ILTABURNO

Vai ai contenuti

Menu principale:

Scarico di sfalci nella scarpata stradale i Carabinieri Forestale denunciano un cittadino di Calvi
Nel pomeriggio di ieri 08 Luglio i carabinieri forestali di San Giorgio del Sannio, a seguito di attività indagine d’iniziativa svolte anche mediante l’ausilio di strumentazione di videosorveglianza in dotazione al Reparto stesso, accertavano che nei giorni scorsi un cittadino di Calvi (BN), transitando lungo una strada pubblica del medesimo comune che attraversa terreni coltivati e aree boscate, scaricava da un autocarro di sua proprietà, a ridosso della scarpata stradale, l’intero carico di rifiuti vegetali contenuti nel cassone del predetto autocarro, al colmo della capienza. Dal successivo sopralluogo dei forestali e dall’ispezione dei residui vegetali abbandonati è emerso che gli stessi, costituiti da ramaglie, sfalci e potature provenienti da attività di manutenzione di giardini, sono classificabili a tutti gli effetti come rifiuti solidi urbani, motivo per il quale al cittadino calvese è stata contestata una sanzione amministrativa da 300,00 a 3.000,00 euro per l’abbandono a bordo strada degli stessi. Fatto ben più grave è che con la medesima condotta il cittadino ha violato le vigenti norme antincendio in quanto il fatto avveniva a pochi metri da un attiguo bosco di latifoglie direttamente collegato al sito di abbandono. Un tale ingente accumulo di biomassa seccagginosa, avvenuto ai margini di una sede stradale transitata da veicoli e durante il periodo di massima pericolosità per gli incendi boschivi decretato con D.D. n. 123 del 24/06/2020 della Regione Campania (01/07/2020-30/09/2020), costituisce un concreto e fondato pericolo di incendio boschivo, fatto di per sé previsto e punito dalle vigenti norme nazionali e regionali a tutela di un prezioso bene giuridico qual è il bosco con una sanzione amministrativa che può arrivare fino a 10.000,00 euro, contestata anch’essa all’incauto trasgressore. Continua la campagna di prevenzione degli incendi boschivi che ogni anno vede la collaborazione di più Enti, tra i quali i Reparti forestali che costantemente monitorano il territorio a tutela delle bellezze naturali e della sicurezza dei cittadini.
Benevento 9 luglio 2020


Arresti per due pregiudicati di 24 e 61 anni
A seguito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Benevento, i Carabinieri della Compagnia CC di Montesarchio ed in particolare della Stazione CC di Vitulano (BN), hanno dato esecuzione all’ordinanza, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Benevento, su richiesta dei magistrati della Procura di Benevento, di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere nei confronti di due soggetti pregiudicati di Napoli, rispettivamente di anni 24 e 61, entrambi gravemente indiziati del reato di truffa aggravata in concorso e, per il solo 24enne, del reato di rapina.
Il provvedimento in questione trae origine dall’attività posta in essere dai militari dell’Arma di Vitulano (BN) nel mese di maggio 2020 a seguito di una truffa consumata  in danno di due persone anziane di Vitulano (BN), nel corso della quale veniva accertato che gli indagati, in concorso tra loro, approfittando della condizione di minorata difesa derivante dalla loro età, con artifici e raggiri inducevano in errore le suddette persone offese sulla necessità di consegnare loro la somma di euro 5.500,00 per perfezionare un presunto acquisto effettuato dal nipote.
Nel prosieguo della indagini, eseguite mediante l’analisi delle immagini estrapolate dai vari sistemi di video-sorveglianza, pubblici e privati, presenti in diversi comuni e da successive individuazioni fotografiche, si acquisivano altresì gravi indizi di colpevolezza a carico del 24enne in ordine ad una truffa consumata nel mese di ottobre 2019 in Torrecuso (BN) allorquando lo stesso adoperava violenza nei confronti di due persone anziane, immediatamente dopo aver loro sottratto la somma di euro 4.800,00 come corrispettivo per l’acquisto di un computer da parte del nipote. Nella circostanza, le due anziane signore, insospettite dalla condotta del “corriere” e avvedutesi dell’inganno, cercavano di recuperare quanto illecitamente sottratto, impedendo la fuga dell’uomo che, al fine di assicurarsi il possesso del denaro, dapprima scaraventava con violenza a terra una delle due donne cagionandole lesioni al viso e successivamente spingeva l’altra con violenza contro la parete.
Benevento, 8   luglio 2020.

CASTELFRANCO IN MISCANO: TRUFFA SUL REDDITO DI CITTADINANZA I CARABINIERI DENUNCIANO TRE PERSONE.
I Carabinieri della Stazione di Castelfranco in Miscano, coadiuvati da personale del Nucleo Operativo della Compagnia di San Bartolomeo in Galdo, al termine di un’attività di indagine volta alla verifica dei requisiti su coloro i quali percepiscono il reddito di cittadinanza, hanno individuato tre persone del luogo non in regola con i requisiti previsti dalla normativa in vigore.
E’ emerso, infatti, che le persone abbiano dichiarato il falso opportunamente al fine di ottenere il beneficio non spettante del reddito di cittadinanza non riunendo i requisiti previsti. Inoltre, nello stesso periodo è stato accertato che alcuni di loro abbiano svolto lavori occasionali senza aver dichiarato nulla all’INPS e quindi in nero.
Al termine degli accertamenti, per i quali è emerso un danno all’INPS di quasi 13.000 euro, i Carabinieri hanno denunciato le tre persone all’Autorità Giudiziaria di Benevento per truffa ai danni dello Stato.
Benevento 8 luglio 2020
STRADA DI COLLEGAMENTO MONTEFALCONE VALFORTORE - FOIUANO VALFORTORE E STRADA PROVINCIALE 45
Il Presidente della Provincia di Benevento Antonio Di Maria ha presieduto oggi un incontro alla Rocca dei Rettori per fare il punto sulla realizzanda arteria collegante i territori di Montefalcone Valfortore e Foiano Valfortore. Alla riunione hanno preso parte il Consigliere Provinciale Giuseppe Ruggiero ed il Presidente della Comunità Montana del Fortore e Sindaco di Montefalcone Valfortore Leonardo Sacchetti, il Dirigente del Settore Tecnico della Provincia Angelo Carmine Giordano con gli ingegneri Michelantonio Panarese e Salvatore Minicozzi.
La Strada di collegamento nell’area interna del Fortore tra i Comuni di Montefalcone Valfortore e Foiano Valfortore, nel tratto Statale 90 bis – tratto Strada provinciale 169 – contrada Ganto / Calcarella – Strada provinciale 88, mobilita risorse finanziarie pari a 37,300 milioni di Euro ed ha, ovviamente, la finalità di rompere almeno dei fronti più rilevanti dell’isolamento del comprensorio montano di nord est della Campania mettendo in collegamento i due centri fortorini con la strada statale interregionale 90 bis e con la stessa costruenda Fortorina. Si tratta peraltro di uno degli investimenti di spesa pubblica per infrastrutture più rilevanti che il Sannio possa annovera in questo momento.
“Nel corso della riunione”, ha sottolineato il Presidente della Provincia, “è stato ribadito da parte di tutti il comune impegno degli Enti a realizzare quanto prima l’opera”. Di Maria, che non ha mancato di formulare gli auguri di buon lavoro a Sacchetti per la recente elezione a Presidente della Comunità Montana, ha voluto anche precisare che la sinergia tra le Istituzioni è quanto necessaria in un momento come questo per avviare la ripresa economica dei territori..
Al termine dell’incontro si è dunque appreso che nei prossimi giorni sarà siglata una Convenzione tra tutti gli Enti interessati, e cioè: Provincia, Comunità Montana, Comune di Montefalcone Valfortore e Comune di Foiano Valfortore finalizzata ad individuare gli adempimenti tecnici, burocratici ed amministrativi per giungere quanto prima all’avvio dei lavori dell’importante opera.  
Il Consigliere provinciale Ruggiero ha giudicato proficuo l’incontro destinato a non disperdere il lavoro sin qui svolto per questa importante infrastruttura.
Il Presidente della Comunità Montana e Sindaco di Montefalcone ha dichiarato: “Sono particolarmente soddisfatto per le conclusioni di questa riunione che ha consentito di mettere un punto fermo per quantyo concerne gli impegni e le responsabilità dei Soggetti istituzionali che governano il territorio rispetto ad una infrastruttura materiale essenziale per le nostre collettività. Credo che si tratti di un importante passo in avanti sia per la comunità di Montefalcone, di cui mi onoro essere sindaco da un anno, che per tutta la Comunità Montana del Fortore, di cui ho la guida amministrativa, da poco più di una settimana. E’ emerso dalla riunione alla Rocca dei Rettori un cronoprogramma di impegni e di lavori per giungere all’apertura del cantiere in tempi certi. Si tratta di una iniezione di denaro fresco su un territorio quale quello del Fortore che appare quanto mai necessario in una contingenza storica quale quella che stiamo attraversando”.
Sacchetti ha anche ringraziato il Presidente Di Maria per aver voluto convocare la riunione, per la sensibilità dimostrata rispetto ai problemi delle carenze infrastrutturali dell’area montana e per gli impegni precisi assunti. A margine della riunione, il Presidente della Provincia Di Maria ha comunicato allo stesso Sindaco Sacchetti che entro la prossima settimana verrà sottoscritto il contratto d’appalto tra la Provincia stessa e la Ditta rimasta aggiudicataria dei lavori di rifacimento della Strada provinciale n. 45 Montefalcone Valfortore - 90 bis per un importo di circa 5 milioni di Euro. Potrà dunque finalmente avviarsi il cantiere di lavoro per questa opera tanto attesa dalla popolazione fortorina.


Di Maria: "La tutela ambientale è una nostra priorità"
Questo pomeriggio il presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, ha partecipato ad una Conferenza stampa che si è tenuta presso il Consorzio Asi di Ponte Valentino nel capoluogo sannita insieme al Presidente dell’Osservatorio Regionale sulla gestione dei rifiuti, Vincenzo De Luca, il sindaco di Benevento Clemente Mastella, il Presidente dell'Asi,Luigi Barone, ed i vertici di Leroy Merlin Italia. Questi ultimi intendono investire sul territorio di Benevento e provincia attraverso investimenti e politiche di informazione ed educazione ambientale.
"Il tema della tutela ambientale - ha dichiarato il presidente Di Maria intervenendo in Conferenza Stampa - è una nostra priorità: conservare e valorizzare l'ambiente è il punto di partenza vincente per una strategia di sviluppo dell'intera provincia di Benevento. Oggi le piccole amministrazioni, soprattutto quelle con pochi abitanti, vivono un momento di difficoltà sui servizi ambientali che sono a totale carico dei cittadini: il ciclo rifiuti ha bisogno di una grande e seria ristrutturazione. L'interessamento dei vertici di una realtà aziendale importante come quella di Leroy Merlin e la loro presenza qui oggi è di buon auspicio, soprattutto perchè va nel solco di un'azione che stiamo già portando avanti insieme al sindaco Mastella ed altri attori istituzionali affinché l'imprenditoria privata rappresenti un valore aggiunto per il pubblico e l'affianchi".
Benevento 08.07.2020
SPACE.RIGENERAZIONE E COMICITÀ SULLE TRACCE DI TROISI
Al via il progetto Space. Rigenerazione e comicità sulle tracce di Troisi promosso dal Comune di Ascoli Piceno con il Comune di San Giorgio a Cremano, le organizzazioni Melting Pro, Associazione Space, Project Ahead, Sagapò Onlus, Dodici Stelle Onlus. L'iniziativa è cofinanziata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale e dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI). Il progetto prevede il trasferimento e adattamento al contesto territoriale del comune di S. Giorgio a Cremano di SPACE, buona pratica di innovazione socio-culturale giovanile ideata da Melting Pro e sperimentata in vari contesti territoriali nazionali e internazionali. Stimolare la creatività artistica e manageriale come strumenti di rigenerazione urbana. È questa la strategia di SPACE, il cui obiettivo è valorizzare la settecentesca Villa Bruno come Hub nazionale ed europeo multidisciplinare per la creatività giovanile. Il progetto, della durata di 12 mesi, sarà articolato in una serie di azioni interrelate tra loro: - tavoli di co-design e co-progettazione con giovani, operatori culturali, associazioni, studenti e istituzioni del territorio vesuviano, finalizzati a far emergere desideri e proposte per Villa Bruno. Il primo appuntamento sarà un World Cafè che si terrà mercoledì 15 luglio dalle ore 16:00 alle 18:00 proprio presso Villa Bruno. Sarà un momento aperto di ascolto e dialogo con il territorio sulla programmazione culturale da svolgere all’interno della villa. Per partecipare inviare una mail a sangiorgiospace@gmail.com entro il 12 luglio; - percorso formativo per under 35 in Management Culturale finalizzato a trasferire a 5 giovani del territorio, selezionati con avviso pubblico, competenze e abilità operativoimprenditoriali per una co-gestione sostenibile di Villa Bruno; - Atelier creativi sulla comicità realizzate in connessione con il Premio Massimo Troisi che coinvolgeranno creativi under 35 chiamati a dialogare con la comunità vesuviana per ideare e realizzare performances specifiche che valorizzino il territorio di San Giorgio a Cremano; - presentazione al pubblico delle performances realizzate nel corso degli Atelier creativi e in connessione con gli spettacoli del Premio Massimo Troisi che si tiene annualmente a San Giorgio a Cremano.
San Giorgio a Cremano 07.07.2020
460 MILA EURO PER L'ALVEO DELL'UFITA
Le economie di spesa per la costruzione del nuovo ponte sul fiume Ufita saranno utilizzate per le opere di miglioramento dell’alveo.
E’ quanto prevede una intesa siglata dal Direttore del Genio Civile, Giuseppe Travia, e dal Presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, che hanno stabilito di utilizzare le risorse a disposizione su un finanziamento della Protezione Civile per mettere in sicurezza le sponde del corso d’acqua in territorio di Apice (BN).
Come si ricorderà, proprio in questi giorni si è provveduto al varo delle travi del nuovo ponte sull’Ufita, la cui piena nell’ottobre del 2015 aveva spazzato via il manufatto preesistente e sconvolto le sponde, causando gravi problemi di mobilità ai cittadini di un’ampia area situata a cavallo tra Sannio ed Irpinia.
La Protezione Civile, attraverso il presidio del Genio Civile di Benevento, aveva stanziato oltre 2,2 milioni di Euro affidandoli alla Provincia per ricostruire il ponte e ripristinare la funzionalità dell’alveo dell’Ufita.  La Provincia, bandita la gara, ha affidato il lavoro con un ribasso d’asta di circa 465 mila Euro: proprio tali economie ora saranno utilizzate per realizzare ulteriori interventi e, tra questi: la risagomatura dell’alveo e della sezione idraulica e le gabbionature di protezione. La data di ultimazione di tali lavori è stata fissata per il 31 dicembre prossimo.
Benevento 6 luglio 2020

TERRITORIO COMPAGNIA CC DI MONTESARCHIO (BN) OPERAZIONE DEI CARABINIERI TESA AL CONTRASTO DELLA DETENZIONE E USO PERSONALE DI SOSTANZA STUPEFACENTE: 2 DENUNCIATI E 9 SEGNALATI.
Continua incessante l’opera di prevenzione e repressione in ordine al contrasto di attività illecite legate al fenomeno dell’uso e spaccio di sostanze stupefacenti disposta dal Comando Provinciale Carabinieri di Benevento. Un’altra importante operazione è stata messa in atto dai Carabinieri della Compagnia di Montesarchio (BN).
In particolare i militari, nell’ambito di un’attività di contrasto del fenomeno della detenzione ai fini di spaccio e/o uso personale di sostanze stupefacenti posta in essere nel fine settimana, hanno eseguito numerose perquisizioni domiciliari, veicolari e personali.
Tocco Caudio (BN), i Carabinieri del Comando Stazione CC di Cautano (BN), durante l’esecuzione di servizio per il controllo del territorio, procedevano a perquisizione personale e veicolare a carico di un 37enne originario di comune limitrofo e rinvenivano, bel occultati, 4 (quattro) grammi di sostanza stupefacente del tipo “cocaina”. Da successiva perquisizione stesa presso l’abitazione dello stesso, si rinveniva un bilancino di precisione. Pertanto a carico dello stesso scattava il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Benevento in quanto ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti con sequestro della sostanza rinvenuta e del bilancino;
Moiano (BN), militari del Comando Stazione CC di Airola (BN), a seguito di perquisizione domiciliare a carico di un 22enne, rinvenivano sul balcone dell’abitazione n. 7 (sette) piantine di sostanza stupefacente del tipo “marijuana” che venivano successivamente poste sotto sequestro.
Il ragazzo veniva deferito in stato di libertà per coltivazione di sostanze stupefacenti.
Nel contesto del medesimo servizio venivano inoltre segnalati all’U.T.G. in qualità di assuntori:
un 23enne della provincia di Avellino trovato in possesso da parte dei militari della Staz. CC di Ceppaloni (BN) di due grammi di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”;
un 21enne della provincia di Napoli, durante un controllo in Sant’Agata de’ Goti (BN) eseguito da personale dell’Aliquota Radiomobile, veniva trovato in possesso di sei grammi di sostanza stupefacente del tipo “hashish”;
San Leucio del Sannio (BN) una 24enne della zona veniva trovata in possesso di una dose di “crack”;
un 35enne della provincia di Avellino trovato in possesso in Montesarchio (BN) di due grammi di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”;
un 23enne della provincia di Napoli, durante un controllo in Sant’Agata de’ Goti (BN) eseguito da personale dell’Aliquota Radiomobile, veniva trovato in possesso di quattro grammi di sostanza stupefacente del tipo “hashish”;
un 19enne della provincia di Avellino trovato in possesso da parte dei militari della Staz. CC di Ceppaloni (BN) di due grammi di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”;
un 39enne di Caserta, durante un controllo in Sant’Agata de’ Goti (BN) eseguito da personale dell’Aliquota Radiomobile, veniva trovato in possesso di una dose di sostanza stupefacente del tipo “cocaina”;
un 35enne di Montesarchio (BN) trovato in possesso da parte dei militari della Staz. CC di Ceppaloni (BN) di un grammo di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”;
un 25enne di Airola (BN) veniva trovato in possesso di una dose di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”.
Tutta la sostanza stupefacente rinvenuta veniva sottoposta a sequestro amministrativo.
Montesarchio (BN),  06 luglio 2020.

CERRETO SANNITA (BN). TRE SOGGETTI SORPRESI DAI CARABINIERI MENTRE STAVANO ESTRAENDO PIETRA CALCAREA SENZA AUTORIZZAZIONE DA UN FONDO. DENUNCIATI PER DISTRUZIONE O DETURPAMENTO DI BELLEZZE NATURALI.
Nella giornata di ieri i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Cerreto Sannita, a conclusione di appostamenti e attività di indagine hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Benevento per reati contro l’ambiente tre cittadini del luogo per attività di estrazione di pietra calcarea non autorizzata. Nel corso del controllo è emerso che il proprietario di un fondo agricolo, ubicato in impervia zona montuosa, consentiva ad una ditta di rimozione terra del luogo l’estrazione di grandi quantitativi di pietra calcarea. Le indagini permettevano di verificare che fino ad oggi erano stati già estratti numerosi quintali di pietre, per un valore complessivo di circa euro 50.000 euro, trasportate con vari mezzi autoarticolati. Tutta l’area interessata ed i mezzi d’opera utilizzati sono stati sottoposti a sequestro, mentre la  posizione degli indagati, il proprietario del fondo ed i due responsabili della società, è tuttora al vaglio dell’autorità giudiziaria. L’intera operazione si inserisce in  un contesto di attività mirate al controllo del territorio al fine di contrastare il frequente fenomeno di deturpamento dei beni naturalistici ed ambientali mediante l’estrazione di pietre, legnami, sabbia ed altro, tutti materiali utilizzati illegalmente nella filiera del settore edilizio.  
Benevento 4 luglio 2020

 
Premio Strega 2020, la vittoria a Sandro Veronesi con “Il colibrì”
Il vincitore del Premio Strega 2020 è Sandro Veronesi con il libro  “Il colibrì” (La nave di Teseo): l’annuncio è arrivato questa sera ben oltre la mezzanotte, come di consueto durante la lunga cerimonia che si è tenuta al Ninfeo del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, a Roma.
La proclamazione del vincitore della LXXIV edizione è avvenuta in diretta televisiva su Rai Tre: la trasmissione è iniziata alle 23 con la conduzione di Giorgio Zanchini e Corrado Augias ospite speciale. A contendersi il prestigioso riconoscimento letterario c’erano anche:
- Jonathan Bazzi con “Febbre” (Fandango Libri);
- Gianrico Carofiglio con “La misura del tempo” (Einaudi);
- Gian Arturo Ferrari
con “Ragazzo italiano” (Feltrinelli);
- Daniele Mencarelli
con “Tutto chiede salvezza” (Mondadori);
- Valeria Parrella
con “Almarina” (Einaudi).
Una sestina invece della tradizionale cinquina per effetto della tutela dei piccoli editori contenuta nel regolamento, anche se non è la prima volta che giunge in finale una sestina: era accaduto per un “ex aequo” al quinto posto della prima votazione nel 1953, 1960, 1961, 1963, 1979, 1986 e 1999.
Roma 3 luglio 2020

SEMPLIFICAZIONE, RIUNIONE CON L'ORDINE DEGLI INGEGNERI
Si è tenuto presso la sede del Genio Civile di Napoli un incontro con l’Ordine degli Ingegneri di Napoli e Provincia. Presenti all'incontro la struttura della regione Campania dello Staff dei Lavori Pubblici per la sismica, dirigente Romeo Gentile, la dirigente del settore del Genio Civile di Napoli, Roberta Santaniello, della Direzione Generale Lavori Pubblici guidata da Italo Giulivo, il presidente della commissione strutture Stefano Giacquinta e il Prof. Marco di Ludovico.
Tema dell’incontro l'azione di semplificazione per lo snellimento delle procedure di cui sono oberati i Geni civili, il potenziamento e la necessaria digitalizzazione dei procedimenti, la dematerializzazione dei fascicoli.
Su indicazione del Presidente De Luca, si stanno mettendo in campo numerose azioni per venire incontro alla richiesta di velocizzazione nel rilascio dei pareri in relazione soprattutto alle possibilità di utilizzo degli incentivi del Sisma bonus ed ecobonus, come richiesto dai professionisti e dai costruttori Campani.
La Regione Campania oltre al potenziamento del personale intende ridurre i tempi di attesa delle procedimenti amministrativi soprattutto in relazione ai pareri degli uffici regionali.
Napoli 2 luglio 2020


BENEVENTO: CARABINIERI ARRESTANO IN FLAGRANZA DI REATO UNA 58ENNE PER SPACCIO DI SOSTANZE STUPEFACENTI.
Nell’ambito dei controlli finalizzati al contrasto del fenomeno dello spaccio e dell’uso di droga, disposti dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Benevento, nel tardo pomeriggio di ieri, militari della Compagnia Carabinieri di Montesarchio (BN) ed in particolare gli uomini del Nucleo Operativo e Radiomobile, hanno tratto in arresto una 58enne originario di Benevento poiché ritenuta responsabile di detenzione di sostanze stupefacenti con finalità di spaccio. Nel dettaglio, a seguito di un mirato servizio, i militari dell’Aliquota Operativa procedevano in Benevento al controllo della donna appena scesa da autobus di linea proveniente da Napoli. L’operazione di perquisizione personale dava esito positivo: infatti venivano rinvenuti n. 8 ovuli di sostanza stupefacente del tipo eroina per un peso complessivo pari a 11,5 grammi. A conclusione della perquisizione quanto rinvenuto veniva sottoposto a sequestro e la donna veniva tratto in arresto per detenzione di sostanze stupefacenti con finalità di spaccio. Lo stessa, dopo le formalità di rito, veniva ristretta in regime di arresti domiciliari presso abitazione, dove resterà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
Montesarchio (BN), 02 luglio 2020.

SAN LEUCIO DEL SANNIO
MONTESARCHIO: CARABINIERI ARRESTANO PREGIUDICATO PER EVASIONE DAGLI ARRESTI DOMICILIARI.

Nel pomeriggio di ieri, in Montesarchio (BN), militari del Nucleo Operativo e Radiomobile e della Stazione CC di San Leucio del Sannio (BN), nel corso di servizio di controllo del territorio, hanno tratto in arresto in flagranza di reato un pluripregiudicato 50enne di San Leucio del Sannio (BN) in quanto resosi responsabile del reato di evasione dagli arresti domiciliari cui lo stesso era sottoposto per reati inerenti la detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
Lo stesso, risultato assente presso il proprio domicilio a seguito di controllo, veniva rintracciato in Montesarchio (BN).
L’arrestato, espletate le formalità di rito, veniva associato presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari in attesa di giudizio direttissimo disposto dall’Autorità Giudiziaria.
Montesarchio (BN), 02 luglio 2020

Blitz della Guardia di Finanza nel porto di Salerno: sequestrato un ingente quantitativo di droga. Il bottino: 14 tonnellate di amfetamine, 84 milioni di pasticche col logo "captagon", prodotte in Siria dall'Isis per finanziare il terrorismo.
Lo stupefacente vale oltre 1 miliardo di euro. La droga,  trovata dalle fiamme gialle in 3 container, era nascosta in cilindri di carta per uso industriale e macchinari costruiti in maniera tale da impedire agli scanner di individuarne il contenuto.
Si tratta del più grande sequestro di amfetamine a livello mondiale a cui si è arrivati grazie a una complessa attività d'indagine delegata al Gico nei confronti di un'organizzazione con proiezioni internazionali dedita all'importazione di ingenti quantitativi di stupefacenti
In una nota la Gdf spie che il captagon viene smerciato in tutto il Medio Oriente ed è diffuso sia tra i combattenti per inibire paura e dolore sia tra i civili perché non fa sentire la fatica.
La droga del Bataclan Prodotta inizialmente soprattutto in Libano e diffusa in Arabia Saudita negli anni '90, questa sostanza stupefacente è ricomparsa nei covi dei terroristi - come ad esempio nell'attacco al Bataclan di Parigi nel 2015 - ed è perciò stata soprannominata la "droga dell'Isis" o la "droga della Jihad".
Secondo la Dea americana (Drug Enforcement Administration), l'Isis ne fa largo uso in tutti i territori su cui esercita l'influenza e ne controlla lo spaccio. Una volta avviati gli impianti chimici di produzione, è facile per Isis produrre ingenti quantitativi anche per il mercato mondiale delle droghe sintetiche. L'operazione delle Fiamme gialle
Dopo il lockdown, dovuto all'emergenza coronavirus, sono state intensificate le attività di contrasto nel settore. I finanzieri hanno tracciato 3 container sospetti in arrivo al porto di Salerno, contenenti cilindri di carta per uso industriale e macchinari. Dopo il sequestro, li hanno ispezionati insieme a tecnici specializzati e con la collaborazione della Sezione Antifrode della Agenzia delle Dogane di Salerno. I cilindri di carta, alti circa 2 metri, erano multistrati e in grado di nascondere allo scanner il contenuto, riposto negli strati interni: circa 350 kg di pasticche per ognuno.  Le pasticche riportavano il simbolo del "captagon" che contraddistingue la "droga della Jihad". L'Isis, ricordano le Fiamme Gialle, finanzia le proprie attività terroristiche anche e soprattutto con il traffico di droghe sintetiche, prodotte in gran parte in Siria, diventata per questo motivo negli ultimi anni il primo produttore mondiale di amfetamine. Due settimane fa, sempre nel porto di Salerno, gli specialisti del Gico di Napoli avevano intercettato un container con un carico contenente 2.800 kg di hashish e 190 kg di amfetamine con lo stesso identico simbolo (captagon).
Salerno 1 luglio 2020

    
Serafino Mauriello il nuovo comandante per i comuni della Valle Caudina
la dichiarazione del sindaco di Montesarchio “Un'eccellente dimostrazione di collaborazione tra comuni, e un ottima prospettiva per la Città Caudina”. Così Franco Damiano, sindaco di Montesarchio, interviene in merito alla scelta, ex articolo 30 dei comuni di San Martino, Montesarchio, Paolisi, Rotondi, Airola e Moiano, di condividere il Comandante della Polizia Locale. Sarà infatti Serafino Mauriello, comandante di San Martino Valle Caudina, a coordinare gli agenti dei paesi che hanno aderito alla convenzione.  
“Si tratta di una decisione molto importante e mi preme ringraziare il comune di San Martino Valle Caudina per la disponibilità mostrata. In questo modo allarghiamo gli orizzonti e avremo un corpo di polizia locale coordinato tra diversi paesi: un'operazione che porterà collaborazione e dunque maggior sicurezza sul territorio”.
Non solo, per Damiano è una dimostrazione di collaborazione istituzionale importantissima anche in chiave Città Caudina: “Di sicuro dimostriamo che le buone pratiche e l'unità di intenti creano operazioni eccellenti: ritengo sia un passo fondamentale per la creazione di un corpo unico di polizia locale per la Città Caudina, che porterebbe grandi benefici al territorio”

Montesarchio 1 luglio 2020.

OLTRE 5 MILIONI IN FAVORE DELLE DONNE VITTIME DI VIOLENZA LA REGIONE ISTITUISCE IL REGISTRO DEI CENTRI ANTIVIOLENZA E CASE RIFUGIO
La Giunta regionale della Campania ha approvato oggi una delibera che destina più di 5 milioni di euro a sostegno delle donne vittime di violenza.
Varie sono le linee di azione previste: circa 3 milioni di euro sono destinati alla prosecuzione delle attività dei centri antiviolenza e delle case rifugio dislocate in tutto il territorio regionale, e 400.000 euro sono destinati alla creazione di due nove case rifugio. Sono inoltre previste risorse per il potenziamento dei punti di ascolto, per il finanziamento di progetti volti a migliorare la presa in carico delle donne minori vittime di violenza e per progetti volti a rafforzare le azioni di sostegno e accompagnamento delle donne vittime di violenza.
Per la prima volta in Regione Campania viene inoltre istituito il registro regionale dei centri antiviolenza e delle case rifugio, un ulteriore strumento per garantire l'eccellenza nel supporto e sostegno alle donne vittime di violenza e ai minori vittime di violenza assistita, nonché una maggiore celerità nella destinazione delle risorse regionali e nazionali.
"La delibera - chiarisce l'assessore alle Pari Opportunità Chiara Marciani - raccoglie le sollecitazioni delle associazioni e delle operatrici costantemente impegnate a tutela delle donne vittime di violenza, fornendo e finanziando ulteriori tasselli fondamentali per supportare costantemente le tante donne che si rivolgono a queste strutture, senza dimenticare i minori, troppo spesso vittime di violenza assistita, ai quali va destinata particolare attenzione."
Sono state inoltre programmati 500.000 euro previsti dalla legge regionale n. 34/2017 per gli interventi a supporto delle donne vittime di violenza e dei loro figli da attuare in sinergia con la cabina di regia regionale.
NAPOLI 1 LUGLIO 2020

70 ANNI FA L'OMAGGIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA EINAUDI A GIROLAMO VITELLI A BENEVENTO
Settant'anni fa, il 1° luglio del 1950, Benevento e il Sannio accoglievano il Presidente della Repubblica, Luigi Einaudi, venuto in città per inaugurare la seconda Fiera campionaria della Camera di commercio, a piazza Risorgimento, dove, peraltro, fu scoperta la statua dell’insigne neurologo Leonardo Bianchi, nato a San Bartolomeo in Galdo (BN). Una visita storica, quella di Einaudi, che marcò beneficamente il faticoso percorso di ricostruzione della Città capoluogo, dopo i lutti e le macerie lasciati, prima, dalla Seconda Guerra Mondiale, con le decine e decine di bombardamenti aerei degli Alleati tra l’agosto e l’ottobre del 1943, e, successivamente, nell’ottobre del 1949, dall’alluvione e conseguente esondazione del fiume Calore. Il Presidente della Repubblica, inoltre, dopo aver fatto tappa al Teatro Romano, accompagnato dal sindaco Vincenzo Cardone, presenziò, con l'Arcivescovo Mancinelli, alla posa della prima pietra per la ricostruzione del Duomo e dell'Episcopio, polverizzati, appunto, sette anni prima, dalle ripetute incursioni dei bombardieri. «È un dovere — afferma il Presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria — fare memoria della nostra storia e del nostro passato. Perché ci inducono a guardare al passato come fonte di ispirazione e di stimolo per il presente. Ma anche a ritrovare lo spirito comune e l'unità morale che consentirono la ripresa del nostro Paese, della Città di Benevento e del Sannio dopo tante sciagure, tanto dolore, tanta distruzione causati dalla violenza dell’Uomo e della Natura. La visita del Presidente Einaudi del 1950 è significativa perché incoraggiò gli sforzi della nostra operosa gente a rialzare la testa e testimoniò lo straordinario contributo recato dal Sannio alla scienza, alla cultura e alle arti. Ed è, infatti, motivo d'orgoglio particolare per me ricordare che, in occasione di quella visita, il Capo dello Stato, accompagnato dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Giulio Andreotti, non solo rese omaggio a Leonardo Bianchi, ma, nel prosieguo della giornata fu anche ospite della mia comunità, Santa Croce del Sannio, dove vi giunse in treno, accolto alla Stazione ferroviaria dal sindaco Antonio Cristofaro, per partecipare, insieme con altri eminenti studiosi, a un Convegno dedicato alla figura del nostro concittadino Girolamo Vitelli, uno dei più importanti filologi di tutti i tempi». Una figura, quella del Vitelli, tutta da "riscoprire". Nato a Santa Croce del Sannio il 28 luglio 1849, studiò alla "Normale" di Pisa, prima di trasferirsi a Firenze come professore di Lingua Greca e Latina. Si ritirò dall'insegnamento nel 1915 per potersi dedicare agli studi di papirologia. Nel 1920 fu nominato Senatore del Regno, quale membro della Regia Accademia delle Scienze. Il Presidente della Provincia di Benevento Antonio Di Maria ha voluto dunque ricordare questi momenti della storia e queste figure così straordinarie di Benevento e del Sannio in una contingenza quale quella attuale che vede ancora una volta la sua gente impegnata a ricominciare sull'esempio del passato.
Benevento 1 lugliuo 2020


BENEVENTO. NOTTE DI LAVORO PER I CARABINIERI, UN ARRESTO DURANTE I FESTEGGIAMENTI OLTRE AD SINGOLARE SEQUESTRO DI ALCUNE DOSI DI COCAINA.  
Nella notte che ha portato la città in serie A, proprio per assicurare il regolare svolgimento dei festeggiamenti, i militari della Compagnia di Benevento avevano messo sul campo anche vari equipaggi in borghese tra la gente. E’ proprio uno di questi equipaggi ha notato verso le 22:15 in una centrale via della città un noto pregiudicato beneventano vedere la partita per strada e festeggiare l’imminente promozione nella massima serie del campionato italiano. L’uomo, quasi cinquantenne, consapevole di non poter festeggiare a volto scoperto indossava cappellino e visiera per non farsi vedere in viso; nonostante ciò veniva notato e riconosciuto dai Carabinieri. Vistosi scoperto il pregiudicato si dava alla fuga riuscendo a far perdere le proprie tracce fino a quando rincasava presso la propria abitazione ove ad attenderlo c’erano i Carabinieri che lo bloccavano e dichiaravano in arresto. Il pregiudicato veniva ristretto nuovamente in regime di detenzione domiciliare presso la propria abitazione su disposizione della dott. essa Assunta Tilla, sostituto Procuratore della Repubblica di Benevento. Sempre nell’ambito dei meticolosi controlli del territorio effettuati dai militari del Comando Compagnia di Benevento ieri, nel primo pomeriggio, i Carabinieri hanno rinvenuto nei pressi del cantiere per i lavori della rete fognaria vicino al Ponte Leproso, tra l’erba, un piccolo contenitore in vetro con all’interno sei dosi di cocaina pura, stranamente numerate, pronte per essere smerciata. Il peso complessivo dello stupefacente è di circa cinque grammi. Indagini in corso dei Carabinieri per capire se lo stupefacente era lì occasionalmente o se il sito è un comodo punto di appoggio per spacciatori.
Benevento 30 giugno 2020


IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI BENEVENTO SI COMPLIMENTA CON I GIALLOROSSI TORNATI IN SERIE A
«Gioia e orgoglio sannita per il meritato “ritorno al futuro” del Benevento». Commenta così, il presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, il successo giallorosso contro la Juve Stabia, che ha matenmaticamente consegnato la Serie A allo Strega. "E' il frutto — aggiunge — di «una gestione manageriale e di una qualità tecnica di primo livello. Complimenti al presidente Vigorito, a mister Inzaghi, al suo staff e a tutti gli atleti della rosa».
Benevento 30 giugno 2020

INQUINAMENTO DEL TORRENTE AGNENA: INDIVIDUATA L'AZIENDA RESPONSABILE.DICHIARAZIONE DEL VICEPRESIDENTE BONAVITACOLA
Dichiarazione del Vicepresidente della Giunta Regionale Fulvio Bonavitacola
"Desidero esprimere vivo compiacimento per i risultati delle attività investigative coordinate dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere ed effettuate dai Carabinieri Forestali e dalla Guardia Costiera di Caserta, con il supporto tecnico dell’Arpac.
Puntuali e scrupolose indagini hanno consentito di risalire alle cause del grave inquinamento ambientale che nel maggio scorso interesso’ il torrente Agnena con foce nel litorale di Castelvolturno .
Il successo dell’operazione dimostra che il contrasto efficace dei reati ambientali può produrre risultati rapidi e di grande rilievo. Occorre mantenere alta la vigilanza per prevenire inquinamenti futuri davvero inaccettabili. L’ordinanza di sequestro dell’azienda responsabile dell’inquinamento costituisce un valido deterrente per scoraggiare il ripetersi di episodi analoghi. La Regione continuerà a fornire ogni collaborazione per le azioni di contrasto allo smaltimento illegale dei reflui zootecnici. Molte aziende del settore operano nel rispetto delle normative vigenti e non può essere consentito a singoli scellerati di arrecare gravi danni all’ambiente ed all’immagine di un settore d’eccellenza della nostra Regione".
Napoli 29 giugno 2020

locus iste LUOGHI E MEMORIA
La Passeggiata del Re  IL Real Bosco di Capodimonte
Sabato 4 luglio ore 17:00
L’Associazione culturale locus iste - Luoghi e Memoria ripropone la sua passeggiata storico- naturalistica sulla sommità della collina di Capodimonte, tra viali alberati e costruzioni riservate agli svaghi reali, per farvi conoscere meglio uno dei parchi più belli d’Italia e ripercorrere la vicenda storica ed esistenziale di re Carlo di Borbone. Proprio questo sovrano nel corso della sua vita ebbe modo di sperimentare quanto lo stare quotidianamente all’aria aperta potesse apportare benefici alla salute fisica e mentale della persona, anticipando una pratica promossa oggi da alcuni medici del sistema sanitario scozzese che aderendo al programma “Nature Prescription” raccomandano a pazienti affetti da malattie croniche come ansia, depressione, diabete e ipertensione, di affiancare alle terapie tradizionali delle vere e proprie “dosi di natura”.  Ebbene attraversando con ingresso dalla Porta di Mezzo quella che un tempo era stata la riserva di caccia di Carlo di Borbone, ci inoltreremo in un fitto intreccio di spazi verdi dalla fauna e flora estremamente variegata opera del Fuga, del Sanfelice e di  Dehenardt, intercettando lungo il nostro cammino antichi edifici come la Chiesa di San Gennaro, il Cellaio, l’ex Real Fabbrica delle Porcellane, la Fagianeria.
Appuntamento: via Miano, di fronte all’ingresso di Porta Piccola, davanti al monumento ai caduti, nei pressi della pizzeria Bruno.
Prenotazioni: 3472374210  oppure  locusisteinfo@gmail.com
Le informazioni complete di tutte le visite guidate sono sul sito
www.locusisteblog.wordpress.com
Napoli 29 giugno 2020

CONCLUSIONE DELL'INCONTRO SULLA VERTENZA ESAF
La Provincia di Benevento in materia di manutenzione della rete stradale provinciale ha un solo interesse: che i lavori vengano immediatamente ripresi, eseguiti a regola d’arte con l’impiego delle risorse umane e dei mezzi materiali precisamente indicati dai contratti, e che gli accordi siano rispettati in pieno da parte della Ditta esecutrice dei lavori stessi, progettati, appaltati e finanziati dalla Regione Campania, che e assicura la regia dell’intervento.
E’ questa la sintesi del preannunciato incontro svoltosi stamani e protrattosi per alcune ore presso il Salone della Formazione della Provincia al Largo Carducci alla presenza dei rappresentanti della Regione Campania, della Esaf, affidataria dei lavori; e dei Dirigenti e funzionari della Provincia:  il Direttore Generale Nicola Boccalone, il Dirigente Tecnico Angelo Carmine Giordano, il Responsabile dell’Avvocatura Giuseppe Marsicano e i tecnici Michelantonio Panarese, Salvatore Minicozzi, Filippo Iadanza, Giancarlo Marcarelli.
Una riunione, quella odierna, pretesa dal Presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, per fare chiarezza su ruoli e responsabilità nei rapporti tra Regione Campania, Provincia e Società appaltatrici.
Dall’esito dell’incontro è emersa indubitabile la posizione della Provincia che, in realtà, non ha alcun adempimento da mettere in campo, bensì è essa stessa a credito di lavori, in relazione a quanto previsto e programmato negli atti di appalto. Le conclusioni dell’incontro hanno assegnato all’Esaf, che intanto ha onorato le spettanze dovute ai lavoratori per il mese di maggio, di presentare alla Provincia una ipotesi di programmazione delle attività previste in contratto tese a recuperare in termini di lavoro quanto già anticipato finanziariamente dalla Regione. In sostanza, dovrà essere presentato un crono-programma, coerente con i patti sottoscritti, che metta in condizione soprattutto l’Ente Provincia di poter finalmente vedere soddisfatte le proprie aspettative di manutenzione del patrimonio stradale.
Dal canto suo, la Provincia, recepiti gli atti presentati da Esaf, si rapporterà immediatamente con il Comitato Tecnico operante presso la Regione al fine di verificare la loro rispondenza agli obblighi ed alle specifiche contrattuali ed, in caso di esito positivo del confronto, procederà a sostenere finanziariamente l’appalto.
La Provincia ha di nuovo mostrato disponibilità all’impostazione di sistema nel senso di veder ripagate le proprie aspettative da tutti coloro che sono coinvolti nella procedura, ma a patti e condizioni: e cioè appunto alla verifica puntuale della volontà di Esaf di mettere a disposizione dei lavoratori tutti mezzi meccanici necessari ai compiti previsti dalla manutenzione stradale.
In mancanza, la Provincia non esisterà a proporre alla Regione la risoluzione in danno del contratto.
Si avvia, dunque, a soluzione la vertenza Esaf che anche oggi, dopo le due manifestazioni e i presidi dei giorni precedenti, ha visto decine di lavoratori scendere in piazza per reclamare il mantenimento dei posti di lavoro e il rispetto dei loro diritti.
Gli stessi lavoratori, attraverso una delegazione sindacale di quattro Rappresentanti, sono stati informati sull’esito del confronto e delle dinamiche successive avviate per la definitiva attuazione ed esecuzione del progetto di manutenzione.
Il Presidente della Provincia, Antonio Di Maria, ha dichiarato: “la Provincia di Benevento vuole che sia eseguita e bene la manutenzione della rete stradale e garantito il diritto alla mobilità dei cittadini. Si tratta di un dovere primario anche perché su questo fronte sono impegnate ingenti risorse finanziarie pubbliche che devono essere impiegate nell’interesse esclusivo dei cittadini. La Provincia è altresì impegnata a veder realizzati i lavori mirati alla manutenzione sia in termini ambientali che di sicurezza. Le conclusioni del confronto odierno vanno in questa direzione. Mi aspetto che tutti rispettino i patti”.
Benevento 29 giugno 2020
SAN NICOLA MANFREDI: I CARABINIERI DENUNCIANO A PIEDE LIBERO UN GIOVANE  PER SPACCIO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E SPENDITA DI MONETE FALSE.  
I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Benevento, ieri mattina, hanno effettuato una meticolosa perquisizione personale, veicolare e domiciliare a San Nicola Manfredi. La persona interessata a tale tipo di accertamento è un giovane residente noto ai Carabinieri per il suo attivismo nel locale ambiente della droga. I militari nel corso delle operazioni di ricerca hanno rinvenuto occultati; nelle immediate vicinanze dell’abitazione, una busta di plastica con all’interno 21 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana; nel bagno di casa altri due grammi di marijuana, nella camera da letto del giovane la somma in contanti, in banconote di vario taglio, pari ad euro 2.100; all’interno dell’auto in uso al ragazzo, occultati sotto al sedile, all’interno di una busta, un’altra somma, suddivisa sempre in banconote di vario taglio, pari ad euro 7.400 e, sempre nella macchina, una banconota falsa di euro 20,00. Il giovane, percettore di una pensione di reversibilità minima,  non ha saputo dare alcuna spiegazione sulla disponibilità dell’ingente somma di denaro in suo possesso. Sia lo stupefacente sia l’ingente somma di denaro, ritenuta provento di attività illecita,  sono state sottoposte a sequestro penale. E’ stato denunciato a piede libero per detenzione ai fini di spaccio e per introduzione e spendita di monete false sul territorio nazionale.
Benevento 27 giugno 2020


APPROVATO IL BILANCIO CONSUNTIVO DELLA SOCIETA' SANNIO EUROPA
L’assemblea dei Soci ha approvato il bilancio consuntivo 2019 di Sannio Europa, la Società partecipata dalla Provincia di Benevento.
La seduta si è svolta negli uffici della Rocca dei Rettori, alla presenza del Presidente della Provincia, Antonio Di Maria, del direttore generale Nicola Boccalone e della struttura tecnico-contabile di Sannio Europa.
Il documento finanziario, illustrato dal presidente di Sannio Europa Giuseppe Sauchella, si chiude con un sostanziale equilibrio economico, anche tenendo conto delle onerose transazioni eseguite nel corso del passato anno.
L’approvazione del documento contabile, quindi, consente di guardare con fiducia al futuro di Sannio Europa con continuità e nella certezza di svolgere al meglio l’attività della società in house della Provincia di Benevento.
Tra gli asset di Sannio Europa vi sono: la gestione della rete museale e una corposa attività tecnica di supporto ai progetti strategici, ambientali e di sviluppo sostenibile dell’Ente.
Benevento 27 giugno 2020

CERRETO SANNITA. CONTROLLI STRAORDINARI DEL TERRITORIO IN VALLE TELESINA. ESEGUITI DENUNCE, PERQUISIZIONI, SEQUESTRI E SANZIONI AMMINISTRATIVE. 16 PATTUGLIE DISLOCATE SU TUTTO IL TERRITORIO PER GARANTIRE LA SERENITA’ DELLA POPOLAZIONE ATTRAVERSO LA PREVENZIONE DEI REATI PREDATORI, DELLO SPACCIO DI STUPEFACENTI E LA SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE.
Nella giornata di ieri i Carabinieri della Compagnia di Cerreto Sannita hanno effettuato un articolato servizio di controllo straordinario del territorio, con l’impiego di ben 16 pattuglie, dislocate su tutto il territorio di competenza, da Amorosi a Morcone, teso prevalentemente alla prevenzione delle truffe in danno di anziani ed ai furti in abitazione e presso esercizi commerciali. Inoltre è stato posto in essere un consistente controllo della circolazione stradale sulle principali  arterie di comunicazione tra le province di Benevento e Caserta, anche al fine di prevenire i sinistri stradali. Notevole impulso è stato dato anche al contrasto all’uso e spaccio di sostanze stupefacenti.
Sono stati controllati 178 persone e 146 autoveicoli, tra cui diversi pregiudicati. Numerose sono state le contestazioni al codice della strada con conseguenti fermi e sequestri, principalmente per mancata copertura assicurativa, nel dettaglio:
In Telese terme:
Un 31enne del luogo, già noto alle forze dell’ordine, nel corso di una perquisizione presso la propria abitazione è stato trovato in possesso di alcuni vasi contenenti piante di marijuana in piena vegetazione, che sono state sottoposte a sequestro. L’uomo è stato denunciato alla competente autorità giudiziaria per detenzione e coltivazione di sostanze stupefacenti.
In Solopaca:
due uomini residenti in Calabria, già noti alle forze dell’ordine, sono stati denunciati per truffa e ricettazione in concorso. Questi spacciandosi per titolari di una rinomata azienda di ristorazione calabrese ordinavano alla titolare di una nota azienda vinicola locale circa 1800 bottiglie di vino pregiato, per un valore complessivo di circa 12.000 euro. Al momento della consegna della merce i due malviventi fornivano in pagamento assegni bancari risultati contraffatti, creando un notevole danno economico alla vittima.
In Pietraroja:
due cittadini napoletani, un 50enne del quartiere Secondigliano e un 22enne di Fuorigrotta, entrambi pluripregiudicati, venivano sorpresi ad eseguire per le vie del paese, a bordo di una Lancia Y, di colore grigio, risultata poi essere stata noleggiata presso una concessionaria auto di Potenza, la vendita porta a porta di quadri raffiguranti l’effige di “San Pio”, rivolgendosi in maniera quasi arrogante a coloro che rifiutavano l’acquisto. Pertanto venivano proposti alla competente autorità amministrativa per il foglio di via obbligatorio ed il divieto di ritorno nel citato Comune.
 
In Cusano Mutri,
un 20enne, studente universitario, residente nel napoletano, è stato denunciato alla competente autorità giudiziaria per sostituzione di persona ed accesso abusivo a sistema informatico e telematico. Questi mediante creazione di apposito account di posta elettronica, utilizzando arbitrariamente le generalità della sua docente universitaria presso la Federico II di Napoli, ordinava e successivamente ritirava in nome e per conto della stessa diversi libri di testo universitari a sua insaputa.
Cusano Mutri 27 giugno 2020

Torna ai contenuti | Torna al menu