ILTABURNO

Vai ai contenuti

Menu principale:

INCONTRO CON I DIPENDENTI DEL SERVIZIO FORESTAZIONE
Nella Sala Consiliare della Rocca dei Rettori, stamani, Antonio Di Maria, Presidente della Provincia di Benevento, ha incontrato i capi-squadra e i capi-operai a tempo indeterminato e a tempo determinato del Servizio di Forestazione dell’Ente.
All’incontro erano presenti i funzionari della Provincia Michelantonio Panarese ed Elisabetta Cuoco.
Il confronto era stato convocato dallo stesso Presidente Di Maria a ragione delle criticità di ordine burocratico ed amministrativo che si registrano nei rapporti tra l’Amministrazione e i dipendenti.
Ad essere al centro dell’attenzione soprattutto il grave ritardo con il quale vengono pagati, peraltro solo in parte, gli emolumenti mensili ai lavoratori, e solo attingendo le relative risorse mediante anticipazioni di cassa tratte dal Bilancio di esercizio della Provincia in attesa degli accrediti da parte della Regione Campania.
Il Presidente ha illustrato ai capi-operai e ai capi-squadra la soluzione individuata per far fronte, nel giro verosimilmente di un mese, ai ritardi accumulati e a mettere a regime il nuovo meccanismo per la corresponsione del dovuto ai lavoratori.
Benevento 4 giugno 2020

Donazione di opere d'arte alla Provincia di Benevento
Domani 5 giugno 2020, alle ore 16.00, presso il Museo Arcos di Benevento al Corso Garibaldi angolo via Stefano Borgia, verranno consegnate al Presidente della Provincia, Antonio Di Maria, due Opere d’arte donate all’Ente dagli artisti Milot e Lyu Jianfu.
Sarà presente Ferdinando Creta, direttore artistico del polo espositivo della Provincia, che, nei mesi scorsi ed in tempi diversi, aveva curato le Mostre dell’artista albanese, all’anagrafe Alfred Mirashi, dal titolo “A Key for Humanity”, e di quello cinese, dal titolo: “Tracce d’Oriente”.
Alla consegna sarà presente anche l’artista aversana Laura Niola, che sta attualmente esponendo in Arcos una personale di pittura “Dentro di me…”, sempre a cura di Ferdinando Creta.
Benevento 4 giugno 2020
nella foto l'artista Alfred Mirashi (AFA)
CERRETO SANNITA. CONTROLLI STRAORDINARI DEL TERRITORIO “LARGO RAGGIO” IN VALLE TELESINA. ESEGUITI DENUNCE, PERQUISIZIONI, SEQUESTRI E SANZIONI AMMINISTRATIVE.
Nella giornata di ieri i Carabinieri della Compagnia di Cerreto Sannita hanno effettuato un articolato servizio di controllo straordinario del territorio, con l’impiego di ben 22 pattuglie, dislocate su tutto il territorio di competenza, da Melizzano a Morcone, teso prevalentemente alla prevenzione dei reati predatori, in particolare, furti in abitazione ed agli esercizi commerciali. Inoltre è stato posto in essere un consistente controllo della circolazione stradale sulle principali arterie di comunicazione tra le province di Benevento e Caserta, anche al fine di prevenire i sinistri stradali. Notevole impulso è stato dato anche al contrasto all’uso e spaccio di sostanze stupefacenti.
Sono stati controllati 214 persone e 140 autoveicoli, tra cui 18 pregiudicati. Numerose sono state le contestazioni al codice della strada con conseguenti fermi e sequestri, principalmente per mancata copertura assicurativa. Sono state elevate sanzioni anche per mancato uso delle cinture di sicurezza ed uso del telefono cellulare alla guida, una delle cause principali degli incidenti stradali.
Nel dettaglio:
  • In Pontelandolfo:
  • due giovani del luogo sono stati denunciati per porto abusivo di arma. Questi controllati nel centro cittadino a bordo dell’autovettura, con atteggiamento sospetto, a seguito di perquisizione, sono stati trovati in possesso di una carabina ad aria compressa con potenza superiore a 7,5 joule, avvolta in una coperta ed occultata all’interno del bagagliaio, con relativo munizionamento.
  • In Melizzano:
  • Una coppia di pregiudicati, un uomo 32enne ed una donna 31 enne, sono stati proposti alla competente autorità di P.S. per l’emissione del foglio di via obbligatorio poiché sorpresi a bordo di un Fiat Ducato aggirarsi con atteggiamento sospetto nei pressi di abitazioni isolate senza giustificato motivo;
  • un 50enne napoletano, controllato a bordo di autovettura insieme ad un suo coetaneo, a seguito di perquisizione, è stato trovato in possesso di gr 1,6 di cocaina e pertanto è stato segnalato alla Prefettura di Napoli per uso personale non terapeutico di sostanze stupefacenti
  • Cerreto Sannita 3 giugno 2020


    Mattarella all’Altare della Patria
    Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha deposto una corona d’alloro sulla Tomba del Milite Ignoto, all’Altare della Patria, in occasione della Festa Nazionale della Repubblica.
    Presenti il Presidente del Senato della Repubblica, Maria Elisabetta Alberti Casellati, il Presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico, il Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, il Presidente della Corte Costituzionale, Marta Cartabia, il Ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Enzo Vecciarelli.
    Al termine della cerimonia le Frecce Tricolori hanno sorvolato su Piazza Venezia.
    Mattarella a Codogno rende omaggio alle vittime del Covid-19
    Nel 74° anniversario della nascita della Repubblica Italiana, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, si è recato a Codogno, luogo simbolo dell’inizio della pandemia, per rendere omaggio a tutte le vittime del Covid-19 e a quanti hanno affrontato in prima linea la lotta contro il coronavirus. Nel corso della cerimonia al Municipio, hanno preso la parola: Francesco Passerini, Sindaco di Codogno e Presidente della Provincia di Lodi; Attilio Fontana, Presidente della Regione Lombardia; Giovanna Boffelli, volontaria crocerossina Sottotenente del Corpo delle infermiere volontario. La cerimonia si è conclusa con l’intervento del Presidente Mattarella. Al termine il Capo dello Stato si è recato al cimitero monumentale di Codogno dove ha deposto una corona di fiori.
    Roma  2 giugno 2020

    Oltre ottocentocinquantamila beni recuperati è il bilancio del 2019 dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale e recuperata un'opera trafugata a Montesarchio nel 1997 tela di rilievo vi sono sei parti del dipinto dal titolo “L’Immacolata fra i Santi Francesco, Domenico, Elisabetta e Teresa” di autore ignoto, asportato dalla Chiesa  Santa Maria delle Grazie di Montesarchio  nell’anno 1997
    La maggior parte dei recuperi del 2019 riguarda il settore antiquariale, archivistico e librario (850.651), a seguire vi sono i reperti archeologici e numismatici provenienti da scavi clandestini (1.107). Per quanto attiene alla contraffazione, sono 262 le opere sequestrate: falsi di arte contemporanea – ma non solo – che, qualora immessi sul mercato, avrebbero fruttato alle organizzazioni criminali quasi un milione di euro.Sono 851.721 i beni recuperati l’anno scorso dal Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Napoli, unità periferica con competenza regionale sulla Campania del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale.
    Ci sono queste e altre buone notizie, sul contrasto dei traffici d’arte, nella pubblicazione “Attività operativa 2019” edita dal Comando Carabinieri TPC,  già disponibile sui siti www.beniculturali.it e www.carabinieri.it. Per quanto attiene al territorio campano, si registra un decremento del 31% dei furti in genere, 29 a fronte dei 42 del 2018. Molto più netto il calo dei furti consumati presso le biblioteche – 100 % (da 5 a 0) e presso i luoghi di culto – 33,3% (da 21 a 14).
    Al contrario, come si leggerà in dettaglio nel documento, sono aumentati i risultati delle indagini e dei controlli in ambito regionale: gli arresti e le denunce, le associazioni per delinquere perseguite, le sanzioni amministrative a salvaguardia del paesaggio elevate, in linea con l’articolo 9 della Costituzione.  
    Nel corso dell’anno venivano recuperati e restituiti dal Nucleo TPC di Napoli numerosi beni di elevatissimo valore storico-artistico, opere meglio descritte nella nota allegata al presente comunicato.
    Di particolare rilievo, fra le opere recuperate dal Nucleo, vi sono sei parti del dipinto dal titolo “L’Immacolata fra i Santi Francesco, Domenico, Elisabetta e Teresa” di autore ignoto, asportato dalla Chiesa Santa Maria delle Grazie di Montesarchio (BN) nell’anno 1997. Tale attività, coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli, trae spunto dalla denuncia di furto, presentata da un antiquario napoletano, di numerose opere d’arte in suo possesso e conservate all’interno del magazzino. Oltre ad accertare che la denuncia non era altro che un mezzo, messo in atto dallo stesso antiquario, per tornare in possesso di beni dallo stesso posti in commercio (nell’abitazione del denunciante sono stati rinvenute opere d’arte da lui stesso inserite in denuncia), i riscontri investigativi hanno consentito, altresì, di sequestrare numerosissime opere provenienti da 12 furti avvenuti in tutta Italia in danno di private abitazioni e di istituti di culto. Oltre alle opere di antiquariato, nel corso delle indagini, sono stati anche sequestrati oltre 4.000 reperti archeologici tra monete e vasi. Nell’ambito della citata indagine si rinvenivano 5 parti del dipinto in questione mentre la sesta (la più importante per la sua iconografia in quanto rappresenta la parte centrale del dipinto) veniva sequestrata, sempre su disposizione della Procura di Napoli, nel corso di una vendita presso una nota Casa d’Asta del capoluogo campano. Di fondamentale importanza per l’individuazione del prezioso bene è risultata la comparazione dell’immagine, con quelle contenute nella Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti, gestita dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, che ne ha confermato la provenienza illecita.
    Napoli 2 Giugno 2020

    DE LUCA: "SI APRE UNA NUOVA FASE FAR CRESCERE I VALORI DI UNITA' E SOLIDARIETA' NAZIONALE"
    Dichiarazione del Presidente Vincenzo De Luca:
    "Celebriamo oggi l’unità nazionale all’insegna delle parole importanti pronunciate dal presidente della Repubblica.
    Da domani, per decisione del Governo, parte la mobilità su tutto il territorio nazionale, al di là di talune riserve espresse.
    Cercheremo di adottare, con equilibrio e serenità, misure di prevenzione a tutela delle nostre comunità.
    Ma, una volta presa la decisione, si va avanti. Occorre fare in modo che questa nuova fase sia un’occasione per far crescere i valori di unità e solidarietà nazionale, di impegno totale per il rilancio dell’economia e del lavoro, per il sostegno a chi è stato duramente colpito dalla crisi in corso".
    Napoli 2 giugno 2020

    CONTROLLI AI RIDERS DEI CARABINIERI DEL COMANDO TUTELA LAVORO E DEI CARABINIERI DELL’ARMA TERRITORIALE.
    Durante il fine settimana i Carabinieri del Comando Tutela Lavoro e di tutti i Comandi Provinciali dell’Arma sul territorio nazionale hanno intervistato oltre mille “riders”, operanti per le principali “piattaforme virtuali” del “food delivery”, al fine di acquisire informazioni utili alle indagini in corso, delegate all’unità specializzata dell’Arma dalla Procura della Repubblica di Milano, sulla gestione del rapporto di lavoro da parte delle citate piattaforme. Le attività dei Carabinieri si sono svolte su strada e contestualmente in tutte le province ed hanno consentito di “fotografare” attraverso la voce dei lavoratori e delle condizioni reali constatate sul territorio, le modalità di svolgimento del servizio e le forme di tutela loro garantite, sia sotto il profilo della sicurezza che sanitario.
    Benevento 1 giugno 2020


    PUSHER ARRESTATO DAI CARABINIERI MENTRE EFFETTUA LO SCAMBIO DROGA-DENARO.
    Seguendo le confidenze di alcuni consumatori di San Giorgio del Sannio, i Carabinieri hanno disposto una serie di servizi di osservazione nella zona alta della città, in via Andrea Mazzarella; proprio dove gli assuntori riferivano di rifornirsi di sostanza stupefacente del tipo eroina.
    Ieri, nella tardissima mattinata, al termine di un ennesimo servizio di osservazione i Carabinieri della Stazione di San Giorgio del Sannio hanno bloccato lo spacciatore, dopo averlo visto cedere stupefacente a due giovani in un parco residenziale nei pressi di via Almerico Meomartini. I due venivano bloccati a distanza di pochi passi l’uno dall’altro, mentre era in corso lo scambio droga/denaro. Venivano quindi sequestrate le due dosi di eroina con il corrispettivo in denaro pari ad euro 20,00.
    L’attività di ricerca veniva estesa all’abitazione dello spacciatore ove i Carabinieri rinvenivano, nella cassetta della posta in uso all’interessato, tre involucri di eroina dal peso complessivo di cinque grammi della stessa fattura e confezionamento delle due dosi rinvenute e sequestrate poco prima per  strada.
    Tutto lo stupefacente veniva sottoposto a sequestro.  
    Lo spacciatore di Benevento di circa 45 anni veniva tratto in arresto e su disposizione della dott. essa Maria Colucci, sostituto Procuratore della Repubblica di Benevento,  l’uomo veniva ristretto presso la propria abitazione agli arresti domiciliari.
    Benevento 31 maggio 2020

    Pisa ha riaperto al mondo i suoi gioielli di storia e di arte. In piazza dei Miracoli il rito collettivo per una nuova vita
    di Agnese Cerroni
    Si chiama “Pisa riapre al mondo” ed è il flash mob con cui la città della Torre ha voluto dare il suo segnale di riapertura. La città è pronta per una nuova ripartenza dopo i mesi di lockdown e riapre i suoi monumenti più celebri quali Duomo, Battistero e appunto il celebre campanile, oltre alle Mura. In piazza dei Miracoli, questo pomeriggio, è andato in scena un vero e proprio rito corale organizzato dal Comune per la regia di Tommaso Casigliani. Sempre nella giornata di oggi il Comune di Pisa ha aperto anche due uffici informazioni turistiche in piazza XX settembre, nell’atrio di palazzo Gambacorti, sede del Comune, e in piazza del Duomo.
    Pisa 30 maggio 2020

    ORDINANZE COVID-19: DE LUCA SCRIVE A PREFETTO, QUESTORE E POLIZIA MUNICIPALE DI NAPOLI
    Il Presidente Vincenzo De Luca ha scritto al Prefetto, al Questore e al Comandante della Polizia Municipale di Napoli in riferimento all’ordinanza sindacale n.248 del 29 maggio 2020, recante prescrizioni in evidente contrasto con l’Ordinanza regionale n.53.
    L'atto è stato inviato per conoscenza anche al Ministro dell'Interno e all'Anci.
    “Tale provvedimento - scrive De Luca - è palesemente illegittimo, non soltanto per carenza di potere - in quanto assume a proprio presupposto una situazione di crisi epidemiologica che coinvolge l’intero territorio regionale e detta disposizioni i cui effetti si riverberano ben oltre i confini del territorio comunale - ma altresì e soprattutto per violazione di legge. In particolare per evidente violazione della norma di cui all'articolo 3, comma 2 del decreto-legge numero 19 del 2020, convertito con modificazioni dalla legge numero 35 del 2020, a tenore del quale “ 2. I Sindaci non possono adottare, a pena di inefficacia, ordinanze contingibili e urgenti dirette a fronteggiare l'emergenza in contrasto con le misure statali e regionali, ne' eccedendo i limiti di oggetto di cui al comma 1”.
    In considerazione della espressa sanzione della inefficacia dei provvedimenti sindacali adottati in contrasto con le misure regionali vigenti, inefficacia sancita direttamente dalla richiamata disposizione di legge, si sollecitano gli Organi dello Stato, le Forze dell’Ordine, la Polizia Municipale a predisporre tempestivamente ogni misura volta a garantire il rispetto rigoroso dell’Ordinanza regionale da parte degli operatori coinvolti.
    Comportamenti diversi configurerebbero, a tutta evidenza, omissioni rilevanti anche sul piano penale, oltre che in relazione agli aspetti di tutela sanitaria”.

    COVID-19, MOBILITA' TRA REGIONI DICHIARAZIONE DEL PRESIDENTE DE LUCA
    Dichiarazione del Presidente Vincenzo De Luca:
    "Apprendiamo che ci si avvia dalla prossima settimana a una ripresa della mobilità generalizzata tra le regioni.
    La Campania è da sempre impegnata a tutela dell'unità nazionale.
    Abbiamo riconfermato la nostra solidarietà incondizionata ai nostri concittadini della Lombardia, e al Presidente Fontana rispetto ad aggressioni che nulla hanno a che vedere con un dibattito politico e di merito civile. Noi non abbiamo dimenticato neanche per un attimo, la tragedia immane che ha colpito tanti territori lombardi e tante famiglie.
    Ciò premesso, riteniamo di dover sottolineare che davvero non si comprende quali siano le ragioni di merito che possono motivare un provvedimento di apertura generalizzata e la non limitazione della mobilità nemmeno per le province ancora interessate pesantemente dal contagio.
    Si ha la sensazione che per l'ennesima volta si prendono decisioni non sulla base di criteri semplici e oggettivi ma sulla base di spinte e pressioni di varia natura. Si poteva decidere semplicemente – togliendo i nomi delle regioni – che i territori nei quali nell'ultimo mese c'era stato un livello di contagi giornalieri superiore a un numero prefissato (200 – 250 - 300...) fossero sottoposti a limitazioni nella mobilità per un altro breve periodo.
    Se la mia regione avesse ancora oggi un livello di contagio elevato, non esiterei a chiedere io, per un dovere di responsabilità nazionale, una limitazione della mobilità per i miei concittadini.
    Ciò detto, valuteremo le decisioni del governo, se e quando saranno formalizzate. Adotteremo, senza isterie e in modo responsabile, insieme ai protocolli di sicurezza già vigenti, controlli e test rapidi con accresciuta attenzione per prevenire per quanto possibile, il sorgere nella nostra regione di nuovi focolai epidemici".​
    Napoli 30 maggio 2020



    L’Associazione Fotografi e Videografi Professionisti (AFVP) manifesterà, oggi 29 maggio, a piazza Plebiscito davanti alla sede della Prefettura di Napoli.
    AFVP è la nuova organizzazione, nata durante l’emergenza sanitaria per il Covid-19 che ha causato una forte crisi di tutte le attività legate al mondo delle cerimonie, conta già oltre 500 iscritti: molti della Campania e tanti della Sicilia, Lombardia, Abruzzo, Puglia e Lazio. Una realtà che è diventata, per Fotografi e Videografi, un punto di riferimento in seguito alla crisi del mondo del Wedding. Il presidente dell’Associazione Walter Gilardi, i componenti del Consiglio Direttivo ed i soci, si ritroveranno dalle ore 10,00 davanti al Palazzo del Governo di Napoli per essere ricevuti da S. E. il Prefetto. Le richieste di Walter Gilardi e di tutti gli associati riguarderanno alcuni punti ben precisi ed importanti per le categorie coinvolte:
    1. Un nuovo accesso o la riapertura al Bonus Microimprese, perchè quello emanato dalla Regione Campania per aiutare le moltissime attività ferme per l’emergenza, escludeva erroneamente alcuni Codici Ateco e tra questi il 74.20.19 dei Fotografi e Videografi. Di conseguenza, anche, l’adeguamento codice Ateco come categoria non ammessa a poter svolgere il proprio operato.
    2. Sussidio a fondo perduto pari al 50% del fatturato dell’anno 2019 elargito per ogni mese fino a marzo del 2021, mese di probabile ripresa delle aziende ed imprese legate al mondo della Cerimonia;
    3. Credito di imposta sugli affitti a beneficio dei proprietari;
    4. Anno bianco fiscale.
    Siamo inoltre ben lieti degli incontri istituzionali volti a risolvere tali problematiche, ma ci sentiamo in dovere di sottolineare che una ripartenza al momento non è possibile in quanto oltre agli eventi già cancellati, sono stati rimandati al 2021 il 90% dei contratti stipulati per il 2020.
    Napoli 30 maggio 2020

    DUGENTA (BN) ORGANIZZANO GARA IN VELOCITA’ NEL CENTRO CITTADINO SENZA AUTORIZZAZIONE E PROVOCANO INCIDENTE: I CARABINIERI DENUNCIATO QUATTRO PERSONE.
    I Carabinieri della Compagnia di Montesarchio (BN) ed in particolare i militari della Stazione CC di Dugenta (BN), ambito attività info/investigativa scaturita a seguito di un sinistro stradale avvenuto in Dugenta (BN) lo scorso 02 febbraio, hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Benevento quattro persone resisi responsabili del reato di organizzazione e partecipazione a competizione in velocità non autorizzata con veicoli a motore.
    Nel dettaglio, la minuziosa attività posta in essere dai militari dell’Arma di Dugenta (BN), ha permesso di accertare che i quattro, tutti originari di comuni confinanti e di età compresa fra i 20 e 28 anni, avevano dapprima organizzato e poi posto in essere, nel tardo pomeriggio, una gara in velocità non autorizzata in pieno centro abitato utilizzando le rispettive autovetture.
    Uno dei gareggianti, alla guida del proprio veicolo, perdeva il controllo e tamponava violentemente un veicolo in sosta sulla pubblica via. Lo stesso soggetto, in conseguenza delle ferite riportate a seguito del violento impatto, faceva ricorso alle cure mediche presso l’ospedale di Sant’Agata de’ Goti (BN) dove riportava una prognosi di 6 (sei) giorni.
    Sono in corso ulteriori verifiche al fine di poter applicare anche l’adozione di  provvedimenti di natura amministrativa.   
    Montesarchio (BN), lì 30 maggio 2020.


    Apertura Rete Museale della Provincia di Benevento
    Anche per la prossima settimana nei giorni 2, 4 e 6 giugno la Rete Museale della Provincia di Benevento continuerà a restare liberamente aperta al pubblico dalle ore 10.00 alle 18.00.
    Lo ha comunicato il Presidente della Provincia Antonio Di Maria che ha confermato il provvedimento di due settimane or sono con il quale aveva avviato la riapertura del Museo del Sannio, della Chiesa di Sant’Ilario a Port’Aurea e del Museo Arcos dopo la forzata chiusura imposta dalle misure di contrasto alla diffusione del contagio da Coronavirus.
    Benevento 29 maggio 2020


    COVID-19, ORDINANZA IN MATERIA DI LOCALI PUBBLICI E SOMMINISTRAZIONE ALCOLICI
    L’Unità di Crisi della Regione Campania trasmette in allegato l'Ordinanza n.53 del 29 Maggio 2020, firmata dal Presidente Vincenzo De Luca, con ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.
    A seguito delle problematiche registrate nello scorso fine settimana e degli incontri avuti in settimana con le Camere di Commercio, è stato disposto quanto segue:
    a)  è fatto divieto di vendita con asporto di bevande alcoliche, di qualsiasi gradazione, dopo le ore 22,00 da parte di qualsiasi esercizio commerciale (ivi compresi bar, chioschi, pizzerie, ristoranti, pub, vinerie, supermercati) e con distributori automatici;
    b)  dalle ore 22,00 alle ore 6,00, è fatto divieto di consumo di bevande alcoliche, di qualsiasi gradazione, nelle aree pubbliche ed aperte al pubblico, ivi comprese le ville e i parchi comunali;
    c) per i bar, 'baretti', vinerie, gelaterie, pasticcerie, chioschi ed esercizi di somministrazione ambulante di bibite, resta consentita la facoltà di apertura a partire dalle ore 5,00 ed è disposto l’obbligo di chiusura entro le ore 01:00, con obbligo di somministrazione esclusivamente al banco o ai tavoli a partire dalle ore 22,00.
    - Come da precedente ordinanza, non vi sono limitazioni nell'orario di chiusura di ristoranti, pub e pizzerie.
    Napoli 29 maggio 2020

    Gepos: dal 1° Giugno riparte l'attività ordinaria. Personale interamente negativo al contagio e struttura sanificata
    La Casa di Cura Gepos di Telese Terme comunica la ripresa dell'attività sanitaria ordinaria a far data dal 1° giugno prossimo.
    Tutti negativi i risultati dei tamponi finali, dopo quelli intermedi, per il coronavirus, effettuati sui dipendenti, dopo le dimissioni di tutti i pazienti affetti da Covid-19. Ha provveduto, così, alla sanificazione dell'intera struttura. Col mese di giugno, specifica la direzione, ripartiranno tutte le attività ordinarie: chirurgiche, ambulatoriali, diagnostiche e di laboratorio.
    L'esperienza da Covid Hospital si chiude, pertanto, con risultati lusinghieri, vista la guarigione di tutti i pazienti trasferiti dall'Ospedale San Pio di Benevento e il personale ritrovato totalmente indenne al contagio. Rimane, invece, l'esperienza medica, clinica e umana, dei protagonisti. Il direttore sanitario della clinica, Davide Castrianni, ha così tracciato un bilancio dell'esperienza: "Siamo sanitari e come tali ci siamo sentiti in dovere di dare una mano. Non c’è altro da aggiungere. In pochi giorni abbiamo studiato, programmato e messo in atto una serie di trasformazioni che ci hanno permesso di poter accogliere pazienti Covid. Tutto questo ha avuto notevoli ripercussioni sulle nostre vite. Le paure individuali non sono state cancellate ma abbiamo continuato a svolgere un lavoro di squadra che poche volte ho avuto modo di vedere: medici, infermieri e ausiliari si sono aiutati e corretti vicendevolmente, con un’attenzione estrema. Tutto questo rimarrà nel know-how di ognuno di noi e influirà per sempre nel modo di affrontare il lavoro futuro. Dal punto di vista personale ho dovuto affrontare un’altra sfida: comunicare la serietà di quello che ci accingevamo ad affrontare ma allo stesso tempo far capire che tutti i protocolli, le procedure e i dispositivi che stavamo adottando ci avrebbero permesso di lavorare in totale sicurezza. All'arrivo del primo paziente in   biocontenimento eravamo colpiti ma pronti. Lo abbiamo dimostrato coi fatti, sul campo". Per Angelina Aufiero, responsabile dell'Ufficio Qualità: "La Gepos non ha avuto difficoltà a integrare, secondo le linee guida internazionali, le procedure e i protocolli già presenti in clinica per garantire la sicurezza degli operatori e  dei pazienti. La novità è stato l'approccio con il paziente da parte degli operatori sanitari, dai responsabili ai medici, dagli  infermieri agli ausiliari". La caposala Ketty Ianniello: " Ho sentito sulla mia pelle la sofferenza dei pazienti quando comunicavamo loro l'esito ancora positivo dei tamponi. Risultati che anche noi abbiamo imparato ad attendere col fiato sospeso. Affezionarsi è stato molto facile, ognuno ha trasferito la propria esperienza e il vissuto ospedaliero molto lungo. Non dimenticherò mai l'esultanza di un paziente al primo tampone negativizzato: è stato difficile contenerlo. Memorabili poi le dimissioni: aprire loro la porta e riconsegnarli ai propri cari. Bardati nei dispositivi di protezione ci potevamo guardare solo negli occhi e dai loro occhi capivo i loro stati d'animo". "Si chiude un cerchio - ha chiosato il presidente del Gruppo De Vizia Sanità, il dottor Antonio De Vizia -. Siamo stati capaci, abbiamo sfidato, ancora una volta, noi stessi e le competenze per implementarle. Abbiamo dimostrato, non tirandoci indietro, di essere in grado di dare una mano al sistema sanitario pubblico. Mia figlia, la dottoressa Marcella De Vizia, come medico anestesista e rianimatore, è stata la prima ad affiancare i pazienti, a scendere in campo. Non posso che ringraziarla insieme a tutto il personale. Il 1° giugno ripartiremo, più forti e coesi, più capaci. Voltiamo pagina, dopo averne scritta una di cui andare fieri".
    Telese terme 29 maggio 2020

    COVID-19, CONCLUSO LO SCREENING SIEROLOGICO DI ARIANO IRPINO
    DE LUCA: "STUDIO SCIENTIFICO UNICO E RISOLUTIVO, RINGRAZIO I CITTADINI"
    Si è concluso lo studio di sieroprevalenza sul comune di Ariano Irpino, il più esteso screening sierologico mai realizzato in Italia. Basato su un innovativo approccio epidemiologico molecolare (mediante dosaggio di Anticorpi di classe IgA, IgM, IgG),  lo studio è unico nel suo genere a livello nazionale per due motivi:
    - Numerosità del campione sottoposto a screening per valutazione dei contatto con SARS-
    COV-2 mediante dosaggio anticorpale (13.444 test praticati su soggetti volontari su una
    popolazione di 17.823 residenti)
    - Per il dato epidemiologico molecolare sulla diffusione del virus in una popolazione di un
    comune designato tempestivamente in Campania quale "zona rossa".
    Dalla valutazione preliminare dei dati è emerso che su 13.444 soggetti testati, 650 sono risultati positivi alla ricerca anticorpale, pari al 4.83% della popolazione studiata. Di questi 650 soggetti, sono risultati positivi alla ricerca del virus con tampone naso-faringeo 60 cittadini (il 9.2% dei testati), pari allo 0.44% sul totale della popolazione sottoposta a screening. Le positività al tampone sono stati caratterizzati da viremie variabili, per la maggior parte a bassa carica virale. I cittadini risultati positivi al tampone in via precauzionale saranno messi sotto osservazione in isolamento, mentre come da protocollo saranno comunque individuati e monitorati eventuali contatti. "Tutto questo - ha dichiarato il Presidente Vincenzo De Luca - rivela lo straordinario investimento fatto su Ariano, perché soltanto questo screening di massa consente di spegnere per sempre il focolaio di Ariano e di garantire la tutela della salute e la serenità di vita per tutta la popolazione. Va aggiunto che per l'importanza di questo test, per l'uso di tecnologie più sofisticate e per la sua dimensione di massa, è un'esperienza di grandissimo valore scientifico che sarà messa a disposizione di tutto il Paese. Metteremo altresì a disposizione di tutti una banca del siero per curare in caso di necessità nel prossimo futuro pazienti che dovessero trovarsi in condizioni gravi, anche di altri territori.
    Ringrazio per il grandissimo senso di responsabilità dimostrato tutti i cittadini di Ariano che hanno dato prova davvero di grande spirito civico, tanto più da apprezzare in quanto si è verificato che in altre parti d'Italia non vi è stata la disponibilità mostrata invece in una misura eccezionale dai nostri concittadini di Ariano".

    Oggi  le Frecce Tricolori voleranno sopra Napoli  per i 74 esima Festa della Repubblica
    di Agnese Cerroni
    Continua il tour della patuglia acrobatica, ogii tutti con il naso all'insù alle 15.30 gli aerei della patuglia partirà da Catanzaro toccanto Bari, Potenza, Napoli e Campobasso. Il tricolore su Napoli che lascieranno i piloti si può ammirare sul lungomare Caracciolo, poi la volta di Campobasso. Il Giro d'italia delle Frecce tricolori si concluderà simbolicamente il 2 giugno, con il sorvolo di Roma gli aerei porteranno il tricolore sui cieli della capitale durante la cerimonia di deposizione di una corona di alloro presso l'Altare della Patria da parte del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Da Napoli a Campobasso sul piano di volo trovano Montesarchio e Benevento il Comandante de Cecco Pony 3 è nato a Benevento
    Napoli 28 maggio 2020

    È ripartito in Campania il monitoraggio delle acque di balneazione.
    di Agnese Cerroni
    Arpac ha avviato i prelievi a tutela della salute dei bagnanti, nel quadro del decreto legislativo 116 del 2008 che impone, per determinare la balneabilità, di controllare i parametri microbiologici Escherichia coli ed Enterococchi intestinali, indicatori di contaminazione fecale.
    Il primo ciclo di controlli, definito pre-stagionale, normalmente svolto a partire dalla metà di aprile, è stato rimandato quest’anno sulla scorta delle indicazioni del Ministero della Salute, a causa dell’emergenza Covid-19.
    In seguito all’ordinanza n. 50 dello scorso 22 maggio del Presidente della Giunta Regionale, che ha consentito la riapertura degli stabilimenti balneari e la fruizione delle spiagge libere, seppure nel rispetto di una serie di prescrizioni per il contenimento della pandemia di Covid-19, l’Agenzia ha immediatamente impegnato l’intera sua flotta navale, composta dal battello oceanografico Helios e da altri sei mezzi nautici.
    Intensificando il calendario dei prelievi, entro la prima settimana di giugno Arpac ha programmato il completamento dei controlli pre-stagionali sui circa 480 chilometri di costa monitorati dall’Agenzia, suddivisi in 328 acque di balneazione. Dalla seconda settimana di giugno alla fine di settembre Arpac ha in programma di svolgere il consueto calendario di controlli mensili per ogni area monitorata.
    La balneabilità delle acque è stata definita dalla Deliberazione di Giunta Regionale n. 680 del 30 dicembre 2019, che attribuisce, così come previsto dalla norma, una classe a ciascuna delle acque di balneazione campane sulla base dei risultati del monitoraggio svolto da Arpac nei quattro anni precedenti.
    «L’emergenza sanitaria», dichiara il Commissario straordinario Arpac Stefano Sorvino, «pone una serie di sfide per le attività dell’Agenzia in ambito marino. Anche nella cosiddetta Fase 1 abbiamo continuato a lavorare con la nostra flotta, anche in collaborazione con le Forze di polizia ambientale, ad esempio per le attività svolte con il supporto della Guardia costiera per indagare sulla qualità delle acque in prossimità della foce del Sarno. Con le dovute cautele a tutela della sicurezza degli operatori, abbiamo ora riattivato anche il monitoraggio delle acque di balneazione, un impegno notevole se si pensa che l’anno scorso abbiamo prelevato più di 2500 campioni lungo la costa campana».
    I dati del monitoraggio verranno pubblicati “in tempo reale” nell’apposita sezione del sito istituzionale dell’Agenzia e diffusi anche attraverso un’app per dispositivi mobili, disponibile sia su Google Play Store che sull’App Store di Apple.
    Napoli, 27 maggio 2020


    APOLLOSA (BN) OSSERVA UN SITO ON-LINE, RICONOSCE LA SUA BICI RUBATA TRE ANNI PRIMA E AVVISA I CARABINIERI: DENUNCIATO UN 22ENNE DELLA PROVINCIA DI NAPOLI PER RICETTAZIONE.
    I Carabinieri della Compagnia di Montesarchio (BN), ambito attività investigativa, hanno deferito in stato di libertà un 22enne della provincia di Napoli resosi responsabile del reato di ricettazione. In particolare, a seguito di una segnalazione pervenuta ai militari della Stazione CC di San Leucio del Sannio (BN) da parte di un cittadino di Apollosa (BN), il quale riferiva di aver riconosciuto sulle pagine on-line un noto sito di compravendita la propria costosa bicicletta che gli era stata sottratta nel marzo dell’anno 2017, immediatamente scattava attività di verifica al fine di identificare il venditore. Il denunciante riferiva altresì di essere certo che la bicicletta posta in vendita sia la stessa a lui asportata poiché lui stesso aveva commissionato alla casa costruttrice delle modifiche e che quindi la nota azienda venditrice non produceva in serie tali bici, ma solo in modelli personalizzati.
    Successivamente i militari dell’Arma di San Leucio del Sannio (BN) collaborati da personale della Stazione CC di Striano (NA) riuscivano ad identificare compiutamente il  reo e a ritrovare la bicicletta in questione che veniva sottoposta a sequestro preventivo in attesa di ulteriori accertamenti al fine di riconsegnarla al legittimo proprietario.   
    Montesarchio (BN), lì 26 maggio 2020.


    COMPAGNIA DI MONTESARCHIO - CARABINIERI ESEGUONO MIRATI SERVIZI DI CONTROLLO DEL TERRITORIO
    Continua incessante l’opera di controllo del territorio da parte dei militari della Compagnia Carabinieri di Montesarchio (BN), finalizzata principalmente al rispetto delle norme contenute nei decreti nazionali e regionali, al contrasto del fenomeno legato allo spaccio e l’uso di sostanze stupefacenti e al controllo della circolazione stradale. Il servizio, svolto nel fine settimana ambito comuni rientranti nella giurisdizione di competenza, ha portato ai seguenti risultati:
    in Montesarchio (BN) militari dell’Aliquota Radiomobile deferivano in s.l. un 51enne del luogo, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in quanto, a seguito di perquisizione personale e veicolare, veniva trovato in possesso di circa 5 grammi di cocaina, poi sottoposta a sequestro;
    in Montesarchio (BN) militari dell’Aliquota Radiomobile deferivano in s.l. un cittadino rumeno di anni 25 per detenzione illegale di cartucce di arma comune da sparo poiché, a seguito di perquisizione, veniva trovato in possesso di n. 2 cartucce inesplose cal. 9, sottoposte a sequestro;
    in Sant’Agata de’ Goti (BN) militari del locale Comando Stazione deferivano in s.l. un 50enne della provincia di Avellino resosi responsabile di ricettazione in quanto, a seguito di perquisizione veicolare, veniva trovato in possesso, ingiustificatamente, di un timbro e modelli in bianco intestati a medico chirurgo, il tutto sottoposto a sequestro;
    in Ceppaloni (BN) militari del locale Comando Stazione deferivano in s.l.  un 21enne di Benevento resosi responsabile false attestazioni sull’identità, in quanto, a seguito di controllo alla circolazione stradale, sprovvisto di documenti, forniva generalità false sulla propria identità personale.
    Nel contesto del medesimo servizio:
    in Montesarchio (BN) militari dell’Aliquota Operativa segnalavano all’Ufficio Territoriale del Governo in qualità di assuntore di sostanza stupefacenti un 35enne trovato in possesso di gr. 4 di sostanza stupefacente del tipo hashish. La sostanza stupefacente  veniva sottoposta a sequestro amministrativo;
    in Ceppaloni (BN) militari del locale Comando Stazione CC segnalavano all’Ufficio Territoriale del Governo in qualità di assuntrice di sostanza stupefacenti una 32enne trovata in possesso di modica quantità di sostanza stupefacente del tipo marijuana. La sostanza stupefacente veniva sottoposta a sequestro amministrativo;
    in Montesarchio (BN) militari dell’Aliquota Radiomobile segnalavano all’Ufficio Territoriale del Governo in qualità di assuntore di sostanza stupefacenti un 27enne trovato in possesso di una dose di sostanza stupefacente del tipo cocaina. La sostanza stupefacente  veniva sottoposta a sequestro amministrativo;
    in Montesarchio (BN) militari dell’Aliquota Radiomobile segnalavano all’Ufficio Territoriale del Governo in qualità di assuntore di sostanza stupefacenti un 30enne trovato in possesso di un grammo di sostanza stupefacente del tipo cocaina. La sostanza stupefacente  veniva sottoposta a sequestro amministrativo;
    in Ceppaloni (BN) militari del locale Comando Stazione CC segnalavano all’Ufficio Territoriale del Governo in qualità di assuntore di sostanza stupefacenti un 23enne trovato in possesso di gr. 1 di sostanza stupefacente del tipo hashish. La sostanza stupefacente veniva sottoposta a sequestro amministrativo;
    in Montesarchio (BN) militari dell’Aliquota Radiomobile segnalavano all’Ufficio Territoriale del Governo in qualità di assuntore di sostanza stupefacenti un 43enne trovato in possesso di un grammo di sostanza stupefacente del tipo cocaina. La sostanza stupefacente  veniva sottoposta a sequestro amministrativo;
    in Montesarchio (BN) militari dell’Aliquota Radiomobile segnalavano all’Ufficio Territoriale del Governo in qualità di assuntore di sostanza stupefacenti un 28enne trovato in possesso di un grammo di sostanza stupefacente del tipo hashish. La sostanza stupefacente  veniva sottoposta a sequestro amministrativo;
    in Montesarchio (BN) militari dell’Aliquota Radiomobile segnalavano all’Ufficio Territoriale del Governo in qualità di assuntore di sostanza stupefacenti un 28enne trovato in possesso di un grammo di sostanza stupefacente del tipo cocaina. La sostanza stupefacente  veniva sottoposta a sequestro amministrativo;
    in Sant’Agata de’ Goti (BN) militari del locale Comando Stazione CC intercettavano due soggetti di anni 50 e 30, entrambi censurati che non riuscivano a giustificare la loro presenza in zona e pertanto venivano allontanati con proposta per l’emissione di foglio di via obbligatorio;
    in Montesarchio (BN), militari dell’Aliquota Radiomobile sottoponevano a sequestro, a carico di ignoti, n. 4 dosi pari a grammi 2,5 di sostanza stupefacente del tipo cocaina, rinvenuta occultata in un muretto di una piazza nel centro del comune.
    Montesarchio (BN), lì 25 maggio 2020

    Due persone arrestate dai Carabinieri della Compagnia di Benevento per detenzione di 120 gr. di cocaina
    I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Benevento nel corso di un controllo del territorio in località Sferracavallo fermavano una Nissan Juke, a bordo della quale viaggiava una coppia di giovani beneventani, entrambi 33enni. Nelle fasi del controllo entrambi apparivano agitati e preoccupati motivo per il quale i due venivano accompagnati in caserma per un accurato controllo dell’autoveicolo e di entrambi i ragazzi; solo uno è titolare di pregiudizi di polizia in materia di stupefacenti. Atteso il crescente nervosismo dei due, presso il Comando dei Carabinieri l’auto veniva sottoposta a meticolosa attività di ricerca, al termine della quale, occultato sotto la cuffia della leva del cambio, i Carabinieri rinvenivano un involucro termosaldato avvolto nel nastro adesivo per imballaggio. All’interno erano occultati 120 grammi di cocaina, che insieme all’auto venivano sequestrate mentre i due pusher venivano arrestati per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. La cocaina doveva presumibilmente fornire i giovani del capoluogo in questo fine settimana in questo periodo della cosiddetta “fase 2” che ha allentato le restrizioni governative imposte dall’emergenza sanitaria in atto.
    Su disposizione del Pubblico Ministero, dott.essa Felaco, entrambi gli arrestati venivano ristretti presso le rispettive abitazioni, in regime di detenzione domiciliare.
    Benevento 23 maggio 2020

    Boccia: “Dal 3 giugno niente mobilità tra regioni ad alto rischio”
    “L’ipotesi delle riaperture interregionali dal 3 giugno è stata già ufficializzata dal presidente del Consiglio, ma a condizione che si rispettino i dati del monitoraggio sull’epidemia. Se una regione è ad alto rischio non può partecipare alla mobilità interregionale“. Lo ha ribadito il ministro degli Affari regionali Francesco Boccia in audizione alla Commissione Federalismo fiscale della Camera. “Grazie a voi italiani, ma non è finita, chiariamolo, non è il tempo dei party e della movida, altrimenti la curva risale”. Così il premier Giuseppe Conte ha risposto, lasciando il Senato, a un’anziana che lo ringraziava “a nome dell’Italia” per l’impegno di questi mesi. “Abbiamo tolto l’autocertificazione perché la curva era sotto controllo ma nessuno pensi che sono saltate le regole di precauzione“, ha aggiunto.
    Roma 22 maggio 2020

    Un viaggio nella Nostra Italia le cascate delle Marmore
    Agnese Cerroni
    Dopo l'esperienza di un lockdown di oltre due mesi,c’è la voglia di fare una gita fuori porta, per eliminare lo stress e aumentare l’allegria.  Oggi andiamo a scoprire le Cascate delle Marmore, un provincia di Terni, nella bella e verde terra umbra. Natura allo stato puro, mescolata all’ingegno dell’uomo che ha voluto queste cascate e negli anni ha saputo migliorarle. Il nome deriva dai sali presenti nelle rocce che danno l’effetto del marmo bianco. Diversi sentieri immersi nella natura per concedersi un po’ di relax e sano movimento, attraverso i quali potrete accedere al parco sia dal Belvedere Superiore sia da quello Inferiore. Se invece vi sentite in forma e avete voglia di camminare, potete arrivare da un punto all’altro anche
    a piedi, in alternativa al percorso in macchina. Da non perdere il Balcone degli innamorati, una tunnel nella roccia che porta ad un piccolo balcone a picco sulle cascate (vi servirà l’ombrello o un impermeabile per visitarlo senza bagnarvi). Sono tanti i punti panoramici, ma ce n’è uno che regala una vista incredibile sulle cascate. Lo troverete facilmente, dato l’alto tasso di gente che si cimenta a fare foto da ogni angolatura. Qui infatti, avviene un “colorato” fenomeno, guardando la cascata vedrete i colori dell’arcobaleno nell’aria, proprio davanti a voi.
    Terni 21 maggio 2020



    APICE (BN): COLTIVAVA ALCUNE PIANTE DI MARIJUANA NEL PROPRIO GARAGE. ARRESTATO DAI CARABINIERI UN 23ENNE DEL LUOGO
    La notte scorsa, i Carabinieri della Stazione di Apice, nel corso degli opportuni servizi volti a contrastare il fenomeno connesso allo spaccio di sostanze stupefacenti, sono riusciti a individuare una coltivazione illecita di 4 piante di cannabis all’interno del garage di un giovane 23enne.  Nel corso della perquisizione al locale i militari hanno rinvenuto un gazebo con all’interno un impianto di illuminazione fornito di misuratore di temperatura e un ventilatore, tutto  materiale occorrente per coltivare in ambiente artificiale e “fai da te”  le piante e produrre foglie di marijuana.  Pertanto i Carabinieri, dopo le consuete formalità, hanno tratto in arresto il 23enne C.F. per produzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e, su disposizione del Sostituto Procuratore di turno, lo hanno accompagnato presso la propria abitazione in regime di detenzione domiciliare.
    Benevento 21 maggio 2020

    ATTENTATO NELLA NOTTE AL CENTRO PER L'IMPIEGO - DE LUCA AD AVELLINO: "EPISODIO GRAVE E PREOCCUPANTE"
    Agnese Cerroni
    Il Presidente Vincenzo De Luca si è recato questa mattina ad Avellino presso il Centro per l'Impiego che stanotte è stato oggetto di un grave attentato. "I danni sono tali da far pensare a un vero e proprio ordigno esplosivo. Si tratta - ha dichiarato De Luca - di un episodio grave e preoccupante, che richiede un deciso intervento delle forze dell'ordine e un'indagine immediata per individuare le responsabilità. E' stata l'occasione anche per ringraziare tutti i dipendenti dei Centri dell'Impiego della Campania per l'enorme lavoro di questi mesi sia per la svolgimento del concorso della Regione, sia per le istruttorie relative alla cassa integrazione in questo periodo di emergenza. La Campania è all'avanguardia in Italia nelle istruttorie, anche se nonostante il lavoro fatto e avendo inviato all'Inps le pratiche, molte istanze sono ancora ferme. Per la Cassa integrazione in deroga mancano dal Governo 40 milioni per la copertura di tutte le domande. Abbiamo già sollecitato e continueremo a farlo il Ministero del Lavoro augurandoci che vi siano al più presto risposte adeguate".
    napoli 21 maggio 2020

    COVID-19, DA OGGI RIAPRONO I RISTORANTI - I LOCALI DELLA MOVIDA CHIUDONO ALLE 23
    Come annunciato, in serata è stata pubblicata l'ordinanza firmata dal presidente Vincenzo De Luca che disciplina le aperture previste a partire da oggi. Con l'Unità di Crisi è stata decisa da domani la riapertura di ristoranti e pizzerie senza limiti di orario. L'orario di chiusura dei locali dove si svolge la cosiddetta movida, e in particolare bar, "baretti", vinerie, gelaterie, pasticcerie, chioschi ed esercizi di somministrazione ambulante di bibite, resta fissato inderogabilmente alle ore 23. Da venerdì invece riapriranno le aree mercatali non più soltanto per i generi alimentari. Si dà mandato alle amministrazioni comunali di predisporre i previsti dispositivi di sicurezza nei mercati stessi. Sempre da venerdì, riprenderanno le attività delle autoscuole. Gli orari fissati per i locali pubblici saranno soggetti a periodica valutazione in relazione alla situazione epidemiologica e al rispetto delle misure di sicurezza. Proseguiranno nei prossimi giorni gli incontri con le categorie interessate per condividere tutte le misure. Si ricorda che sono vietati eventi e party in sale da ballo e discoteche, all'aperto o al chiuso, che possono costituire pericolo di contagio.
    Napoli 21 maggio 2020


    Nel pomeriggio della giornata di ieri, personale della Squadra Mobile di Benevento ha dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare del divieto di avvicinamento alla persona offesa e ai luoghi frequentati dalla stessa, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Benevento nell’ambito di un’attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento, nei confronti di un soggetto attinto da gravi indizi di colpevolezza in ordine al delitto di stalking nei confronti della moglie.
    In particolare, le indagini hanno consentito di accertare che il soggetto, a seguito della separazione dalla moglie, ha iniziato a porre in essere condotte moleste e minacciose nei confronti della stessa e a controllare i suoi spostamenti e le sue frequentazioni, coinvolgendo anche la figlia minore di anni 14.
    L’uomo ha altresì effettuato innumerevoli telefonate moleste e minacciose sia alla moglie sia alla figlia, sempre con il fine di controllarne spostamenti e frequentazioni, nella convinzione che la donna intrattenesse una nuova relazione sentimentale.
    A causa di tale condotta, la persona offesa versava in uno stato di ansia e di paura e temeva per l’incolumità propria e della propria figlia.
    Benevento, 20 maggio 2020

    Il Giglio ringrazia i sanitari: “100 notti x 100 medici”
    Il Comune di Isola del Giglio insieme a tutta la Comunità di questo piccolo territorio vuole esprimere la sua vicinanza all’Italia migliore, che resiste in questo difficile momento della nostra storia fronteggiando la terribile pandemia. I nostri pensieri e la nostra gratitudine sono rivolti a medici e infermieri che con spirito di sacrificio hanno saputo arginare gli effetti del contagio e salvare vite umane.
    “A loro siamo immensamente grati per la straordinaria dedizione nel fronteggiare l’emergenza”, ha dichiarato Sergio Ortelli, Sindaco dell’Isola. “Pensiamo che in un frangente così delicato sia davvero importante restare uniti aiutandoci l’un l’altro e per questa ragione desideriamo concretamente dire grazie a tutti coloro che lavorano giorno e notte per garantire assistenza sanitaria a quanti necessitano di cure”.
    L’Amministrazione Comunale dell’Isola del Giglio, con la collaborazione dell’Associazione Albergatori, promuove l’iniziativa “100 Notti X 100 Medici”, un progetto di ospitalità gratuita – dedicato al personale sanitario – che mette al centro il bene più prezioso della comunità isolana: la meraviglia del suo mare, il territorio integro e selvaggio, l’affetto e l’ospitalità della gente. Un’idea di bellezza pura, una natura da amare, persone vere appassionate della vita che pur nella difficoltà di un territorio fortemente vocato al turismo scelgono di condividere i loro luoghi, raccontare le loro storie e ascoltare quelle di coloro che in questi mesi dolorosi ne hanno vissute di drammatiche in prima persona.
    Nei nostri luoghi, tra natura e mare, oggi ancor più di ieri, c’è l’Italia dimenticata. La nostra isola rappresenta quell’idea di un ritorno ai valori di un tempo; isola isolata, non solo perché distante nel mare ma anche perché la gente qui vive quotidianamente una dimensione del sé differente, nella quale centrale è l’elogio della vita semplice, contemplativa, che dà alle passioni più possibilità di germogliare, lì dove il ritmo lento ci ricorda di essere vivi. Ecco, l’Isola del Giglio è viva, autentica, vera.
    L’iniziativa, non appena la fase acuta dell’epidemia sarà alle spalle e le Autorità riterranno possibile viaggiare in Italia, rende disponibili 100 soggiorni di 1 notte presso le strutture ricettive dell’Isola del Giglio; il personale sanitario che desidera scoprire la piccola comunità gigliese potrà accettare l’invito accreditandosi tramite email. Sarà immediatamente ricontattato per la scelta della struttura alberghiera e delle date del soggiorno.
    Cari medici e infermieri, saremo orgogliosi di avervi con noi, perché tutti torneremo a vivere con il desiderio di abbracciare ancora le meraviglie del nostro Paese.”
    Per informazioni: info@visitgiglioisland.com
    Isola del Giglio 19 maggio 2020

    Palio di Siena annullate le date del 2 luglio e del 16 agosto
    Agnese Cerroni
    La pandemia blocca anche il palio. Per le strade di Siena nel 2020 niente contrade in sfida: non si correrà né in occasione del 2 luglio né 16 agosto 2020. E’ la prima volta dalla Seconda Guerra Mondiale. La decisione è  arrivata alla fine dell’incontro tra il sindaco del capoluogo toscano Luigi  De Mossi, il magistrato delle contrade, i Priori delle 17 contrade, il  decano e il vice decano dei capitani. Ad annunciare l'annullamento è stato il magistrato delle contrade Claudio Rossi. Vista l'emergenza Coronavirus  e le disposizioni sulla sicurezza, è stato deciso di non correre i due Palii, inizialmente rinviati ad agosto e settembre. L'attività nelle  contrade riprenderà dopo la definizione di un protocollo tra comune e prefettura. Nel corso della storia della città il Palio non si è corso solo in occasione di eventi straordinari. La prima volta fu quella del 16 agosto del 1723 per la morte del Granduca  Ferdinando II di Toscana mentre nel 1855 fu annullato per l'epidemia di  colera. L'ultima volta che a Siena non si sono corsi i Palii  stato nel 1940 e nel 1944 a causa della Seconda Guerra Mondiale.
    Siena 18 maggio 2020

    L'augurio del sindaco di Montesarchio Franco Damiano per l'apertura delle attività cittadine e della Valle Caudina
    “Voglio salutare e dare un caloroso in bocca al lupo a tutti quegli esercizi commerciali che domani e nel corso della settimana riapriranno i battenti nella nostra Montesarchio e in tutta la Valle Caudina. E dunque ad esercenti e imprese che ripartono nel nostro comune e nella comunità caudina va la nostra vicinanza, e di sicuro insieme e con le misure messe in campo dalla Regione Campania si potrà ripartire insieme e più forti.
    Aggiungo una preghiera per i nostri concittadini: nei prossimi giorni, chi può e ne ha la possibilità, ovviamente rispettando le norme, dia testimonianza di vicinanza ai nostri amici commercianti, dia prova di spirito caudino. La colazione fatela nei nostri bar, per i trattamenti estetici scegliete i nostri barbieri, parrucchieri ed estetisti, acquistate prodotti nelle nostre botteghe, riscopriamo e riappropriamoci dei nostri splendidi borghi e paesaggi fermandoci a pranzo o a cena nelle nostre pizzerie, ristoranti e pub: modifichiamo un po' le nostre abitudini sintonizzandole sul concetto di economia circolare, ne beneficeremo tutti. Assicuro che anche il Comune nei prossimi giorni organizzerà iniziative a tema, e fin d'ora comunico che sentirò gli amici sindaci degli altri comuni caudini per allargare quanto più possibile la partecipazione e dunque la dimensione e l'incisività di queste iniziative.
    Agli esercenti rinnovo il mio in bocca al lupo, chiedendo a loro e ai cittadini responsabilità relativamente alle norme da attuare, affinché questa settimana sia uno spartiacque e quello che ci lasciamo alle spalle resti solo un brutto ricordo”.
    Montesarchio 17 maggio 2020

    Coronavirus: la situazione dei contagi in Italia
    Gli attualmente positivi scendono sotto i 70mila
    Continua l’impegno del Dipartimento nelle attività di coordinamento di tutte le componenti e strutture operative del Servizio Nazionale della protezione civile.
    In particolare, nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 17 maggio, il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 225.435, con un incremento rispetto a ieri di 675 nuovi casi. Il numero totale di attualmente positivi è di 68.351, con una decrescita di 1.836 assistiti rispetto a ieri. Tra gli attualmente positivi, 762 sono in cura presso le terapie intensive, con una decrescita di                 13 pazienti rispetto a ieri.
    10.311 persone sono ricoverate con sintomi, con un decremento di 89 pazienti rispetto a ieri.
    57.278 persone, pari all’84% degli attualmente positivi, sono in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi.
    Rispetto a ieri i deceduti sono 145 e portano il totale a 31.908. Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale invece a 125.176, con un incremento di 2.366 persone rispetto a ieri. Nel dettaglio, i casi attualmente positivi sono 27.430 in Lombardia, 10.239 in Piemonte, 5.656 in Emilia-Romagna, 4.041 in Veneto, 2.802 in Toscana, 2.456 in Liguria, 3.910 nel Lazio, 2.565 nelle Marche, 1.696 in Campania, 2.017 in Puglia, 301 nella Provincia autonoma di Trento, 1.555 in Sicilia, 654 in Friuli Venezia Giulia, 1.422 in Abruzzo, 314 nella Provincia autonoma di Bolzano, 78 in Umbria, 405 in Sardegna, 68 in Valle d’Aosta, 422 in Calabria, 216 in Molise e 104 in Basilicata.
    Roma, 17 maggio 2020



    BORRELLI: "SOLIDARIETÀ AI CRONISTI ANSA"
    Alleati importanti in ogni emergenza e nella lotta a fake news
     In ogni emergenza i cronisti dell’Ansa sono stati un alleato importante del Dipartimento della Protezione Civile. Diffondere informazioni corrette e buone pratiche di comportamento durante gli eventi calamitosi è, infatti, fondamentale per ridurre l’esposizione al rischio dei nostri concittadini.
    “In occasione dell’emergenza Covid-19, grazie anche al lavoro dei giornalisti dell’Ansa, abbiamo contenuto la diffusione delle sempre più frequenti fake news – ha detto il Capo Dipartimento Angelo Borrelli – per questo, oltre a ringraziarli per la loro consueta professionalità, esprimo a tutti i lavoratori dell’agenzia la mia vicinanza e solidarietà in questo momento difficile”.
     Roma, 17 maggio 2020

    MORCONE. CONTROLLI DEI CARABINIERI FINALIZZATI AL CONTRASTO ED ALL’USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI.
    ARRESTATA PUSHER DAI CARABINIERI DELLA STAZIONE
    Nell’ambito dei servizi finalizzati al contrasto e traffico di sostanze stupefacenti, nel corso di tali  controlli, i Carabinieri della Stazione di Morcone hanno fermato una donna D.A.A., 44enne del luogo, alla guida di una “Renault Clio”,  nel corso della perquisizione del veicolo all’interno dell’abitacolo i militari rinvenivano:
    - 15 dosi di eroina, per un peso di circa 13 grammi;
    -  un pezzo di hashish, di circa 3 grammi
    -  3 dosi di crack di 1 grammo.
    I militari, quindi, dopo aver effettuato anche la perquisizione nell’abitazione della donna, l’hanno dichiarata in arresto con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e, su disposizione del Sostituto Procuratore di turno, accompagnata presso la propria abitazione, in regime di detenzione domiciliare. Tutta la sostanza è stata posta sotto sequestro.
    Morcone 17 maggio 2020

    Il giorno felice della Gepos di Telese Terme Guariti dal coronavirus: dimessi tutti i pazienti
    La Casa di Cura Gepos di Telese Terme rende nota la dimissione, per avvenuta completa guarigione, di tutti i pazienti affetti da Covid-19, presi in carico dallo scorso 6 aprile.
    Il Gruppo de Vizia Sanità col suo presidente Antonio De Vizia, e con la direttrice della Clinica, Marcella De Vizia, aveva deciso infatti, di scendere subito in campo a fare la propria parte, per supportare il comparto sanitario pubblico piegato in un momento di emergenza.
    "Se tutto ciò è stato possibile - afferma il management - lo dobbiamo sì al nostro durissimo lavoro di questi mesi, ma soprattutto alla abnegazione dei nostri dipendenti che hanno scelto di continuare a svolgere, con professionalità e umanità, il proprio lavoro anche nel momento della paura. Quando, questa mattina, nel salutare tutti, commosso, un paziente ha affermato 'Avete preso in carico non solo la malattia ma la persona, la mia persona' ci siamo ritrovati in un giorno felice".
    Telese Terme 16 maggio 2020
     
    Torna ai contenuti | Torna al menu