
    La donna, rintracciata dai militari, dopo le consuete formalità, è stata condotta accompagnata presso la propria abitazione del centro termale per espiare la pena di anni 2 e mesi 2 di detenzione domiciliare, dove dovrà osservare le prescrizione impostele dall’Autorità Giudiziaria.
    telese Terme 30 aprile 2021

    SANT’AGATA DE’GOTI (BN): 8° ANNIVERSARIO DELLA TRAGICA MORTE DELL’APPUNTATO SCELTO DEI CARABINIERI TIZIANO DELLA RATTA.    
    L’ARMA DEI CARABINIERI SEMPRE VICINA A QUANTI HANNO SACRIFICATO LA PROPRIA VITA
    Nella mattinata di oggi 27 aprile 2019, in Sant’Agata de’Goti, si è tenuta la commemorazione del 8° anniversario della morte della Medaglia d’Oro al Valor Militare alla memoria Tiziano Della Ratta.
    Il carabiniere era, infatti, deceduto il 27 aprile 2013 a Maddaloni in provincia di Caserta a seguito di un conflitto a fuoco con alcuni rapinatori, successivamente identificati e condannati in appello nel gennaio 2017.
    Alla manifestazione che ha visto la deposizione di una corona d’alloro presso la tomba del Caduto, hanno partecipato, tra gli altri, la consorte Vittoria e il figlioletto Alfonso, genitori e parenti e il Comandante della Legione CC Campania di Napoli, Generale di Divisione Maurizio Stefanizzi. A seguire, presso la chiesa del Duomo è stata celebrata la SS. Messa in suffragio dell’eroico militare, dal parroco Don Leucio Cutillo. Alla fine della cerimonia religiosa, hanno preso la parola il primo cittadino di Sant’Agata, Salvatore Riccio, mentre il Generale  Stefanizzi ha sottolineato lo spirito di fratellanza esistente fra tutti coloro che indossano la divisa dell’Arma che sarà sempre a vicino a chi, come la medaglia d’oro, ha sacrificato la propria vita a presidio della legalità. Il piccolo orfano Alfonso, accompagnato dal Generale Stefanizzi, ha poi recitato la preghiera del Carabiniere, dedicata alla Virgo Fidelis patrona dell’Arma dei Carabinieri.
    Autorità intervenute:
    • Prefetto di Benevento, Dott. Carlo Torlontano;
  • Procuratore della Repubblica, Aldo Policastro;
  • Sindaco di Sant’Agata de’ Goti, Salvatore Riccio;
  • Comandante della Legione Carabinieri “Campania”, Generale di Divisione Maurizio Stefanizzi;
  • Comandante Provinciale dei Carabinieri di Benevento, Col. Germano Passafiume e quello di Caserta, Col. Patrizio La Spada;
  • Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, Col. Mario Intelisano;
  • Vicario della Questura di Benevento, dott.ssa Bianca Lassandro.
  • Sant'Agata dei Goti 27 aprile 2021



    NOTTE MOVIMENTATA A MONTESARCHIO (BN). 27ENNE DAPPRIMA SI FA INVITARE A CENA E POI TENTA DI RAPINARE LA COPPIA DI 20 EURO. I CARABINIERI INTERVENGONO E LO ARRESTANO.
    A Montesarchio, la notte scorsa, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di quel centro hanno tratto in arresto in flagranza di reato un 27enne del centro caudino per tentata rapina. I militari, a seguito di una segnalazione al numero di Pronto Intervento per una rapina in abitazione, sono intervenuti in corso Caudino, dove sul posto riscontravano nell’appartamento 3 persone, la coppia che vi abitava ed il 27 enne, già noto ai militari per i suoi trascorsi penali. Nel dettaglio, i carabinieri hanno accertato che quest’ultimo, conoscente della famiglia residente, aveva chiesto insistentemente di cenare con la coppia e, successivamente, ha preteso con ostinazione la somma di venti euro.  Al rifiuto della coppia, l’uomo, con prepotenza, si è portato nelle stanze dell’appartamento alla ricerca di denaro, quando, ad un certo punto ha preso un grosso coltello con il quale ha minacciando i due a farsi consegnare la somma richiesta, da qui ne è nata una colluttazione, nel corso della quale sono stati danneggiati alcuni mobili ed arredi. L’uomo, nonostante i ripetuti tentativi del padrone di casa a convincerlo ad andare via e a lasciare l’abitazione, è rimasto a minacciarli ed è stato trovato ancora nell’abitazione dal personale intervenuto. Pertanto, i Carabinieri hanno sequestrato il coltello e lo hanno condotto in caserma e, dopo gli accertamenti di rito e le consuete formalità, il 27enne è stato dichiarato in arresto perché ritenuto responsabile di tentata rapina, violazione di domicilio e danneggiamento e, su disposizione del sostituto Procuratore di turno, è stato  accompagnato presso la propria abitazione, in regime di detenzione domiciliare, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
    Montesarchio 27 aprile 2021
    SANT’AGATA DE’ GOTI (BN): 8° ANNIVERSARIO DELLA MORTE DELLA MEDAGLIA D’ORO AL VALOR MILITARE ALLA MEMORIA TIZIANO DELLA RATTA.
    Nella mattinata di domani, martedì 27 aprile p.v., a Sant’Agata de’Goti (BN) si celebrerà la commemorazione dell’8° anniversario della morte dell’Appuntato dei Carabinieri Tiziano DELLA RATTA, Medaglia d’oro al Valor Militare alla Memoria, deceduto il 27 aprile 2013 a Maddaloni in provincia di Caserta in un conflitto a fuoco con alcuni rapinatori, successivamente arrestati e condannati in appello nel gennaio 2017.
    L’evento prevede alle 10,30 la deposizione di una corona d’alloro, dono dell’Amministrazione Comunale di Sant’Agata de’ Goti, presso la tomba del caduto decorato da parte della vedova, nel rispetto delle norme sul distanziamento interpersonale e quelle di protezione per il contenimento dei contagi alla sola presenza degli stretti familiari, del Sindaco Cittadino, Salvatore Riccio, del Comandante della Legione Carabinieri Campania di Napoli, Gen. Div. Maurizio Stefanizzi e quello Provinciale, Col. Germano Passafiume.
    Successivamente alle ore 11,00 sarà celebrata la Santa Messa presso quel Duomo alla presenza delle Autorità Provinciali invitate.
    Anche in questo particolare momento di emergenza sanitaria, l’Arma dei Carabinieri vuole testimoniare la sua vicinanza alla vedova Vittoria, al figlio Alfonso ed ai familiari della Medaglia d’Oro.
    Sant'Agata dei Goti 26 aprile 2021

    Direzione Regionale Musei Campania Parte in Campania la 'Primavera' dell'Arte: dal 26 aprile la settimana delle riaperture dei musei e luoghi della cultura Napoli, 25 aprile 2021 – La Direzione Regionale Musei Campania ha programmato con i musei e i parchi archeologici autonomi della regione ritornata ‘gialla’ un piano coordinato di riaperture progressive che coinvolgerà tutti i luoghi della cultura statali campani per l’intera settimana, per invitare i cittadini a riappropriarsi dei loro siti identitari promuovendo una 'Primavera' dell'arte e della rinascita. “Non vedevamo l’ora di poter riaprire in sicurezza i musei campani, fondamentali presidi di cultura e civiltà per i nostri territori e le nostre comunità. Sono felice di poterlo condividere con tutti i colleghi, è un segnale importante che possiamo lanciare, un bell’esempio di collaborazione e amicizia”, dichiara Marta Ragozzino, Direttore Regionale Musei Campania. I luoghi della cultura di tutta la regione torneranno ad accogliere i visitatori dal lunedì al venerdì, come già sperimentato negli scorsi mesi, ma finalmente saranno aperti anche nel fine settimana e nei giorni festivi con accesso su prenotazione, come disposto dal DPCM del 2 marzo, le cui misure sono ora prorogate dal decreto legge del 22 aprile 2021. La DRM Campania partecipa al programma di riaperture con 19 dei 25 musei della rete, che riapriranno nel corso della prima settimana. Si comincerà lunedì con Castel Sant’Elmo e Certosa e Museo di San Martino a Napoli, il Museo archeologico di Eboli e della Media Valle del Sele, l’area archeologica del Teatro romano di Benevento e il Palazzo della Dogana dei Grani di Atripalda. Martedì aprirà la maggior parte dei musei archeologici della rete: il Museo archeologico dell’antica Allifae, il Museo archeologico di Pontecagnano, il Museo ‘Georges Vallet’ a Piano di Sorrento, il Museo archeologico della Valle del Sarno, il Museo storico archeologico di Nola, il Museo archeologico dell’antica Capua e quello del Sannio caudino a Montesarchio, insieme alla Certosa di San Giacomo a Capri. Mercoledì il Museo Diego Aragona Pignatelli Cortes, il Museo Novecento a Napoli sulla piazza d’armi di Castel Sant’Elmo e, finalmente, anche il Museo Duca di Martina nella Villa Floridiana, insieme ai musei archeologici di Calatia, a Maddaloni, e Teano, mentre giovedì sarà la volta della Certosa di San Lorenzo a Padula.
    Napoli 25 aprile 2021

    STACCIONATA E SENTIERI AREA TORRE E CASTELLO: PARTITI I LAVORI
    Avviati i lavori di ripristino della staccionata dei sentieri nell’area della Torre e del Castello. “Il progetto - dichiara l’Assessore al Turismo Morena Cecere - realizzato grazie all’azione instancabile delle Sentinelle della Torre e al supporto fondamentale dell’Ente Parco con il presidente Costantino Caturano, si inserisce nel percorso sostenuto, con forza e convinzione, di tutela e valorizzazione dell’area, con il valore aggiunto del contributo dei ragazzi speciali dell’Associazione “L’Infinito di Manuel” e del presidente Michele Cuozzo. L’azione di riqualificazione testimonia, inoltre, la volontà condivisa, con la Direzione del Museo, l’Ente Parco e l’Associazione Sentinelle della Torre, di continuare a concentrare grande energia nel potenziamento del sito culturale con il Museo Archeologico Nazionale del Sannio Caudino, diretto da Antonio Salerno, soprattutto in prospettiva della stagione della ripartenza che porterà a Montesarchio nuovi visitatori, interessati alla nostra offerta culturale e che saranno accolti, con rinnovato entusiasmo, durante gli itinerari turistici giornalieri, sicuri e sempre più accattivanti”. Il presidente dell’Ente Parco Costantino Caturano aggiunge: “Prendono il via i lavori di riqualificazione e manutenzione di aree di particolare bellezza non solo ambientale ma anche culturale, presenti in vari comuni dell’ area protetta. Iniziamo da Montesarchio, dal luogo simbolo del paese che ospita la Torre ed il Castello. Grazie alla collaborazione dell’assessore Morena Cecere e dell’associazione ‘Sentinelle della Torre’, l’Ente Parco ha finanziato al Comune di Montesarchio un progetto di ripristino di tutta l’area verde antistante la Torre, con interventi di pulizia e messa in sicurezza dei sentieri e delle aree pic-nic presenti. Tutto questo rientra nel programma di attività che l’Ente Parco sta mettendo in atto in sinergia con diversi comuni, finalizzato a realizzare interventi utili a migliorare e rendere fruibili aree di grande attrazione turistica. È da troppo tempo che non vengono riqualificati luoghi e zone all’interno del parco. Grazie ad una rinnovata sensibilità ed attenzione di diversi amministratori, rimettiamo al centro dell’agenda politica la tutela del territorio e la sostenibilità ambientale della comunità. Il lavoro da fare è tanto, ma è urgente iniziare anche con iniziative di questo tipo”.
    E il Direttore del Museo Archeologico Nazionale del Sannio Caudino, conclude: “Vengono ripristinati percorsi che consentono di giungere all’area del Castello e al Museo Archeologico, incrociando la storia del centro antico di Montesarchio e il paesaggio della valle Caudina, dominato dal monte della Torre. Una sintesi armoniosa tra aspetti naturalistici e culturali che risulta possibile grazie all’impegno dei volontari dell’associazione Sentinelle della Torre, del Comune di Montesarchio e del Parco del Taburno. Un esempio di buona pratica di turismo sostenibile in cui inserire i musei del territorio”.
    Benevento 25 aprile 2021


    SAN GIORGIO LA MOLARA. DUE FRATELLI DENUNCIATI DAI CARABINIERI PER UCCISIONE DI UNA CAVALLA ED IL FERIMENTO DI ALTRI 7 ANIMALI TRA BOVINI ED EQUINI .
    I Carabinieri della Stazione di San Giorgio La Molara e dell’Aliquota Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Bartolomeo in Galdo hanno denunciato in stato di libertà due fratelli del posto, un 59enne per uccisione e maltrattamento di animali ed accensioni ed esplosioni pericolose ed un 61enne per omessa custodia di armi. Le indagini, condotte con il supporto di personale veterinario dell’ASL di Benevento ed avviate immediatamente nella tarda serata di ieri, 24 aprile, a seguito della segnalazione di un allevatore di animali locale, che aveva udito colpi di arma da fuoco e temeva per l’incolumità di alcuni suoi capi di bestiame che si erano allontanati dalla stalla verso l’aperta campagna, hanno consentito di rinvenire, in un terreno poco distante, la carcassa di una cavalla e di individuare altri sette animali, tra bovini ed equini, feriti poiché attinti da colpi di arma da fuoco. All’esito dei serrati controlli effettuati nella zona, i militari sono riusciti ad individuare l’autore del vile gesto, il 59enne che ha anche ammesso di aver sparato con un fucile da caccia detenuto regolarmente dal fratello 61enne che vive con lui, cercando di giustificarsi dicendo di aver avuto paura di essere aggredito da animali selvatici. Una volta definito il quadro della situazione, i militari hanno quindi sequestrato non solo il fucile utilizzato dal 59enne per sparare, ma anche un altro fucile da caccia e svariate munizioni per l’omessa custodia da parte del fratello dell’uomo, che ne era il legittimo detentore e che aveva la responsabilità di impedirne ogni indebito utilizzo. La carcassa della cavalla è stata sottoposta a sequestro sanitario e sarà smaltita a termini di legge al termine degli accertamenti del caso.
    Benevento25 aprile  2021


    (ANSA) - AVELLINO, 24 APR - Un giovane di 23 anni di Cervinara (Avellino) del quale non è stato fornito il nome, e la fidanzata di 18 anni, sono stati fermati e trasferiti in carcere nella notte con l' accusa di omicidio nei confronti del geometra Aldo Gioia, 53 anni, dipendente della FCA. L' uomo si opponeva alla relazione della figlia con il 23 enne, pregiudicato e noto come assuntore di droga. L' omicidio, che - secondo gli investigatori sarebbe stato pianificato da tempo - è avvenuto nella tarda serata di ieri, dopo cena , nell'abitazione della vittima in corso Vittorio Emanuele. La vittima stava dormendo sul divano. Il giovane, aiutato dalla figlia del geometra, ha colpito più volte il 53 enne con un grosso coltello da cacciatore l'uomo, che non ha avuto modo di difendersi.  In casa si trovavano la moglie e la figlia del geometra che dormivano nelle loro stanza. Sono accorse richiamate dai lamenti della vittima ed chiamato i soccorsi. Per le gravi ferite, Gioia è morto nella notte in ospedale ad Avellino. I due ragazzi sono stati fermati dagli agenti della Squadra Mobile di Avellino.  (ANSA).
    Cervinara 24 aprile  2021
    Un amico libro a casa
    Un amico libro a casa...e non solo a Montesarchio. Oggi, infatti, in occasione della giornata mondiale del libro, nella sala consiliare di Palazzo San Francesco, è stato siglato un accordo tra il Comune di Montesarchio e quello di San Martino Valle Caudina per estendere l'iniziativa culturale anche nel centro irpino. Presenti alla firma della convenzione i due sindaci, Franco Damiano e Pasquale Pisano, gli assessori alla cultura, Morena Cecere e Giuseppe Mauriello, i rappresentanti dell’associazione Sentinelle della Torre e il presidente del Centro Studi Carlo Del Balzo, il prof. Giuseppe Pedoto. Oltre a estendere l'iniziativa che offre la possibilità di ricevere direttamente a casa i libri, in tutta sicurezza, la convenzione prevede di unire gli archivi dei testi a disposizione, mettendo in rete la Biblioteca Comunale di Montesarchio e quella di San Martino. Una rete che sarà ulteriormente estesa, coinvolgendo anche altri comuni della Valle Caudina nel progetto. “Il progetto culturale Un AmicoLibro a casa - dichiara l’assessore Morena Cecere - oltrepassa i confini territoriali di Montesarchio e prende avvio anche a San Martino Valle Caudina, grazie all’idea condivisa con l’assessore Giuseppe Mauriello. La collaborazione tra Enti, stimolata dalla Cultura, è un volano di crescita importante per i nostri territori, con il valore aggiunto dell’entusiasmo dei volontari che animano l’iniziativa, generando gentilezza e gratitudine nel grande impegno di utilità sociale. Ringraziamo, quindi , il sindaco di San Martino Pasquale Pisano e l’assessore Giuseppe Mauriello, per aver fermamente creduto in questo progetto culturale. Lavoreremo ancora insieme per potenziare la collaborazione tra territori attraverso la cultura, proponendo, anche agli altri comuni limitrofi, il format di una gestione flessibile delle biblioteche comunali, altamente simbolico e funzionale nel periodo di emergenza sanitaria in atto”.
    Montesarchio 23 aprile 2021

        
    CONTRASTO AI FURTI: BANDA DI LADRI MESSA IN FUGA DAI CARABINIERI CON RECUPERO FURGONE OGGETTO DI FURTO E ARNESI ATTI ALLO SCASSO.
    Il dispositivo attuato nel corso dei servizi messi in atto su disposizione del Comando Provinciale Carabinieri di Benevento per fronteggiare il fenomeno dei furti in abitazione nel territorio di competenza del Comando Compagnia Carabinieri di Montesarchio (BN) ha visto l’intensificarsi dei controlli su tutte le arterie stradali sia per prevenire i reati predatori che per intervenire con tempestività ed efficacia quando necessario. In tale ottica, verso le ore 02:00, equipaggio della Stazione Carabinieri di Arpaia (BN), impegnato in servizio perlustrativo sulla SS7 Appia, intercettava furgone con due occupanti i quali, non ottemperando all’alt imposto dai militari, si davano a precipitosa fuga. Inseguiti per alcuni chilometri e ormai braccati grazie anche all’intervento in ausilio di altro equipaggio della Radiomobile della Compagnia CC di Montesarchio (BN), i malviventi, giunti nei pressi del centro di Arpaia (BN), decidevano di abbandonare il veicolo per fuggire a piedi nelle campagne circostanti riuscendo a far perdere le proprie tracce nonostante il tentativo dei militari che si erano posti alla loro ricerca a piedi. Gli accertamenti immediati consentivano di appurare che il veicolo, un Fiat Cubo, era stato asportato il 20 aprile 2021 in Arpaia (BN) mentre all’interno venivano rinvenuti arnesi atti allo scasso, poi sottoposti a sequestro. Sul posto veniva altresì inviato personale specializzato per i rilievi del caso. Il veicolo veniva riconsegnato al legittimo proprietario. Sono tuttora in corso indagini tese all’identificazione dei componenti della banda di malviventi.  
    Montesarchio (BN), 23 aprile 2021


    EDILIZIA SANITARIA: VIA ALLE GARE PER 170 MILIONI
    La Regione Campania ha ottenuto il 100% di autorizzazione per interventi nel campo dell'edilizia sanitaria, per una cifra di oltre 170 milioni di euro.
    I progetti esecutivi completati sono stati approvati dal Ministero della Salute: si possono avviare le gare per lavori e per le  attrezzature, per riqualificazione, adeguamento e miglioramento delle strutture sanitarie della Campania. A questi interventi si aggiungono gli interventi per oltre un miliardo che prevedono tra l'altro le progettazioni dei nuovi ospedali di  Sessa Aurunca, Ruggi di Salerno, Ospedale unico della Costiera sorrentina.
    Napoli 23 aprile 2021

        
    PAOLISI (BN): I CARABINIERI DENUNCIANO UN 23ENNE PER TRUFFA AGGRAVATA.
    Nella giornata di ieri, militari della Stazione CC di Arpaia (BN) unitamente a personale della Stazione CC di Airola (BN), a seguito di prolungata attività, hanno deferito in stato di libertà un 23enne di Airola (BN), resosi responsabile del reato di truffa aggravata.
    L’attività scaturiva da una richiesta d’intervento nei pressi di un supermercato ubicato in Paolisi (BN) dove era stata segnalata, da alcuni cittadini, la presenza di una persona sospetta. Gli operanti, prontamente giunti sul posto, rintracciavano il 23enne che veniva colto nel momento in cui riscuoteva in contanti da un cliente la cifra di euro 16,50 circa, dopo aver pagato la medesima somma con la sua carta postepay. Si accertava quindi che lo stesso aveva più volte richiesto ai clienti del supermercato di pagare a loro posto con una carta prepagata contenente reddito di cittadinanza ed in cambio riscuoteva in contanti la quota spesa, in modo da monetizzare parte dei proventi erogati dallo Stato.
    Visti gli elementi raccolti il 23enne veniva deferito in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria per il reato di truffa aggravata in danno dello Stato con contestuale richiesta di sospensione del beneficio del reddito di cittadinanza.  
    A seguito di accurato controllo sulla persona, veniva altresì rinvenuta sostanza stupefacente del tipo eroina e crack e pertanto lo stesso veniva segnalato alla Prefettura in qualità di assuntore.
    La sostanza stupefacente rinvenuta veniva sottoposta a sequestro amministrativo.
    Montesarchio (BN), 22 aprile 2021.

    BENEVENTO E SOLOPACA (BN) ARRESTATE 3 PERSONE DAI CARABINIERI SU ORDINANZA DELLA AUTORITA’ GIUDIZIARIA
    Nella giornata di ieri i Carabinieri di questo Comando Provinciale hanno eseguito 3 arresti su apposite ordinanze della Autorità Giudiziaria, nel dettaglio:  
    A Benevento i militari del Nucleo Operativo della Compagnia di questo capoluogo in esecuzione di decreto emesso dalla Tribunale di Napoli – 10^ Sezione del Riesame, hanno tratto in arresto due beneventani pregiudicati per reati in materia di stupefacenti e precedentemente sottoposti alla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale, il primo 46enne ed il secondo 44enne,  a carico dei quali l’Autorità Giudiziaria confermava le esigenze delle precedenti misure cautelari adottate nei loro confronti, in quanto ritenuti responsabili di “plurimi delitti di cessione di sostanza stupefacente, del tipo eroina, hashish e metadone, commessi in questo capoluogo dal marzo 2019”. I due, pertanto, dopo le consuete formalità, sono stati accompagnati presso le rispettive abitazioni in regime di detenzione domiciliare.
    A Solopaca, i militari della locale Stazione, in esecuzione di ordine di esecuzione dell’Ufficio Esecuzioni Penale della Procura della Repubblica di Benevento, un 54enne del luogo hanno arrestato e tradotto presso la locale Casa Circondariale, dove dovrà scontare la pena di mesi 5 reclusione per reati di natura previdenziale e assistenziale.
    Benevento 22 aprile 2021

    CASTELFRANCO IN MISCANO (BN). GIOVANE POSITIVO AL “COVID-19” SORPRESO E DENUNCIATO DAI CARABINIERI PER VIOLAZIONE DEL DIVIETO DI MOBILITÀ DALLA PROPRIA ABITAZIONE.
    I Carabinieri della Stazione di Castelfranco in Miscano, coordinati dalla Compagnia di San Bartolomeo in Galdo, hanno denunciato in stato di libertà un 19enne del posto per violazione del divieto di mobilità dalla propria abitazione, poiché collocato in isolamento domiciliare dall’Autorità Sanitaria per positività al virus “Covid-19”.
    Nel corso di un servizio perlustrativo, finalizzato anche alla vigilanza sull’osservanza delle misure di contenimento della diffusione del virus, i militari hanno accertato che il giovane agricoltore si era recato in un altro comune a bordo di un trattore allo scopo di arare dei terreni di proprietà. Anche le Autorità Sanitarie sono state informate dell’accaduto.
    I Carabinieri sensibilizzano la cittadinanza al rispetto delle normative emergenziali in vigore, al fine di contenere la diffusione del virus.
    Castefranco in Miscano 20 aprile 2021

        
    Dal 21 aprile sarà di nuovo aperta al pubblico la Villa Floridiana di Napoli,
    dopo la temporanea chiusura disposta dall ultim a ordinanz a regi onal e per tutti i parchi e giardini pubblici della Campania. Sono state settimane molto attive dietro i cancelli della Floridiana che finalmente possiamo riaprire al pubblico. Approfittando dell’assenza dei visitatori, in ottemperanza alle misure di contra sto e
    contenimento dell'emergenza epidemiologica da Covid 19, abbiamo potuto avviare il necessario programma di riordino e manutenzione del verde che prelude l’intervento di restauro complessivo. In questa prima fase l’ampio intervento ha riguardato la pul izia e la rimozione di tronchi e rami caduti, fogliame e parti secche, per consentire il ripristino e la riapertura di numerosi viali da anni preclusi al pubblico e amplia re molto l’area verde percorribile . Da mercoledì prossimo , dunque, sarà possibile di nuovo accedere alla Villa Floridiana dall’ingresso  di via Cimarosa , percorrere non solo il viale centrale , ora pulito, ma anche il viale degli fino all’area dell’aiuola grande dove, insieme alla pulizia del prato, è stato rimosso il ceppo d’albero abbattuto dal maltempo e proseguire , grazie a percorsi principali e secondari liberi dopo parecchi anni, anni, fino all’area del Belvederefino all’area del Belvedere, aperta sul paesaggio eccezionale che caratterizza il complesso , aperta sul paesaggio eccezionale che caratterizza il complesso della Floridianadella Floridiana. . Qui, grazie agli interventi di pulizQui, grazie agli interventi di pulizia e manutenzione appena conclusi, è di nuovo ia e manutenzione appena conclusi, è di nuovo possibile raggiungere la facciata meridionale dell’edificio della Villa, percorrere lo scalone possibile raggiungere la facciata meridionale dell’edificio della Villa, percorrere lo scalone monumentale a doppia rampa con le sue fontane, affacciarsi e godere del suggestivo panorama monumentale a doppia rampa con le sue fontane, affacciarsi e godere del suggestivo panorama della città e del golfodella città e del golfo, raggiungendo anche il confine occidentale della Villa, dove si potrà entrare di , raggiungendo anche il confine occidentale della Villa, dove si potrà entrare di nuovo nel Tempietto ionico che, ripulito dalle scritte e tag che lo ricoprinuovo nel Tempietto ionico che, ripulito dalle scritte e tag che lo ricoprivano, è finalmente vano, è finalmente accessibileaccessibile.. Parallelamente, si sono completati ancheParallelamente, si sono completati anche i lavori i lavori nnel Museo Duca diel Museo Duca di Martina, Martina, dedicati a dedicati a potenziare potenziare la sicurezza della struttura e delle collezioni ospitate, che la sicurezza della struttura e delle collezioni ospitate, che verrà riaperto insieme agli altri Musei verrà riaperto insieme agli altri Musei della Direzione della Direzione regionale regionale appena appena le condizioni legate all’emergenza Covid lo consle condizioni legate all’emergenza Covid lo conseentiranno, ntiranno, dopo la dopo la data deldata del 26 aprile26 aprile.. Ricordiamocordiamo che il parco della Villa Floridiana è aperto che il parco della Villa Floridiana è aperto tutti i giorni, atutti i giorni, a esclusione del martedì, dalle esclusione del martedì, dalle 8.30 8.30 -- 19.30 (ultimo ingresso ore 18.30)19.30 (ultimo ingresso ore 18.30) e che te che tutte le informazioni e gli aggiornamenti sono utte le informazioni e gli aggiornamenti sono disponibili sul sito web istituzionale disponibili sul sito web istituzionale della Direzione regiodella Direzione regionale Musei Campania nale Musei Campania (musei.campania.beniculturali.it), (musei.campania.beniculturali.it), deldel MiC (beniculturali.it) e sui canali sociaMiC (beniculturali.it) e sui canali social del Museo Duca di l del Museo Duca di Martina Martina -- Villa FloridianaVilla Floridiana (facebook.com/museoducadimartina (facebook.com/museoducadimartina -- instagram.com/floridiana.ducadimartina)instagram.com/floridiana.ducadimartina)
    Napoli, 20 aprile 2021


    Torna ai contenuti | Torna al menu